Cambiamento climatico: Trilioni spesi sulla base di dati errati

Cambiamento Climatico: le Nazioni Unite avvertono che per preservare un “pianeta vivibile”, la Terra non può riscaldarsi più di 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. 

(Illustrazione di The Epoch Times, Getty Images, Shutterstock)

Secondo la NASA , il mancato mantenimento di tale livello potrebbe portare a diverse catastrofi, tra cui un aumento della siccità e dei disastri legati al clima, più malattie e decessi legati al caldo, meno cibo e più povertà .

Per evitare le tribolazioni incombenti e limitare l’aumento della temperatura globale, nel 2016 194 stati membri e l’Unione Europea hanno firmato l’Accordo di Parigi delle Nazioni Unite, un trattato internazionale giuridicamente vincolante con l’obiettivo di “ridurre sostanzialmente le emissioni globali di gas serra”.

Dopo l’accordo, la spesa globale per progetti legati al clima è aumentata in modo esponenziale.

Secondo il gruppo consultivo no-profit Climate Policy Initiative, nel 2021 e nel 2022 i contribuenti mondiali hanno speso, in media, 1,3 trilioni di dollari in tali progetti ogni anno.

Si tratta di più del doppio del tasso di spesa nel 2019 e nel 2020, che è stato pari a 653 miliardi di dollari all’anno, ed è significativamente in aumento rispetto ai 364 miliardi di dollari all’anno del 2011 e del 2012, secondo il rapporto.

Nonostante l’afflusso di denaro, la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha riferito che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato.

Le stazioni di monitoraggio climatico della NOAA hanno scoperto che la temperatura media della superficie terrestre e oceanica nel 2023 era di 1,35 gradi Celsius superiore alla media preindustriale.

Sarah Kapnick, capo scienziato della NOAA, ha affermato che ” Non solo il 2023 è stato l’anno più caldo nei 174 anni di record climatico della NOAA, ma è stato di gran lunga il più caldo in assoluto“,

“Un pianeta che si riscalda significa che dobbiamo essere preparati per gli impatti dei cambiamenti climatici che stanno accadendo qui e ora, come gli eventi meteorologici estremi che diventano più frequenti e più gravi”.

Ma un crescente coro di scienziati del clima sostiene che le misurazioni della temperatura sono errate e che i trilioni di dollari che si riversano si basano su un problema che non esiste.

Secondo Anthony Watts, meteorologo, membro senior per l’ambiente e il clima presso l’Heartland Institute, autore del sito web sul clima Watts Up With That e direttore di uno studio che ha esaminato le stazioni di monitoraggio della temperatura della NOAA, oltre il 90% delle stazioni di monitoraggio della temperatura della NOAA hanno una polarizzazione del calore. 

Watts ha detto a The Epoch Times che “con un numero così elevato, oltre il 90%, i metodi che la NOAA impiega per cercare di ridurre questo dato non funzionano perché il pregiudizio è così schiacciante”.

“Le poche stazioni rimaste che non sono distorte perché, ad esempio, si trovano fuori città, in un campo o in una stazione di ricerca agricola che esiste da 100 anni… sono poche e i loro dati vengono completamente sommersi dall’insieme molto più ampio di dati distorti. Non c’è modo di sistemarli.”

Un meteorologo monitora il tempo nel centro della NOAA per le previsioni meteorologiche e climatiche a Riverdale, Maryland, il 2 luglio 2013. (Mark Wilson/Getty Images)

Il meteorologo Roy Spencer è d’accordo.

Spencer ha affermato che “I dati del termometro di superficie presentano ancora falsi effetti di riscaldamento dovuti all’isola di calore urbana, che aumenta nel tempo”.

Spencer è il principale ricercatore presso l’Università dell’Alabama, il leader del team scientifico statunitense per il radiometro avanzato a scansione a microonde sul satellite Aqua della NASA e il destinatario della medaglia al successo scientifico eccezionale della NASA per il suo lavoro con il monitoraggio della temperatura basato su satellite.

Spencer ha anche affermato che i modelli climatici computerizzati utilizzati per guidare i cambiamenti nella politica energetica sono ancora più errati.

