Covid-19 creato nel laboratorio di Wuhan

Covid-19 creato nel laboratorio di Wuhan?

I ricercatori di Wuhan, in Cina, che lavorano con l’ esercito cinese, stavano manipolando geneticamente i coronavirus più letali del mondo per creare un nuovo virus mutante proprio nel periodo in cui è iniziata la pandemia di Covid-19, secondo il Sunday Times , che ha esaminato centinaia di documenti, “Compresi rapporti precedentemente riservati, note interne, documenti scientifici e corrispondenza e-mail che è stata ottenuta tramite fonti o da attivisti per la libertà di informazione nei tre anni dall’inizio della pandemia”.

Covid-19, ricercatori
Il presidente di EcoHealth Alliance Peter Daszak (Sx) ha collaborato con il Dr. Shi Zhengli (Dx)

Il Times ha anche intervistato gli investigatori del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, inclusi esperti specializzati in Cina, sulle minacce emergenti di pandemia e guerra biologica, che hanno condotto quella che l’outlet descrive come “la prima significativa inchiesta statunitense sulle origini dell’epidemia di Covid-19”.

[O] la nostra nuova indagine dipinge il quadro più chiaro finora di ciò che è accaduto nel laboratorio di Wuhan.

La struttura, che aveva iniziato a cercare le origini del virus Sars nel 2003, ha attirato finanziamenti del governo degli Stati Uniti attraverso un ente di beneficenza con sede a New York il cui presidente era uno zoologo esperto nato in Gran Bretagna

Il principale scienziato americano di coronavirus ha condiviso tecniche di manipolazione del virus all’avanguardia.

L’istituto era impegnato in esperimenti sempre più rischiosi sui coronavirus raccolti nelle grotte dei pipistrelli nel sud della Cina. 

Inizialmente, ha reso pubbliche le sue scoperte e ha sostenuto che i rischi associati erano giustificati perché il lavoro potrebbe aiutare la scienza a sviluppare vaccini.

La situazione è cambiata nel 2016 dopo che i ricercatori hanno scoperto un nuovo tipo di coronavirus in una miniera a Mojiang, nella provincia dello Yunnan, dove le persone erano morte per sintomi simili alla Sars . –  Sunday Times

Il ceppo della miniera Mojiang che ha ucciso diverse persone è ora riconosciuto come “gli unici membri della famiglia immediata di Covid-19 noti per essere esistiti prima della pandemia” e sono stati trasportati all’Istituto di virologia di Wuhan.

Dopodiché, “La scia di documenti inizia a oscurarsi”, ha detto un investigatore statunitense. “Questo è esattamente il momento in cui è iniziato il programma riservato.

La mia opinione è che il motivo per cui Mojiang è stato insabbiato fosse dovuto al segreto militare legato alla ricerca [da parte dell’esercito] di capacità a duplice uso di armi biologiche e vaccini virologici”.

Secondo gli investigatori statunitensi , il WIV ha intrapreso un programma riservato per rendere i virus della miniera più trasmissibili agli esseri umani, che ritengono abbia portato alla creazione del Covid-19, che è poi trapelato nella città di Wuhan a seguito di un incidente di laboratorio.

Covid-19 a Wuhan

“È diventato sempre più chiaro che l’Istituto di virologia di Wuhan è stato coinvolto nella creazione, diffusione e insabbiamento della pandemia di Covid-19 “, ha affermato uno degli investigatori, che ha trovato prove che i ricercatori che lavoravano a tali esperimenti fossero stati ricoverati in ospedale a novembre 2019 con sintomi simili al Covid , appena un mese prima che l’Occidente venisse a conoscenza della pandemia. Morto anche uno dei parenti delle vittime.

“Eravamo fermamente fiduciosi che si trattasse probabilmente di Covid-19 perché stavano lavorando a una ricerca avanzata sul coronavirus in laboratorio.

Sono biologi addestrati tra i trenta e i quarant’anni. Gli scienziati di trentacinque anni si ammalano difficilmente di influenza”, ha detto un investigatore.

Nel frattempo, un’analisi separata rivela che l’epicentro dell’epidemia originale di Covid-19 era vicino al WIV, non al mercato “umido” della fauna selvatica di Wuhan come si pensava in precedenza.

