CO2: NON causa il riscaldamento globale

CO2: contrariamente all’opinione popolare, la temperatura non è influenzata dalla CO2, ma è la CO2 che è influenzata dalla temperatura che, di per sé, è dovuta all’attività solare.

In totale, il prezzo globale ammonta a circa 5,5 trilioni di dollari all’anno.

Separatamente, un rapporto dell’organizzazione no-profit Climate Policy Initiative, allineata alla sinistra, ha rilevato che nel 2021 e nel 2022 i contribuenti mondiali hanno speso 1,3 trilioni di dollari ogni anno in progetti legati al clima.

Ha inoltre scoperto che i “finanziamenti annuali necessari per il clima” dal 2031 al 2050 ammontano a più di 10 trilioni di dollari ogni anno.

“Chiunque neghi intenzionalmente l’impatto del cambiamento climatico condanna il popolo americano a un futuro molto pericoloso”, ha affermato il presidente Joe Biden il 14 novembre 2023, annunciando 6 miliardi di dollari in nuovi investimenti attraverso l’Inflation Reduction Act (IRA).

“Gli impatti a cui stiamo assistendo non potranno che peggiorare, diventare più frequenti, più feroci e più costosi”.

Alla sua firma nell’agosto 2022, il presidente Biden ha affermato che l’IRA “investe 369 miliardi di dollari per intraprendere l’azione più aggressiva di sempre – mai, mai, mai – nell’affrontare la crisi climatica e nel rafforzare la nostra sicurezza economica e energetica”.
Un rapporto di Goldman Sachs stima che l’importo in dollari sia molto più alto, affermando: “Si prevede che i finanziamenti fondamentali per questa prossima rivoluzione energetica arriveranno dall’IRA, che fornirà circa 1,2 trilioni di dollari di incentivi entro il 2032”.
I trilioni di dollari investiti in nuove iniziative derivano dagli obiettivi fissati dal trattato internazionale giuridicamente vincolante dell’Accordo di Parigi delle Nazioni Unite per “ridurre sostanzialmente le emissioni globali di gas serra” nella speranza di mantenere una temperatura non superiore a 1,5 gradi Celsius rispetto a quella preesistente. -livelli industriali.

Ma secondo alcuni esperti, qualsiasi diminuzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2) non avrà alcun effetto per centinaia o migliaia di anni, anche nelle circostanze più restrittive.

“Se le emissioni di CO2 cessassero del tutto, ci vorrebbero molte migliaia di anni prima che la CO2 atmosferica ritorni ai livelli ‘preindustriali'”, afferma la Royal Society in un rapporto sul suo sito web . L’organizzazione si descrive come una “associazione di molti degli scienziati più eminenti del mondo”.

“Le temperature superficiali rimarrebbero elevate per almeno mille anni, il che implica un impegno a lungo termine per un pianeta più caldo a causa delle emissioni passate e attuali”, afferma il rapporto. “L’attuale riscaldamento della Terra indotto dalla CO2 è quindi essenzialmente irreversibile su scala temporale umana”.

“Se smettessimo di emettere gas serra oggi, l’aumento delle temperature globali inizierebbe ad attenuarsi entro pochi anni. Le temperature poi si stabilizzerebbero, ma rimarrebbero ben elevate per molti, molti secoli”, afferma la NASA.

E, secondo altri scienziati, ciò è dovuto al fatto che la CO2 non è il colpevole in primo luogo.

“La CO2 non causa il riscaldamento globale, il riscaldamento globale provoca più CO2”, ha affermato Edwin Berry, fisico teorico e meteorologo consulente certificato.

Ha definito la posizione della Royal Society sulla CO2 “pura scienza spazzatura”.

Ian Clark, professore emerito del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Ottawa, concorda sul fatto che se tutte le emissioni di gas serra cessassero oggi, la Terra continuerebbe a riscaldarsi, ma non a causa della CO2.

Ha detto che, contrariamente all’opinione popolare, la temperatura non segue la CO2, ma la CO2 segue la temperatura, che, di per sé, è dovuta all’attività solare.

Temperatura e CO2

Una delle principali aree di ricerca del signor Clark è la paleoclimatologia (lo studio delle condizioni climatiche utilizzando registrazioni indirette come dati sugli anelli degli alberi, carote di ghiaccio e altre registrazioni proxy), e in particolare la paleoidrogeologia artica , che è lo studio dell’acqua della Terra. attraverso la storia.

“Durante le ere glaciali, abbiamo avuto grandi variazioni di temperatura, e questo non ha a che fare con l’attività solare diretta, ma con la quantità di attività solare che colpisce la Terra a certe latitudini importanti, tutte causate da eventi celesti”, ha spiegato. – ha detto Clark.

“La Terra, nel nostro sistema solare, si muove e viene sballottata. E abbiamo diversi modelli orbitanti che influenzano l’apporto solare e che creano ere glaciali e periodi interglaciali, nei quali ci troviamo ora. E la CO2 ne tiene traccia. Quindi vedremo enormi cambiamenti di temperatura, passando dalle ere glaciali a quelle interglaciali, e la CO2 diventa molto bassa durante le ere glaciali e molto alta durante le interglaciali.

