UE: piano segreto per sabotare l’Ungheria?

Orban risponde dopo che è stato rivelato il piano segreto dell’UE “per sabotare l’economia ungherese”.

“L’Ungheria non permette il ricatto”, si è scagliato il ministro ungherese per gli Affari europei, Janos Boka,  in risposta al documento segreto riportato dal FT che mostra che l’UE è pronta a infliggere danni intenzionali all’economia ungherese se il governo di Orban persiste nel rifiutare ulteriori finanziamenti per Ucraina.

“Il documento redatto dai burocrati di Bruxelles non fa altro che confermare ciò che il governo ungherese afferma da tempo: l’accesso ai fondi UE viene utilizzato per il ricatto politico da parte di Bruxelles”, ha sottolineato Boka su X.

I leader dell’UE sono attesi a Bruxelles giovedì (1 febbraio) nel tentativo di salvare e trasferire il pacchetto di aiuti quadriennali da 50 miliardi di euro all’Ucraina che Budapest ha bloccato.

Ma se Orban non si arrende, i leader dell’UE sarebbero pronti a dire “quando è troppo è troppo” – secondo il Financial Times , che usa apertamente la parola “sabotaggio” per descrivere ciò che gli altri membri del blocco cercheranno di fare all’economia ungherese.

Eppure, per ironia della sorte, sono ancora i funzionari di Bruxelles ad accusare apertamente Budapest di ricorrere al ricatto legato ai finanziamenti all’Ucraina.

Immagine d’archivio, EuroNews

Financial Times scrive “In un documento redatto da funzionari dell’UE e visionato dal Financial Times, Bruxelles ha delineato una strategia per colpire esplicitamente le debolezze economiche dell’Ungheriamettere in pericolo la sua valuta e provocare un crollo della fiducia degli investitori nel tentativo di danneggiare “l’occupazione e la crescita” se Budapest rifiuta di togliere il veto contro gli aiuti a Kiev”,

Sembra che l’opzione nucleare sia la minaccia finale.

Continua il FT: “Se lui non si tira indietro, gli altri leader europei dovrebbero promettere pubblicamente di chiudere permanentemente tutti i finanziamenti europei a Budapest con l’intenzione di spaventare i mercati, provocando una corsa al fiorino del paese e un’impennata del costo dei suoi prestiti, precisa Bruxelles nel documento.”

L’ufficio di Viktor Orban, in reazione alla rivelazione contenuta nell’articolo del FT, ha dichiarato: “Ora è chiarissimo: questo è un ricatto e non ha nulla a che fare con lo stato di diritto.

E ora non stanno nemmeno cercando di nasconderlo!

FT ha citato direttamente la bozza del documento segreto.

Dichiara che “in caso di mancato accordo al [vertice] del 1° febbraio, altri capi di Stato e di governo dichiarerebbero pubblicamente che, alla luce del comportamento non costruttivo del Primo Ministro ungherese… non possono immaginare che saranno forniti fondi UE a Budapest.”

Anche se questo forse si preannuncia come l’esempio più “palese” di Bruxelles che cerca di costringere Budapest ad allinearsi prendendo di mira la sua intera economia, non è certamente la prima volta che viene utilizzata una retorica in stile ricatto, che richiama le questioni dello “stato di diritto”, il dibattito su “LGBTQ+” e altri presunti “regressi democratici”.

I dati della Commissione Europea indicano che il commercio intra-UE rappresenta il 78% delle esportazioni ungheresi, con solo il 3% destinato agli Stati Uniti e il 3% al Regno Unito.

Il piano dell’UE citato nel rapporto sottolinea che “la crescita e l’occupazione… dipendono in larga misura” dal denaro estero, compresi ingenti finanziamenti dell’UE.

Lunedì, quando è trapelata la notizia del piano segreto, la valuta ungherese, il fiorino, si è svalutata dello 0,7%.

È interessante notare che, nonostante la percepita intransigenza dell’Ungheria sui finanziamenti emessi per l’Ucraina (anche se va ricordato che è la parte ungherese a dire che l’UE non scenderà a compromessi), alcuni diplomatici dell’UE hanno iniziato a lamentarsi che l’Europa “sta iniziando a sembrare debole” .

