La fine dell’Europa (vista dagli USA): la conclusione di un lungo ciclo storico

Il fallimento dell’Unione Europea potrebbe essere iniziato con la scelta della bandiera. Non che le bandiere di stato debbano essere opere d’arte, ma almeno possono ispirare. Ma questa bandiera è completamente piatta, non originale e deprimente. Sembra una pizza al formaggio blu andata a male. E questa è solo una delle tante cose andate male con l’Unione Europea. ( i tentativi di renderla più attraente  fallirono completamente). È la conclusione di un ciclo millenario che sta per concludersi. Probabilmente era inevitabile, ma questo non lo rende meno doloroso.

L’Europa ha una lunga storia che risale a quando le calotte glaciali si ritirarono alla fine dell’ultima era glaciale, circa 10.000 anni fa. A quel tempo, i nostri remoti antenati si trasferirono in una terra incontaminata, la coltivarono, costruirono villaggi, strade e città. Viaggiarono, migrarono, si combatterono, crearono culture, costruirono templi, fortezze e palazzi. Sulla costa meridionale dell’Europa è emersa una vivace rete di scambi commerciali, resa possibile dai trasporti marittimi sul Mar Mediterraneo. Da questa rete, verso la fine del primo millennio a.C., nacque l’Impero Romano. Comprendeva la maggior parte dell’Europa occidentale. ( immagine dall’ESA )

Come tutti gli imperi, l’Impero Romano attraversò il suo ciclo di gloria e declino. Nel V secolo d.C., quando l’Europa entrò nel Medioevo, l’Impero era scomparso se non come ricordo della passata grandezza. Nei secoli successivi,  la popolazione dell’Europa occidentale è scesa al minimo storico , forse meno di 20 milioni di persone. L’Europa divenne una terra di fitte foreste, rovine portentose, piccoli villaggi e piccoli signori della guerra che si combattevano l’un l’altro. Nessuno avrebbe potuto immaginare che, secoli dopo, gli europei sarebbero diventati i dominatori del mondo.

A volte, i crolli portano con sé il seme della ripresa. È quello che ho chiamato il ” rimbalzo di Seneca “. Per qualche ragione, noi moderni disprezziamo il Medioevo, chiamando l’era “l’età oscura”. Ma  non c’era niente di oscuro durante il Medioevo europeo. L’Europa era povera in termini materiali, ma gli europei sono riusciti a creare una cultura di raffinata letteratura, splendide cattedrali, musica sofisticata, tecnologie avanzate e molto altro. Una delle ragioni per la prosperità della cultura europea è stata la presenza di strumenti che mancavano in altre regioni del mondo. Una era la lingua latina, usata per mantenere viva l’antica cultura classica e le sue conquiste. Ha anche aiutato il commercio e creato forti legami culturali in tutto il continente. Gli europei hanno anche ereditato la maggior parte della legge e della cultura romana e delle tecnologie romane in campi come la metallurgia e la fabbricazione di armi.

Con l’Europa che si stava riprendendo dal crollo del V secolo,  nuove miniere di metalli preziosi nell’Europa orientale iniziarono a pompare ricchezza nel continente.  Il risultato è stato esplosivo. Già nell’800 dC Carlo Magno, re dei Franchi, poté riunire un esercito abbastanza potente da creare un nuovo Impero europeo, il “Sacro Romano Impero”. Con la fine del millennio, la popolazione europea stava crescendo rapidamente e aveva bisogno di spazio per espandersi. L’Europa era una molla a spirale, pronta a scattare. Nel 1095, un’ondata di eserciti emerse dall’Europa, schiantandosi nel Vicino Oriente. Era il tempo delle Crociate.

Inizialmente, l’invasione del Medio Oriente fu un successo spettacolare: gli eserciti cristiani sconfissero i governanti locali, stabilirono nuovi regni e ricrearono un collegamento commerciale diretto con l’Asia orientale, lungo la Via della Seta. Ma il compito era troppo grande per un’Europa ancora giovane. Dopo due secoli di lotte, gli eserciti europei furono costretti ad abbandonare la Terra Santa, sconfitti e allo sbando. A questo punto l’Europa si ritrovò di fronte al problema che aveva cercato di risolvere con le Crociate: la sovrappopolazione. Il problema si risolse per mezzo di un rapido collasso demografico, prima con la grande carestia (1315-1317), poi con la peste nera. L’Europa del XIII secolo era talmente indebolita che rischiava seriamente di essere sopraffatta dalle armate mongole provenienti dall’Asia. Fortunatamente per gli europei, i mongoli non potevano sostenere un attacco su vasta scala così lontano dal centro del loro impero.

