OMS: con la delega si va verso un governo sanitario globale

OMS: apparentemente una organizzazione sanitaria interessata a mantenerci tutti in buona salute, ma…

Cos’è il trattato pandemico dell’OMS?

Il trattato pandemico (<— clicca lì per leggere l’ultima bozza) dell’OMS è un progetto di accordo internazionale che ha lo scopo di rafforzare la prevenzione, la preparazione e la risposta alle pandemie future su scala mondiale. L’idea di un tale strumento è nata in seguito alla pandemia di COVID-19, che ha evidenziato le debolezze e le disuguaglianze del sistema sanitario globale.

Il trattato pandemico dell’OMS è attualmente in fase di elaborazione e negoziazione da parte dei 194 stati membri dell’OMS, ma siamo sicuri che sia un regolamento creato in nostro favore?

Questo rapporto è progettato per aiutare i lettori a riflettere su alcuni grandi argomenti: come prevenire realmente le pandemie e la guerra biologica, come valutare le proposte dell’OMS e dei suoi membri per prevenire e rispondere alle pandemie e se possiamo fare affidamento sui nostri funzionari sanitari per navigare queste aree in modi che abbiano senso e che aiutino le loro popolazioni.

Per fare questo è necessario partire dalle basi storiche, senza le quali non potremmo esercitare un corretto esercizio critico; quindi l’articolo è necessariamente non corto, ma non potrebbe essere altrimenti, se volete che vi venga in aiuto nel comprendere cosa sta accadendo davvero, e proprio in questi giorni.

Buona lettura.

Carlo Makhloufi Donelli

Iniziamo con una storia di controllo delle armi biologiche e passiamo rapidamente alla pandemia di COVID, arrivando infine a piani per proteggere il futuro.

Il NOSTRO futuro!

Armi di distruzione di massa: chimiche/biologiche

Tradizionalmente, le armi di distruzione di massa (WMD) sono state etichettate come chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari (CBRN).

Le persone di tutto il mondo non vogliono che vengano usate contro di noi, perché sono metodi economici per uccidere e mutilare rapidamente un gran numero di persone. E così furono creati trattati internazionali per cercare di impedirne lo sviluppo (solo nei trattati successivi) e l’uso (in tutti i trattati sul controllo degli armamenti biologici).

Il primo fu il Protocollo di Ginevra del 1925, che fece seguito all’uso di gas velenosi e di armi biologiche limitate nella Prima Guerra Mondiale, vietando l’uso di armi biologiche e chimiche in guerra.

Gli Stati Uniti e molte nazioni lo firmarono, ma ci vollero 50 anni perché gli Stati Uniti lo ratificassero e durante quei 50 anni gli USA affermarono di non essere vincolati dal trattato.

Durante quei 50 anni gli Stati Uniti hanno utilizzato sia armi biologiche che chimiche. Quasi certamente gli Stati Uniti hanno utilizzato armi biologiche nella guerra di Corea (vedi questoquestoquesto e questo) e forse entrambi in Vietnam, che durante la guerra conobbe una strana epidemia di peste.

L’uso del napalm, del fosforo bianco, dell’agente arancione (con il suo eccipiente diossina che causa un gran numero di difetti alla nascita e altre tragedie) e probabilmente altre armi chimiche come BZ (un allucinogeno / inabilitante) ha portato a molte resistenze, soprattutto da quando gli USA avevano firmato il Protocollo di Ginevra e dovevano essere una nazione civile.

Nel 1968 e nel 1969 furono pubblicati due libri importanti che ebbero una grande influenza sulla psiche americana riguardo al nostro massiccio stoccaggio e utilizzo di questi agenti.

Il primo libro, scritto da un giovane Seymour Hersh sul programma statunitense di guerra chimica e biologica, era intitolato Guerra chimica e biologica; L’arsenale nascosto dell’America.

Nel 1969 il membro del Congresso Richard D. McCarthy, un ex giornalista di Buffalo, NY, scrisse il libro The Ultimate Folly: War by Pestilence, Asphyxiation and Defoliation sulla produzione e uso di armi chimiche e biologiche da parte degli USA.

La recensione del libro del Prof. Matthew Meselson ha osservato:

La nostra operazione, “Flying Ranch Hand”, ha spruzzato sostanze chimiche anti-pianta su un’area grande quasi quanto lo stato del Massachusetts, oltre il 10% dei suoi terreni coltivati. “Ranch Hand” non ha più molto a che fare con la giustificazione ufficiale per prevenire un’imboscata. Piuttosto, è diventata una sorta di guerra ambientale, che devasta vasti tratti di foresta per facilitare la nostra ricognizione aerea. Il nostro utilizzo del “super gas lacrimogeno” (è anche un potente irritante per i polmoni) è passato dallo scopo originariamente annunciato di salvare vite umane in “situazioni simili al controllo antisommossa” all’uso in combattimento su vasta scala di proiettili di artiglieria a gas, razzi a gas e bombe a gas per aumentare il potere letale delle armi convenzionali ad alto esplosivo e a fiamma. Finora sono stati utilizzati quattordici milioni di sterline, sufficienti a coprire tutto il Vietnam con una concentrazione efficace sul campo. Molte nazioni, compresi alcuni dei nostri stessi alleati, hanno espresso l’opinione che questo tipo di guerra del gas viola il Protocollo di Ginevra, opinione condivisa da McCarthy.

