Criminalità alla Casa Bianca: l’ascesa dello psicopatico politico

Criminalità: come la definireste? Io direi che è tutto ciò che è illegale, ma c’è chi la pensa diversamente.

“Quando lo fa il Presidente, significa che non è illegale”.

cit. Richard Nixon

Molti anni fa, un titolo di giornale poneva la domanda: “ Qual è la differenza tra un politico e uno psicopatico? 

La risposta, allora come oggi, rimane la stessa:  nessuna .

Non c’è  differenza  tra psicopatici e politici.

Né c’è molta differenza tra il caos provocato su vite innocenti da criminali e funzionari eletti indifferenti, insensibili, egoisti, irresponsabili e parassiti  che mentono ai loro elettori , scambiano favori politici con contributi elettorali, chiudono un occhio sui desideri dei elettorato, truffano i contribuenti con soldi guadagnati con fatica, favoriscono l’élite aziendale, radicano il complesso militare-industriale e non prestano molta attenzione all’impatto che le loro azioni sconsiderate e la legislazione approvata frettolosamente potrebbero avere sui cittadini indifesi.

Sia gli psicopatici che i politici hanno la tendenza ad essere  egoisti, insensibili, spietati utilizzatori degli altri, irresponsabili, bugiardi patologici , disinvolti, truffatori, privi di rimorso e superficiali.

I politici carismatici, come gli psicopatici criminali,  mostrano un’incapacità di accettare la responsabilità delle proprie azioni , hanno un elevato senso di autostima, sono cronicamente instabili, hanno stili di vita socialmente devianti, necessitano di stimoli costanti, hanno stili di vita parassitari e possiedono obiettivi irrealistici.

Non importa se si parla di democratici o repubblicani.

Gli psicopatici politici sono tutti in gran parte derivati ​​dalla stessa stoffa patologica, pieni di  fascino apparentemente facile e vantanti menti calcolatrici

Tali leader alla fine creano patocrazie: società totalitarie intenzionate al potere, al controllo e alla distruzione sia della libertà in generale che di coloro che esercitano le proprie libertà.

Una volta che gli psicopatici ottengono il potere, il risultato è solitamente una qualche forma di governo totalitario o di patocrazia.

“A quel punto, il  governo opera contro gli interessi del suo stesso popolo,  tranne che per favorire determinati gruppi”, osserva l’autore James G. Long.

“Attualmente stiamo assistendo a polarizzazioni deliberate di cittadini americani, azioni illegali e massicce e inutili acquisizioni di debito. Questo è  tipico dei sistemi psicopatici , e cose molto simili sono accadute nell’Unione Sovietica quando si è estesa eccessivamente ed è crollata”.

In altre parole, eleggere uno psicopatico a una carica pubblica equivale all’hara-kiri nazionale, l’atto ritualizzato di autoannientamento, autodistruzione e suicidio. Segnala la fine del governo democratico e getta le basi per un regime totalitario legalista, militarista, inflessibile, intollerante e disumano.

Incredibilmente, nonostante le prove evidenti del danno che è già stato inflitto alla nostra nazione e ai suoi cittadini da un governo psicopatico, gli elettori continuano a eleggere psicopatici a posizioni di potere e influenza.

In effetti, uno studio della Southern Methodist University ha scoperto che Washington, DC, la capitale della nostra nazione e sede del potere per i nostri cosiddetti rappresentanti, è al primo posto nella lista delle regioni popolate da psicopatici .

Secondo  il giornalista investigativo Zack Beauchamp , “Nel 2012, un gruppo di psicologi ha valutato ogni presidente da Washington a Bush II  utilizzando ‘stime dei tratti psicopatici derivate dai dati della personalità completati da esperti storici su ciascun presidente.’

Hanno scoperto che i presidenti tendono ad avere il caratteristico coraggio degli psicopatici e bassi livelli di ansia – tratti che sembrano aiutare i presidenti, ma  potrebbero anche indurli a prendere decisioni sconsiderate  che feriscono la vita di altre persone.

La volontà di dare priorità al potere sopra ogni altra cosa, compreso il benessere dei propri simili, la spietatezza, l’insensibilità e la  totale mancanza di coscienza  sono tra i tratti distintivi del sociopatico.

Quando il nostro stesso governo non ci vedrà più come esseri umani dotati di dignità e valore, ma come cose da manipolare, manovrare, estrarre dati, maltrattare dalla polizia, indurre a credere che abbia a cuore i nostri migliori interessi, maltrattare, incarcerare se osiamo fare un passo avanti fuori linea, e poi puniti ingiustamente senza rimorso – rifiutando nel contempo di ammettere i propri fallimenti – non operiamo più in una repubblica costituzionale.

Invece, ciò che stiamo vivendo è una patocrazia: una tirannia per mano di un governo psicopatico, che “ opera contro gli interessi del proprio popolo tranne che per favorire determinati gruppi ”.

Quel che è peggio, la psicopatologia non è limitata a coloro che occupano alte posizioni di governo. Può  diffondersi come un virus  tra la popolazione. Come ha concluso uno studio accademico sulla patocrazia , “La tirannia non prospera perché i perpetuatori sono impotenti e ignoranti delle loro azioni. Fiorisce perché si identificano attivamente con coloro che promuovono atti viziosi come virtuosi”.

