Neuropatia atipica delle piccole fibre dopo vaccinazione COVID-19

In questa serie, valutiamo alcuni degli eventi avversi meno noti ma comuni che stanno comparendo nella letteratura di ricerca così come nelle cliniche dei medici e, cosa più importante, come affrontarli e ridurre i rischi.

Tre giorni dopo il vaccino, l’ex Pussycat Dolls Jessica Sutta si è svegliata con “spasmi muscolari atroci” diversi da qualsiasi cosa avesse mai provato.

“Mi sentivo come se mi fossi rotta una costola”, ha detto Sutta.

Come atleta e ballerina professionista, si era rotta una costola prima del tour, “quindi conosco molto bene il dolore”.

Sutta ha fatto chiropratica, agopuntura, massaggi e riposo – ma spasmi muscolari e dolore persistevano, peggiorando in bruciore e dolore lancinante ai fianchi.

Si è ricoverata in ospedale ed è stata sottoposta a diversi test di laboratorio, ma i suoi risultati hanno mostrato che tutto era normale.

Allo stesso tempo, Sutta ha visto altre persone con problemi neurologici in seguito alla vaccinazione COVID-19, ma era troppo difficile per lei stabilire un collegamento.

A suo marito, che le ha mostrato un video relativo agli eventi avversi del vaccino, di spegnerlo, ha detto: “’Questo è solo uno spasmo muscolare. Andrà via.’”

Tuttavia, i suoi continui tentativi con diversi rimedi portarono a nuovi sintomi debilitanti.

Alla fine Sutta è stata indirizzata a un neurologo dal suo medico generico.

Il neurologo mi ha visitata, e la prima cosa che ha detto è stata: ‘Quando hai fatto il vaccino?’ e poi ‘Penso che tu abbia avuto una reazione avversa.’

“Quella è stata la prima volta che ho riconosciuto che stava realmente accadendo a me.”

Il dolore provato da Sutta era la neuropatia delle piccole fibre. Lo ha descritto come la sensazione di essere stata sottoposta al fuoco.

“Risultava in contrazioni, a ondate, ed era debilitante, non sapevo proprio cosa fare”, ha detto.

Sfortunatamente per Sutta, la sua neuropatia rimane ancora oggi.

Secondo il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), sono stati segnalati più di 1.600 casi di neuropatia periferica dopo la somministrazione di vaccini COVID-19 e sono stati segnalati circa 150 casi di neuropatia delle piccole fibre.

Una donna, Caroline Bollinger, ha sviluppato dolore toracico e formicolio, intorpidimento e bruciore agli arti superiori 10 giorni dopo aver ricevuto un vaccino mRNA COVID-19.

Mentre da allora i suoi sintomi si sono dissipati, ha detto a The Epoch Times che di tanto in tanto divampano ancora.

 

Neuropatie di nuova natura nelle persone vaccinate

Dall’avvento dei vaccini COVID-19, i neurologi Dr. Diane Counce e Dr. Suzanne Gazda hanno visto molte nuove manifestazioni neurologiche tra i loro pazienti.

Counce ha detto che una complicazione neurologica comune che vede è la neuropatia periferica.

Queste sono malattie che colpiscono i neuroni al di fuori del cervello e del midollo spinale, compresi i nervi di organi interni, arti e pelle.

Tra questi, la neuropatia delle piccole fibre è la più comune.

I neuroni delle piccole fibre rilevano dolore e temperatura, ecco perché la neuropatia delle piccole fibre è spesso associata a formicolio, intorpidimento e sensazioni di bruciore.

Alcuni neuroni delle piccole fibre sono neuroni autonomi, quindi le malattie nelle piccole fibre possono portare a disturbi della sudorazione, della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca, della digestione, dell’escrezione, della vista e di molte altre funzioni.

Epoca Times foto
Funzioni dei nervi periferici. Fonte: Cassellini, Carolina & Vinik, Aaron (2007), “Manifestazioni cliniche e opzioni terapeutiche attuali per le neuropatie diabetiche”, Endocrine Practice, vol. 3, n. 5, pp. 550-566. (The Epoch Times)

 

L’intolleranza al calore e la sudorazione ridotta o eccessiva sono manifestazioni comuni della neuropatia delle piccole fibre e possono manifestarsi in assenza di dolore.

Poiché i sintomi e la gravità sono molto variabili, la dottoressa Svetlana Blitshteyn, professore associato di neurologia presso l’Università di Buffalo, ha affermato che la malattia potrebbe essere significativamente sottodiagnosticata.

Negli Stati Uniti, la neuropatia delle piccole fibre è solitamente associata al diabete.

Counce, che ha curato circa 300 pazienti che hanno sviluppato sintomi dopo il vaccino, ha dichiarato che le neuropatie delle piccole fibre legate al vaccino COVID-19 possono essere atipiche.

