I vaccini COVID sono “ovviamente pericolosi” e dovrebbero essere interrotti immediatamente, affermano medici svedesi senior

Segue una dichiarazione pubblica di un gruppo di cinque medici svedesi senior che, in collaborazione con il dottor Johan Eddebo, ricercatore in digitalizzazione e diritti umani, stanno lanciando l’allerta sui vaccini Covid, che descrivono come “ovviamente pericolosi”. Dicono che dovrebbe esserci un “arresto immediato” della vaccinazione di massa in attesa di “indagini approfondite” sulla reale incidenza e gravità degli effetti avversi.

Il vero carattere e la portata del danno causato dalle vaccinazioni di massa senza precedenti per COVID-19 stanno solo ora iniziando a diventare chiari. Le principali riviste scientifiche hanno finalmente iniziato a pubblicare dati che confermano ciò che la comunità di ricerca clandestina ha osservato negli ultimi due anni, soprattutto in relazione a complessi problemi di soppressione immunitaria .

Emergono anche numeri veramente preoccupanti relativi sia alle nascite che alla mortalità.

In questo momento, una nuova variante di Omicron, presumibilmente super-infettiva, è su tutti i titoli dei giornali. Una sottovariante di XXB, si dice che questo ceppo possieda capacità di fuga immunitaria esattamente del tipo che alcuni ricercatori indipendenti hanno previsto sarebbe seguita sulla scia della stretta fissazione antigenica delle vaccinazioni di massa.

L’OMS sostiene che in tutto il mondo muoiono ancora 10.000 persone a causa di Covid ogni singolo giorno, un numero di morti non plausibile, ovvero più di dieci volte quello di un’influenza media. Ribadisce l’urgente necessità di vaccinazioni, soprattutto alla luce della riapertura della Cina e dei dati presumibilmente falsificati su mortalità e contagi.

L’UE ha persino convocato un vertice di emergenza alla luce del presunto “caos Covid” cinese che “richiama alla mente come tutto è iniziato a Wuhan, tre anni fa”.

In Svezia, il ministro della Salute e degli Affari sociali ha detto di non poter escludere nuove restrizioni , e afferma che tutti devono prendere “le loro tre dosi”, visto che “solo” l’85% della popolazione è ‘completamente inoculato’.

Che una copertura vaccinale così ampia non abbia dato risultati migliori dopo quasi due anni è un fatto notevole. Ancora di più alla luce del fatto che alcuni individui ricevono quattro o più esposizioni ripetute allo stesso antigene del vaccino, ma continuano a contrarre la malattia contro cui sono presumibilmente immunizzati.

Allo stesso tempo, abbondano segnali di pericolo ancora più minacciosi.

Uno di questi segnali di allarme è il fatto che la mortalità media in molti stati occidentali è ancora a un livello notevolmente elevato, nonostante gli effetti diretti del coronavirus siano marginali da più di un anno. I dati di EuroMOMO indicano un marcato eccesso di mortalità nell’UE per tutto il 2022 e l’Ufficio tedesco di statistica riferisce che la mortalità del Paese a ottobre è stata di oltre il 19% superiore al valore mediano degli anni precedenti.

Ciò è dovuto al Covid, come sembrerebbe indicare la cifra “10.000 al giorno” dell’OMS?

La colpa è di ” Long Covid ” e delle normali infezioni acute, ma secondo le statistiche di EuroMOMO e Our World in Data , la maggior parte delle morti in eccesso in Europa durante il 2022 non sono in realtà dovute a infezioni da coronavirus clinicamente manifeste .

Inoltre, dopo tre anni di esposizione globale, non dovremmo assistere a continui eccessi di morti per un virus respiratorio di questo tipo, a causa dell’inevitabile consolidamento dell’immunità naturale.

Se una situazione del genere persiste, l’ipotetica connessione a una soppressione dell’immunità correlata al vaccino che è appena stata messa a fuoco diventa pertinente e da indagare in dettaglio.

Se, come si è sostenuto, le vaccinazioni, e soprattutto i richiami, alterano il profilo immunitario dei riceventi in modo tale che le infezioni da Covid vengano ‘tollerate’ dal sistema immunitario, è possibile che i soggetti vaccinati tendano verso una situazione di lunga durata, con infezioni che non vengono eliminate e non si presentano con sintomi evidenti, pur promuovendo danni sistemici.

La letteratura ora indica un’ampia sostituzione nei vaccinati di anticorpi neutralizzanti il ​​virus con quelli non infiammatori, un “passaggio di classe” da anticorpi che lavorano per eliminare il virus dal nostro sistema, a una categoria di anticorpi il cui scopo è desensibilizzarci a irritanti e allergeni.

L’effetto netto è che la risposta infiammatoria all’infezione da Covid viene sottoregolata (ridotta). Ciò significa che le infezioni conclamate si presenteranno con sintomi più lievi e che non verranno eliminate in modo altrettanto efficace (in parte poiché la febbre e l’infiammazione sono essenziali per il corpo per liberarsi di un agente patogeno).

Che questi sviluppi da soli non siano causa di un arresto immediato delle vaccinazioni di massa, così come di indagini approfondite, è sorprendente.

C’è naturalmente un’altra, e più nota, potenziale spiegazione parziale del sorprendente eccesso di mortalità. Abbiamo indicazioni di disturbi della coagulazione collegati ai vaccini Covid, evidenti in un nuovo importante studio nordico , mentre studi ripetuti evidenziano una chiara correlazione tra malattie cardiache e vaccinazione Covid (vedi Le Vu et al. , Karlstad et al. e Patone et al. ).

