Wuhan Lab Leak “Così fottutamente probabile”

Nuovi messaggi di Slack rivelano un enorme inganno mediatico di Fauci e “scienziati”

Anche gli scienziati accreditati hanno iniziato a essere disciplinati da siti come Facebook , che hanno preso la direzione delle autorità sanitarie governative e hanno proibito dichiarazioni sul fatto che il virus fosse “creato dall’uomo o fabbricato“.

C’è stato anche un impatto sulla stampa, soprattutto dopo che il popolare sito Zero Hedge è stato rimosso da Twitter quando un articolo suggerì che dietro l’epidemia ci fosse uno scienziato di Wuhan.

Successivamente si è scoperto che Farrar ha fatto riferimento all’articolo di Zero Hedge in una lettera a Fauci non molto tempo dopo la sospensione del sito.

*  *  *

Scritto da Matt Taibbi, Leighton Woodhouse, Alex Gutentag, Michael Shellenberger tramite Racket News (troncato, leggi la versione completa su Racket ).

illustrazione di Daniel Medina

 

Il 5 febbraio 2020, mentre un piccolo gruppo di scienziati stava elaborando un articolo per la rivista Nature che sarebbe diventato la base di anni di rapporti che insistevano sul fatto che il Covid-19 avesse origini naturali, uno dei coautori, il dottor Robert Garry di Tulane, ha scritto in e-mail di gruppo:

Il rilascio accidentale è uno scenario con cui molti non si sentiranno a proprio agio, ma non può essere ignorato.

Come dettagliato in un’esplosiva storia pubblica, il pensiero di Garry è cambiato improvvisamente quando l’allora giornalista del New York Times Donald McNeil ha chiesto il giorno successivo: “C’è qualche possibilità che possa provenire dal laboratorio di Wuhan?”

Garry ha avvertito che McNeil era “credibile”, ma “come qualsiasi giornalista può essere fuorviato [sic]”, incoraggiando la versione scientifica del collega Dr. Andrew Rambaut di una negazione non negata come una “buona risposta onesta”.

La scorsa settimana, i membri della Camera che indagano sulle origini di Covid-19 hanno accidentalmente rilasciato una serie di chat ed e-mail Slack tra gli autori dell’articolo seminale di Nature del 17 marzo 2020, The Proximal Origin of SARS-CoV-2 .

Il documento di Proximal Origin ha fornito una singola riga che per anni ha aiutato le autorità a nascondere le teorie sull’intervento umano in Covid-19: “È improbabile che SARS-CoV-2 sia emerso attraverso la manipolazione di laboratorio”.

Le chat che mostrano gli autori di Proximal Origins che dicono cose come “La verità non verrà mai fuori (se la fuga dal laboratorio è la verità)” sono state pubblicate prima dal ricercatore indipendente Francisco Del Asis del gruppo investigativo indipendente DRASTIC , dopo di che la storia è stata ripresa da Ryan Grim di L’intercettazione .

Da lì, i funzionari sanitari hanno fatto del loro meglio per ignorare il materiale – “Molti di loro sono rimasti in silenzio su questa rivelazione”, dice De Asis – quasi come se stessero aspettando che arrivasse un’altra notizia bomba.

L’altra notizia bomba sta arrivando.

Public Racket la scorsa settimana hanno ottenuto una serie completa delle comunicazioni “Proximal Origins” esaminate dal sottocomitato House Select sulla pandemia di coronavirus, rivelando una storia molto peggiore di quanto si credesse in precedenza.

Mentre la storia pubblica di oggi descrive in dettaglio l’insabbiamento scientifico senza precedenti, le lettere e le chat esaminate qui a Racket mostrano come i funzionari sanitari e gli scienziati abbiano costruito forse l’inganno mediatico di maggior impatto dei tempi moderni, superando persino il fiasco delle armi di distruzione di massa sia in termini di portata che di sfacciata intenzionalità.

Perché gli investigatori di House hanno scoperto una tale ricchezza di materiale, parte dell’origine prossimale delle comunicazioni – che fanno luce su altre controversie relative a Covid – saranno affrontate in una seconda parte di questa serie alla fine di questa settimana.

Per ora, però, spicca il grado in cui queste comunicazioni fanno saltare anni di cronaca.