“E questo dà l’impressione che la CO2 stia influenzando il clima, ma in realtà lo sta seguendo. È in ritardo di circa 800 anni”.

Clark ha affermato che durante le ere glaciali, e in particolare negli ultimi 10.000 anni, gli scienziati hanno un’idea abbastanza chiara della temperatura, grazie alle registrazioni proxy. Secondo lui, questi dati mostrano che il periodo caldo medievale era probabilmente molto più caldo di oggi, e che l’agricoltura e la civiltà fiorirono.

Ma la piccola era glaciale seguì quella dal 1400 al 1800. “Ed è allora che abbiamo avuto difficoltà con l’agricoltura”, ha detto il signor Clark.

“Il Tamigi è ghiacciato. Abbiamo ogni tipo di ricordo di quanto freddo, e alcuni direbbero infelice, fosse allora. Ma poi ha ricominciato a scaldarsi. Quindi, circa ogni 1.000 anni circa, sembra che abbiamo queste fluttuazioni. Ciò è dovuto all’attività solare, ed è qui che vediamo l’importanza del sole, che è la principale fonte di energia oltre all’energia geotermica e nucleare. Il solare guida il clima”.

Il signor Jackson è un illustre ricercatore e professore emerito del dipartimento di chimica dell’UC-Davis, specializzato nella comprensione del ruolo che molecole come CO2, azoto e monossido di carbonio svolgono nelle atmosfere planetarie.

Il suo articolo, pubblicato nel 2017, ha scoperto che “i cambiamenti nella concentrazione atmosferica di CO2 non causavano cambiamenti di temperatura nel clima antico”.

Allo stesso modo, un gruppo di ricercatori il cui rapporto è stato pubblicato su Nature ha scoperto che, osservando le composizioni degli isotopi del carbonio su scala di un milione di anni, il biossido di carbonio atmosferico a lungo termine non era correlato alla temperatura e mostrava addirittura una tendenza inversa, soprattutto dopo eventi importanti come come eruzioni vulcaniche.

Hanno inoltre scoperto che quando la temperatura e la CO2 atmosferica raggiungevano un certo livello, il seppellimento del carbonio organico aumentava drasticamente, determinando infine una significativa diminuzione dei livelli di CO2 atmosferica.

Tale attività, ha affermato Berry, è la natura che bilancia i livelli di CO2, che è un processo continuo.

Afflusso e deflusso

La CO2 fluisce dall’atmosfera alle piante attraverso la fotosintesi e al suolo attraverso la decomposizione, viene assorbita dagli oceani e viene quindi rilasciata attraverso la respirazione, l’evaporazione e la combustione di combustibili fossili. L’intero processo è chiamato ciclo del carbonio.

Inoltre, Berry ha affermato che una volta che la CO2 nell’atmosfera aumenta fino a un certo livello, la natura ne aumenta automaticamente il deflusso.

“È quasi come una vasca da bagno, che può avere un beccuccio aperto in modo che l’acqua possa defluire quando raggiunge un certo livello”, ha detto. “Una certa impostazione dell’afflusso aumenterà il livello fino a un certo punto. E quanto più il livello [dell’acqua] sale, tanto più velocemente uscirà. Esiste un livello di equilibrio per qualsiasi impostazione di afflusso: un livello di equilibrio in cui tutto rimane uguale. In altre parole, il deflusso è uguale all’afflusso. E quando il deflusso raggiunge l’afflusso, è al suo livello di equilibrio e non si accumula più”.

Secondo Berry, la premessa secondo cui gli esseri umani sono gli unici responsabili dell’aumento di CO2 è problematica.

Secondo il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite, dal 1750, la concentrazione di CO2 è aumentata da 280 parti per milione (ppm) a oltre 420 ppm, e l’IPCC sostiene che questo aumento è di origine antropica o causato dall’uomo.

“Le attuali concentrazioni di CO2 atmosferico e CH4 [metano] superano di gran lunga i valori preindustriali riscontrati nelle registrazioni delle carote di ghiaccio polare relative alla composizione atmosferica risalenti a 650.000 anni fa”, afferma l’IPCC .

“Molteplici prove confermano che l’aumento postindustriale di questi gas non deriva da meccanismi naturali. … Le emissioni di CO2 derivanti dall’uso di combustibili fossili e dagli effetti del cambiamento dell’uso del suolo sul carbonio delle piante e del suolo sono le fonti primarie dell’aumento della CO2 atmosferica.

Berry ha definito la dichiarazione dell’IPCC “totalmente spazzatura”.

“Ho utilizzato i dati sul ciclo del carbonio dell’IPCC, che secondo l’IPCC sono accurati al 20% circa”, ha affermato. “Il modello non prevede che gli esseri umani producano 140 ppm. Si avvicina a 30 ppm. Ciò significa essenzialmente che l’IPCC ha torto”.

Berry ha affermato che non esiste alcuna base scientifica per affermare che “una certa quantità di anidride carbonica nell’aria provoca un certo aumento della temperatura”.

