Totalitarismo: la via intrapresa da OMS

Totalitarismo: quali sarebbero le implicazioni per i cittadini di tutto il mondo se l’OMS riuscisse a convincere i rappresentanti dei paesi membri ad accettare gli emendamenti proposti?

Per capirlo, bisogna ovviamente fare i conti con la modalità di governo chiamata governo totalitario, ma dubito che la maggior parte delle persone abbia una conoscenza adeguata del governo totalitario a tutti gli effetti, nonostante lo abbia recentemente sperimentato in una certa misura sotto “pandemia”.

Se gli emendamenti proposti dall’OMS venissero accettati a maggio, i cittadini del mondo sarebbero tuttavia soggetti a un totalitarismo puro e semplice, quindi vale la pena esplorare tutte le implicazioni di questa modalità di governo “anonima”.

Ciò viene fatto nella speranza che, se i rappresentanti del popolo – che è quello che dovrebbero essere – negli organi legislativi di tutto il mondo dovessero leggere questo articolo, così come altri relativi allo stesso argomento, ci penserebbero due volte prima di sostenere una mozione o un disegno di legge che, di fatto, garantirebbe all’OMS il diritto di usurpare la sovranità dei paesi membri.

I recenti sviluppi nello stato della Louisiana negli Stati Uniti, che equivalgono al rifiuto dell’autorità dell’OMS, dovrebbero essere d’ispirazione per altri stati e paesi a seguire il suo esempio.

Questo è il modo per sconfiggere il menzognero “trattato sulla pandemia” dell’OMS.

Sul suo sito web, chiamato  Freedom Research , la dottoressa Meryl Nass ha descritto il concetto di “preparazione alla pandemia” dell’OMS come una “truffa/boondoggle/cavallo di Troia”, che mira (tra le altre cose) a trasferire miliardi di dollari dei contribuenti all’OMS così come ad altre industrie, al fine di rivendicare la censura in nome della “salute pubblica” e, cosa forse più importante , di trasferire la sovranità relativa al processo decisionale per la “salute pubblica” a livello globale al Direttore Generale dell’OMS (il che significa che legalmente , i paesi membri perderebbero la loro sovranità).

Inoltre, sottolinea il fatto che l’OMS intende utilizzare l’idea di “One Health” per sussumere tutti gli esseri viventi, gli ecosistemi e anche il cambiamento climatico sotto la propria “autorità”.

Inoltre, acquisire più agenti patogeni per un’ampia distribuzione, in questo modo esacerbando la possibilità di pandemie oscurandone l’origine e, nel caso in cui si verifichino tali pandemie, giustificando lo sviluppo di più “vaccini” (obbligatori) e l’imposizione di passaporti vaccinali ( e dei lockdown) a livello globale, aumentando così il controllo (il termine chiave è questo) sulle popolazioni.

Se il suo tentativo di presa del potere globale avesse successo, l’OMS avrebbe l’autorità di imporre qualsiasi programma “medico” che ritenga necessario per la “salute mondiale”, indipendentemente dalla sua efficacia e dagli effetti collaterali (inclusa la morte).

Nel paragrafo precedente ho scritto in corsivo la parola “controllo” come termine chiave.

Ciò che dovrebbe essere aggiunto è il termine “totale”, cioè “controllo totale”.

Questa è l’essenza del governo totalitario, e dovrebbe quindi essere facile vedere che ciò a cui mira l’OMS (insieme al WEF e alle Nazioni Unite) è il controllo totale o completo della vita di tutte le persone.

Nessuno ha analizzato ed elaborato il totalitarismo da questa prospettiva in modo più approfondito della filosofa americana di origine tedesca Hannah Arendt, e il suo monumentale studio su questo fenomeno: “ Le origini del totalitarismo ” (1951 e in formato ingrandito, 1958) è ancora valido. come fonte autorevole per la comprensione delle sue manifestazioni storiche.

Questi ultimi, su cui si concentra la Arendt, sono il nazismo e lo stalinismo del XX secolo, ma non è difficile percepirne i lineamenti in ciò che stiamo vivendo dal 2020, anche se si potrebbe sostenere con forza che il 2001 ha segnato il suo inizio identificabile, quando (sulla scia dell’11 settembre) fu approvato il Patriot Act, ponendo probabilmente le  basi autoritarie  per un governo totalitario come chiaramente percepito da  Henry Giroux.