Una convenzione sulle armi biologiche

Nel mezzo di una forte opposizione alla condotta degli Stati Uniti in Vietnam, e nel tentativo di dare lustro alla sua presidenza, il presidente Nixon annunciò al mondo nel novembre 1969 che gli Stati Uniti avrebbero posto fine al loro programma di guerra biologica (ma non al programma chimico).

A seguito di puntuali richiami al fatto che Nixon non aveva evitato l’uso delle tossine, nel febbraio 1970 Nixon annunciò che ci saremmo sbarazzati anche delle armi tossiniche, che includevano tossine di serpenti, lumache, rane, pesci, batteri e funghi che potevano essere usate per omicidi e altri scopi.

È stato affermato che queste dichiarazioni erano il risultato di calcoli accurati secondo cui gli Stati Uniti erano tecnicamente molto più avanti della maggior parte delle altre nazioni nelle armi chimiche e nucleari.

Ma le armi biologiche erano considerate la “bomba atomica dei poveri” e richiedevano molto meno sofisticatezza per essere prodotte.

Pertanto, gli Stati Uniti non erano molto avanti nel campo delle armi biologiche. Vietando questa classe di armi, gli Stati Uniti trarrebbero un vantaggio strategico.

Nixon disse al mondo che gli Stati Uniti avrebbero avviato un trattato internazionale per impedire l’uso di queste armi. E lo hanno fatto: la Convenzione del 1972 sulla proibizione dello sviluppo, della produzione e dello stoccaggio di armi batteriologiche (biologiche) e tossiniche e sulla loro distruzione, o In breve, Convenzione sulle armi biologiche (BWC), entrata in vigore nel 1975.

Ma nel 1973 l’ingegneria genetica (DNA ricombinante) fu scoperta dagli americani Herbert Boyer e Stanley Cohen, e ciò cambiò il calcolo strategico  della guerra biologica.

Ora gli Stati Uniti hanno riacquistato un vantaggio tecnologico per questo tipo di attività.

La Convenzione sulle armi biologiche ha stabilito conferenze da tenersi ogni 5 anni per rafforzare il trattato.

L’aspettativa era che questi aggiungessero un metodo per richiedere “ispezioni a sorpresa” per impedire alle nazioni di imbrogliare e aggiungessero sanzioni se le nazioni non avessero rispettato il trattato.

Tuttavia, dal 1991 gli Stati Uniti hanno costantemente bloccato l’aggiunta di protocolli che avrebbero un impatto sugli imbrogli. Ormai tutti accettano che gli imbrogli avvengano e siano probabilmente diffusi.

Una perdita in un impianto di produzione di antrace a Sverdlovsk, in URSS, nel 1979 causò la morte di circa 60 persone. Anche se l’URSS ha tentato un insabbiamento approssimativo, incolpando la carne contaminata del mercato nero, questa è stata una chiara violazione del BWC per tutti coloro che erano informati sull’antrace.

Esperimenti statunitensi con la produzione di antrace durante l’amministrazione Clinton, furono descritti in dettaglio da Judith Miller et al. nel libro del 2001 Germi, nel quale gli esperti ritenevano che avessero trasgredito il BWC.

Ci sono voluti più di 40 anni, ma nel 2022 tutte le scorte dichiarate di armi chimiche sono state distrutte dagli Stati Uniti, dalla Russia e gli altri 193 paesi membri firmatari. La convenzione sulle armi chimiche comprende disposizioni per ispezioni e sanzioni a sorpresa.

Pandemie e guerra biologica ricevono finanziamenti dallo stesso flusso

Siamo nel 2023 e durante i 48 anni in cui è entrata in vigore la Convenzione sulle armi biologiche, il muro che avrebbe dovuto erigere contro lo sviluppo, la produzione e l’uso delle armi biologiche è stato costantemente eroso.

Nel frattempo, soprattutto a partire dalle lettere sull’antrace del 2001, le nazioni (con gli Stati Uniti in prima linea) hanno rafforzato le loro capacità di “biodifesa” e di “preparazione alla pandemia”.

Con il pretesto di preparare le proprie difese contro la guerra biologica e le pandemie, le nazioni hanno condotto ricerca e sviluppo a “duplice uso” (sia offensivo che difensivo), che ha portato alla creazione di microrganismi più mortali e più trasmissibili.

E impiegando nuove espressioni per proteggere questo sforzo dall’esame accurato, la ricerca sulla guerra biologica è stata ribattezzata ricerca “guadagno di funzione”.

Guadagno di funzione è un eufemismo per la ricerca sulla guerra biologica, ovvero la ricerca sulla guerra batteriologica.

È così rischioso che il finanziamento è stato vietato dal governo degli Stati Uniti (ma solo per i coronavirus della SARS e i virus dell’influenza aviaria) nel 2014, dopo la protesta pubblica di centinaia di scienziati.

Poi nel 2017 il Dott. Tony Fauci e Francis Collins hanno revocato la moratoria, senza alcuna reale tutela.

Fauci e Collins hanno avuto anche l’ardire di pubblicare la loro opinione secondo cui “ne valeva la pena” per correre il rischio derivante da questa ricerca sul guadagno di funzione.

Cosa significa effettivamente guadagno di funzione?