Una visione schematica della popolazione europea durante circa un millennio. Notate i due crolli: entrambi hanno la tipica ” Forma Seneca “, cioè il declino è più veloce della crescita. Il primo crollo fu causato dalla carestia e dalla peste nera, il secondo dalla guerra dei 30 anni, e dalle pestilenze e carestie associate. 

Nonostante le devastazioni della peste nera, l’Europa ne è emersa con la sua cultura, struttura sociale e conoscenza tecnologica ancora intatte. L’Europa non si è solo ripresa, ma è rimbalzata in modo spettacolare. Le tecnologie di costruzione navale sono state migliorate, consentendo agli europei di navigare attraverso gli oceani. Durante le loro liti intestine, gli europei avevano anche trasformato le armi da fuoco in armi terribilmente efficaci. Durante il XVI e il XVII secolo respinsero i tentativi dell’Impero Ottomano di espandersi in Europa. Gli ottomani subirono un duro colpo in mare a Lepanto, nel 1571. Poi, furono definitivamente sconfitti sulla terraferma durante l’assedio di Vienna, nel 1683. Con i loro confini orientali ora al sicuro,  gli europei ebbero mano libera per espandersi all’estero. 

Il XVI secolo vide la nascita di un modello che sarebbe durato per diversi secoli. Gli eserciti europei avrebbero invaso i regni stranieri, schiacciato ogni resistenza militare e sostituito i leader indigeni con quelli europei. A volte usavano gli abitanti locali come schiavi, a volte li spazzavano via e li sostituivano con coloni europei. Le nuove terre erano un’incredibile fonte di ricchezza.  L’Europa ha importato metalli preziosi, legname, spezie e persino cibo sotto forma di zucchero prodotto dalla canna da zucchero. L’afflusso di oro e argento dall’estero ha stimolato l’economia europea e il legname ha permesso agli europei di costruire più navi. E le importazioni di cibo permisero alla popolazione europea di crescere e di schierare nuovi eserciti che potessero conquistare nuove terre che producessero ancora più cibo.

Tuttavia, l’espansione dell’Europa iniziò a rallentare nel XVII secolo. La guerra dei 30 anni, dal 1618 al 1648, fu un terribile disastro che potrebbe aver sterminato il 10% della popolazione europea. Poi, come al solito con le guerre, seguì un’altra esplosione di peste. L’Europa sembrava aver raggiunto un nuovo limite  alla sua espansione. Lo zucchero non era sufficiente, da solo, a sostenere la necessità di materiali per mantenere ed espandere ulteriormente l’impero europeo. Il legno era necessario per produrre navi e, allo stesso tempo, per essere trasformato nel carbone necessario per fondere i metalli. Ma gli alberi erano esauriti in Europa e l’importazione di legname dall’estero era costosa. La maggior parte dei paesi dell’Europa meridionale ha visto le proprie foreste diminuire e la crescita arrestarsi.

(immagine da  Foquet e Bradberry ). ( La Francia  non è mostrata nella figura, ma mostra uno schema simile a quello dell’Inghilterra). 

Nonostante le difficoltà, le economie del Nord Europa, (soprattutto l’Inghilterra) ripresero rapidamente a crescere dopo la crisi del XVII secolo. Il trucco era  un nuovo sviluppo tecnologico: il carbone . Il carbone era già stato utilizzato come combustibile in epoca romana, ma nessuno nella storia lo aveva utilizzato su così vasta scala. Con il carbone, gli europei non avevano più bisogno di distruggere le loro foreste per produrre ferro. Quello fu l’inizio di un nuovo rimbalzo di successo. All’inizio del XX secolo, l’Europa dominava il mondo intero, direttamente o indirettamente.

La popolazione europea secondo  Zinkina et al. (2017) . Le due gocce del XIV e del XVII secolo sono chiaramente visibili, sebbene meno drammatiche su questa scala rispetto all’opera precedente di Langer

Come tipico degli imperi, con le conquiste completate, arrivò un momento di consolidamento. Non più avventure rischiose di singoli stati, ma un governo centrale per gestire l’impero e tenerlo insieme. Per gli antichi romani, era stato compito di Giulio Cesare creare uno stato forte e centralizzato. Per l’Europa moderna, è stata una storia molto più difficile:  come domare un gruppo di stati litigiosi  che sembravano passare la maggior parte del loro tempo a combattersi?