Arendt (p. 274 di Harvest, edizione Harcourt di “The Origins of Totalitarianism”, 1976) individua il “terrore totale” come l’essenza del governo totalitario, ed elabora come segue:

“Premendo gli uomini gli uni contro gli altri, il terrore totale distrugge lo spazio tra loro; rispetto alla condizione entro la sua fascia di ferro, anche il deserto della tirannia [che lei distingue dal totalitarismo; BO], in quanto è ancora una sorta di spazio, appare come una garanzia di libertà.

Il governo totalitario non si limita a limitare le libertà o ad abolire le libertà essenziali; né riesce, almeno per la nostra limitata conoscenza, a sradicare l’amore per la libertà dal cuore dell’uomo.

Distrugge l’unico prerequisito essenziale di ogni libertà che è semplicemente la capacità di movimento che non può esistere senza lo spazio”.

Leggere questa suggestiva caratterizzazione del totalitarismo in termini di “terrore totale” ci fa comprendere di nuovo, con un sussulto, quanto diabolicamente intelligenti fossero gli autori della cosiddetta emergenza “pandemia” – che non era una vera pandemia, ovviamente, come ha affermato la Germania. il governo ha recentemente ammesso.

Era il sottile bordo del cuneo, per così dire, a insinuare il “terrore totale” nelle nostre vite limitando il nostro accesso alla libera circolazione nello spazio.

I “lockdown” sono lo strumento distintivo per implementare le restrizioni alla libera circolazione nello spazio.

Potrebbe non sembrare, a prima vista, uguale o simile all’incarcerazione dei prigionieri nei campi di concentramento sotto il dominio nazista, ma probabilmente gli effetti psicologici del lockdown si avvicinano a quelli sperimentati dai detenuti di questi famigerati campi in gli anni ’40.

Dopotutto, se non ti è permesso uscire di casa, tranne che per andare al negozio a comprare cibo e altri beni di prima necessità prima di tornare a casa, dove igienizzerai scrupolosamente tutti gli articoli che hai comprato (un promemoria concreto del fatto che avventurarsi nello spazio è “potenzialmente letale”) – l’imperativo è lo stesso: “Non ti è permesso uscire da questo recinto, se non in determinate condizioni”.

È comprensibile che l’imposizione di confini spaziali così rigidi generi un pervasivo senso di paura, che alla fine si trasforma in terrore.

Non c’è da stupirsi che le pseudo-autorità abbiano promosso – se non “comandato” – “lavorare (e studiare) da casa”, lasciando milioni di persone rinchiuse nelle loro case davanti agli schermi dei loro computer ( il muro della caverna di Platone ).

E vietare le riunioni pubbliche, fatta eccezione per alcune concessioni per quanto riguarda il numero dei partecipanti a determinati incontri, è stato altrettanto efficace per quanto riguarda l’intensificazione del terrore.

La maggior parte delle persone non oserebbe trasgredire queste restrizioni spaziali, data l’efficacia della campagna, per instillare nelle popolazioni il terrore del presunto letale “nuovo coronavirus”, esacerbando il “terrore totale” nel processo.

Le immagini dei pazienti negli ospedali , attaccati ai ventilatori, e talvolta guardando in modo supplichevole e disperato la telecamera, sono servite solo ad esacerbare questa sensazione di paura.

Con l’avvento dei tanto pubblicizzati pseudo-“vaccini” contro il COVID, un altro aspetto della generazione di terrore tra la popolazione si è manifestato sotto forma di implacabile censura di tutti i punti di vista e opinioni dissenzienti sull’”efficacia e la sicurezza” di questi, così come sull’efficacia comparabile del trattamento precoce del COVID mediante rimedi comprovati come l’idrossiclorochina e l’ivermectina.

Il chiaro scopo di ciò era quello di screditare i contrari che sollevavano dubbi sulla valorizzazione ufficiale di queste cure apparentemente miracolose per la malattia e di isolarli dal mainstream come “teorici della cospirazione”.

L’intuizione di Arendt sulla funzione indispensabile dello spazio per il movimento umano getta anche i piani del WEF per creare “città di 15 minuti” in tutto il mondo sotto una nuova luce inquietante.

Questi sono stati descritti come “ campi di concentramento a cielo aperto ”, che alla fine sarebbero diventati una realtà vietando la circolazione al di fuori di queste aree delimitate, dopo un periodo iniziale in cui si era venduta l’idea come un modo per combattere il cambiamento climatico camminando e andando in bicicletta invece di utilizzare automobili a emissione di carbonio.

La “preoccupazione” del WEF e dell’OMS per il cambiamento climatico  come presunta minaccia alla salute globale offre un’ulteriore giustificazione per queste variazioni pianificate sulle carceri per l’incarcerazione sottilmente mascherata di milioni di persone.

