Come possiamo fidarci delle istituzioni che hanno mentito?

Fidati delle autorità, fidati degli esperti e fidati della scienza, ci è stato detto.

I messaggi sulla salute pubblica durante la pandemia di Covid-19 erano credibili solo se provenivano dalle autorità sanitarie governative, dall’Organizzazione mondiale della sanità e dalle aziende farmaceutiche, nonché da scienziati che ripetevano a pappagallo le loro battute con poco pensiero critico.

Nel nome della “protezione” del pubblico, le autorità hanno fatto di tutto, come descritto nei  Twitter Files recentemente pubblicati  ( 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , 6 , 7 ) che documentano la collusione tra l’FBI e i social media, per creare un’illusione di consenso sulla risposta adeguata al Covid-19. 

Hanno soppresso ” la verità “, anche quando proveniva da  scienziati altamente credibili , minando il dibattito scientifico e impedendo la correzione degli errori scientifici. In effetti, è stata creata un’intera burocrazia di censura, apparentemente per occuparsi del cosiddetto MDM: misinformazione (false informazioni risultanti da errore umano senza intenzione di nuocere); disinformazione  (informazioni destinate a fuorviare e manipolare); malinformaizone (informazioni accurate destinate a nuocere).

Dai fact-checker come  NewsGuard , al Digital Services Act della Commissione Europea  , al UK  Online Safety Bill  e alla BBC  Trusted News Initiative , così come  Big Tech e social media , tutti gli occhi sono puntati sul pubblico per limitare i loro ‘mis-/dis-/mal-informazione.’

“Che si tratti di una minaccia per la nostra salute o di una minaccia per la nostra democrazia, la disinformazione ha un costo umano”.  — Tim Davie, direttore generale della  BBC

Ma è possibile che istituzioni “fidate” possano rappresentare una minaccia molto più grande per la società diffondendo informazioni false?

Sebbene il problema della diffusione di false informazioni sia generalmente concepito come proveniente dal pubblico, durante la pandemia di Covid-19, governi, corporazioni, organizzazioni sovranazionali e persino riviste scientifiche e istituzioni accademiche hanno contribuito a una falsa narrazione.

Falsità come “I blocchi salvano vite” e “Nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro” hanno costi di vasta portata in termini di mezzi di sussistenza e di vite. La falsa informazione istituzionale durante la pandemia era dilagante. Di seguito è riportato solo un esempio a scopo illustrativo.

Le autorità sanitarie hanno falsamente  convinto  il pubblico che i vaccini Covid-19 bloccano l’infezione e la trasmissione quando i  produttori non hanno  mai nemmeno testato questi risultati. Il CDC ha cambiato la sua definizione di vaccinazione per essere più “inclusiva” dei nuovi vaccini con tecnologia mRNA. Invece di aspettarsi che i vaccini producessero  immunità , erano ritenuti abbastanza buoni da produrre protezione .

Le autorità hanno anche ripetuto il  mantra  (lo trovate nel video al minuto 16 e 55″) di “sicuro ed efficace” per tutta la durata della pandemia, nonostante le  prove emergenti  di danno da vaccino. La  FDA  ha rifiutato il rilascio completo dei documenti che aveva esaminato in 108 giorni al momento della concessione dell’autorizzazione all’uso di emergenza dei vaccini. Quindi, in risposta a una richiesta del Freedom of Information Act, ha tentato di ritardare il loro rilascio fino a 75 anni. Questi  documenti  presentavano prove di eventi avversi del vaccino. È importante notare che tra  il 50 e il 96  percento del finanziamento delle agenzie di regolamentazione dei farmaci in tutto il mondo proviene da Big Pharma sotto forma di sovvenzioni o quote di utenza. Possiamo ignorare che è difficile mordere la mano che ti nutre?