“Dicono che dobbiamo ridurre la CO2 a 350 ppm per riportarla al punto in cui la temperatura era qualche tempo fa? Non c’è fisica in questo”, ha detto.

“Tutta questa affermazione è totalmente spazzatura. La CO2 non provoca variazioni di temperatura; la temperatura provoca un cambiamento nella CO2.

Il clima dettato dal sole

“Se tagliassimo completamente le emissioni, la CO2 smetterebbe di aumentare al ritmo attuale”, ha affermato Clark. “Ma probabilmente continuerebbe a salire fino a un certo punto, e poi potrebbe scendere. Ma ciò sarebbe determinato dalla temperatura”.

Clark ha affermato che in diverse parti del mondo e in diversi periodi dell’anno, la CO2 oscilla “tra il 15 e il 20%” e ciò è determinato dalla temperatura delle stagioni.

Ha detto che “Se iniziassimo ad avere estati più fresche e inverni più freddi, tali fluttuazioni inizierebbero a ridurre ulteriormente la CO2. Ma nel complesso, il clima farà qualunque cosa dica il sole”.

“Abbiamo una conoscenza abbastanza buona dei diversi cicli che il sole può attraversare e di come si accumulano. A volte si amplificano a vicenda. A volte si annullano a vicenda. Quindi, riceviamo una specie di segnale caotico, ma alcuni arrivano in modo piuttosto forte: questo ciclo di 1.000 anni sembra essere piuttosto forte.

“Abbiamo avuto il periodo caldo romano, poi il periodo caldo medievale, e ora abbiamo il periodo caldo moderno; uno due tre. E la storia e i documenti ci dicono che durano solo un paio di centinaia di anni, e siamo già a un centinaio di anni e passa da questo.

Oltre a non influenzare la temperatura, Clark ha affermato che i tentativi di ridurre la CO2 sono pericolosi a causa dell’effetto previsto sulle piante.

“Le piante C4, come il mais, si sono evolute solo 20-30 milioni di anni fa. E si sono evoluti in risposta alla diminuzione della CO2 nell’atmosfera. Quindi, sono relativamente tardivi nella nostra biosfera e riflettono il pericolo di una diminuzione della CO2”, ha affermato.

La maggior parte delle piante, come alberi, grano e riso, sono note come piante C3, che prosperano a livelli di CO2 più elevati, compresi tra 800 e 1500 ppm.

Clark ha affermato che uno dei benefici derivanti dall’aumento della CO2 è il miglioramento della resa globale dei cereali e il generale rinverdimento del pianeta.

In risposta alla richiesta di The Epoch Times di commentare le scoperte della Royal Society secondo cui la temperatura continuerà ad aumentare per centinaia o migliaia di anni anche se le emissioni di CO2 dovessero cessare oggi, Alex Matthews-King, addetto stampa senior del gruppo, ha detto via e-mail, “Questo è un rapporto sottoposto a revisione paritaria redatto congiuntamente da Fellows della Royal Society e dalla National Academy of Science degli Stati Uniti.”

Ha sottolineato la prefazione del rapporto , che afferma: “Il cambiamento climatico è una delle questioni cruciali del nostro tempo. Ora è più certo che mai, sulla base di numerose prove, che gli esseri umani stanno cambiando il clima della Terra. L’atmosfera e gli oceani si sono riscaldati, il che è stato accompagnato dall’innalzamento del livello del mare, da un forte calo del ghiaccio marino artico e da altri cambiamenti legati al clima.

“Gli impatti dei cambiamenti climatici sulle persone e sulla natura sono sempre più evidenti. Inondazioni, ondate di caldo e incendi senza precedenti sono costati miliardi di danni. Gli habitat stanno subendo rapidi cambiamenti in risposta al cambiamento delle temperature e dei modelli di precipitazione. Gli appelli all’azione stanno diventando sempre più forti”.

Il signor Clark concorda sul fatto che gli esseri umani “hanno un’impronta su questo pianeta, su questo non ci sono dubbi”.

Ma ha suggerito che l’effetto più grande, sottostimato, si sta facendo sentire negli oceani, dove gli esseri umani hanno “ucciso il 90% della grande popolazione ittica, delle balene e di tutto il resto”.

Ha detto di credere che il denaro e le risorse spesi per le conferenze sul clima potrebbero andare a “migliorare effettivamente i problemi ambientali”.

“Chiunque sia realista sul clima riconosce che i soldi che stiamo spendendo per la mitigazione – quando pensiamo di abbassare il termostato della CO2 o provare a tornare al termostato e risparmiare al mondo 1,5 gradi di riscaldamento – sa che è una fantasia. . Non c’è modo di influenzare il clima con ciò che stiamo facendo”.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/article/fixation-on-co2-ignores-real-driver-of-temperature-say-experts-5588495
Scritto da Katie Spence
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato qui:
https://ita.li.it/2024/02/03/cambiamento-climatico-trilioni-spesi-sulla-base-di-dati-errati/
https://ita.li.it/2022/12/30/una-startup-di-geoingegneria-inizia-a-rilasciare-particelle-di-zolfo-nellatmosfera-nel-tentativo-di-fermare-il-cambiamento-climatico/

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?