Le comunicazioni rilasciate sono incentrate principalmente su quattro dei cinque autori di Proximal Origin : il già citato Dr. Rambaut dell’Università di Edimburgo il Dr. Garry di Tulane il Professore di Scripps Research Dr. Kristian Andersen il virologo dell’Università di Sydney Edward “Eddie” Holmes .

Ci sono anche comunicazioni e-mail con il quinto autore, il dottor Ian Lipkin della Columbia , che non è nelle chat di Slack ma figura nella storia.

I quattro principali della chat di Slack – Andersen, Garry, Rambaut e Holmes – non sembrano mai lontani dai pensieri sul Wuhan Institute of Virology (WIV) e sul famoso scienziato Shi Zhengli. 

Soprannominata affettuosamente ” Bat Woman ” dai colleghi cinesi, Shi ha ricevuto sovvenzioni per la ricerca sui virus dei pipistrelli, inclusa una recente chiamata ” Capire il rischio dell’emergenza del coronavirus dei pipistrelli ” in cui ha collaborato con Peter Daszak della EcoHealth Alliance con sede negli Stati Uniti sul cosiddetto sperimentazione del guadagno di funzione.

Ad un certo punto, Andersen si lamenta delle procedure di contenimento al WIV, osservando, come avrebbe scritto in una e-mail l’esperto di biosicurezza James Le Duc nello stesso anno, che la struttura stava conducendo esperimenti molto pericolosi come livello di biosicurezza 3 (BSL-3), mentre il un BSL-4 più alto sarebbe normalmente considerato necessario.

“Sono completamente a favore di esperimenti GOF, penso che siano davvero importanti”, scrive Andersen. “Tuttavia, eseguirli in BSL-3 (o meno) è completamente pazzesco!”

Andersen prosegue affermando di essersi “evoluto” sulla questione della ricerca sul guadagno di funzione, affermando di non essere sicuro che tale conoscenza sia “utilizzabile”, pur essendo “ovviamente eccezionalmente pericolosa. Basta anche un solo errore.

Successivamente è emerso che WIV stava eseguendo alcuni dei suoi esperimenti a un livello ancora più basso. 

“Tieni presente che WIV ha effettivamente svolto gran parte del suo lavoro sul coronavirus al BSL2, che è ciò che alla fine ha spinto Ian Lipkin a cambiare idea”, afferma il fondatore di DRASTIC, riferendosi ai commenti di Lipkin a McNeil nel maggio del 2021, dicendo “Il mio punto di vista è cambiato.”

I quattro core hanno anche ripetutamente esaminato il problema posto dal “sito di clivaggio della furina”, una caratteristica distintiva della sequenza genetica del Covid-19. 

Come è ormai noto al grande pubblico grazie ancora agli scavi del gruppo DRASTIC, che ha fatto trapelare il materiale nell’autunno del 2021 , i ricercatori dell’Università del North Carolina guidati dal Dr. Ralph Baric avevano inviato una proposta al Pentagono cercando di introdurre “siti di scissione specifici per l’uomo” nei coronavirus dei pipistrelli, per un programma chiamato DEFUSE.

Baric e Shi avevano lavorato insieme in più di un’occasione e nel 2015 erano persino coautori di un documento che dimostrava che una proteina spike del coronavirus può infettare le cellule umane.

In ogni caso, con queste e altre questioni in mente, tutti e cinque gli scienziati esprimono la convinzione che la fuga dal laboratorio di Wuhan fosse almeno possibile, se non probabile:

  • Andersen: ” La versione di fuga dal laboratorio è così dannatamente probabile perché stavano già facendo questo lavoro…
  • Garry: ” Il problema principale che ho è il sito polibasico cleavahe [sic]… non è proprio un processo naturale .” Inoltre: “Non è da pazzi suggerire che ciò potrebbe essere accaduto, data la ricerca GoF che sappiamo essere in corso”. 
  • Lipkin: “[Una bozza del documento] non elimina la possibilità di rilascio involontario a seguito di adattamento attraverso la selezione in coltura presso l’istituto di Wuhan. Data la portata della ricerca sul CoV nei pipistrelli perseguita lì… abbiamo un incubo di prove circostanziali da valutare. 
  • Holmes (rispondendo a Lipkin): “Sono d’accordo… Sembra essere stato pre-adattato per la diffusione umana sin dall’inizio. È l’epidemiologia che trovo più preoccupante”.
  • Rambaut: ” Sono abbastanza convinto che sia stato messo lì dall’evoluzione (selezione naturale o artificiale) “.

