L’Europa sta bruciando

L’Europa è ancora un modello per il mondo?

Le uniche lezioni che l’Europa, il c.d. Vecchio Mondo, offre all’America in questi giorni sono cautelative.

Fin dagli albori della Repubblica, intellettuali, artisti e statisti americani cercarono modelli in Europa. I conservatori si sentivano attratti dal senso di continuità e tradizione del continente e come base del cristianesimo. Più recentemente, i progressisti hanno visto nella socialdemocrazia europea e nel pacifismo globalista un modello da abbracciare.

Eppure oggi l’Europa non sembra essere un modello per nulla al di fuori dei musei, delle affascinanti città con cattedrali e del cibo eccezionale. 

L’idea che l’Europa rappresenti il ​​futuro, coltivata da personaggi come il consigliere di Mitterrand Jacques Attali , dall’utopico Sogno Europeo di Jeremy Rifkind e dal libro del giornalista americano TR Reid del 2005 Gli Stati Uniti d’Europa: la nuova superpotenza e la fine della supremazia americana , sembra del tutto delirante. .

Un tema comune nei primi anni del millennio era che l’Europa era sull’orlo della rinascita globale mentre l’America era in declino. La stagnazione finale dell’Europa, come sottolineano molti conservatori, può essere in parte ricondotta a uno stato sociale in continua espansione con un’elevata tassazione che generalmente assorbe circa dieci punti percentuali in più del PIL rispetto agli Stati Uniti.

Ma questa non è l’unica spiegazione.

Alcune delle economie europee moderatamente migliori , come Danimarca e Svezia, sono stati assistenziali ma riescono a sovraperformare il resto.

Il vero problema è di civiltà.

Gli europei non sono disposti a preservare la propria base industriale e a controllare i propri confini, lasciando il continente sempre più debole e in gran parte indifeso.

L’ impero americano senza leader potrebbe scricchiolare, ma l’Europa è in condizioni peggiori, intrappolata da demografici deprimenti, tasse elevate, regolamentazione soffocante e una burocrazia radicata che fa sembrare la California un paradiso libertario.

Il declino dell’Europa può essere visto nella sua porzione in rapida contrazione dell’economia globale.

È difficile trovare qualche indicatore che il continente stia guadagnando quote di mercato globali mentre il denaro continua ad affluire negli Stati Uniti .

Negli ultimi 15 anni, i salari europei sono diminuiti mentre quelli statunitensi hanno continuato ad aumentare; Secondo i dati del Fondo monetario internazionale, l’economia dell’Eurozona è cresciuta di circa il 6%, misurata in dollari, rispetto all’82% degli Stati Uniti .

La qualità della vita europea sta peggiorando, la sua base industriale si sta erodendo e sembrano esserci poche promesse di miglioramento futuro.

Oggi l’Europa è in ritardo praticamente in tutti i principali settori avanzati, dal software allo spazio fino alle automobili .

Delle 50 principali aziende tecnologiche solo tre hanno sede in Europa; la lista è dominata in gran parte dagli Stati Uniti, con la Cina al secondo posto.

Gli investimenti esteri sono crollati e nel 2022 ammontavano a 100 miliardi di dollari in meno rispetto agli Stati Uniti

Gran parte di questo declino è autoinflitto, il che ci suggerisce alcune preziose lezioni.

Un problema critico risiede nella politica climatica dell’UE, che tende ad essere più estrema e ampiamente attuata rispetto a quella degli Stati Uniti più divisi e decentralizzati.

Queste politiche stanno già erodendo la produzione alimentare e provocando un aumento dei prezzi .

I paesi in via di sviluppo hanno bisogno di una maggiore produzione alimentare da parte degli esportatori, ma a causa del divieto o della limitazione dei fertilizzanti essenziali da parte dell’Europa , o dell’abbattimento forzato delle mandrie, dovranno procurarsela altrove .

Ciò avviene in un momento in cui le vecchie colonie africane e sudamericane dell’Europa stanno perdendo interesse nei legami con Francia e Gran Bretagna e guardano sempre più altrove, in particolare Cina e Russia, per lo sviluppo di capitali, beni e risorse naturali.