Il tenente colonnello John Shewchuk, un meteorologo consulente certificato, ha affermato che i problemi con le letture della temperatura vanno oltre la distorsione termica. 

Il tenente colonnello in pensione era un ufficiale meteorologico avanzato dell’aeronautica militare.

il tenente colonnello Shewchuk ha detto a Epoch Times “Dopo aver visto molti rapporti sugli aggiustamenti della NOAA ai dati di temperatura dell’USHCN [US Historical Climatology Network], ho deciso di scaricare e analizzare io stesso i dati”.

“Ho potuto confermare ciò che hanno scoperto gli altri. È ovvio che, nel complesso, le temperature passate si sono abbassate mentre le temperature attuali si sono riscaldate”.

Egli sostiene che la NOAA e la NASA hanno aggiustato i dati storici sulla temperatura in modo tale da far sembrare il passato più freddo e, così facendo, rendere più pronunciata l’attuale tendenza al riscaldamento.

Letture di temperatura errate

Secondo l’Environmental Protection Agency, l’effetto isola di calore urbano provoca temperature più elevate nelle aree dove ci sono più edifici, strade e altre forme di infrastrutture che assorbono e poi irradiano il calore del sole.

L’agenzia stima che “le temperature diurne nelle aree urbane sono di 1-7 gradi Fahrenheit più alte rispetto alle temperature nelle aree periferiche, e le temperature notturne sono di circa 2-5 gradi Fahrenheit più alte”.

Di conseguenza, la NOAA richiede che tutte le sue stazioni di osservazione climatica siano posizionate ad almeno 100 piedi di distanza da elementi come cemento, asfalto ed edifici.

Studenti dell’Università dell’Illinois trasportano una stazione meteorologica durante una giornata educativa della NOAA sui tornado, a Memphis, l’8 febbraio 2023. (Seth Herald/AFP tramite Getty Images)

Tuttavia, nel marzo 2009, Watts ha pubblicato un rapporto che mostra che l’89% delle stazioni della NOAA presentavano problemi di distorsione da calore poiché si trovavano entro 100 piedi da tali elementi, e molte erano situate vicino alle piste dell’aeroporto.

Watts ha detto “Abbiamo trovato stazioni situate accanto ai ventilatori di scarico dei condizionatori, circondate da parcheggi e strade asfaltate, su tetti roventi e vicino a marciapiedi ed edifici che assorbono e irradiano calore”.

Abbiamo trovato 68 stazioni situate presso impianti di trattamento delle acque reflue, dove il processo di digestione dei rifiuti fa sì che le temperature siano più elevate rispetto alle aree circostanti ”.

Il rapporto concludeva che il record della temperatura statunitense era inaffidabile e, poiché era considerato “il migliore al mondo”, anche i database della temperatura globale erano “compromessi e inaffidabili”.

A seguito del rapporto, l’Ufficio dell’Ispettore Generale degli Stati Uniti (OIG) e il Government Accountability Office hanno confermato le scoperte di Watt e hanno dichiarato che la NOAA stava adottando misure per affrontare la questione.

Nel rapporto dell’OIG si legge “La NOAA riconosce che ci sono problemi con i dati dell’USHCN a causa di errori introdotti con mezzi quali il trasferimento del sito non documentato, l’ubicazione inadeguata o i cambiamenti degli strumenti”.

“Tutti gli esperti ritengono che sia necessario un sistema di reporting climatico migliorato e modernizzato per eliminare la necessità di aggiustamenti dei dati”.

Nonostante le assicurazioni, Watts aveva dubbi sul fatto che la NOAA affrontasse i problemi e nell’aprile e maggio 2022 lui e il suo team hanno rivisitato molte delle stesse stazioni di temperatura che avevano osservato nel 2009.

Ha pubblicato le sue scoperte in un nuovo studio  il 27 luglio 2022.

Ha scoperto che ancora di più, circa il 96%, delle stazioni di temperatura della NOAA non riuscivano ancora a soddisfare i propri standard.