La pertinenza del pensiero di Arendt sul totalitarismo per il presente, però, non finisce qui.

Altrettanto rilevante quanto il modo in cui coltiva il terrore è la sua identificazione della  solitudine  e  dell’isolamento come prerequisiti per il dominio totale.

Descrive l’isolamento – nella sfera politica – come “pre-totalitario”.

È tipico dei governi tirannici  dei dittatori (che sono pre-totalitari), dove funziona per impedire ai cittadini di esercitare un certo potere agendo insieme.

La solitudine è la controparte dell’isolamento nella sfera sociale; i due non sono identici, e l’uno può valere senza l’altro.

Si può essere isolati o tenuti lontani dagli altri senza sentirsi soli; quest’ultimo si instaura solo quando ci si sente abbandonati da tutti gli altri esseri umani.

Il terrore, osserva saggiamente la Arendt, può “regnare in modo assoluto” solo su persone che sono state “isolate le une contro le altre” (Arendt 1975, pp. 289–290).

È quindi ovvio che, per ottenere il trionfo del regime totalitario, coloro che ne promuovono la nascita creerebbero circostanze in cui gli individui si sentono sempre più isolati e soli.

È superfluo ricordare l’inculcazione sistematica di entrambe queste condizioni nel corso della “pandemia” attraverso quanto discusso sopra, in particolare i lockdown, la restrizione dei contatti sociali a tutti i livelli e attraverso la censura, che – come osservato sopra – era chiaramente inteso a isolare gli individui dissenzienti.

E coloro che erano isolati in questo modo venivano spesso, se non abitualmente, abbandonati dalla famiglia e dagli amici, con la conseguenza che la solitudine poteva, e talvolta accadeva, seguire.

In altre parole, l’imposizione tirannica delle norme anti-COVID è servita allo scopo (probabilmente voluto) di preparare il terreno al dominio totalitario creando le condizioni affinché l’isolamento e la solitudine diventassero pervasivi.

In che modo il governo totalitario differisce dalla tirannia e dall’autoritarismo, dove si possono ancora discernere rispettivamente le figure del despota e il dominio di qualche ideale astratto? Arendt scrive che (p. 271–272):

“Se la legalità è l’essenza del governo non tirannico e l’illegalità è l’essenza della tirannia, allora il terrore è l’essenza del dominio totalitario.

“Il terrore è la realizzazione della legge del movimento; il suo scopo principale è quello di consentire alla forza della natura o della storia di correre liberamente attraverso l’umanità, senza essere ostacolata da alcuna azione umana spontanea.

In quanto tale, il terrore cerca di “stabilizzare” gli uomini per liberare le forze della natura o della storia.

È questo movimento che individua i nemici dell’umanità contro i quali si scatena il terrore, e nessuna libera azione di opposizione o di simpatia può essere permessa di interferire con l’eliminazione del “nemico oggettivo” della Storia o della Natura, della classe o la gara.

La colpa e l’innocenza diventano nozioni insensate; ‘colpevole’ è colui che si frappone al processo naturale o storico che ha giudicato le ‘razze inferiori’, gli individui ‘inabili alla vita’, le ‘classi morenti e i popoli decadenti’.

Il terrore esegue queste sentenze e davanti al suo tribunale tutti gli interessati sono soggettivamente innocenti: gli assassinati perché non hanno fatto nulla contro il sistema, e gli assassini perché non uccidono realmente ma eseguono una condanna a morte pronunciata da un tribunale superiore.

Gli stessi governanti non pretendono di essere giusti o saggi, ma solo di eseguire leggi storiche o naturali; non applicano leggi [positive], ma eseguono un movimento secondo la sua legge intrinseca.

Il terrore è legalità, se la legge è la legge del movimento di qualche forza sovrumana, Natura o Storia.

Il riferimento alla natura e alla storia come forze sovrumane riguarda ciò che Arendt (p. 269) sostiene essere state le convinzioni alla base del nazionalsocialismo e del comunismo, rispettivamente, nelle leggi della natura e della storia come poteri indipendenti, virtualmente primordiali in sé stessi.

Da qui la giustificazione del terrore inflitto a coloro che sembrano ostacolare lo sviluppo di queste forze impersonali.

Se letto attentamente, il brano riportato sopra dipinge un quadro del dominio totalitario come qualcosa basato sulla neutralizzazione delle persone, in quanto esseri umani, nella società come potenziali agenti o partecipanti alla sua organizzazione o alla direzione in cui si sviluppa.