Il catastrofismo climatico ha anche paralizzato l’approvvigionamento energetico dell’Europa.

Per soddisfare gli standard utopici del “net zero”, l’Europa sembra, come ha recentemente affermato un osservatore, sulla buona strada per il “ suicidio energetico ”.

Gli effetti della guerra ucraina hanno già influito sui prezzi europei del gas naturale, ma il conflitto attuale sta aggiungendo ulteriore sofferenza. Gli Stati Uniti sono ora il più grande esportatore mondiale di gas naturale liquido (GNL), mentre le politiche verdi lasciano l’Europa sempre più esposta.

Dal 6 ottobre, i prezzi presso l’hub di riferimento del gas TTF in Olanda sono aumentati vertiginosamente, vendendo a circa 51 dollari per milione di Btu . La stessa quantità di gas all’Henry Hub in Louisiana viene venduta per circa $ 2,90 .

A chi dovrà rivolgersi l’Europa per le future forniture di gas? Alcuni europei potrebbero preferire inchinarsi al Qatar, alleato dell’Iran e di Hamas, piuttosto che piegarsi agli indisciplinati texani.

Il grande bastione delle competenze europee, la Germania , si sta chiaramente sgretolando.

La strategia della Germania di dipendenza dalle forze armate statunitensi, dall’energia russa e dai clienti cinesi è esplosa loro in faccia, mentre gli Stati Uniti si trovano a fronteggiare un eccessivo sforzo di difesa, il gas russo si dirige verso la Cina e altri mercati più dinamici, e i cinesi, una volta visti come clienti ideali per prodotti ad alta I prodotti di ingegneria tedesca di fascia alta stanno diventando sia clienti riluttanti che concorrenti più forti.

La Germania è ora sul punto di perdere gran parte della sua base industriale , in particolare nel settore chimico e automobilistico , compreso il suo decantato mercato , in gran parte a causa degli alti prezzi dell’energia e della diminuzione della forza lavoro.

L’industria tedesca deve ora far fronte ai prodotti tecnologici e ai veicoli elettrici costruiti nel principale produttore mondiale di gas serra. 

Il potere della tecnologia di trasformare un’economia – o di lasciarla indietro – è evidente anche se si confrontano le traiettorie di Germania e Stati Uniti negli ultimi 15 anni.

Durante quel periodo, l’economia statunitense, spinta dal boom della Silicon Valley, si espanse del 76% arrivando a 25,5 trilioni di dollari. L’economia tedesca è cresciuta del 19% raggiungendo i 4,1 trilioni di dollari. In termini di dollari, in quel periodo gli Stati Uniti hanno aggiunto alla propria economia l’equivalente di quasi tre Germanie.

Ma forse ancora più preoccupante potrebbe rivelarsi l’esperienza dell’Europa con l’immigrazione.

L’Europa, come gli Stati Uniti, è inondata di rifugiati , provenienti principalmente da paesi indigenti.

L’opposizione a questa ondata non regolamentata – ciò che Le Figaro chiama “ Le menace islamiste ” – è ampiamente liquidata come razzista e persino criminale .

Anche prima che lo scoppio del sentimento pro-Hamas sconvolgesse Parigi questo mese, le proteste violente erano già diventate comuni e sempre più ostili allo Stato laico.

È ormai chiaro che alcuni di questi nuovi arrivati ​​hanno portato con sé una vena di fondamentalismo islamico e di antisemitismo che è molto più minacciosa di qualsiasi cosa sperimentata qui.

Nel breve periodo, l’opposizione a Israele da parte della sinistra, dai neo-marxisti ai verdi, sembra destinata a rafforzare il potere politico dell’islamismo in tutta Europa, in particolare in Francia , indebolendo ulteriormente le istituzioni nazionali ed europee.

In tutto il continente si assiste alla crescita dei ghetti che ora contengono una sottoclasse permanente che abbraccia il nichilismo senza legge , aggravato dall’ideologia islamista.

Una volta le città europee erano in gran parte sicure e pulite, ma ora sono sporche e piene di graffiti, sebbene siano ancora meno letalmente pericolose delle loro controparti americane.

Alcune città, come Marsiglia , sono oggi più conosciute per la criminalità e il decadimento casuali che per il loro fascino mediterraneo.