Watts ha detto che “Ci sono due principali distorsioni nella rete della temperatura superficiale per gli Stati Uniti, e molto probabilmente per il mondo, che ho identificato”.

“ Il pregiudizio più grande è l’effetto isola di calore urbana. 

Ciò che accade è che, poiché il calore viene trattenuto dalle superfici e rilasciato nell’aria durante la notte, la bassa temperatura notturna non è così bassa come potrebbe essere se il termometro fosse fuori città e in un campo”.

Le temperature superficiali medie globali sono state variabili, ma mostrano una tendenza all’aumento negli ultimi decenni. (Illustrazione di The Epoch Times)

Nel corso degli anni, ha detto, sono state costruite sempre più infrastrutture attorno alle posizioni dei termometri e, di notte, l’asfalto e il cemento rilasciano il calore assorbito e fanno aumentare la temperatura.

Watts ha detto che “Puoi guardare qualsiasi insieme di dati climatici, indipendentemente da chi li produce, e puoi vedere questo effetto. Le basse temperature tendono ad aumentare molto più velocemente, mentre le alte temperature sono praticamente invariate. Ma è la temperatura media che viene utilizzata per monitorare il cambiamento climatico”.

Ha detto che anche se sia la NOAA che la NASA affermano di poter adattare i loro dati per tenere conto dell’effetto isola di calore urbana, il pregiudizio è impossibile da superare perché il problema colpisce il 96% delle stazioni di superficie.

Ha detto che i pochi termometri situati nelle stazioni climatiche che non subiscono un bias di calore mostrano la metà del tasso di riscaldamento attualmente riportato.

Temperatura transitoria

Il secondo bias principale identificato da Watts riguarda le letture transitorie della temperatura, ovvero cambiamenti di temperatura a breve termine che possono fornire una lettura errata.

Secondo Watts, la NOAA ha iniziato a sostituire i propri termometri a mercurio tra la metà e la fine degli anni ’80.

Secondo Watts, la NOAA ha iniziato a sostituire i propri termometri a mercurio tra la metà e la fine degli anni ’80.

La maggior parte della sua rete è ora costituita da termometri elettronici in grado di misurare la temperatura in pochi secondi.

“Ma registrano solo le temperature massime e minime del giorno, e queste possono essere influenzate da semplici effetti del vento”.

“Ad esempio, è possibile posizionare uno di questi sensori di temperatura vicino a un parcheggio, che si trova a est del termometro. E il vento è stato prevalentemente da sud per tutto il giorno. Ma poi, all’improvviso, si verifica uno spostamento del vento, e lo spostamento del vento potrebbe essere causato da una serie di cose diverse. Potrebbe essere causato da un cambiamento dei modelli meteorologici. Potrebbe essere causato da qualcosa che blocca il vento da sud, come un semirimorchio che si ferma nelle vicinanze.”

“Quindi il vento si sposta improvvisamente da est, attraversando il parcheggio e raccogliendo quel calore radiante. E il termometro risponderà nello spazio di un secondo o due. E riporterà una temperatura elevata da quella raffica di vento che non rappresenta necessariamente il tempo di quel giorno. È un’anomalia. E la stessa cosa può succedere di notte”.

Watts ha affermato che la temperatura transitoria è un problema così noto che il Met Office nel Regno Unito e l’ Australian Bureau of Meteorology hanno abbandonato la loro rete ad alta tecnologia e si stanno riorganizzando per ottenere letture più accurate.

Watts ha detto anche che “Questi sono i problemi che la NOAA non ha affrontato completamente, le persone che si occupano dei dati climatici non lasciano mai l’ufficio e non amministrano queste stazioni. Le stazioni sono lasciate agli uffici sul campo del National Weather Service e gli uffici sul campo del National Weather Service sono a corto di personale.

“Alcune stazioni, come qui in Occidente, sono a centinaia di chilometri o più di distanza dall’ufficio del Servizio Meteorologico Nazionale , quindi non possono uscire e fare manutenzione regolarmente. E quando, all’inizio degli anni ’90, il Servizio meteorologico nazionale iniziò la modernizzazione, chiuse molti uffici del Servizio meteorologico in tutto il paese.

