Migranti: patto UE per averne 75 milioni in più

Il “patto suicida” dell’UE minaccia di inondare il continente con 75 milioni di migranti in più

L’UE ha approvato un patto sull’immigrazione soprannominato “il suicidio dell’Europa” che potrebbe portare il continente ad essere inondato da ben 75 milioni di nuovi migranti.

Mercoledì la commissione LIBE del Parlamento europeo ha approvato la legge, che formalizza la distribuzione dei migranti negli Stati membri e punisce coloro che rifiutano di accoglierli.

Poiché l’arricchimento culturale e la diversità sono “la nostra più grande forza”, i paesi che cercano di mantenere la propria identità nazionale senza essere sommersi dai migranti saranno colpiti da severe sanzioni finanziarie.

Marine Le Pen, leader dell’ala parlamentare del Rassemblement National, aveva precedentemente affermato che il patto avrebbe portato al “suicidio dell’Europa”, aggiungendo che si tratta di un accordo con il diavolo e rappresenta un “piano organizzato di sommersione dell’Europa e delle nazioni che la compongono”.

Gli Stati membri saranno costretti ad accettare migranti o a pagare una massiccia sanzione finanziaria di 25.000 euro per migrante.

Ciò ha poco senso dato che ci viene costantemente ricordato come la migrazione di massa sia un vantaggio economico e sia inevitabile e vitale per il mantenimento dei livelli del PIL.

Tuttavia, ha perfettamente senso quando si capisce che tali affermazioni sono completamente fraudolente.

“La prossima domanda è quanti ce ne imporranno.

Adesso lo stanno decidendo.

Quindi stanno creando regole che danno a Bruxelles il diritto di dire quanti migranti distribuiranno”, ha affermato l’anno scorso il primo ministro ungherese Viktor Orbán.

“Diversi paesi hanno quindi indicato di non essere d’accordo.

Non vogliamo implementarlo.

Alla fine, qui ci troviamo di fronte a una svolta degli eventi molto spiacevole”.

Orbán si è chiesto perché, se accettare i migranti fosse così finanziariamente redditizio, le nazioni dell’Europa occidentale stiano cercando di scaricarli in Ungheria.

Róbert Gönczi, analista dell’Istituto ungherese di ricerca sulla migrazione, ha sottolineato che i migranti distribuiti in Ungheria normalmente finiscono per partire per la Svezia o la Germania, dove ricevono pagamenti assistenziali molto più elevati.

Gönczi ha affermato che “Il sistema di ridistribuzione potrebbe anche creare flussi intra-UE dai paesi in cui questi migranti sono stati ricollocati verso i paesi da cui vogliono effettivamente partire, poiché in genere i paesi di destinazione non sono cambiati”.

Ha aggiunto “Tuttavia, ora sarebbe necessario che altri paesi dell’UE accogliessero questi migranti, rifugiati e richiedenti asilo”.

Il vero problema è che il rafforzamento delle frontiere esterne dell’Ue verrebbe meno o non verrebbe affatto rafforzato, che è ciò di cui abbiamo veramente bisogno”.

Come abbiamo  sottolineato in precedenza , non c’è alcun desiderio che l’UE si limiti a imporre adeguati controlli alle frontiere.

Il nuovo leader di Frontex, l’agenzia dell’Unione Europea incaricata di proteggere le frontiere, ha recentemente chiesto l’apertura delle frontiere e ha promesso di placare gli attivisti di sinistra favorevoli all’immigrazione di massa.

“Niente può impedire alle persone di attraversare un confine, nessun muro, nessuna recinzione, nessun mare, nessun fiume”, ha detto Hans Leijtens, un’affermazione bizzarra dato che è il suo unico lavoro.

Fonte: https://modernity.news/2024/02/16/eu-suicide-pact-threatens-to-flood-continent-with-75-million-more-migrants/
Scritto da Paul Joseph Watson
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/11/30/irlanda-barricate-contro-gli-immigrati/
https://ita.li.it/2022/12/16/la-fine-delleuropa-vista-dagli-usa-la-conclusione-di-un-lungo-ciclo-storico/
https://ita.li.it/2023/11/20/leuropa-sta-bruciando/

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?