Pfizer: ogni giorno una nuova!

Pfizer: secondo un recente studio il 70% dei decessi dovuti al vaccino Pfizer in Giappone è stato segnalato entro 10 giorni dalla vaccinazione

Circa il 70% delle persone decedute in Giappone dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer hanno perso la vita nei primi 10 giorni successivi.

Siringhe e fiale del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 sono pronte per essere somministrate in un centro di vaccinazione a Reno, Nevada, il 17 dicembre 2020. (Patrick T. Fallon/AFP tramite Getty Images)

Ciò è stato stabilito da uno studio giapponese sottoposto a revisione paritaria, pubblicato sulla rivista Cureus il 7 dicembre.

Il periodo di rischio è stato definito come entro 10 giorni dalla vaccinazione, con il giorno di vaccinazione il Giorno 1 e il periodo di controllo definito da 11 a 180 giorni dopo la vaccinazione.

L’analisi è stata divisa in due gruppi: il Gruppo 1 che comprendeva individui di età pari o superiore a 65 anni e il Gruppo 2, che comprendeva persone di età pari o inferiore a 64 anni.

I ricercatori hanno identificato 1.311 decessi nel Gruppo 1, che comprendeva 662 maschi e 649 femmine. Nel Gruppo 2, il team ha identificato 247 decessi: 155 maschi e 92 femmine.

” La percentuale di casi segnalati che hanno subito il decesso entro 10 giorni dalla vaccinazione è stata del 71% nel Gruppo 1 e del 70% nel Gruppo 2 “, si legge nei risultati dello studio.

Over 65

Nel Gruppo 1, sono morte complessivamente più donne che uomini per varie condizioni mediche nei primi 10 giorni di vaccinazione.

Dopo 10 giorni, sono stati segnalati più decessi di uomini.

La maggior parte dei decessi post-vaccino sono avvenuti il ​​secondo giorno, seguito dal terzo e dal quarto giorno.

Oltre alle “morti inspiegabili”, la principale causa di morte in questo gruppo è stata la cardiopatia ischemica (119 decessi), seguita da insufficienza cardiaca (92) e polmonite da aspirazione/asfissia (72).

Le autopsie sono state eseguite in otto dei 239 casi di morte inspiegabili.

Gruppo 2

Nel Gruppo 2, durante i primi 10 giorni di vaccinazione, sono morti più del doppio degli uomini rispetto alle donne per varie condizioni mediche.

I decessi complessivi dopo i primi 10 giorni sono stati solo leggermente più alti tra gli uomini.

Il numero più alto di decessi post vaccinazione è stato registrato il terzo giorno, seguito dal quarto, secondo e quinto giorno.

Dopo le “morti inspiegabili”, la principale causa di morte in questo gruppo è stata la cardiopatia ischemica (27 decessi), le aritmie cardiache (24), l’emorragia subaracnoidea (20) e la miocardite/pericardite (17).

Sono state condotte autopsie in nove dei 51 decessi inspiegabili.

È stata riscontrata una differenza enorme nelle morti maschili-femminili dovute a miocardite/pericardite durante il “periodo di rischio”, con otto uomini che morivano rispetto a una sola donna.

L’insufficienza cardiaca ha provocato la morte di nove uomini rispetto a due donne.

Lo studio afferma che “Alcuni casi di miocardite/pericardite possono essere inclusi nella categoria delle morti inspiegabili. La miocardite è una complicanza della vaccinazione, soprattutto nei giovani adulti e negli adolescenti maschi”.

Si ritiene che un fattore che contribuisce a un maggior numero di decessi tra gli uomini durante i primi 10 giorni sia l’elevato numero di decessi per miocardite/pericardite, compresi i casi non diagnosticati.

Per entrambi i gruppi, le altre cause di morte sono state: aritmie cardiache, aneurisma/dissezione aortica, emorragia intracerebrale, emorragia subaracnoidea, infarto cerebrale, insufficienza respiratoria, malattie polmonari interstiziali, embolia polmonare, polmonite, sepsi, anafilassi, trombocitopenia e marasma.

In breve, molte più donne e uomini giapponesi anziani sotto i 64 anni hanno dovuto affrontare un rischio più elevato di morte immediatamente entro i primi 10 giorni dalla vaccinazione Pfizer.

Differenze uomo-donna, limiti dello studio

L’autore, Yasusi Suzumura, ha calcolato il rapporto tra i sessi per le morti per tutte le cause e per ciascun risultato dividendo il numero dei maschi per quello delle femmine e moltiplicando per 100.

Cioè, maggiore è il rapporto tra i sessi, maggiore è il numero di morti maschili.

L’autore ha riscontrato notevoli differenze tra il numero di decessi di uomini e donne in entrambi i gruppi, che influiscono sul rapporto tra i sessi dello studio.

“Se non vi fosse alcun effetto sul verificarsi della morte, non dovrebbero esserci differenze nei rapporti tra i sessi in base al periodo.

Pertanto, questa scoperta indica che la vaccinazione può influenzare il verificarsi della morte durante il periodo a rischio e potrebbe essere associata alla morte”, afferma lo studio.

I dati sul numero di decessi per lo studio sono stati forniti dal Ministero della salute, del lavoro e del welfare giapponese (MHLW).