E così, la manutenzione di questi termometri – e molti di questi monitor sono gestiti dal pubblico, molti sono volontari – è diminuita. Ho avuto dei volontari che, quando vado a trovarli, mi chiedono se posso far uscire il servizio meteorologico e sistemare qualcosa. Ma non possono, perché il problema è che non hanno il budget.

La conclusione è che il Cooperative Observer Network, la rete COOP , è letteralmente un gruppo disordinato di volontari combinato con alcuni enti pubblici, come stazioni di polizia, caserme dei vigili del fuoco, servizio forestale e così via.“

“Questa non è una rete rigorosamente controllata scientificamente a livello operativo”.

La stessa NOAA ha dichiarato sul suo sito web che le letture della temperatura non sono precise e che l’agenzia aggiunge un margine di errore alle sue temperature.
la NOAAla NASA hanno risposto al momento della stampa alla richiesta di The Epoch Times di commentare le anomalie transitorie della temperatura o all’affermazione di Watts secondo cui l’adeguamento per una distorsione termica è impossibile.

Regolazione delle letture della temperatura

La NOAA ha anche modificato i dati storici sulla temperatura. 

Il tenente colonnello Shewchuk ha detto che “Normalmente, quando si correggono gli errori dei dati, ci si aspetterebbe un risultato più casuale negli aggiustamenti dei dati, sia in alto che in basso, ma i risultati mostrano invece un processo sistematico di raffreddamento del passato e riscaldamento del presente”.
Un esempio è la stazione islandese di Reykjavik.

Il record del febbraio 1936 per la stazione di Reykjavik mostrava una temperatura media di meno 0,2 gradi Celsius per il mese e una temperatura media annuale di 5,78 gradi Celsius, secondo il Goddard Institute for Space Studies Surface Temperature Analysis ( GISTEMP ). I dati mensili GISTEMP originali erano conosciuti come v2 o versione 2.

Nel 2019, NOAA ha rilasciato una versione aggiornata del suo software, GISTEMP v4. 
Mostra la temperatura media della stazione di Reykjavik per il febbraio 1936 pari a meno 1,02 gradi Celsius e la temperatura media annuale pari a 5,01 gradi Celsius. Si tratta di una correzione al ribasso di 0,82 gradi Celsius per il mese e di 0,77 gradi Celsius per l’anno successivo all’aggiornamento del software.
Confrontando i dati mensili GISTEMP v2 con i dati mensili v4 , si osserva un raffreddamento generale del passato.
Il tenente colonnello Shewchuk ha detto che “Incredibilmente, la gamma di aggiustamenti dei dati supera i 2 gradi Fahrenheit , il che è significativo rispetto alle attuali tendenze della temperatura”.

“ La NOAA impiega anche un processo di aggiustamento dei dati successivo molto insolito, in cui periodicamente tornano indietro e aggiustano nuovamente i dati precedentemente aggiustati. Ciò rende difficile trovare la verità fondamentale, che sembra più come spostare le sabbie”.

In risposta alla richiesta di The Epoch Times di commentare gli aggiustamenti ai dati storici, il funzionario delle relazioni pubbliche della NOAA , John Bateman, ha detto di aver contattato uno degli esperti climatici del Centro nazionale per l’informazione ambientale ( NCEI ) della NOAA, che ha risposto: “ L’NCEI applica correzioni per tenere conto dei cambiamenti storici nella posizione della stazione, nella strumentazione della temperatura, nella pratica di osservazione e, in misura minore, nelle condizioni di ubicazione. I nostri approcci sono documentati nella letteratura sottoposta a revisione paritaria. Su scala nazionale, i dati corretti sono in buon accordo con la rete di riferimento sul clima degli Stati Uniti (USCRN), che presenta condizioni di ubicazione incontaminate”.

La NASA non ha risposto alla richiesta di The Epoch Times di commentare gli aggiustamenti ai dati storici.

Letture satellitari

Per ottenere una lettura più accurata delle fluttuazioni delle temperature superficiali della Terra , Spencer e il climatologo John Christy hanno sviluppato un set di dati sulla temperatura globale a partire dai dati a microonde osservati dai satelliti.

