OMS e il Trattato Pandemico

Il Trattato pandemico dell’Organizzazione mondiale della sanità ignora gli errori politici legati al Covid

L’Organizzazione Mondiale della Sanità esorta gli Stati Uniti e altri 193 governi a impegnarsi il mese prossimo per un nuovo trattato globale per prevenire e gestire le future pandemie.

Le stime attuali suggeriscono che saranno necessari oltre 31 miliardi di dollari all’anno per finanziare i propri obblighi, un costo che la maggior parte dei paesi a basso reddito non può permettersi.

Ma non è questo l’unico motivo per opporsi.

Convalidare questo trattato è un voto a favore delle politiche disastrose degli anni del Covid.

Invece di prendersi del tempo per una riflessione profonda e una riforma seria, coloro che spingono per il trattato sulla pandemia sono determinati a ignorare e istituzionalizzare gli errori dell’OMS.

Dalla primavera del 2020, molti esperti  hanno avvertito  che il panico innescato dal blocco senza precedenti di Wuhan avrebbe causato danni di vasta portata, e in effetti lo hanno fatto.

La chiusura delle scuole ha privato una generazione di bambini, soprattutto quelli poveri, dell’accesso all’istruzione di base.

Le imprese sono state chiuse.

L’obbligo di vaccini e mascherine ha reso la sanità pubblica un esercizio autoritario di potere privo di scienza.

Le quarantene ai confini hanno promulgato l’idea che il resto del mondo è impuro.

Ma pochi esperti si preoccupano di analizzare seriamente questi errori.

Quante scuole di sanità pubblica – in America o in Europa – hanno tenuto seri dibattiti durante la risposta al Covid, o successivamente?

Pochissimi.

L’opposizione al trattato è un segnale all’OMS e alla comunità sanitaria globale che non possono nascondere questi errori.

La prossima volta, dovremo garantire un migliore equilibrio tra compromessi, politiche basate sull’evidenza e diritti democratici.

Tale visione cerca di ripristinare la definizione di salute propria dell’OMS nella risposta alla pandemia:  “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l’assenza di malattia o infermità .

Eppure la filosofia che guida il programma di emergenza dell’OMS è esattamente l’opposto.

I suoi leader rimproverano il mondo affinché “si muova più velocemente” e “faccia di più”.

Bill Gates, il più grande donatore privato dell’agenzia, è convinto che i benefici del lockdown abbiano ampiamente superato i danni.

Ha torto.

Leggete l’attuale bozza del trattato stesso e troverete un’intera sezione dedicata alla “lotta alla disinformazione”.

Non esiste una sezione focalizzata sulla prevenzione dei danni. 

Coloro che denunciano questi pericoli sono stati sottoposti a una dura censura.

Un tempo stimati professionisti venivano licenziati sommariamente per aver descritto la realtà di quanto stava accadendo.

Gli autori della Dichiarazione anti-lockdown di Great Barrington – professori di Stanford, Harvard e Oxford – sono stati soggetti a una “ devastante rimozione ” per mano del dottor Fauci e dei massimi burocrati scientifici del National Institutes of Health e dell’OMS.

La sanità pubblica è arrivata ad assomigliare alla polizia e coloro che sostengono il nuovo trattato dell’OMS vogliono andare oltre.

Richiede più mandati, più passaporti per i vaccini e più censura: la nostra nuova “dottrina di blocco” sanitaria globale.

I sostenitori del trattato vorrebbero far credere che si tratti semplicemente di uno strumento che i paesi possono utilizzare per guidare i futuri sforzi di risposta alla pandemia, che non può prevalere sulla sovranità nazionale o essere utilizzato per imporre politiche fallimentari a intere popolazioni.

Ma la linfa vitale dei trattati internazionali non è nell’inchiostro essiccato.

I trattati vengono costantemente ignorati.

Tuttavia, fanno una cosa molto bene: creano un’illusione di consenso, segnalando a coloro che hanno potere e influenza.

Queste priorità vengono poi filtrate nelle leggi e nei piani nazionali dove possono causare danni enormi.

Come possono i governi nazionali sostenere seriamente un accordo internazionale quando sono in corso le loro valutazioni nazionali sul Covid?

L’inchiesta Covid nel Regno Unito si concluderà nel 2026.

La commissione australiana è in corso.

Italia e Irlanda li hanno annunciati solo di recente.

La maggior parte non ne ha pianificato nessuno. 

La fretta deve rallentare.

Gli Stati Uniti dovrebbero evitare di firmare fino a quando non sarà completata una revisione approfondita e bipartisan della gestione della pandemia di Covid da parte dell’OMS.

Fino ad allora, votare a favore di un trattato contro la pandemia è un voto contro un cambiamento reale e positivo.

Fonte: https://realclearwire.com/articles/2024/04/30/the_world_health_organizations_pandemic_treaty_ignores_covid_policy_mistakes_1028504.html
Scritto da Kevin Bardosh e Jay Bhattarcharya
Kevin Bardosh è direttore e responsabile della ricerca presso Collateral Global. Jay Battacharya è professore alla Stanford School of Medicine.
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2024/03/05/storia-2084/
https://ita.li.it/2023/12/17/oms-con-la-delega-si-va-verso-un-governo-sanitario-globale/
https://ita.li.it/2024/04/16/totalitarismo/

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?