Nello specifico, sono stati inclusi i casi riguardanti solo la vaccinazione mRNA BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) segnalati tra il 17 febbraio 2021 e il 12 marzo 2023.

Lo studio non collega direttamente i decessi con le vaccinazioni.

Nello studio si legge che “I risultati indicano che la vaccinazione con mRNA BNT162b2 può influenzare il verificarsi della morte durante il periodo a rischio”.

L’autore ha sottolineato alcuni limiti dello studio, incluso il fatto che il numero di giorni tra la vaccinazione e la morte può variare a seconda del trattamento e che lo studio non ha considerato gli effetti della vaccinazione dopo 11 giorni.

Oltre a ciò, l’autore ha affermato che la segnalazione basata sul sesso avrebbe potuto essere eseguita solo da pochi medici e che i tassi di mortalità non potevano essere calcolati perché l’analisi è stata eseguita solo per i decessi dopo la vaccinazione.

Lo studio aveva un campione limitato e quindi dovrebbe essere interpretato “con attenzione”.

“ Infine, i risultati dell’analisi vanno interpretati con attenzione perché non tutti i decessi segnalati al MHLW erano legati alla vaccinazione.

I decessi accidentali possono essere inclusi nei decessi segnalati”.

L’autore dello studio ha sottolineato che, poiché i vaccini vengono somministrati per lo più a individui sani, dovrebbero avere un “livello di sicurezza più elevato rispetto ai farmaci utilizzati per il trattamento e dovrebbero avere un tasso di mortalità vaccinale eccezionalmente basso”.

Pertanto, anche quando il tasso di mortalità vaccinale è eccezionalmente basso, la sicurezza del vaccino deve essere analizzata con metodi statistici.

Lo studio afferma che “In questa occasione, è difficile determinare se una morte post-vaccinazione sia accidentale o correlata al vaccino”.

Tuttavia, l’autore ha concluso che questo approccio può offrire preziose informazioni sulla valutazione della sicurezza del vaccino.

The Epoch Times ha contattato Pfizer per un commento.

“Simile alle morti da vaccino negli Stati Uniti”

Commentando lo studio, il cardiologo Dr. Peter McCullough ha affermato che i dati sulla “vaccinazione e sulla morte per COVID-19 in Giappone sono molto simili alle morti da vaccino nei casi statunitensi e nazionali nel VAERS”.

Inoltre, secondo un post del 9 dicembre, “Sostiene fortemente la causalità per i quasi 1150 decessi immediati osservati.”

VAERS ha segnalato 18.188 decessi dovuti alla vaccinazione COVID-19 fino al 29 settembre 2023, di cui 1.150 decessi avvenuti lo stesso giorno della vaccinazione.

Inoltre, sono stati segnalati anche 2.040 aborti spontanei, 9.053 attacchi cardiaci, 17.433 disabilità permanenti, 5.057 casi di miocardite/pericardite e 36.184 reazioni allergiche gravi.

Anche l’Association of American Physicians and Surgeons ha condiviso lo studio giapponese sull’X.

L’autore dello studio ha chiarito di non aver ricevuto “nessun sostegno finanziario” da alcuna organizzazione per il lavoro presentato.

Numerosi altri studi hanno anche collegato i vaccini COVID-19 a tassi di mortalità più elevati.

Un rapporto del 17 settembre di Correlation Research in the Public Interest ha rilevato che nelle 17 nazioni analizzate, la mortalità per tutte le cause è aumentata quando sono stati distribuiti i vaccini COVID-19.

Nove di queste 17 nazioni non hanno avuto un eccesso di decessi rilevabile in seguito alla dichiarazione di pandemia dell’OMS del marzo 2020.

Le morti in eccesso sono iniziate solo con la campagna di vaccinazione.

In 15 delle 17 nazioni, si sono registrati picchi senza precedenti di mortalità per tutte le cause nei mesi di gennaio e febbraio 2022, che hanno coinciso o hanno seguito il lancio delle vaccinazioni di richiamo.

Lo studio ha stimato 1,74 milioni di morti in eccesso nelle 17 nazioni durante il periodo di vaccinazione, ovvero circa 1 ogni 800 iniezioni.

Nel frattempo, il Giappone ha approvato il primo vaccino mRNA autoamplificante contro il COVID-19 al mondo.

Però il produttore non ha pubblicato dati sulla sicurezza o sull’efficacia del vaccino.

L’ultima iterazione del vaccino mRNA è ancora più potente della versione attuale, poiché genera più proteine ​​​​spike nel corpo umano.

Fonte: https://www.zerohedge.com/medical/70-percent-deaths-pfizer-vaccine-japan-reported-within-10-days-jab-study
Scritto da Naveen Athrappully tramite The Epoch Times
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/03/13/covid-19-medici-internazionali-dicono-basta/
https://ita.li.it/2023/01/14/i-vaccini-covid-sono-ovviamente-pericolosi-e-dovrebbero-essere-interrotti-immediatamente-affermano-medici-svedesi-senior/
https://ita.li.it/2023/06/08/morti-improvvise-alcune-causate-dai-vaccini-covid-19/

 

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?