Ciò significa che gli scienziati sono in grado di utilizzare una varietà di tecniche per trasformare virus e batteri comuni o patogeni in armi biologiche.

La ricerca è giustificata dall’affermazione che gli scienziati possono anticipare la natura e prevedere quale potrebbe essere una futura minaccia pandemica o cosa un’altra nazione potrebbe utilizzare come un’arma biologica.

Le funzioni acquisite dai virus o da altri microrganismi per trasformarli in agenti di guerra biologica consistono in due categorie: trasmissione potenziata o patogenicità potenziata (gravità della malattia).

1) una migliore trasmissibilità può derivare da:

  1. a) necessitando di meno copie virali o batteriche per causare infezione,
  2. b) provocando la generazione di titoli virali o batterici più elevati,
  3. c) una nuova modalità di diffusione, come l’aggiunta della trasmissione aerea a un virus che in precedenza si diffondeva solo attraverso i fluidi corporei,
  4. d) gamma ampliata di organi suscettibili (noto anche come tropismo tissutale); ad esempio, non solo le secrezioni respiratorie ma anche l’urina o le feci potrebbero trasmettere il virus, riscontrato nel SARS-CoV-2,
  5. e) gamma di ospiti ampliata; ad esempio, invece di infettare i pipistrelli, il virus passa attraverso topi umanizzati e quindi si acclimata al recettore umano ACE-2, che è stato trovato nel SARS-CoV-2,
  6. f) migliore ingresso cellulare; ad esempio, aggiungendo un sito di scissione della furina, che è stato trovato nel SARS-CoV-2,

2) aumentata patogenicità, quindi invece di causare una malattia più lieve, l’agente patogeno verrebbe indotto a causare malattie gravi o morte, utilizzando vari metodi. SARS-CoV-2 presentava omologie insolite (brevi segmenti identici) con i tessuti umani e con il virus HIV, che potrebbero aver causato o contribuito allo stadio autoimmune tardivo della malattia, alla risposta immunitaria compromessa e al “COVID lungo”.

I finanziamenti per le pandemie (naturali), inclusa l’influenza annuale, sono stati raggruppati insieme ai finanziamenti per la difesa biologica

Forse l’insieme dei finanziamenti è stato progettato per rendere più difficile per il Congresso e il pubblico capire cosa veniva finanziato e quanto finanziamento dei contribuenti sarebbe stato destinato al lavoro di guadagno di funzione, il che potrebbe portarli a chiedersi perché non veniva fatto affatto, dato il suo divieto nella Convenzione sulle armi biologiche e ulteriori domande sul suo valore.

L’ex direttore del CDC Robert Redfield, medico e virologo, ha dichiarato al Congresso nel marzo del 2023 che la ricerca sul guadagno di funzione non aveva prodotto un singolo farmaco benefico , vaccino o terapeutico, a sua conoscenza.

Organizzazioni no-profit e università come la EcoHealth Alliance e la sua affiliata University of California, Davis Veterinary School, furono usate come intermediari per oscurare il fatto che i contribuenti statunitensi sostenevano scienziati in dozzine di paesi stranieri, inclusa la Cina, per ricerche che includevano lavori di guadagno di funzioni su coronavirus.

Forse per mantenere attivi i finanziamenti redditizi, i timori di pandemie sono stati deliberatamente amplificati negli ultimi decenni.

Negli ultimi 20 anni il governo federale ha speso ingenti somme per la preparazione alla pandemia, indirizzandola attraverso molte agenzie federali e statali.

Il bilancio proposto dal presidente Biden per il 2024 richiedeva “20 miliardi di dollari in finanziamenti obbligatori in tutto il DHHS per la preparazione alla pandemia”, mentre il DHS, il DOD e il Dipartimento di Stato dispongono di budget aggiuntivi per preparazione alla pandemia per la spesa sia nazionale che internazionale.

Sebbene nel XX secolo si siano verificate solo tre pandemie significative (l’influenza spagnola del 1918-19 e due pandemie influenzali nel 1957 e nel 1968), i mass media ci hanno presentato pandemie quasi ininterrotte durante il XXI secolo: la SARS-1 (2002-3 ), influenza aviaria (2004-in poi), influenza suina (2009-10), Ebola (2014, 2018-19), Zika (2016), COVID (2020-2023) e vaiolo delle scimmie (2022-23). E ci viene detto incessantemente che ne arriveranno altre e che probabilmente saranno peggiori.

Siamo stati assaliti con avvertimenti e minacce per oltre 2 decenni per indurre una profonda paura delle malattie infettive. Sembra aver funzionato.

I genomi sia del SARS-CoV-2 che del virus vaiolo delle scimmie (MPOX) del 2022 portano al sospetto che entrambi fossero agenti patogeni bioingegnerizzati originari di laboratori.

Il gruppo di virologi riunito dai Drs. Fauci e Farrar hanno identificato 6 parti insolite (probabilmente derivate in laboratorio) del genoma SARS-CoV-2 già il 1° febbraio 2020 e altre sono state scoperte successivamente.

Non so se questi virus siano trapelati accidentalmente o siano stati rilasciati deliberatamente, ma sono propenso alla conclusione che entrambi siano stati rilasciati deliberatamente, in base ai luoghi in cui sono apparsi per la prima volta e ai video ben orchestrati ma falsificati distribuiti dai mass media per il COVID e le risposte ufficiali illogiche e dannose a ciascuno di essi.