*  *  *

Come dettagliato in pubblico, gli autori di Proximal Origin che inizialmente hanno discusso della fuga dal laboratorio in modo così casuale sembravano aver cambiato idea dopo una teleconferenza del 3 febbraio che includeva artisti del calibro del Dr. Anthony Fauci, l’allora capo del NIH Francis Collins e Dr. Jeremy Farrar del Wellcome Trust (e ora dell’OMS).

Sebbene all’epoca fosse il capo del CDC, Redfield fu escluso. “Avrei dovuto essere invitato”, ha detto, ma “non ho saputo di queste telefonate fino a quando non è uscito Freedom of Information “, riferendosi a un rapporto basato su FOIA pubblicato da Buzzfeed più di un anno dopo.

Da quel momento in poi, i riferimenti degli scienziati alla “fuga dal laboratorio” sono diventati meno frequenti, con alcuni degli autori di Proximal Origin che hanno affermato di essere rimasti colpiti da vari sviluppi, inclusi set di dati sulle mutazioni nei pangolini.

Tuttavia, gli scienziati erano chiaramente più toccati dalla politica interna in corrispondenza con figure come Farrar, che si lamentava che le domande sull’origine della pandemia avevano “acquisito un notevole slancio non nei social media, ma sempre più tra alcuni scienziati, nei media mainstream e tra i politici”.

Ansioso di compiacere, Holmes a un certo punto è arrivato al punto di dire su una bozza del documento: “ Jeremy Farrar e Francis Collins sono molto felici. Per me va bene. 

“Questo sembra significativo tra le altre cose perché Andersen ha testimoniato che quando i repubblicani hanno affermato che gli autori di Proximal Origins ” hanno inviato una bozza a Drs. Fauci e Collins” e che “prima della pubblicazione finale… il documento è stato inviato al Dr. Fauci per la revisione e l’approvazione”, ha detto Andersen, ” Queste affermazioni sono false “.

Andersen ha sostenuto l’idea di scrivere la bozza finale di Nature in modo da non lasciare spazio a speculazioni sull’origine del laboratorio.

” Credo che pubblicare qualcosa di aperto potrebbe ritorcersi contro in questa fase “, ha scritto, ammettendo anche in un altro punto che “Il nostro lavoro principale nelle ultime due settimane si è concentrato sul tentativo di confutare qualsiasi tipo di teoria di laboratorio”.

L’8 febbraio, Andersen ha dichiarato: “Dovremmo rimanere tutti su Slack, ecco cosa dovremmo fare e non usare la posta elettronica”.

In una lettera del 12 febbraio a NatureClare Thomas, redattore di virologia, è arrivato al punto di descrivere il documento proposto come “suggerito da Jeremy Farrar, Tony Fauci e Francis Collins”, solo dopo di che ha elencato gli autori effettivi:

Entro il 27 febbraio 2020, Andersen ha detto ai redattori di Nature che il virus ” ha un’origine naturale” e il giorno successivo Rambaut si riferiva in Slack a “pazzi della cospirazione di origine di laboratorio”.

In un’e-mail chiave all’inizio del processo, Andersen si è lamentato dell’attenzione della stampa, affermando che “l’ idea dell’ingegneria e delle armi biologiche non sta sicuramente scomparendo “. Mentre “potrebbe esserci un momento in cui dobbiamo affrontarlo in modo più diretto”, ha detto, “lascerò che artisti del calibro di Jeremy e Tony capiscano come farlo”.

*  *  *

L’elenco dei casi in queste chat ed e-mail in cui le principali autorità sulle origini del Covid esprimono dubbi su teorie che per anni sarebbero state abbracciate dall’ufficialità è troppo lungo per essere qui catalogato completamente, ma per esempio: gli autori sono sembrati unanimi nella loro valutazione che il cosiddetto “mercato umido” fosse un’improbabile scena del crimine.