Martedì Orban sarebbe stato pronto ad ammorbidire la sua posizione, secondo Reuters : “L’Ungheria è pronta a partecipare alla soluzione dei 27 (paesi membri dell’UE) se garantite che ogni anno decideremo se inviare o meno questo denaro E questa decisione annuale deve avere la stessa base giuridica di oggi: deve essere unanime “, ha affermato il primo ministro, il che è visto da molti come un’apertura verso un compromesso significativo.

La più ovvia è l’idea che l’Ungheria abbia “un’inflazione molto elevata”.

In realtà, dopo essere stata molto elevata in precedenza, l’inflazione in Ungheria è scesa rapidamente, attestandosi ora poco sopra il 5% e superando le aspettative.

Errori come questo suggeriscono che chiunque abbia messo insieme la “strategia” probabilmente non è un economista molto, per così dire, orientato ai dati.

Più probabilmente un avvocato che ricorda vagamente i titoli del FT di 6 mesi prima che ora sono obsoleti.

Evidenzia anche il deficit pubblico dell’Ungheria.

Il deficit pubblico dell’Ungheria è elevato a causa dei sussidi energetici, ma questo vale in tutta Europa.

Il deficit pubblico ungherese è attualmente pari al 5,9% del PIL.

Confrontatelo con l’italiano all’8% o con il francese al 4,8%. 

L’Ungheria è da qualche parte nel mezzo.

E ha un debito pubblico basso, pari al 74% del Pil.

Quella della Francia è al 112%, quella dell’Italia al 142%. 

Ciò suggerisce che gli autori abbiano semplicemente fatto un rapido lavoro su Wikipedia cercando di ottenere numeri spaventosi senza contestualizzarli.

Ma ancora più grave è la mancanza di una comprensione macroeconomica di base.

Chi l’ha scritto sembra pensare che se i fondi UE venissero trattenuti all’Ungheria, la valuta ungherese, il fiorino, crollerebbe.

Questa è l’unica vera minaccia presente nel pezzo.

Ma il fiorino è determinato come la maggior parte delle altre valute del marco: dal tasso di inflazione relativa dell’Ungheria e dal tasso di interesse della banca centrale.

Durante l’inflazione precedente, la banca centrale ha gestito abbastanza bene l’aggiustamento del fiorino.

Gli avvocati che hanno scritto la “strategia di attacco” sono consapevoli che la valuta dell’Ucraina fa affidamento sugli aiuti esteri – aiuti esteri che l’Ungheria contesta – e presumono semplicemente che lo faccia anche l’Ungheria.

Forse la folla di Bruxelles può convincere la stampa finanziaria a utilizzare i titoli dei giornali come un’arma contro l’Ungheria – questa sembra una tattica sempre più comune in alcuni organi di stampa, che stanno perdendo credibilità nel farlo – ma probabilmente non farà la differenza.

Gli investimenti diretti esteri che affluiscono in Ungheria vengono utilizzati da investitori consapevoli che il paese è una “pecora nera” e sono pienamente abituati a interpretare i titoli dei giornali attraverso questa lente.

Puoi quasi farla franca utilizzando i titoli dei giornali come armi contro la Cina, giocando sulla scarsa familiarità delle persone con le statistiche e sul razzismo di basso profilo, ma se inizi a farlo in un paese le cui statistiche sono pubblicate da Eurostat sembrerai semplicemente male informato e idiota.

Nel complesso, la “strategia di attacco” dell’UE non è seria.

Molto probabilmente non è stato ideato da economisti o da persone vicine al mercato.

Più probabilmente da avvocati la cui comprensione macroscopica deriva da ritagli di giornale ricordati solo a metà.

Sembra tutto un po’ disperato, a dire il vero.

Una storia, raccontata da un idiota, piena di rumore e furia, che non significa nulla.

Fonte: https://www.zerohedge.com/markets/orban-hits-back-after-secret-eu-plan-sabotage-hungarian-economy-revealed
Scritto da foto di Tyler Durden TYLER DURDEN
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/11/23/bruxelles-i-legislatori-votano-per-labolizione-del-veto-degli-stati-membri/
https://ita.li.it/2023/06/14/lue-sta-coprendo-il-piu-grande-scandalo-di-corruzione-della-sua-storia/

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?