“Ho intervistato scienziati in Asia che hanno stretti rapporti con il Wuhan Institute of Virology”, ha detto uno degli investigatori, che ha affermato di avere prove che anche il WIV stava lavorando a un vaccino Covid-19 prima della pandemia . “Mi hanno detto che è loro convinzione che nell’autunno del 2019 fosse in corso una ricerca sui vaccini, pertinente alla vaccinazione contro il Covid-19”.

Il microbiologo della Rutgers University, Richard Ebright, ha definito gli esperimenti “di gran lunga la ricerca più spericolata e pericolosa sui coronavirus – o addirittura su qualsiasi virus – nota per essere stata intrapresa in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo”.

Test sui topi umanizzati

Il professor Ralph Baric dell’Università della Carolina del Nord è un pioniere negli esperimenti all’avanguardia che utilizzano una tecnica per fondere insieme diversi agenti patogeni combinando i loro geni.

Per testare gli effetti di questi coronavirus chimerici, Baric ha creato topi “umanizzati”, a cui sono stati iniettati geni che hanno permesso loro di sviluppare polmoni e sistemi vascolari simili a quelli di un essere umano.

“In modo minaccioso, esistono strumenti per modificare simultaneamente i genomi per una maggiore virulenza [e] trasmissibilità”, ha scritto Baric in un articolo del 2006. “Queste armi biologiche potrebbero essere mirate a esseri umani, animali domestici o colture, provocando un impatto devastante sulla civiltà umana”.

Nel frattempo, nel 2012, gli attivisti e gli scienziati hanno iniziato a respingere la ricerca sul guadagno di funzione a causa dei suoi pericoli intrinseci.

“Circa 30 laboratori ora stanno lavorando con il virus Sars vivo in tutto il mondo. La probabilità di fuga da almeno un laboratorio è alta”, ha scritto Lynn Klotz, un membro anziano del Center for Arms Control and Non-Proliferation. “Una fuga su dieci porterebbe a una grave epidemia o pandemia? Una su cento? Una su mille? Nessuno lo sa. Ma per ognuna di queste probabilità, il numero ponderato di probabilità di vittime e morti sarebbe intollerabilmente alto”.

Nel 2013, il ricercatore WIV Shi Zhengli ha chiamato Ralph Baric per chiedere il suo aiuto nella coltivazione di quantità sufficienti di un virus simile alla Sars trovato in una grotta, SHC014, al fine di condurre i test. Baric ha accettato e il WIV gli ha fornito la sequenza genetica del ceppo in modo che potesse ricreare i geni dalle sue proteine ​​​​spike.

Il team di Baric ha inserito il “gene spike” di SHC014s in una copia del virus Sars originale che hanno creato nella Carolina del Nord e ha testato il nuovo virus chimerico su topi umanizzati.

Nel frattempo, nel maggio 2014, EcoHealth Alliance ha ricevuto 3,7 milioni di dollari dal National Institutes of Health degli Stati Uniti, di cui oltre 500.000 dollari sono andati a finanziare l’acquisto di attrezzature di laboratorio presso il WIV e 130.000 dollari sono andati direttamente a Shi e al suo assistente.

Quindi, l’amministrazione Obama ha vietato la ricerca sul guadagno di funzione, ma una “scappatoia” ha consentito alla pratica di procedere se ritenuta “urgente e sicura”. Baric ha sostenuto proprio questo al NIH, che ha concesso l’approvazione.

I risultati dell’esperimento di Baric con la sequenza genetica datagli da Shi sono stati pubblicati in una ricerca co-autrice nel novembre 2015.

La copia combinata della Sars e del virus SHC014 era un potenziale killer di massa. Ha causato gravi danni ai polmoni nei topi umanizzati ed è risultato resistente ai vaccini sviluppati per la Sars. Il giornale ha riconosciuto che questo potrebbe essere stato un esperimento troppo pericoloso.

Ha causato un grande scalpore. ” Se il virus scappasse, nessuno potrebbe prevedere la traiettoria “, ha avvertito Simon Wain-Hobson, virologo dell’Istituto Pasteur di Parigi. – Sunday Times

E a maggio 2016, Daszak ha dichiarato a una conferenza di New York che si stava avvicinando “sempre più vicino” all’ottenimento di un virus “che potrebbe davvero diventare patogeno nelle persone”.