Per un popolo da lungo tempo civilizzato, abituato ad un certo grado di civiltà e rispetto per la legge, le scene di poliziotti francesi fuori servizio aggrediti sono un affronto .

Il crescente predominio delle grandi città da parte di giovani spesso violenti e perennemente arrabbiati, provenienti in gran parte da paesi musulmani, tiene in tensione l’intero continente.

Perfino la Svezia , da tempo il Valhalla delle fantasie progressiste, è stata costretta a chiamare l’esercito per reprimere la violenza nelle aree dominate dagli immigrati, dove i nativi svedesi sono sostanzialmente esclusi.

L’opposizione all’immigrazione sfrenata ha implicazioni terribili per il centro-sinistra, la cui ideologia multiculturale è in disfacimento.

Il sogno del dopoguerra secondo cui gli immigrati avrebbero sollevato il continente dalla carenza di manodopera assimilandosi gradualmente alla cultura locale non si è avverato.

I lavoratori immigrati non hanno le competenze necessarie oppure non riescono a penetrare nel contesto normativo, spesso difficile, del continente . Anche paesi notoriamente liberali come la Danimarca impongono l’integrazione e cercano apertamente di smembrare i cluster dominati dagli immigrati demolendo l’edilizia sociale.

L’immigrazione sta anche innescando una potente rinascita della destra .

Victor Orban, la bestia nera dell’Europa progressista, ora ha in compagnia l’italiana Giorgia Meloni e forse la futura presidente Marine Le Pen . Ha anche alimentato un’ondata di sentimenti di estrema destra in Germania , dove le popolazioni di rifugiati sono in forte aumento.

L’ascesa della destra nazionalista è ampiamente denunciata dai media, ma rappresenta in gran parte uno sciovinismo meno espansivo di un ultimo disperato tentativo di ripristinare una parvenza di valori tradizionali, in particolare la fede nel passato e la religione.

Come ha osservato il Guardian cinque anni fa, la maggioranza dei giovani adulti in 12 paesi europei non ha fede; uno studioso ha osservato che molti giovani europei “saranno stati battezzati e poi non avranno mai più messo piede in una chiesa.

Le identità culturali religiose semplicemente non vengono trasmesse dai genitori ai figli.

Secondo Pew, ad esempio, entro il 2050 il cristianesimo sarà la fede minoritaria in Gran Bretagna e in alcuni altri paesi europei.

Molto più degli Stati Uniti, l’Europa è poco adatta alla diversità, poiché questi paesi sono strettamente legati alle loro popolazioni e tradizioni indigene.

Il “melting pot”, anch’esso sotto attacco negli Stati Uniti, non ha mai realmente funzionato in Europa a causa della crescita dell’immigrazione musulmana in Medio Oriente.

E con tassi di natalità straordinariamente bassi tra gli indigeni europei, queste popolazioni non integrate – i motori dell’attuale impennata dell’antisemitismo  cresceranno sicuramente come percentuale della popolazione.

Se c’è speranza, sta nella ripresa delle resistenze, sia sulle politiche climatiche in molti paesi che sull’immigrazione senza restrizioni , sia in Germania che alla frontiera orientale dell’UE

Date le difficoltà in Europa con le conseguenze del progressismo contemporaneo, gli americani dovrebbero pensarci due volte prima di adottare le loro attuali “soluzioni”. Senza qualche riaggiustamento radicale, gli europei si troveranno di fronte a un futuro triste, un futuro che non dovremmo voler replicare da questa parte dell’Atlantico.

The American Mind presenta una gamma di prospettive. Le opinioni appartengono agli autori e non rappresentano necessariamente quelle del Claremont Institute.

Fonte: https://www.zerohedge.com/geopolitical/europe-burning
Scritto da Joel Kotkin tramite The American Mind
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
Stellantis, e non solo

Stellantis, e non solo

In un contesto sempre più precario per i lavoratori del settore automobilistico in Italia, prevalentemente affiliati...

Immigrazione in aumento

Immigrazione in aumento

L’immigrazione illegale aumenta del 541% lungo la rotta dell’Africa occidentale verso l’UE La crisi dell’immigrazione...

error: Content is protected !!
× How can I help you?