Forconi: il peggior incubo dell’UE!

Forconi: con la rivolta degli agricoltori ho la sensazione che qualcosa si stia rompendo all’interno dell’UE…

  • Gli agricoltori in Germania e nei paesi vicini si stanno ribellando
  • I partiti populisti continuano a crescere nei sondaggi
  • L’UE potrebbe non sopravvivere nella sua forma attuale

Recentemente ho  scritto di  quello che è diventato un fenomeno politico globale e populista.

I cittadini di più paesi, in entrambi gli emisferi, non solo votano per candidati populisti, ma lavorano anche al di fuori delle loro istituzioni politiche radicate per attuare i cambiamenti desiderati o per opporsi a quelli indesiderati.

Quest’ultimo aspetto è stato al centro dell’attenzione questa settimana mentre gli agricoltori tedeschi si sono recati a Berlino e in altre città per bloccare le strade in segno di protesta contro la rimozione di alcuni sussidi considerati non conformi alle politiche ufficiali sul clima. Sebbene non ben riportate dai media britannici, nei media continentali le proteste sono finite in prima pagina.

I sussidi agricoli esistono in tutta Europa sin dalla fondazione dell’UE. Il cibo di base a prezzi accessibili e disponibile era considerato – ed è tuttora – una questione di sicurezza nazionale. E poiché gli agricoltori europei non sono sempre competitivi come quelli di altri paesi, i sussidi sono stati ritenuti necessari per mantenerli in attività.

Non più. A quanto pare, gli obiettivi climatici ora prevalgono sulla sicurezza e sull’accessibilità alimentare. E quindi si dovrà porre fine ai sussidi, rendendo gli agricoltori meno competitivi e forse costringendone alcuni alla bancarotta.

Come è avvenuto in tutta la storia europea moderna, i progressisti olandesi furono tra i primi a ribellarsi contro quelle che percepivano come regole oppressive imposte dall’alto. Gli agricoltori hanno bloccato diverse città e autostrade in risposta alle quote proposte di azoto (fertilizzante). Più recentemente, gli olandesi hanno ceduto la maggior parte dei seggi nella Tweede Kamer – l’equivalente della Camera dei Comuni – al partito populista di Geert Wilders.

Ora gli agricoltori della Germania, il paese più grande e più ricco dell’UE e il maggior contribuente netto al bilancio dell’UE, si sono uniti alla mischia. A loro, a loro volta, si sono uniti gli agricoltori delle vicine Polonia, Ungheria e Austria. Autisti di mezzi pesanti, molti dei quali forniscono alle aziende agricole fertilizzanti e altri beni di prima necessità e, a loro volta, consegnano i prodotti dalla fattoria alla tavola.

I forconi sono usciti, per così dire.

Si dà il caso che anche il Regno Unito abbia una venerabile tradizione populista. Nel 1381 ci fu la cosiddetta “Rivolta dei contadini” guidata da Wat Tyler. Cominciò a Brentwood, nell’Essex, con una disputa sulle tasse non pagate e si diffuse rapidamente fino a inghiottire gran parte del sud-est dell’Inghilterra. Londra fu saccheggiata e molti edifici importanti furono dati alle fiamme. Questi includevano la Torre di Londra, in cui il Lord Cancelliere e il Lord Alto Tesoriere di Riccardo II furono scoperti dai ribelli e sommariamente uccisi.

In confronto, gli agricoltori europei di oggi sono piuttosto moderati nelle loro azioni. Ma hanno lanciato una sorta di sfida politica populista. La politica agricola comune è da decenni la spina dorsale dell’UE. L’interesse comune percepito dagli agricoltori ha funzionato come una forma di “cemento” politico per tenere insieme il progetto europeo e fornire una base su cui costruire un’ulteriore integrazione in altri settori.

Spinti troppo oltre, gli agricoltori ora minacciano di minare l’intero progetto europeo sostenendo partiti populisti e, in alcuni casi, apertamente anti-UE. Recenti sondaggi suggeriscono che, nella Germania orientale, Alternative für Deutschland (AfD) è il principale partito politico.

Bruxelles non ha ancora espresso alcuna preoccupazione specifica sulla questione. Forse vedono questi sviluppi come semplici tempeste in tazze di tè.

Nascosti nei loro moderni palazzi di vetro e acciaio, potrebbero persino chiedersi se, se la sicurezza alimentare europea e l’accessibilità economica fossero compromesse nel perseguimento dei loro ambiziosi obiettivi climatici, non dovrebbero invece lasciare che i loro contadini mangino la torta.

Fonte: https://www.zerohedge.com/geopolitical/eus-worst-nightmare-pitchforks
Scritto da John Butler tramite FortuneAndFreedom.com
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?