Counce aveva anche un paziente le cui regioni neuropatiche cambiavano a ogni seduta.

Implicazioni sull’autoimmunità

Gazda sostiene che è probabile che queste neuropatie siano causate dall’autoimmunità, che si verifica quando il corpo attacca i propri tessuti.

Per coincidenza, le presentazioni meno comuni di neuropatie delle piccole fibre sono anche fortemente legate alle malattie autoimmuni.

L’autoimmunità dai vaccini COVID-19 può verificarsi se i vasi sanguigni locali producono proteina spike e vengono attaccati da cellule immunitarie e anticorpi, come è stato dimostrato nelle presentazioni dell’autopsia dal patologo tedesco Arne Burkhardt.

Le proteine ​​spike condividono molte caratteristiche con le proteine ​​umane.

La ricerca dell’immunologo Dr. Aristo Vojdani mostra che gli anticorpi prodotti contro la proteina spike potrebbero anche attaccare almeno 28 diversi tessuti umani.

Il dott. Keith Berkowitz, internista certificato dal consiglio di amministrazione e fondatore e direttore medico del Center for Balanced Health, ha affermato che avrebbe osservato schemi anormali in cui si verificano neuropatie periferiche con affaticamento, nebbia mentale e acufene.

Neuropatia delle piccole fibre e vaccini COVID-19: ricerca

Diversi studi hanno collegato i vaccini COVID-19 alla neuropatia delle piccole fibre.

Uno studio del 2022 finanziato dal National Institutes of Health che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria ha rilevato segni di neuropatia delle piccole fibre nella metà delle persone vaccinate contro il COVID.

Lo studio ha valutato 23 persone che hanno sviluppato sintomi neurologici entro un mese dalla ricezione dei vaccini primari contro il COVID-19.

Nessuno di loro aveva una precedente storia di malattie neurologiche, la maggior parte non aveva una storia di malattie autoimmuni e tutti hanno sviluppato sintomi entro tre settimane dalle vaccinazioni.

Un altro caso di studio , pubblicato a gennaio sull’European Neurology Journal, ha concluso che un vaccino mRNA COVID-19 era causale delle manifestazioni della neuropatia delle piccole fibre in un maschio di 39 anni.

Il paziente ha sviluppato formicolio, intorpidimento e dolore alla spalla sinistra entro 10 giorni dalla vaccinazione. Questi sintomi sono poi progrediti alle sue due braccia, mani e piedi.

Entro tre settimane, ha sviluppato contrazioni muscolari e intorpidimento ai piedi e alle mani, le aree che bruciavano se toccate.

Le biopsie prelevate dal piede e dalla gamba sinistra del paziente hanno mostrato fibre piccole e sottili in modo anomalo che sono tornate alla densità normale dopo il trattamento con infusioni di anticorpi.

Mentre al VAERS sono stati segnalati meno di 200 casi di neuropatie delle piccole fibre che si sono verificati dopo la vaccinazione COVID-19, i sintomi che possono essere associati a neuropatie delle piccole fibre, come prurito, che ha quasi 40.000 segnalazioni, e sensazioni anormali, perdita di sensibilità e sudorazione eccessiva, hanno più di 20.000 segnalazioni.

La sudorazione alterata e la termoregolazione sono i principali indicatori della neuropatia delle piccole fibre.

Gli studi hanno proposto il Quantitative Sudomotor Axon Reflex Test (QSART) come un test diagnostico più accurato per la neuropatia delle piccole fibre rispetto alla comune biopsia cutanea.

Poiché le biopsie cutanee vengono solitamente prelevate nei piedi e nelle gambe, questo potrebbe non essere un test adatto per presentazioni atipiche, dato che il dolore può manifestarsi anche al viso, allo stomaco, alle costole e alle spalle.

Tuttavia, la macchina QSART è molto costosa e non disponibile nella maggior parte delle cliniche.

Blitshteyn ha osservato che i pazienti dovrebbero recarsi nei grandi ospedali universitari o nelle principali cliniche per eseguire questi test, motivo per cui le neuropatie delle piccole fibre, in particolare le presentazioni atipiche, sono spesso diagnosticate erroneamente.

Trattamenti limitati

Mentre ci sono diversi farmaci antiepilettici e antidepressivi usati come trattamenti di prima linea per affrontare il dolore neuropatico delle piccole fibre, i risultati non sono  stati troppo promettenti , con una bassa efficacia complessiva.

Blitshteyn ha affermato che, rispetto al sollievo dai sintomi, è più importante trovare farmaci in grado di affrontare la causa del dolore neuropatico.

Ritiene che l’autoimmunità e l’infiammazione siano alla base delle neuropatie delle piccole fibre a lungo COVID e postvaccino, ma ci sono poche terapie antinfiammatorie e immunomodulanti approvate per tali scopi.

Secondo Blitshteyn, alcuni studi hanno menzionato gli steroidi come opzione terapeutica per la neuropatia delle piccole fibre dopo il vaccino.

