Malasanità: manda quasi 1 paziente su 4 in terapia intensiva

Malasanità: una vasta casistica di pratiche mediche eseguite non correttamente che hanno causato lesioni al paziente o addirittura, nei casi più gravi, il suo decesso.

Pur sottolineando il fatto che 3 pazienti su 4 vengono abilmente curati da personale sanitario competente e attento alle esigenze del malato, la triste realtà, che va peggiorando, è che non tutti i sanitari sono altrettanto scrupolosi.

Secondo i risultati di un nuovo studio, gli errori diagnostici negli ospedali statunitensi stanno mandando quasi un paziente su quattro al reparto di terapia intensiva.

Uno su quattro!

(Christinarosepix/Shutterstock)

Nello studio di coorte condotto da un team della UC San Francisco e della School of Medicine dell’Università del Colorado, è emerso che il 23% dei pazienti ha ricevuto diagnosi errate o ha subito ritardi nella diagnosi. 

Di questi casi, il 17% ha provocato danni temporanei o permanenti al paziente.

risultati dello studio sono pubblicati nell’edizione di gennaio del Journal of American Medical Association.

Per determinare gli errori diagnostici, il gruppo di ricerca ha esaminato 2.428 cartelle cliniche di pazienti ricoverati in 29 ospedali negli Stati Uniti nel 2019

Poco più della metà dei dati dei pazienti erano di sesso maschile (54%) e l’età media dei pazienti era di 63,9 anni. 

Circa due terzi dei pazienti erano bianchi.

I casi dei pazienti sono stati esaminati da due medici addestrati nella valutazione degli errori. 

I medici hanno valutato le cartelle cliniche per la presenza o l’assenza di errori diagnostici o problemi o difetti del processo sottostante. 

Tutti i record contrassegnati per errore sono stati quindi esaminati più attentamente per determinare quale danno sia stato causato, se del caso, a seguito dell’errore.

I medici dovevano concordare la loro valutazione dell’errore e del danno causato prima di finalizzare la revisione; un terzo medico risolveva eventuali disaccordi.

In totale, 550 pazienti hanno riscontrato un errore diagnostico. 

Di questi, 436 pazienti hanno subito danni temporanei o permanenti o sono morti a causa dell’errore. 

Tra i 1.863 pazienti deceduti, è stato riscontrato che gli errori diagnostici contribuiscono a 121 di tali decessi, pari a quasi uno su 10.

In 116 casi, gli errori diagnostici hanno provocato degenze ospedaliere prolungate. 

I rischi più significativi di errore diagnostico sono stati identificati come problemi nella valutazione del paziente e problemi legati all’ordine e all’interpretazione dei test.

Il gruppo di ricerca ha così concluso: “I risultati del nostro studio forniscono slancio per una rapida esplorazione e sperimentazione di interventi in grado di ridurre gli errori diagnostici e i danni associati al trasferimento in terapia intensiva e ai decessi, colpendo le lacune nella selezione e interpretazione dei test e la capacità dei medici di deviare e ripensare le diagnosi come aree ad alta priorità, ” .

I casi di studio mostrano come gli errori causano danni e degenze ospedaliere più lunghe

In un caso riguardante errori di valutazione e monitoraggio del paziente, un paziente con infezione da streptococco di gruppo B al piede è stato ricoverato in ospedale. 

Il team di assistenza si concentrò principalmente sulla meningite del paziente e non aveva un piano per il trattamento dell’infezione del piede. 

Di conseguenza, il paziente è stato trasferito al reparto di terapia intensiva a causa dello scarso flusso sanguigno ed è stato sottoposto a sbrigliamento chirurgico del piede.

In un altro caso correlato ai test, un paziente in terapia anticoagulante a lungo termine è stato ricoverato in ospedale con un ematoma pochi giorni dopo una biopsia del midollo osseo. 

L’équipe sanitaria ha ripreso la terapia anticoagulante il quinto giorno del paziente, cosa che ha esacerbato il dolore del paziente e portato alla tachicardia, una condizione caratterizzata da una frequenza cardiaca superiore a 100 battiti al minuto. 

Il paziente è rimasto in questo stato per altre nove ore fino a quando le scansioni TC hanno rivelato che era necessaria la radiologia interventistica.

In un caso di diagnosi errata, un paziente ricoverato in ospedale con una grave stenosi aortica è morto dopo che il team di assistenza non aveva riconosciuto che il paziente era in stato di shock. 

Il gruppo di ricerca ha osservato che l’ospedale utilizzava servizi chirurgici per valutare il paziente che soffriva di tachicardia, invece di optare per cure critiche o servizi medici.

Secondo lo studio, “i problemi legati ai test, come la scelta del test corretto, la prescrizione del test in modo tempestivo, o la corretta interpretazione dei risultati e i problemi con la valutazione, come il riconoscimento delle complicanze o la rivisitazione di una diagnosi diversa, sembrano essere i problemi obiettivi più importanti per i programmi di miglioramento della sicurezza”.

Il gruppo di ricerca ha notato che il loro studio non è riuscito a catturare la pressione costante sui team di assistenza ospedaliera, come il carico di lavoro e la carenza di personale, che probabilmente influenzano lo standard professionale dell’assistenza.

Un rapporto dell’ottobre 2023 di Kaufman Hall , una società di consulenza sanitaria, ha confermato che due terzi degli ospedali negli Stati Uniti operano al di sotto della piena capacità a causa della carenza di personale

Inoltre, il 70% di questi ospedali riferisce che i pazienti rimangono al pronto soccorso a causa della mancanza di personale o di posti letto.

Il rapporto include le risposte di 106 dirigenti ospedalieri e del sistema sanitario.

Fonte: https://www.zerohedge.com/medical/hospital-diagnostic-errors-send-nearly-1-4-patients-icu-study-finds
Scritto da Amie Dahnke tramite The Epoch Times
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questo argomento abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/05/04/errore-medico-ne-parliamo-con-maria-grazia-evangelista/
https://ita.li.it/2022/12/03/covid-qual-e-la-verita/
https://ita.li.it/2023/04/27/neuropatia-atipica-delle-piccole-fibre-dopo-vaccinazione-covid-19/

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?