I produttori di vaccini hanno affermato alti livelli di efficacia del vaccino   in termini di riduzione del rischio relativo (tra il 67 e il 95%). Non sono riusciti, tuttavia, a condividere con il pubblico la misura più affidabile della  riduzione del rischio assoluto  che era solo dell’1% circa, esagerando così il beneficio atteso di questi vaccini. 

Hanno anche  affermato che  “non sono stati osservati gravi problemi di sicurezza” nonostante il loro  rapporto sulla sicurezza post-autorizzazione  rivelasse molteplici eventi avversi gravi, alcuni letali. I produttori inoltre non sono riusciti ad affrontare pubblicamente la  soppressione immunitaria  durante le due settimane successive alla vaccinazione e l’efficacia del vaccino in rapida  diminuzione  che diventa  negativa  a 6 mesi o l’aumento del rischio di infezione con ogni  richiamo aggiuntivo . La mancanza di trasparenza su queste informazioni vitali ha negato alle persone il diritto al  consenso informato .

Hanno anche affermato che l’immunità naturale non è sufficientemente protettiva e che  è necessaria l’immunità ibrida  (una combinazione di immunità naturale e vaccinazione). Questa falsa informazione era necessaria per vendere le scorte rimanenti dei loro prodotti a fronte del crescente  numero di casi di rottura  (infezione nonostante la vaccinazione).

In realtà, sebbene l’immunità naturale possa non prevenire completamente la futura infezione da SARS-CoV-2, è comunque efficace nel  prevenire  gravi sintomi e decessi. Quindi la vaccinazione post-infezione naturale non è necessaria.

L’  OMS  ha anche partecipato a false informazioni al pubblico. Ha ignorato i propri piani pre-pandemici e ha negato che i blocchi e le mascherine siano inefficaci nel salvare vite umane e abbiano un danno netto per la salute pubblica. Ha inoltre promosso la vaccinazione di massa in contraddizione con il  principio di salute pubblica  degli “interventi basati sui bisogni individuali”.

È arrivato anche a escludere  l’immunità naturale  dalla sua definizione di immunità di gregge e ha affermato che solo i vaccini possono aiutare a raggiungere questo punto finale. Ciò è stato successivamente annullato sotto la pressione della comunità scientifica. Ancora una volta, almeno il 20 percento dei  finanziamenti dell’OMS proviene da Big Pharma e filantropi investiti in prodotti farmaceutici. È questo il caso di colui che paga il suonatore di cornamusa chiama la melodia?

The  Lancet , una rispettabile rivista medica, ha pubblicato un  articolo  in cui affermava che l’idrossiclorochina (HCQ) – un farmaco riproposto utilizzato per il trattamento del Covid-19 – era associato a un leggero aumento del rischio di morte. Ciò ha portato la  FDA  a vietare l’uso di HCQ per il trattamento di pazienti affetti da Covid-19 e il  NIH  a interrompere gli studi clinici su HCQ come potenziale trattamento per Covid-19. Si trattava di misure drastiche prese sulla base di uno studio successivamente ritirato a causa dell’emergere di prove che dimostravano la falsità dei dati utilizzati.

In un altro caso, la rivista medica  Current Problems in Cardiology ha  ritrattato ,  senza alcuna giustificazione, un documento che mostrava un aumento del rischio di  miocardite  nei giovani dopo i vaccini Covid-19, dopo che era stato sottoposto a revisione paritaria e pubblicato. Gli autori hanno sostenuto il principio di precauzione nella vaccinazione dei giovani e hanno chiesto ulteriori studi di farmacovigilanza per valutare la sicurezza dei vaccini. Cancellare tali scoperte dalla letteratura medica non solo impedisce alla scienza di seguire il suo corso naturale, ma trattiene anche informazioni importanti dal pubblico.