In nessuno dei due casi il pubblico ha ricevuto informazioni accurate sulla gravità delle infezioni o sui trattamenti, e le risposte dei governi occidentali non hanno mai avuto senso scientifico.

Perché non trattare i casi precocemente, come i medici trattano tutto il resto?

Sembrava che i nostri governi sfruttassero il fatto che poche persone sapevano abbastanza di virus e terapie per effettuare valutazioni indipendenti sulle informazioni che venivano loro fornite.

Tuttavia, nell’agosto 2021 non vi è stata alcuna correzione di rotta corrispondente.

Non c’è stata ancora alcuna dichiarazione accurata da parte di alcuna agenzia federale sulla mancanza di utilità del mascheramento per un virus trasmesso per via aerea (che è probabilmente il motivo per cui il governo degli Stati Uniti e l’OMS hanno ritardato il riconoscimento della diffusione aerea da parte del COVID per 18 mesi) e la mancanza di efficacia del distanziamento sociale per un virus trasmesso per via aerea.

Nessuna agenzia federale ha mai riconosciuto la verità sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini COVID.

Invece, il CDC si “arrampica” su definizioni e statistiche in modo da poter continuare a sostenere che sono “sicuri ed efficaci”.

Ancora peggio, con tutto quello che sappiamo, un vaccino anti-COVID di terza generazione verrà lanciato quest’autunno e la FDA ha annunciato che sono previsti richiami annuali .

Tutto questo continua, anche un anno dopo aver appreso (con continue conferme) che i bambini e gli adulti in età lavorativa muoiono a tassi del 25% o più superiori alle medie previste, e che gli effetti collaterali vascolari della vaccinazione sono l’unica spiegazione ragionevole.

Mutilazione con miocardite

Entrambi i due vaccini statunitensi contro il vaiolo delle scimmie/vaiolo (Jynneos e ACAM2000< a i=4>) sono noti per causare miocardite, così come tutti e 3 i vaccini COVID attualmente disponibili negli Stati Uniti: i vaccini Pfizer e Moderna COVID-19 mRNA e il vaccino Novavax .

Il vaccino Novavax è stato associato per la prima volta alla miocardite durante la sua sperimentazione clinica, ma questo è stato minimizzato ed è stato autorizzato e lanciato comunque disponibile, destinato a coloro che hanno rifiutato i vaccini a mRNA a causa dell’utilizzo di tessuto fetale nella loro fabbricazione.

Ecco cosa i revisori della FDA hanno scritto sugli effetti collaterali cardiaci rilevati negli studi clinici su Jynneos:

Fino al 18,4% dei soggetti in 2 studi ha sviluppato un aumento post-vaccinazione della troponina [un enzima del muscolo cardiaco che indica un danno cardiaco]. Tuttavia, tutti questi aumenti della troponina erano asintomatici e senza eventi clinicamente associati o altri segni di miopericardite. P. 198

Il richiedente si è impegnato a condurre uno studio osservazionale post-marketing come parte del suo PVP di routine. Lo sponsor raccoglierà dati sugli eventi cardiaci che si verificano e vengono valutati come parte di routine dell’assistenza medica. (P. 200)

In altre parole, mentre l’unico modo per causare un livello elevato di troponina è distruggere le cellule del muscolo cardiaco, la FDA non ha richiesto uno studio specifico per valutare l’entità del danno cardiaco che potrebbe essere causato da Jynneos quando ha rilasciato la sua licenza del 2019.

Con quale frequenza si manifesta la miocardite dopo questi vaccini?

Se si utilizzano enzimi cardiaci elevati come marcatore, ACAM2000 ha causato questo in una persona su trenta che lo ha ricevuto per la prima volta.

Se si utilizzano altre misure come la risonanza magnetica cardiaca o l’eco anormale, secondo il CDC si verifica in uno su 175 vaccinati.

Non ho visto uno studio con tassi di miocardite per Jynneos, ma è stato riscontrato un aumento non specificato degli enzimi cardiaci nel 10% e nel 18% dei pazienti trattati con Jynneos in due studi pre-licenza non pubblicati disponibili sul sito web della FDA.

La mia ipotesi per i vaccini COVID a mRNA è che causino miocardite in questo range generale, la stragrande maggioranza delle quali rimane non diagnosticata e probabilmente asintomatica.

Perché i nostri governi dovrebbero promuovere 5 vaccini separati tutti noti per causare miocardite su giovani maschi che sono stati a rischio estremamente basso di COVID e chi si prende semplicemente qualche brufolo per 1-4 settimane a causa del vaiolo delle scimmie a meno che non sia immunocompromesso?

È una domanda importante. Non ha senso dal punto di vista medico. Soprattutto quando il vaccino probabilmente non funziona: Jynneos non ha prevenuto l’infezione nelle scimmie su cui è stato testato né ha funzionato bene nelle persone.

E il CDC non è riuscito a pubblicare la sperimentazione del vaccino Jynneos sui circa 1.600 operatori sanitari congolesi sui quali il CDC ne ha testato l’efficacia e la sicurezza nel 2017.