Anche l’infusione endovenosa con anticorpi , nota anche come IVIG, così come la plasmaferesi , sono state suggerite per affrontare l’infiammazione e l’autoimmunità.

Gli steroidi sono approvati per la neuropatia delle piccole fibre e mentre Blitshteyn li ha visti portare a miglioramenti clinici in alcuni pazienti, non sono fattibili a lungo termine.

Sia Gazda che Counce hanno utilizzato l’IVIG per curare i loro pazienti affetti da neuropatie legate a una risposta autoimmune.

Tuttavia, questo trattamento è costoso e poiché non è approvato dalla FDA per le neuropatie delle piccole fibre, i pazienti assicurati potrebbero non ottenere il rimborso.

Anche l’efficacia dell’IVIG è oggetto di dibattito, con alcuni studi che riscontrano differenze trascurabili tra l’IVIG e un placebo (soluzioni saline).

Alcuni studi hanno riportato il successo nell’utilizzo di naltrexone a basso dosaggio e acido alfa-lipoico per il trattamento della neuropatia delle piccole fibre.

L’esperto di terapia intensiva dottor Pierre Kory, ha scoperto che il naltrexone a basso dosaggio è piuttosto efficace nei suoi pazienti, ma gli studi sono stati limitati.

Oltre alle terapie per il disagio sensoriale neuropatico, la neuropatia delle piccole fibre è anche associata a disfunzione autonomica, che può essere molto più difficile da trattare.

La disautonomia, una forma di disturbo autonomo, è incurabile .

Nuove neuropatie complicano la diagnosi e il trattamento

Un altro problema notato da Gazda e Berkowitz è stato che molti degli eventi avversi neurologici postvaccino non si verificano come un singolo sintomo.

Questo perché molte diverse vie biochimiche e metaboliche sono interessate.

I pazienti possono presentare affaticamento, annebbiamento cerebrale, declino cognitivo, tinnito, disturbi del movimento, disfunzione autonomica o sintomi che possono non essere correlati a complicanze neurologiche.

I medici specializzati possono essere sopraffatti dai molti sintomi che coesistono e si influenzano a vicenda.

“Se sei un neurologo, non sai necessariamente come trattarlo se si tratta di un problema autoimmune o di un problema immunitario vascolare”, ha detto a The Epoch Times il neurologo Dr. Robert Lowry.

Un altro problema con le nuove presentazioni postvaccino è che i medici potrebbero essere riluttanti a fare una diagnosi, ha detto Berkowitz.

I pazienti possono essere visitati più volte prima che i medici prescrivano qualsiasi trattamento.

Gazda ha affermato che è importante che i medici siano aperti a considerare il ruolo che i vaccini potrebbero aver svolto e che ricercano in che modo le vie proteiche del picco indotte dal vaccino possono influenzare il corpo.

Questo approccio darà ad alcuni pazienti una migliore possibilità di riprendersi.

Blitshteyn, che è stato il primo medico a notare la connessione tra la disautonomia e il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV), ha affermato che mentre esiste la neuropatia delle piccole fibre post-vaccino, vede più pazienti che soffrono della stessa condizione a causa del lungo COVID.

Ha detto che, quindi, tali risultati non scoraggiano necessariamente le persone dal farsi vaccinare.

Altri medici come il pneumologo di terapia intensiva Dr. Joseph Varon, coautore dei protocolli profilattici e di trattamento precoce per COVID-19, hanno affermato che se i pazienti fossero stati curati eo cancellati per COVID-19 in anticipo, c’era una probabilità molto basso di sviluppo  sequele , o postumi di malattia.

Marina Zhang è una scrittrice di salute per The Epoch Times, con sede a New York. Copre principalmente storie su COVID-19 e il sistema sanitario e ha una laurea in biomedicina presso l’Università di Melbourne.

fonte: https://www.theepochtimes.com/health/atypical-small-fiber-neuropathy-occurrence-after-covid-19-vaccination-possibly-underdiagnosed_5163697.html
tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li

Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di ITA.li. ITA.li accoglie discussioni professionali e dibattiti amichevoli. Per inviare un parere, segui queste linee guida e invia una mail a contatti@ita.li.it

Altre notizie
Airpods e danni all’udito

Airpods e danni all’udito

Lunga tenuta, cancellazione del rumore e wireless: come gli auricolari danneggiano il nostro udito Gli auricolari...

Scienzah: potete fidarvi?

Scienzah: potete fidarvi?

Dimostrando che una revisione anonima non retribuita vale ogni centesimo, il 217enne editore scientifico Wiley ha...

Influenza aviaria e OMS

Influenza aviaria e OMS

Il trattato pandemico dell'OMS e la crisi dell'influenza aviaria stanno arrivando nello stesso momento I funzionari...

error: Content is protected !!
× How can I help you?