L’imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V (1500-1558), fu tra i primi a tentare, senza successo. Il suo successore, Filippo II di Spagna (1527-1598), cercò di sottomettere la Gran Bretagna con la sua “armata invincibile” nel 1588, ma fallì anch’egli. Il declino della Spagna ha lasciato spazio alle altre potenze europee per riprovarci.  Napoleone Bonaparte (1769-1821) ci riuscì quasi,  ma i suoi sogni imperiali affondarono a Trafalgar e poi morirono congelati nelle pianure russe. Poi è stata la volta della Germania. Il tentativo iniziò nel 1914, e di nuovo nel 1939. In entrambi i casi fu un tragico fallimento. Anche la debole Italia aveva sogni imperiali. Negli anni ’40, Benito Mussolini tentò di ricreare una nuova versione dell’antico Impero Romano nel Mar Mediterraneo. Totale fallimento, di nuovo.

Più e più volte, le aspiranti potenze imperiali europee si trovarono di fronte a una sfida impossibile. In Occidente, la Gran Bretagna non aveva alcun interesse a vedere sorgere un impero europeo proprio dall’altra parte della Manica. Lo stesso valeva per l’Oriente, con la Russia che non desiderava vedere una grande potenza vicino ai suoi confini. Il risultato fu che gli eserciti europei si trovarono a combattere su due fronti contemporaneamente. Allora, il Mar Mediterraneo era nella morsa ferrea della Marina britannica: nessuna possibilità per le potenze continentali di espandersi a sud. Con la fine della seconda guerra mondiale, l’  Europa uscì dalla lotta distrutta, impoverita e umiliata.

Il più recente (e forse l’ultimo) tentativo di unificare l’Europa è stata l’Unione Europea. I creatori dell’Unione hanno capito che era impossibile unificare l’Europa con mezzi militari, quindi hanno cercato di farlo sotto forma di una zona franca economica e di un parlamento eletto. È stato un tentativo coraggioso, ma non ha funzionato. Non avrebbe potuto funzionare. L’Unione ha affrontato enormi forze ostili, sia interne che esterne. Gran Bretagna e Francia avrebbero dovuto bilanciare il potere tedesco, ma  quando la Gran Bretagna se ne andò, nel 2020, l’Unione subì una sconfitta economica  equivalente a quella militare subita dalla Germania nella battaglia d’Inghilterra, nel 1940. In entrambi i casi, avevano tentato assorbire la Gran Bretagna nell’Europa continentale, e avevano fallito.

La defezione della Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea con la Germania che la dominava. Proprio come durante la seconda guerra mondiale,  il governo tedesco non ha mai capito che far valere il proprio peso non era il modo per farsi apprezzare dagli stati vicini. Il risultato fu la crescita di forze anti-europee in tutto il continente, il movimento chiamato “sovranità” che mirava a ripristinare il potere degli stati-nazione e a sbarazzarsi dei burocrati dell’UE. Finora, questo movimento ha svolto solo un ruolo marginale in politica, ma è riuscito a far odiare profondamente l’UE da tutti coloro che non ricevono lo stipendio da Bruxelles.

Così come era accaduto nel 1941, l’Europa è ora impegnata in una disperata battaglia su due fronti diversi, ma la lotta è ormai soprattutto economica e culturale, non militare: è una guerra di “dominio a spettro completo” . La lotta è ancora in corso, ma sembra già chiaro che l’Europa sia stata sconfitta. Proprio come la Germania si era autodistrutta con un attacco militare alla Russia nel 1941, l’Unione Europea si sta autodistruggendo con le sue sanzioni economiche contro la Russia. In effetti, l’  Europa sta commettendo un lento e doloroso suicidio. Ma è così che funziona il dominio a spettro completo:  distrugge i nemici dall’interno. 

E adesso? Era inevitabile che l’Europa cessasse di essere un impero. Le risorse umane e materiali che avevano reso possibile il dominio europeo non ci sono più. Ma  non era inevitabile che l’Europa si autodistruggesse. L’Europa avrebbe potuto sopravvivere e mantenere la sua indipendenza rimanendo in buoni rapporti con le altre potenze eurasiatiche, Cina, Russia e India, ma scegliere di interrompere le relazioni commerciali, culturali e umane con il resto dell’Eurasia non è stato solo un suicidio economico . È stato un suicidio culturale e morale.

Quindi, cosa succederà alla povera Europa? La storia, come al solito, fa rima: non dimenticate che  nel 1945  il piano ufficiale degli Stati Uniti  era quello di distruggere l’economia tedesca e sterminare gran parte della popolazione tedesca . Per fortuna il piano è stato accantonato, ma quell’idea potrebbe tornare di moda? Non possiamo escludere questa possibilità. In ogni caso, un’Europa impoverita potrebbe tornare a qualcosa di non dissimile da ciò che era durante l’Alto Medioevo: spopolata, povera, primitiva, una mera appendice del grande continente eurasiatico.

Eppure, l’  Europa si è ripresa più di una volta da terribili disastri . Potrebbe succedere di nuovo. Non presto, però.

Fonte: Authored by Ugo Bardi via SenecaEffect.com,

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?