Una storia simile si è verificata con l’ivermectina, un altro farmaco utilizzato per il trattamento di Covdi-19, questa volta potenzialmente implicando il mondo accademico. Andrew Hill  ha affermato  (nel video al minuto 5 e15″) che la  conclusione  del suo articolo sull’Ivermectina è stata influenzata da  Unitaid  che, per coincidenza, è il principale finanziatore di un nuovo centro di ricerca sul posto di lavoro di Hill, l’Università di Liverpool. La sua  meta-analisi  ha mostrato che l’ivermectina ha ridotto la mortalità con Covid-19 del 75%. Invece di sostenere l’uso di Ivermectina come trattamento per il Covid-19, ha concluso che erano necessari ulteriori studi.

La  soppressione  di trattamenti potenzialmente salvavita è stata determinante per l’autorizzazione all’uso di emergenza dei vaccini Covid-19 in quanto l’assenza di un trattamento per la malattia è una condizione per l’  EUA  (p.3).

Molti media sono anche colpevoli di condividere informazioni false. Ciò avveniva sotto forma di rapporti distorti o accettando di essere una piattaforma per campagne di pubbliche relazioni (PR). PR è una parola innocua per la propaganda o l’arte di condividere informazioni per influenzare l’opinione pubblica al servizio di particolari gruppi di interesse.

Il pericolo delle pubbliche relazioni è che a un occhio inesperto passano per opinioni giornalistiche indipendenti. Le campagne di pubbliche relazioni mirano a sensazionalizzare le scoperte scientifiche, possibilmente per aumentare l’adozione da parte dei consumatori di una determinata terapia, aumentare i finanziamenti per ricerche simili o aumentare i prezzi delle azioni. Le aziende farmaceutiche hanno speso  6,88 miliardi di dollari  in  pubblicità televisive  nel 2021 solo negli Stati Uniti. È possibile che questo finanziamento abbia influenzato i resoconti dei media durante la pandemia di Covid-19?

La mancanza di integrità e i conflitti di interesse hanno portato a una pandemia di false informazioni istituzionali senza precedenti. Spetta al pubblico determinare se quanto sopra è un caso di cattiva o disinformazione.

La fiducia del pubblico nei media ha visto il suo più grande  calo  negli ultimi cinque anni. Molti si stanno anche accorgendo della diffusa falsa informazione istituzionale. Il pubblico non può più fidarsi di istituzioni “autorevoli” che avrebbero dovuto prendersi cura dei loro interessi. Questa lezione è stata appresa a caro  prezzo . Molte vite sono state perse a causa della soppressione del trattamento precoce e di una politica di vaccinazione malsana; imprese rovinate; posti di lavoro distrutti; rendimento scolastico regredito; povertà aggravata; e gli esiti di salute fisica e mentale sono peggiorati. Un disastro di massa evitabile.

Abbiamo una scelta: o continuiamo ad accettare passivamente false informazioni istituzionali o resistiamo. Quali sono i controlli e gli equilibri che dobbiamo mettere in atto per ridurre i conflitti di interesse nella sanità pubblica e nelle istituzioni di ricerca? Come possiamo decentralizzare i media e le riviste accademiche per ridurre l’influenza della pubblicità farmaceutica sulla loro politica editoriale?

Come individui, come possiamo migliorare la nostra alfabetizzazione mediatica per diventare consumatori più critici di informazioni? Non c’è niente che dissipa le false narrazioni meglio dell’indagine personale e del pensiero critico. Quindi la prossima volta che le istituzioni in conflitto gridano al lupo al lupo o alla variante viziosa o al clima catastrofico, dobbiamo pensarci due volte.

 

Fonte: https://www.zerohedge.com/geopolitical/how-can-we-trust-institutions-lied
Scritto da Abir Ballan tramite The Brownstone Institute,

Altre notizie
Ukraine: chi dà più soldi?

Ukraine: chi dà più soldi?

Secondo voi, chi sta dando più soldi all'UKraine? Come mostra Martin Armstrong di Statista nel grafico qui...

error: Content is protected !!
× How can I help you?