Le persone non si mettono semplicemente in fila e salutano. È attraverso la propria identificazione personale con un dato leader, partito o ordine sociale che si diventa agenti del bene o del male.

Molto dipende da come i leader “ coltivano un senso di identificazione con i propri seguaci ”, afferma il professor Alex Haslam. “Voglio dire, una cosa abbastanza ovvia è che i leader parlano di ‘noi’ piuttosto che di ‘io’, e in realtà ciò che riguarda la leadership è coltivare questo senso di identità condivisa riguardo al ‘noi’ e poi convincere le persone a voler agire in termini di quel “noi”, per promuovere i nostri interessi collettivi. . . . [Noi] è l’unica parola che è aumentata nei discorsi inaugurali nel corso dell’ultimo secolo. . . e l’altro è ‘America’”.

L’obiettivo del moderno stato corporativo è ovvio: promuovere, coltivare e incorporare un senso di identificazione condivisa tra i suoi cittadini. A tal fine, “noi il popolo” siamo diventati “noi lo stato di polizia”.

Stiamo rapidamente diventando schiavi, schiavi di una macchina governativa totalitaria burocratica, senza volto, senza nome, che erode incessantemente le nostre libertà attraverso innumerevoli leggi, statuti e divieti.

Qualsiasi resistenza a tali regimi dipende dalla forza delle opinioni di coloro che scelgono di reagire. Ciò significa che noi cittadini dobbiamo stare molto attenti a non essere manipolati per marciare di pari passo con un regime oppressivo.

Scrivendo per  ThinkProgress , Beauchamp suggerisce che “ una delle migliori cure contro i cattivi leader potrebbe benissimo essere la democrazia politica ”.

Ma cosa significa realmente questo in termini pratici?

Significa ritenere i politici responsabili delle loro azioni e di quelle del loro personale utilizzando tutti i mezzi a nostra disposizione: attraverso il giornalismo investigativo (quello che una volta veniva chiamato Quarto Stato) che illumina e informa, attraverso denunce di informatori che denunciano la corruzione, attraverso azioni legali che sfidano la cattiva condotta e attraverso proteste e azioni politiche di massa che ricordano ai poteri costituiti che “noi, il popolo”, siamo quelli che prendono le decisioni.

Ricorda, l’educazione precede l’azione. I cittadini devono svolgere il duro lavoro di informarsi su ciò che il governo sta facendo e su come ritenerlo responsabile. Non permettete a voi stessi di esistere esclusivamente in una camera di risonanza limitata alle opinioni con cui siete d’accordo. Esponiti a molteplici fonti mediatiche, indipendenti e mainstream, e pensa con la tua testa.

Del resto, qualunque siano le vostre inclinazioni politiche, non permettete che i vostri pregiudizi partigiani prevalgano sui principi che servono come base per la nostra repubblica costituzionale. Come osserva Beauchamp, “Un sistema che ritenga effettivamente le persone responsabili nei confronti della coscienza più ampia della società può essere uno dei modi migliori per tenere sotto controllo le persone senza coscienza”.

Detto questo, se permettiamo che le urne diventino il nostro unico mezzo per contrastare lo stato di polizia, la battaglia è già persa.

La resistenza richiederà una cittadinanza disposta ad essere attiva a livello locale.

Tuttavia, se aspetti ad agire finché la squadra SWAT non irrompe dalla  tua  porta, finché  il tuo  nome non viene inserito in una lista di controllo del terrorismo, finché non  vieni  denunciato per attività illegali come raccogliere l’acqua piovana o lasciare che i tuoi figli giochino fuori senza sorveglianza, allora sarà troppo tardi.

Questo lo so: non siamo numeri senza volto.

Non siamo gli ingranaggi della macchina.

Come chiarisco nel mio libro  Battlefield America: The War on the American People  e nella sua controparte immaginaria  The Erik Blair Diaries , non siamo schiavi.

Siamo esseri umani e, per il momento, abbiamo l’opportunità di rimanere liberi, cioè se difendiamo instancabilmente i nostri diritti e resistiamo ad ogni tentativo del governo di metterci in catene.

I Fondatori hanno capito che le nostre libertà non derivano dal governo. Non ci sono stati dati solo per essere tolti dalla volontà dello Stato. Sono intrinsecamente nostri. Allo stesso modo, lo scopo prefissato dal governo non è quello di minacciare o indebolire le nostre libertà, ma di salvaguardarle.

Fino a quando non potremo tornare a questo modo di pensare, finché non potremo ricordare ai nostri concittadini americani cosa significa veramente essere  liberi , e finché non saremo in grado di resistere alle minacce alle nostre libertà, continueremo a essere trattati come schiavi in schiavi di uno stato di polizia burocratico gestito da psicopatici politici.

Fonte: https://www.zerohedge.com/political/criminality-white-house-rise-political-psychopath
Scritto da John e Nisha Whitehead tramite il Rutherford Institute
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi temi abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/11/20/leuropa-sta-bruciando/

Altre notizie
8 dicembre, Immacolata Concezione

8 dicembre, Immacolata Concezione

8 dicembre. Che una persona sia credente oppure no, e che sia questa la sua religione oppure no poco importa, perché è...

error: Content is protected !!
× How can I help you?