Aviaria: prossima pandemia

La FDA si prepara a una possibile diffusione dell’influenza aviaria tra gli esseri umani

Il Commissario della Food and Drug Administration (FDA) statunitense, l’8 maggio ha dichiarato che FDA si sta preparando per uno scenario in cui l’influenza aviaria ad alta patogenicità inizierà a diffondersi tra gli esseri umani.

Il dottor Robert Califf, il commissario, durante un’audizione a Washington ha detto ai senatori “Questo virus, come tutti i virus, sta mutando. Dobbiamo continuare a prepararci per la possibilità che possa trasmettersi agli esseri umani”.

L’influenza, conosciuta anche come influenza aviaria o H5N1, ha recentemente iniziato a diffondersi tra i bovini e altre specie.

Il commissario della Food and Drug Administration, Dr. Robert Califf a Washington in un’immagine di archivio. (Joe Raedle/Getty Images)

Finora, i funzionari statunitensi indicano che il sequenziamento genetico e altri dati mostrano che l’influenza rappresenta un rischio minimo per le persone, e non ci sono segni di trasmissione da persona a persona.

Ma il team sta lavorando per preparare trattamenti, test e vaccini nel caso in cui la situazione cambi.

Il dottor Califf ha detto alla sottocommissione per gli stanziamenti per l’agricoltura della commissione per gli stanziamenti del Senato: “Ci stiamo preparando nel caso in cui il virus muti in modo tale da trasmettersi agli esseri umani a un livello più ampio

In Texas, un paziente ha manifestato principalmente un sintomo: occhi infiammati.

Né il paziente né molte delle mucche infettate hanno sofferto di sintomi respiratori.

L’H5N1 infetta comunemente le vie respiratorie degli uccelli.

Il dottor Califf ha detto che “La vera preoccupazione è che arrivi ai polmoni umani, dove, quando ciò è accaduto in altre parti del mondo per brevi epidemie, i tassi di mortalità sono stati del 25%”.

La preoccupazione si basa in parte sul modo in cui i virus tipicamente mutano, come nel caso del COVID-19.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato 889 casi di H5N1 in tutto il mondo dal 2003 al 1° aprile 2024.

Il 52% dei pazienti è morto.

Lo scienziato capo dell’OMS Jeremy Farrar ha recentemente dichiarato che l’H5N1 si è trasformato in una “pandemia globale di animali zoonotici” e che gli scienziati temono che il virus possa evolversi per diffondersi tra gli esseri umani.

Tedros Ghebreyesus, direttore generale dell’organizzazione, ha dichiarato mercoledì che “il virus non mostra segni di adattamento per diffondersi tra gli esseri umani, ma è necessaria una maggiore sorveglianza”.

Secondo il dottor Califf, molti esperti consultati dal governo degli Stati Uniti sono preoccupati per la diffusione dell’influenza sui bovini e su altre specie e per il modo in cui i bovini si mescolano con maiali, polli ed esseri umani nelle fattorie.

Uno studio del 3 maggio condotto da ricercatori statunitensi e danesi ha affermato che i test sui tessuti dei bovini indicano che gli animali potrebbero fungere da “recipiente di miscelazione” per l’influenza aviaria perché esprimono i recettori di polli, anatre e esseri umani.

Il dottor Califf ha affermato che “Anche se il rischio è ancora basso, se istituiamo le contromisure adesso e riduciamo subito la diffusione del virus, allora avremo molte meno probabilità di vedere una mutazione che si trasmette agli esseri umani per la quale siamo impreparati”.

Le attuali norme statunitensi impongono che alcuni bovini vengano testati prima di trasferirli in un altro stato.

La guida include la consulenza ai lavoratori delle aziende agricole di indossare dispositivi di protezione quando hanno a che fare con animali che potrebbero essere o sono malati di influenza aviaria.

La FDA si sta concentrando in parte nel garantire che la fornitura di latte del paese sia sicura da bere.

L’agenzia e i suoi partner hanno testato campioni di latte provenienti dai negozi di alimentari.

Sebbene alcuni campioni siano risultati positivi, non è stato rilevato alcun virus vivo, il che significa che la fornitura di latte è sicura, secondo l’agenzia.

Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, i risultati dei test sulla carne bovina hanno anche dimostrato che la carne è sicura.

L’agenzia ha confermato le infezioni da H5N1 in 36 allevamenti in nove stati, tra cui Colorado, Kansas e Michigan.

Secondo un documento prestampato del dipartimento, i dati delle mucche colpite indicano che l’H5N1 ha iniziato a circolare nei bovini alla fine del 2023, .

I funzionari in un briefing questa settimana hanno detto che circa 70 lavoratori agricoli sono monitorati in Colorado, ma nessuno ha ancora mostrato sintomi.

Fonte: https://www.zerohedge.com/medical/fda-preparing-possible-bird-flu-spread-among-humans-commissioner-0
Scritto da Zachary Stieber tramite The Epoch Times
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/06/13/covid-19-creato-nel-laboratorio-di-wuhan/

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?