Il CDC ha commesso l’errore di annunciare lo studio e pubblicarlo su clinictrials.gov come richiesto, ma non ha informato il comitato consultivo che ha esaminato il vaccino, né il pubblico, dei risultati della sperimentazione.

Non ci possono essere dubbi al riguardo: le nostre agenzie sanitarie sono colpevoli di illeciti, false dichiarazioni e inflizione deliberata di danni alle proprie popolazioni.

Le agenzie sanitarie dapprima hanno incitato al terrore con previsioni apocalittiche, poi hanno chiesto che i pazienti venissero trascurati dal punto di vista medico e infine hanno imposto vaccinazioni e trattamenti che equivalevano a negligenza. 

Vaccini COVID: l’uovo o la gallina?

Le autorità sanitarie potrebbero semplicemente essere state ignoranti, il che potrebbe spiegare i primi mesi di lancio dei vaccini anti-COVID.

Ma una volta che hanno capito, e addirittura annunciato nell’agosto 2021, che i vaccini non impedivano di contrarre il COVID o di trasmetterlo, perché le nostre autorità sanitarie hanno continuato a spingere il vaccino COVID su popolazioni a basso rischio che erano chiaramente maggiormente a rischio di un effetto collaterale del vaccino rispetto al COVID?

Soprattutto con il passare del tempo e le varianti più recenti sono diventate sempre meno virulente?

Una volta riconosciuti questi fatti basilari, ci si rende conto che forse i vaccini non sono stati creati per la pandemia, e invece la pandemia è stata creata per diffondere i vaccini.

Anche se non possiamo esserne certi, dovremmo almeno essere sospettosi.

E il fatto che gli Stati Uniti abbiano stipulato un contratto per 10 dosi a persona (rivedi gli acquisti quiqui< a i=4>, quiqui e < a i=9>qui) e lo stesso ha fatto l’Unione Europea (qui e qui) e il Canada dovrebbero renderci ancora più sospettosi: non vi è alcuna giustificazione per accettare di acquistare così tante dosi per i vaccini in un momento in cui la capacità dei vaccini di prevenire l’infezione e la trasmissione era discutibile e la loro sicurezza sospetta o preoccupante.

Perché i governi dovrebbero volere dieci dosi a persona? Tre forse. Ma dieci? Anche se fossero previsti richiami annuali, non ci sarebbe motivo di firmare contratti per un numero sufficiente di vaccini per i prossimi nove anni per un virus in rapida mutazione. L’Australia ha acquistato 8 dosi a persona. Entro il 20 dicembre 2020 la Nuova Zelanda si era assicurata il triplo dei vaccini di cui aveva bisogno e si era offerta di condividerne alcuni con le nazioni vicine. Nessuno si è fatto avanti per spiegare il motivo di questi acquisti eccessivi.

Inoltre, non hai bisogno di un passaporto vaccinale (noto anche come ID digitale, ovvero una app telefonica che in Europa includeva un meccanismo per un sistema di pagamenti elettronici) a meno che tu non stia distribuendo richiami regolari.

I vaccini sono stati concepiti come il mezzo per mettere le nostre vaccinazioni, le cartelle cliniche, i documenti ufficiali e, soprattutto, spostare le nostre transazioni finanziarie online, tutti gestiti su una app per telefono?

Questo rappresenterebbe un attacco alla privacy e un passo avanti verso un sistema di credito sociale in Occidente.

È interessante notare che i passaporti vaccinali erano già stati pianificati per l’Unione Europea entro il 2018.

Un trattato pandemico ed emendamenti: proposti dalle stesse persone che hanno gestito male gli ultimi 3 anni, per salvarci da loro stessi?

Gli stessi Stati Uniti, altri governi e l’OMS che hanno imposto misure draconiane ai cittadini per costringerci a vaccinarci e ad assumere farmaci sperimentali pericolosi, costosi, hanno negato trattamenti efficaci e si sono rifiutati di dirci che la maggior parte delle persone che necessitavano di cure in terapia intensiva per COVID erano vitaminia D-carenti e che l’assunzione di vitamina D avrebbe ridotto la gravità del COVID – abbiamo deciso nel 2021 che improvvisamente avevamo bisogno di un trattato internazionale sulla pandemia.

Perché?

Per prevenire e alleviare future pandemie o eventi di guerra biologica… in modo da non soffrire di nuovo come abbiamo fatto con la pandemia di COVID, hanno insistito.

A gestirlo sarebbe l’OMS.

Ciò che l’OMS e i nostri governi hanno opportunamente omesso di menzionare è che abbiamo sofferto così gravemente a causa della loro cattiva gestione medica e delle spietate chiusure economiche e della cattiva gestione dei nostri governi.

Secondo la Banca Mondiale, solo nel 2020 altri 70 milioni di persone sono state costrette alla povertà estrema. Ciò è dovuto alle politiche emanate dai governanti delle nostre nazioni, dai loro consiglieri d’élite e dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, che hanno fornito indicazioni per chiudere l’attività economica che la maggior parte delle nazioni ha adottato senza discutere.

L’OMS è profondamente consapevole delle conseguenze dei blocchi economici, avendo pubblicato quanto segue:

La malnutrizione persiste in tutte le sue forme, e i bambini pagano un prezzo elevato: si stima che nel 2020 oltre 149 milioni di bambini sotto i cinque anni siano rachitici o troppo bassi per la loro età; più di 45 milioni – deperiti o troppo magri per la loro altezza…

La fame potrebbe aver ucciso più persone del COVID, ed erano sproporzionatamente le più giovani, piuttosto che le più anziane.