Christy è professore di scienze atmosferiche presso l’Università dell’Alabama a Huntsville e direttore dell’Earth System Science Center, che, insieme a Spencer, ha ricevuto la medaglia al successo scientifico eccezionale della NASA per il suo lavoro con il monitoraggio della temperatura basato su satellite.

Hanno iniziato il loro progetto nel 1989 e hanno analizzato i dati risalenti al 1979.

Secondo i dati satellitari, dal 1979 la temperatura della Terra è aumentata a un ritmo costante di 0,14 gradi Celsius ogni 10 anni.

E sebbene il 2023 sia stato l’ anno più caldo mai registrato a causa delle tendenze lineari del riscaldamento, dicono che non è motivo di panico pubblico.

Il signor Spencer ha detto “Sì, sembra che il 2023 sia stato il più caldo degli ultimi 100 anni circa. Ma i numeri contano. La magnitudo non è abbastanza grande da essere percepita da nessuno”.

“Inoltre, un solo anno è il tempo, non il clima. Ciò che conta è la tendenza a lungo termine, diciamo molti decenni”.

Ha affermato che i dati del 2023, aggiunti ai 45 anni di dati a partire dal 1979, non alterano la tendenza generale di aumento di 0,14 gradi Celsius ogni 10 anni.

Spencer ha detto “Credo che sia i satelliti che i termometri mostrino una tendenza al riscaldamento, soprattutto a partire dagli anni ’70.

“Ma la forza di questa tendenza è considerevolmente inferiore a quanto previsto dai modelli climatici , e sono proprio questi modelli che vengono utilizzati per sostenere cambiamenti nella politica energetica e nella riduzione delle emissioni di CO2 ”.

Il tenente colonnello Shewchuk concorda sul fatto che i dati sulla temperatura basati sul satellite sono più precisi e mostrano una tendenza al riscaldamento molto più piccola rispetto alla tendenza al riscaldamento basata sulla superficie  della NOAA.
“I dati satellitari sono una misura migliore del cambiamento della temperatura globale perché non soffrono dei problemi di localizzazione delle stazioni di temperatura superficiale convenzionali o delle numerose forme di attività di modifica dei dati della NOAA “.

Le letture satellitari sono anche “regolarmente calibrate sui dati delle radiosonde ( palloni meteorologici ), che rappresentano il gold standard per i dati atmosferici”.
Spencer ha pubblicato un rapporto il 24 gennaio che affronta le imprecisioni nei modelli climatici .
Nel rapporto si legge che “Il riscaldamento del sistema climatico globale nell’ultimo mezzo secolo è stato in media del 43% inferiore a quello prodotto dai modelli climatici computerizzati utilizzati per promuovere cambiamenti nella politica energetica ”.

“Contrariamente a quanto riportato dai media e ai comunicati stampa delle organizzazioni ambientaliste, il riscaldamento globale non offre alcuna giustificazione per una regolamentazione basata sul carbonio”.

Spencer ha affermato che il pubblico è stato indotto a credere che il modello sia “abbastanza accurato”, ma al modello sono state aggiunte una serie di variabili aggiuntive che si traducono in stime di temperatura più elevate.
“Le attuali affermazioni di una crisi climatica sono invariabilmente il risultato della dipendenza dai modelli che producono il maggior riscaldamento, non dalle osservazioni reali del sistema climatico che rivelano cambiamenti insignificanti nel corso dell’ultimo secolo o più”.

La NASA sostiene le letture a terra

La NASA afferma sul suo sito web che i termometri terrestri sono più accurati delle misurazioni satellitari.

“Mentre i satelliti forniscono informazioni preziose sulla temperatura della Terra , i termometri terrestri sono considerati più affidabili perché misurano direttamente la temperatura nel luogo in cui risiedono le persone”, ha affermato la NASA .

“I dati satellitari richiedono un’elaborazione e una modellazione complesse per convertire le misurazioni della luminosità in letture della temperatura, rendendo i termometri terrestri una fonte di informazioni sulla temperatura più diretta e accurata per noi”.