I “governanti” non sono governanti nel senso tradizionale; sono lì semplicemente per garantire che la forza sovrumana in questione venga lasciata libera di manifestarsi come “dovrebbe”.

Non ci vuole un genio per percepire nella perspicace caratterizzazione della dominazione totalitaria da parte della Arendt – che lei collega al nazismo e allo stalinismo come sue incarnazioni storiche – una sorta di modello che si applica al carattere totalitario emergente di ciò che si è manifestato per la prima volta nel 2020 come iatrocrazia, sotto il sotterfugio di un’emergenza sanitaria globale, qualcosa di ben noto a tutti noi oggi.

Da allora sono emerse altre caratteristiche di questo movimento totalitario, tutte coerenti con quello che può essere descritto, in termini ideologici, come “ transumanesimo ”.

Anche questo si adatta alla descrizione del totalitarismo fornita da Arendt: non il  carattere transumanista, in quanto tale, di quest’ultima incarnazione del tentativo di imbrigliare l’umanità nel suo insieme a un potere sovrumano, ma il suo  status ideologico.

Proprio come il regime nazista giustificava le sue operazioni facendo appello alla natura (sotto le sembianze della vantata superiorità della “razza ariana”, per esempio), così il gruppo di globalisti tecnocratici che guidano il (non proprio) “Grande Reset” fa appello al idea di andare “oltre l’umanità” verso una presunta “specie” superiore (non naturale) che istanzia una fusione tra esseri umani e macchine – anticipata, a quanto pare, anche dall’artista della “singolarità” chiamato Stelarc .

Ho enfatizzato “idea” perché, come osserva Arendt (p. 279–280),

“Un’ideologia è letteralmente ciò che indica il suo nome: è la logica di un’idea.

Il suo oggetto è la storia, alla quale viene applicata l'”idea”; il risultato di questa applicazione non è un insieme di affermazioni su qualcosa che è, ma lo svolgersi di un processo in costante cambiamento.

L’ideologia tratta il corso degli eventi come se seguisse la stessa “legge” dell’esposizione logica della sua “idea”.”

Data la natura di un’ideologia, spiegata sopra, dovrebbe essere evidente come ciò si applichi all’ideologia transumanista della cabala neofascista: l’idea alla base del processo storico è presumibilmente sempre stata una sorta di teleologia transumanista – presumibilmente la (precedentemente nascosta) Il telos o obiettivo di tutta la storia è stato costantemente il raggiungimento di uno stato di superamento del semplice Homo e Gyna sapiens sapiens (l’uomo e la donna umani doppiamente saggi) e l’attualizzazione del “transumano”.

È del tutto sorprendente che abbiano affermato di aver acquisito poteri divini ?

Ciò spiega ulteriormente la spregiudicatezza con cui i globalisti transumanisti possono tollerare gli effetti funzionali e debilitanti del “terrore totale” identificato da Arendt.

Per “terrore totale” qui si intendono gli effetti pervasivi o totalizzanti, ad esempio, dell’installazione di sistemi complessivi di sorveglianza impersonale, in gran parte controllati dall’intelligenza artificiale, e della comunicazione alle persone – almeno inizialmente – che è per la loro sicurezza.

Le conseguenze psicologiche, tuttavia, equivalgono a una consapevolezza subliminale della chiusura dello “spazio libero”, che viene sostituito da un senso di confinamento spaziale e di “nessuna via d’uscita”.

In questo contesto, riflettere sull’incombente possibilità che l’OMS riesca a convincere le nazioni conformi ad accettare le modifiche proposte alle loro normative sanitarie, fornisce una visione più approfondita degli effetti concreti che ciò avrebbe.

E questi non sono carini, per non dire altro.

In poche parole, significa che questa organizzazione non eletta avrebbe l’autorità di proclamare blocchi ed “emergenze mediche (o sanitarie), nonché “vaccinazioni” obbligatorie secondo il capriccio del Direttore generale dell’OMS, riducendo la libertà di attraversare lo spazio liberamente ad un ferreo confinamento spaziale in un colpo solo.

Questo è ciò che significherebbe “terrore totale”.

È mia fervida speranza che si possa ancora fare qualcosa per scongiurare questo incubo imminente.

Fonte: https://brownstone.org/articles/the-whos-road-to-totalitarianism/
Scritto da Bert Olivier tramite The Brownstone Institute
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questo argomento abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/12/17/oms-con-la-delega-si-va-verso-un-governo-sanitario-globale/

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?