Eppure, l’OMS blatera di equità, diversità e solidarietà, avendo essa stessa causato la peggiore crisi alimentare della nostra vita, che non è dovuta alla natura ma è stata provocata dall’uomo. 

Come si possono prendere sul serio le affermazioni degli stessi funzionari che hanno gestito male il COVID di volerci risparmiare da un altro disastro medico ed economico, utilizzando le stesse strategie applicate al COVID, dopo aver architettato l’ultimo disastro?

E il fatto che nessun governo o funzionario sanitario abbia ammesso i propri errori dovrebbe convincerci a non lasciare mai più loro la gestione di nulla.

Perché dovremmo lasciare che redigano un trattato internazionale e nuovi emendamenti al Regolamento sanitario internazionale (IHR) esistente che obbligherà i nostri governi a obbedire ai dettami dell’OMS? Per sempre?

Tali dettami, tra l’altro, includono lo sviluppo di vaccini a una velocità vertiginosa, il potere di imporre quali farmaci saremo obbligati a utilizzare e quali farmaci saranno proibiti, e l’obbligo di monitorare la “disinformazione” dei media e imporre la censura in modo che solo la narrativa sulla salute pubblica dell’OMS sarà trasmessa al pubblico. 

La bozza del Trattato pandemico dell’OMS richiede la condivisione di potenziali agenti patogeni pandemici. Questo è un eufemismo per la proliferazione delle armi biologiche.

Ovviamente, il modo migliore per risparmiarci un’altra pandemia è interrompere immediatamente i finanziamenti alla ricerca sul guadagno di funzione (GOF) ed eliminare tutti gli organismi GOF esistenti.

Lasciamo che tutte le nazioni costruiscano enormi falò e brucino le loro creazioni malvagie, consentendo allo stesso tempo ad altre nazioni di ispezionare le loro strutture e i loro archivi biologici.

Ma l’OMS, nel suo Testo dell’Ufficio di presidenza del progetto di trattato pandemico di giugno 2023, ha un piano che è esattamente l’opposto di questo.

Nella bozza di trattato dell’OMS, che sembra aver accettato la maggior parte dei governanti delle nazioni, tutti i governi condivideranno tutti i virus e i batteri che produrranno e che sono determinati ad avere “potenziale pandemico” – condividendoli con l’OMS e altri governi, mettendo il loro impegno sequenze genomiche online.

No, non me lo sto inventando. (Vedi gli screenshot della bozza di trattato di seguito.)

Quindi l’OMS e tutti i Fauci del mondo avrebbero accesso a tutti i virus pericolosi appena identificati.

Anche gli hacker avrebbero accesso alle sequenze? Questo piano pandemico dovrebbe farti sentire tutt’altro che sicuro. 

Fauci, Tedros e i loro simili all’OMS, e coloro che gestiscono la biodifesa e la ricerca biomedica per gli stati nazionali sono da una parte, la parte che ha accesso ad armi biologiche sempre più potenziali, e il resto di noi è dall’altra, a loro disposizione.

Questo piano mal concepito si chiamava proliferazione delle armi di distruzione di massa ed è quasi certamente illegale. (Vedi ad esempio la risoluzione 1540 del Consiglio di Sicurezza adottata nel 2004.) Ma questo è il piano dell’OMS e di molti dei nostri leader. I governi condivideranno tutti le armi.

L’enigma del sequenziamento genomico

E i governi devono impegnarsi a costruire biolaboratori che debbano includere il sequenziamento genomico.

Non è stata fornita alcuna spiegazione sul motivo per cui ogni nazione debba installare i propri laboratori di sequenziamento del genoma.

Naturalmente, secondo la bozza del trattato dell’OMS, sequenzieranno i numerosi virus che verranno rilevati come risultato delle attività di sorveglianza dei patogeni che le nazioni devono svolgere.

Ma le stesse tecniche possono essere utilizzate per sequenziare i genomi umani. Infatti UERegno Unito e Stati Uniti sono attualmente impegnati in progetti per sequenziare circa 2 milioni di genomi dei loro cittadini, il che suggerisce che potrebbero voler raccogliere ulteriori genomi di africani, asiatici e altri.

Ciò potrebbe significare semplicemente la condivisione della scienza all’avanguardia con i nostri vicini meno sviluppati.

Ma è curioso che ci sia così tanta enfasi sulla genomica, rispetto all’assenza di discussione sullo sviluppo di farmaci riutilizzati per le pandemie nella bozza di trattato o negli emendamenti IHR.

Ma non possiamo dimenticare che praticamente tutte le nazioni sviluppate, di pari passo, hanno limitato l’uso di idrossiclorochina generica, ivermectina e farmaci correlati durante la pandemia.

In retrospettiva, l’unica spiegazione logica per questa azione senza precedenti era quella di preservare il mercato dei costosi farmaci e vaccini brevettabili e, possibilmente, di prolungare la pandemia.

I genomi offrono grandi profitti potenziali, oltre a fornire il substrato per esperimenti transumanisti che potrebbero includere bambini progettati.