“In nessun modo la selezione potrebbe avvenire sul mercato”, dice Holmes a un certo punto. Garry è d’accordo e dice: “Dove otterresti una trasmissione abbastanza intensa … da generare e trasmettere l’inserimento del sito furin?” Rambaut dice: ” Questa è la domanda da un milione di dollari ” e prosegue suggerendo non “cani procione” o “zibetti delle palme”, ​​ma furetti. “Potrei credere ai furetti”, scherza Andersen.

È con la pubblicazione di The Proximal Origin of SARS CoV-2 il 17 marzo che inizia davvero la campagna senza precedenti di inganno mediatico .

Le autorità primarie sulla questione se il virus fosse o meno il risultato di una “manipolazione di laboratorio” ora tacevano, dicendo poco, mentre altri personaggi dei media e politici su base quasi costante si riferivano al giornale come all’autorità in materia, sopprimendo domande sull’origine della pandemia.

La “teoria della fuga di laboratorio” è diventata famigerata nei circoli mainstream, tra le altre cose perché Donald Trump sembrava incolpare la Cina per il pasticcio, usando termini come “Kung Flu”, e in secondo luogo perché sembrava implicare un eroe neoliberista, il dottor Anthony Fauci , che è entrato nei panni di Robert Mueller come il protagonista preferito della stampa mainstream.

Anche Fauci aveva candele votive fatte con la sua immagine , godeva di Nicolle Wallace che diceva di essere una ” fauci groupie ” e vedeva SNL fare regolarmente “Fauci cold opens”, in cui il leggero burocrate veniva raffigurato mentre spazzava via i reggiseni lanciatigli addosso adorando fan, o essere chiesto da idioti se le ragazze possono rimanere incinte nel cielo.

L’attenzione è chiaramente arrivata alla testa di Fauci, perché presto ha iniziato a scrivere il proprio materiale satirico, dicendo a Chuck Todd che gli attacchi contro di lui erano “attacchi alla scienza”:

*  *  *

Il primo importante sviluppo della copertura dopo la pubblicazione del 17 marzo 2020 è stato sottile.

Mentre il team di Nature ha semplicemente affermato di non aver trovato prove di una fuga dal laboratorio, i titoli sono presto emersi suggerendo qualcosa di molto più affermativo. ” L’epidemia di coronavirus COVID-19 ha un’origine naturale “, ha dichiarato Science Daily, lo stesso giorno in cui è stato pubblicato Proximal Origin .

Inoltre, mentre gli autori di Proximal Origin potevano solo dire che l’origine del laboratorio era “improbabile”, i media legacy subito dopo hanno iniziato a utilizzare il rapporto per affermare qualcosa di molto più forte che il rapporto non diceva esplicitamente.

” No, il nuovo coronavirus non è stato creato in laboratorio, dicono gli scienziati “, ha annunciato il CBC il 26 marzo 2020.

Inoltre, le autorità di controllo dei fatti come Politifact hanno iniziato a denunciare il concetto come “teoria del complotto” e a classificare le persone che suggerivano che il virus fosse “creato dall’uomo” usando termini assoluti come “falso” o “smascherato”. 

Non è stato fino a più di un anno dopo, quando agenzie federali come il Dipartimento dell’Energia e l’FBI hanno iniziato a concludere che l’origine del laboratorio era almeno possibile se non probabile, che PolitiFact ha iniziato a correggersi.

A sinistra: Politifact a maggio 2020. A destra: Politifact a maggio 2021

In particolare nel 2020, gli scienziati di tutto il mondo sono stati rimproverati, rimossi da Internet e in alcuni casi licenziati per aver diffuso la “teoria del complotto” secondo cui parti della sequenza genetica del Covid-19 suggerivano un’origine di laboratorio.

Per un certo tipo di intellettuale dipendente dalle sovvenzioni, un messaggio è stato inviato non solo dall’articolo su Nature pubblicato a marzo, ma da una lettera aperta pubblicata settimane prima e firmata da 27 eminenti scienziati nell’importante rivista Lancet 

Il messaggio è diventato ancora più forte quando Andersen e Garry sono stati due dei sette ricercatori a ricevere una sovvenzione di 8,9 milioni di dollari dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) di Fauci.

*  *  *

Anche gli scienziati accreditati hanno iniziato a essere disciplinati da siti come Facebook, che hanno preso la direzione delle autorità sanitarie governative e hanno proibito dichiarazioni sul fatto che il virus fosse “creato dall’uomo o fabbricato “.