Il signor Spencer ha subito sottolineato i difetti nelle affermazioni della NASA.

Ha affermato che “I termometri di superficie coprono solo una piccola frazione della Terra, mentre i satelliti forniscono una copertura globale quasi completa”.

“La protesta della NASA secondo cui i 16 satelliti separati devono essere messi insieme ‘come un puzzle ‘ è ironica poiché la registrazione della temperatura superficiale è composta da centinaia (se non migliaia) di stazioni, e quasi nessuna di esse, da nessuna parte, fornisce un segnale continuo, ininterrotto e non influenzato dai crescenti effetti delle isole di calore urbane.

Infine, la lamentela è che i satelliti misurano solo l’atmosfera profonda, non la superficie dove vivono le persone. … Ebbene, se è così, perché le temperature delle profondità oceaniche vengono pubblicizzate come così preziose per la ricerca sul clima? Tutte queste misurazioni sono importanti di per sé e ogni sistema ha i suoi punti di forza e di debolezza. Il nostro set di dati satellitari è ampiamente utilizzato dai ricercatori sul clima di tutto il mondo”.

Per quanto riguarda la critica della NASA secondo cui i satelliti non misurano direttamente la temperatura ma piuttosto la luminosità dell’atmosfera terrestre , rendendoli imprecisi, Spencer ha detto: “A rigor di termini, è vero. Ma i termometri di superficie sono elettronici, quindi (tecnicamente) misurano la resistenza elettrica .

“I satelliti sono calibrati con termometri a resistenza al platino della massima qualità, standard di laboratorio . Se la NASA dovesse criticare i dati satellitari telerilevati , potrebbe anche chiudere la miriade di programmi satellitari terrestri, che hanno lo stesso (presunto) “difetto”.”

Il tenente colonnello Shewchuk ha definito “una sciocchezza” l’affermazione della NASA secondo cui i dati satellitari sono inferiori alle letture della temperatura superficiale.

“ I dati satellitari UAH sono l’unica fonte di dati di natura veramente globale. Misura efficacemente la temperatura dell’intera atmosfera terrestre, e in particolare della bassa troposfera , dove viene effettivamente creato il nostro clima”, ha affermato.

“L’unica limitazione è che i dati satellitari iniziano solo nel 1979.”

Watts ha affermato che quando ha esaminato i dati delle stazioni di superficie nei campi erbosi (in assenza di un effetto isola di calore urbano ), le letture della temperatura corrispondevano strettamente ai dati satellitari del signor Spencer .

Alla domanda sul perché la NOAA non utilizza termometri solo dove non esiste la possibilità di un effetto isola di calore urbanoSpencer ha detto: “Penso che il loro obiettivo non sia quello di ottenere la registrazione della temperatura a lungo termine più accurata, ma di utilizzare quanti più dati termometrici su cui possono mettere le mani. Questo è positivo per costruire un programma finanziato dal Congresso e mantenere le persone occupate”.

Secondo la Climate Policy Initiative, l’attuale quantità di denaro, 1,3 trilioni di dollari all’anno, spesa per iniziative sul clima non è affatto sufficiente.

“Nello scenario medio, i finanziamenti annuali per il clima necessari fino al 2030 aumentano costantemente da 8,1 a 9 trilioni di dollari. Quindi, le esigenze stimate saliranno a oltre 10 trilioni di dollari ogni anno dal 2031 al 2050”, ha affermato il gruppo.

“Ciò significa che i finanziamenti per il clima devono aumentare di almeno cinque volte ogni anno, il più rapidamente possibile, per evitare gli impatti peggiori del cambiamento climatico ”.

L’organizzazione elenca i suoi finanziatori sul suo sito web, tra cui la Fondazione Rockefeller , il WWF e Bloomberg Philanthropies

I suoi partner includono BlackRock , due gruppi climatici delle Nazioni Unite , diverse grandi banche globali e gruppi governativi come il Patto globale dei sindaci per il clima e l’energia.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/article/trillions-spent-on-climate-change-rely-on-inaccurate-temperature-readings-and-faulty-modeling-5575177
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?