È possibile accedere all’ultima versione (nota anche come bozza dell’Ufficio dell’OMS) del trattato sulla pandemia qui. Fornisco screenshot per illustrare ulteriori punti.

Bozza pagine 10 e 11:

La bozza del trattato dell’OMS incentiva la ricerca sul guadagno di funzione

Cos’altro c’è nel Trattato? Ricerca sul guadagno di funzione (progettata per rendere i microrganismi più trasmissibili o più patogeni) è esplicitamente incentivata dal trattato.

Il trattato richiede che gli ostacoli amministrativi a tale ricerca siano ridotti al minimo, mentre si prevengano conseguenze indesiderate (ovvero le pandemie).

Ma ovviamente, quando si esegue questo tipo di ricerca, non è sempre possibile prevenire fughe e perdite di agenti.

Il programma congiunto CDC-USDA Federal Select Agent Program (FSAP), che tiene traccia della ricerca sui potenziali agenti patogeni pandemici, raccoglie ogni anno segnalazioni di circa 200 incidenti o fughe da laboratori situati negli Stati Uniti.

Il rapporto annuale del FSAP per il 2021 rileva quanto segue:

<“Nel 2021, FSAP ha ricevuto 8 segnalazioni di perdite, 177 segnalazioni di rilasci e nessuna segnalazione di furti.”

La ricerca sugli agenti patogeni mortali non può essere condotta senza rischi sia per i ricercatori che per il mondo esterno.

Bozza pagina 14:

I vaccini verranno lanciati rapidamente secondo protocolli di test futuri abbreviati 

I vaccini normalmente impiegano 10-15 anni per essere sviluppati. Nel caso in cui pensassi che i vaccini anti-COVID impiegassero troppo tempo per essere lanciati (326 giorni dalla disponibilità della sequenza virale all’autorizzazione del primo vaccino anti-COVID negli Stati Uniti) la bozza del trattato dell’OMS prevede di abbreviare i test. Ci saranno nuove piattaforme di sperimentazione clinica. Le nazioni devono aumentare la capacità di sperimentazione clinica. (Ciò potrebbe significare imporre alle persone di essere soggetti umani in luoghi remoti come l’Africa, per esempio?) E ci saranno nuovi “meccanismi per facilitare la rapida interpretazione dei dati provenienti dagli studi clinici” così come “strategie per gestione dei rischi di responsabilità”.

Bozza pagina 14:

La responsabilità del produttore e del governo per i danni da vaccino deve essere “gestita”

Si suppone che le nazioni utilizzino “modelli rilevanti esistenti” come riferimento per il risarcimento degli infortuni dovuti ai vaccini pandemici. Naturalmente, la maggior parte dei paesi non dispone di programmi di compensazione per i danni da vaccino e, quando lo fanno, i benefici sono generalmente minimi.

Il programma del governo statunitense deve essere un modello di ciò che viene implementato a livello internazionale?

Il programma del governo statunitense per gli infortuni dovuti a prodotti pandemici COVID (il Countermeasures Injury Compensation Program o CICP) ha risarcito esattamente 4 (sì, quattro) dei 12.000 ricorrenti per danni legati a prodotti COVID al 1° agosto 2023.

Tutti i farmaci e i vaccini pandemici EUA trasmettono uno scudo di responsabilità al governo e ai produttori (questo include anticorpi monoclonali, remdesivir pre-licenza, paxlovid, molnupiravir, alcuni ventilatori e tutti i vaccini anti-COVID) e l’unica via per ottenere il risarcimento degli infortuni è attraverso questo programma.

Poco più di 1.000 dei 12.000 reclami sono stati giudicati mentre 10.887 sono in attesa di revisione. Venti richieste sono state ritenute ammissibili e attendono una revisione dei benefici. I benefici vengono corrisposti solo per le spese mediche non coperte o per la perdita di reddito. Un totale di 983 persone, ovvero il 98% di coloro le cui richieste sono state giudicate, sono state respinte, molte perché non hanno rispettato il breve termine di prescrizione di un anno. Di seguito sono riportati gli ultimi dati di questo programma:

La bozza del trattato richiede anche l’indebolimento della rigorosa regolamentazione dei farmaci e dei vaccini durante le emergenze, sotto la rubrica “Rafforzamento della regolamentazione”.

Come annunciato la scorsa settimana nel Regno Unito, dove le approvazioni di “partner di fiducia” verranno utilizzate per accelerare la concessione delle licenze, si sta procedendo verso un’unica approvazione o autorizzazione da parte di un’agenzia di regolamentazione , da adottare immediatamente da altre nazioni (p 25).

Prossimo: vaccini sviluppati in 100 giorni

Un piano per sviluppare vaccini in 100 giorni e produrli in altri 30 giorni è stato ampiamente pubblicizzato dall’organizzazione no-profit CEPI, fondata nel 2017 da Sir Dr. Jeremy Farrar, che ora è il capo scienziato dell’OMS.

Il piano è stato ripreso dai governi degli Stati Uniti e del Regno Unito e ha ricevuto il consenso del G7 nel 2021. Questo lasso di tempo consentirebbe solo test molto brevi sugli esseri umani o, più probabilmente, limiterebbe i test sugli animali. Perché un paese dovrebbe iscriversi a questo? È questo ciò che noi cittadini vogliamo?