C’è stato anche un impatto sulla stampa, soprattutto dopo che il popolare sito Zero Hedge è stato rimosso da Twitter quando un articolo suggerì che dietro l’epidemia ci fosse uno scienziato di Wuhan. Successivamente si è scoperto che Farrar ha fatto riferimento all’articolo di Zero Hedge in una lettera a Fauci non molto tempo dopo la sospensione del sito.

Con poche notevoli eccezioni, quasi tutti nella comunità della stampa tradizionale si sono tenuti alla larga da qualsiasi indagine sulla possibilità di origine di laboratorio per Covid-19, per diversi motivi.

Una chiave era che tali teorie erano state codificate all’inizio come “di destra” o addirittura razziste. “Sono stato pubblicamente diffamato come un sinofobo razzista”, dice Deigin di DRASTIC, “e ovviamente ridicolizzato come un pazzo cospirazionista da innumerevoli virologi e dai loro fan”.

Personaggi di spicco su canali come MSNBC hanno martellato l’idea che la “fuga di laboratorio” fosse una follia di destra, con Nicolle Wallace che l’ha definita “una delle teorie del complotto preferite da Trumpworld”, mentre Fareed Zakaria sul Washington Post ha annunciato: “L’estrema destra ha ora ha trovato la sua teoria della cospirazione del virus.

Tuttavia, nel 2021, sia l’FBI che il Dipartimento dell’Energia hanno pubblicato rapporti all’interno del governo che indicavano la fuga dal laboratorio o la ammettevano come una forte possibilità .

Il pubblico non è stato informato di questi sviluppi, e invece ha dovuto guardare confuso mentre le autorità di verifica dei fatti e i politici hanno iniziato a fare retromarcia su questa questione, senza una ragione ovvia.

Nel maggio 2021, Fauci in particolare ha scioccato molti quando è apparso, tra tutti i luoghi, a una “conferenza di verifica dei fatti” sponsorizzata dal Poynter Institute, uno degli sponsor di Politifact, e improvvisamente ha detto di non essere “convinto” Covid- 19 sviluppato naturalmente:

Ora, due anni dopo, stiamo scoprendo che gli autori dell’articolo sull’origine prossimale (che hanno tutti rifiutato di commentare Racket and Public , tra l’altro, così come Farrar e Collins) avevano molti degli stessi pensieri di accademici ed esperti liquidati per anni come pazzi, razzisti e traditori. 

Ho chiesto a Deigin se si sentiva vendicato. “In qualche modo lo faccio”, ha detto. “I messaggi di Slack confermano ciò che sospettavamo da tempo.”

Va ribadito che questi documenti non provano ancora che il virus sia scappato dal Wuhan Institute, o che scienziati americani siano stati implicati nell’episodio.

Ciò che i documenti mostrano, tuttavia, è che sia gli scienziati che i giornalisti hanno abbandonato la loro missione tradizionale di mantenere le loro menti aperte e considerare tutte le prove ragionevoli senza timore di considerazioni politiche, a favore di una nuova disciplina che ammettesse apertamente i fattori politici e cercasse un “unico messaggio” su un’indagine a campo libero.

I pochi giornalisti mainstream che hanno continuato a spingere questa storia, come Josh Rogin del Washington Post , dovrebbero essere encomiati, ma nel complesso, sia il business dei media che la professione scientifica stanno subendo un grande successo dopo la pubblicazione di questi documenti.

“Come fa il pubblico a fidarsi di nuovo della scienza?” chiese Bhattacharya.

Foto di Tyler Durden DI TYLER DURDEN
https://www.zerohedge.com/covid-19/wuhan-lab-leak-so-friggin-likely-new-slack-messages-reveal-massive-media-deception-fauci
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li.it

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2022/11/28/la-deposizione-di-7-ore-di-fauci-cio-che-sappiamo-finora/
e qui:
https://ita.li.it/2023/01/15/come-possiamo-fidarci-delle-istituzioni-che-hanno-mentito/

Altre notizie
8 dicembre, Immacolata Concezione

8 dicembre, Immacolata Concezione

8 dicembre. Che una persona sia credente oppure no, e che sia questa la sua religione oppure no poco importa, perché è...

error: Content is protected !!
× How can I help you?