Uno studio thailandese appena pubblicato ha inoltre indicato che quasi un terzo dei giovani vaccinati arruolati presentava manifestazioni cardiovascolari, e uno studio svizzero ancora non pubblicato suggerisce che ben il 3% di tutti i vaccinati manifesti danni al muscolo cardiaco.

E come detto sopra, vediamo anche segnali relativi a disturbi della fertilità collegati ai vaccini Covid.

Uno studio israeliano mostra ridotta motilità e concentrazione di spermatozoi dopo la vaccinazione Pfizer e Moderna. Il comitato per la sicurezza dell’Agenzia europea per i medicinali ha anche affermato che i vaccini possono causare disturbi mestruali e gli studi di Pfizer indicano che le nanoparticelle lipidiche dei vaccini a mRNA si raggruppano negli organi riproduttivi.

L’ipotesi che le vaccinazioni COVID-19 influenzino la fertilità è supportata da un calo significativo e senza precedenti del tasso di natalità svedese durante i primi mesi del 2022. Secondo i demografi svedesi , il calo è “sorprendente”.

Esistono dati simili da molti altri paesi occidentali e continuare le vaccinazioni di massa per i gruppi a basso rischio come i bambini o le donne incinte è assolutamente irresponsabile, soprattutto perché le vaccinazioni fanno poco o nulla per fermare la diffusione come inizialmente promesso, ed è spesso ancora falsamente mantenuto.

Si spera che l’ipotesi di un calo della natalità dovuto alle vaccinazioni possa essere falsificata al più presto attraverso un’indagine approfondita e indipendente. I numeri sono davvero preoccupanti.

Tuttavia, il fatto che i dati di Pfizer relativi ai disturbi della fertilità fossero stati nascosti e dovessero essere scoperti tramite una richiesta FOIA è tipico dell’intera situazione.

Non c’è quasi alcun dibattito pubblico indipendente su questi temi e le prospettive critiche sono attivamente soppresse dalle principali piattaforme digitali.

Organismi di vigilanza pubblici come l’Agenzia europea per i medicinali sono finanziati dall’industria farmaceutica e spesso basano le loro raccomandazioni sugli studi interni di Big Pharma. L’indipendenza delle nostre istituzioni scientifiche e accademiche è minacciata e vediamo una confluenza tra la ricerca scientifica, gli interessi aziendali privati ​​e gli obiettivi politici e ideologici a tutti i livelli.

Mettere sopra tutto questo un filtro digitale di censura, dove algoritmi proprietari microgestiscono il flusso di informazioni e il dibattito pubblico secondo le intenzioni dei loro proprietari, significa in pratica abolire la società democratica aperta e la ricerca scientifica indipendente.

Recenti rivelazioni mostrano anche che le piattaforme digitali hanno lavorato attivamente per sopprimere le prospettive critiche sulle politiche Covid e sulle vaccinazioni di massa. Twitter ha a tal fine sviluppato strategie di censura clandestina e ha impiegato il cosiddetto ‘shadowbanning’ con l’effetto di una soppressione quasi impercettibile della visibilità di post e account collegati a prospettive e analisi non gradite. Facebook ha rimosso più di sette milioni di post per influenzare il dibattito sul Covid solo durante il secondo trimestre del 2020. YouTube ha vietato la pubblicazione di materiale video che contiene prospettive critiche sulle vaccinazioni Covid. Tali contenuti sono designati come “disinformazione” indipendentemente dal fatto che siano supportati o meno da dati pertinenti.

Questo tipo di misure ha conseguenze molto gravi. Il controllo centralizzato della digitalizzazione del flusso di informazioni non riguarda solo la politica a livello locale e regionale, ma influenza anche il modo in cui il lavoro scientifico e giornalistico può essere progettato e svolto. Crea strutture che reprimono immediatamente le opinioni eterodosse e mette a tacere le voci critiche attraverso la paura e la persecuzione indiretta.

La fiducia del pubblico nelle nostre istituzioni comuni sarà inevitabilmente erosa da questo sviluppo.

La società aperta ora ha un disperato bisogno di una rinascita. I discorsi democratici e scientifici devono essere ricostruiti da zero, e in un modo che rispetti i nuovi e unici rischi della nostra situazione contemporanea, e che protegga e sottolinei la responsabilità del singolo cittadino.

La chiave di ciò nella nostra situazione attuale è insistere con domande critiche relative alle vaccinazioni di massa ovviamente pericolose e indagare sulla corruzione delle nostre istituzioni politiche e scientifiche su cui la situazione Covid ha fatto luce.

È fondamentale iniziare immediatamente a porre rimedio al danno significativo che è stato arrecato alla salute pubblica globale e alla società aperta in quanto tale. 

Johan Eddebo, Ph.D, ricercatore in digitalizzazione e diritti umani

Sture Blomberg, MD, Ph.D, Professore Associato in Anestesiologia e Terapia Intensiva ed ex medico senior

Ragnar Hultborn, Professore Emerito, specialista in oncologia

Sven Román, medico, psichiatra infantile e adolescenziale, dal 2015 consulente psichiatra che lavora in psichiatria infantile e adolescenziale in tutta la Svezia

Lilian Weiss, professore associato, specialista in chirurgia

Nils Littorin, residente in psichiatria, MD in microbiologia clinica

Gli autori sono membri della rete bio-medico-legale di Läkaruppropet . Stanno organizzando una conferenza a Stoccolma dal 21 al 22 gennaio in collaborazione con la rete Swedish Doctors’ Appeal. Il suo focus principale sarà sulle conseguenze della politica globale COVID-19 e sugli effetti dei vaccini Covid.

Scritto dal Dr. Johan Eddebo tramite The Daily Skeptic,

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?