Il piano inoltre dipende dal fatto che i vaccini vengano testati solo per la loro capacità di indurre anticorpi, che viene definita immunogenicità, piuttosto che dimostrare che prevengono effettivamente la malattia, almeno per il lancio iniziale.

La mia comprensione della regolamentazione della FDA era che i livelli di anticorpi non erano un surrogato accettabile dell’immunità a meno che non fosse stato dimostrato che fossero effettivamente correlati alla protezione.

Tuttavia, le recenti decisioni della FDA sui vaccini hanno eliminato tutto questo e i vaccini vengono ora approvati solo sulla base dei titoli anticorpali.

Il comitato consultivo sui vaccini della FDA ha chiesto indicatori di efficacia migliori di questi, ma i consulenti hanno anche votato per approvare o autorizzare i vaccini in assenza di misure reali che ne dimostrino il funzionamento.

Sappiamo tutti quanto tempo ci è voluto prima che il pubblico si rendesse conto che i vaccini anti-Covid non sono riusciti a prevenire la trasmissione e hanno prevenuto i casi solo per un periodo di poche settimane o mesi.

Il governo degli Stati Uniti non lo ha ancora ammesso ufficialmente, anche se il direttore del CDC Rochelle Walensky ha detto a Wolf Blitzer della CNN la verità nella trasmissione del 6 agosto 2021.

È fondamentale che il pubblico comprenda che test di sicurezza possono essere eseguiti solo sugli esseri umani, poiché gli animali reagiscono in modo diverso ai farmaci e ai vaccini di quanto facciano gli umani. Pertanto, test limitati sugli animali significherebbero non sono stati effettuati test effettivi sulla sicurezza. Ma anche testare i vaccini sugli esseri umani solo per brevi periodi è inaccettabile.

Testare i vaccini durante brevi sperimentazioni sugli esseri umani (gli studi Pfizer hanno seguito solo un “sottoinsieme di sicurezza” di soggetti sperimentali per una media di due mesi per motivi di sicurezza) ha consentito di lanciare i vaccini COVID senza che il pubblico fosse consapevole che potevano causare miocardite e morti improvvise, più comunemente nei giovani maschi atletici nell’adolescenza e nei vent’anni, o in una miriade di altre condizioni.

Infine, a seguito di questo piano di produzione rapido, non è stato possibile eseguire test approfonditi per potenziali guasti nel processo di produzione.

Con l’attuale piano per impianti di produzione decentralizzati di vasta portata, ritenuti necessari per raggiungere l’equità dei vaccini per tutti, non ci sono abbastanza regolatori che possano potrebbe ispezionarli e approvarli.

L’OMS rispetterà i diritti umani?

La necessità di rispettare “i diritti umani, la dignità e la libertà delle persone” è incorporata nell’attuale Regolamento sanitario internazionale (IHR), così come in altri trattati delle Nazioni Unite.

Tuttavia, il linguaggio che garantisce i diritti umani, la dignità e la libertà delle persone è stato perentoriamente rimosso dagli emendamenti proposti al RSI, senza alcuna spiegazione.

La rimozione delle tutele dei diritti umani non è passata inosservata e l’OMS è stata ampiamente criticata per questo.

A quanto pare l’OMS sta rispondendo a queste critiche e così il linguaggio a garanzia dei diritti umani che era stato rimosso dalle bozze del Regolamento sanitario internazionale è stato inserito nella nuova versione del trattato sulla pandemia.

Conclusioni

Come a lungo previsto dalla fantascienza, i nostri risultati bioscientifici e cibernetici alla fine ci sono sfuggiti di mano.

Possiamo produrre vaccini in 100 giorni e fabbricarli in 130 giorni, ma non ci saranno garanzie che i prodotti siano sicuri, efficaci o adeguatamente fabbricati.

E possiamo aspettarci grandi profitti ma nessuna conseguenza per i produttori.

I nostri geni possono essere decodificati e i frutti della medicina personalizzata messi a nostra disposizione.

O forse i nostri geni verranno brevettati e venduti al miglior offerente.

Potremmo essere in grado di selezionare caratteristiche speciali nei nostri figli, ma allo stesso tempo si potrebbe creare una sottoclasse umana.

Le nostre comunicazioni elettroniche possono essere completamente monitorate e censurate e si può imporre a tutti un messaggio uniforme. Ma a chi andrebbe bene?

Si possono progettare nuove armi biologiche. Possono essere condivise. Forse questo accelererà lo sviluppo di vaccini e terapie. Ma chi trae realmente vantaggio da questo sistema? Chi paga il prezzo degli incidenti o dell’uso intenzionale? Non sarebbe meglio porre fine alla cosiddetta ricerca sul guadagno di funzione interamente attraverso restrizioni sui finanziamenti e altre normative, piuttosto che incoraggiarne la proliferazione?

Queste sono questioni importanti per l’umanità e incoraggio tutti a prendere parte alla conversazione.

Fonte: https://quoththeraven.substack.com/p/the-whos-proposed-amendments-will
Scritto da Meryl Nass, Brownstone Institute

Circa l’autore

La dottoressa Meryl Nass, MD, è una specialista in medicina interna a Ellsworth, ME, e ha oltre 42 anni di esperienza nel campo medico. Si è laureata alla Facoltà di Medicina dell’Università del Mississippi nel 1980.

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?