Entro il 2017 , ha scritto in un articolo che il suo team aveva cercato di creare otto coronavirus mutanti basati su ceppi trovati nella grotta di Shitou, due dei quali sono stati trovati capaci di infettare le cellule umane. La ricerca era stata condotta nei laboratori BSL-2, mentre le linee guida statunitensi per tale ricerca richiedono precauzioni BSL-3, che includono porte a chiusura automatica, aria filtrata e scienziati dotati di DPI completi sotto controllo medico, scrive il Times .

Inserisci la “pistola fumante”

Mentre Shi stava creando i suoi otto virus mutanti, il WIV ha compiuto “un altro pericoloso balzo in avanti” con il loro lavoro sui virus delle caverne di Shitou – in quello che Ebright descrive come l’esperimento di coronavirus più pericoloso mai intrapreso – che è stato in parte finanziato dalla sovvenzione di EcoHealth.

Gli scienziati hanno selezionato tre virus mutanti cresciuti in laboratorio, creati mescolando virus simili alla Sars con WIV1, che avevano tutti dimostrato di infettare le cellule umane. Questi mutanti sono stati poi iniettati nel naso di topi albini con polmoni umani.

L’obiettivo era vedere se i virus avessero il potenziale per innescare una pandemia se fossero fusi insieme, come potrebbero fare naturalmente in una colonia di pipistrelli. Il virus WIV1 originale è stato iniettato in un altro gruppo di topi come confronto.

I topi sono stati monitorati nelle loro gabbie per due settimane. I risultati sono stati scioccanti. Il virus mutante che ha fuso WIV1 con SHC014 ha ucciso il 75% dei roditori ed è stato tre volte più letale del WIV1 originale. 

Nei primi giorni dell’infezione, si è scoperto che i polmoni umani dei topi contenevano una carica virale fino a 10.000 volte maggiore del virus WIV1 originale.

Gli scienziati avevano creato un super-coronavirus altamente infettivo con un terrificante tasso di uccisione che con ogni probabilità non sarebbe mai emerso in natura

Il nuovo virus geneticamente modificato non era Covid-19 ma avrebbe potuto essere ancora più mortale se fosse trapelato. – Sunday Times

Nel suo rapporto sui progressi annuali dell’aprile 2018, il WIV, Peter Daszak di EcoHealth ha omesso le morti dei topi. Inoltre, non li ha menzionati nella sua domanda di rinnovo della sovvenzione depositata presso il NIH nello stesso anno. In effetti, ha affermato di aver sperimentato solo “lievi segni clinici simili alla Sars “.

“Cosa è successo davvero all’interno del laboratorio di Wuhan settimane prima che scoppiasse il Covid?”

“Nuove prove tratte da file riservati rivelano che gli scienziati cinesi hanno unito agenti patogeni mortali poco prima della pandemia, secondo il rapporto del team del Sunday Times Insight” https://t.co/6P2CzACMLP https://t.co/dfB12nqNTL pic.twitter.com/ jdkpZHcjJe

— Richard H. Ebright (@R_H_Ebright) 11 giugno 2023

Quindi Daszak ha mentito, poiché l’esperimento aveva effettivamente ucciso sei degli otto topi umanizzati infetti.

Daszak alla fine è stato chiaro, ma afferma che la sua dichiarazione sulle malattie “lievi” era basata su risultati preliminari (nonostante il fatto che i topi fossero morti mesi prima che rilasciasse la sua dichiarazione).

Interviene il Dipartimento di Stato americano

Mentre i blocchi globali stavano volgendo al termine, agli investigatori del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti è stato concesso l’accesso all’intelligence segreta sugli esperimenti cinesi sul coronavirus nei mesi e negli anni precedenti l’emergere del Covid-19.

Oltre una dozzina di investigatori, a cui è stato concesso un accesso senza precedenti a “metadati, informazioni telefoniche e informazioni su Internet” dalle intercettazioni dell’intelligence statunitense, hanno pubblicato un rapporto all’inizio del 2021 che faceva due affermazioni; che il WIV stava sperimentando un ceppo, RaTG13, trovato nella miniera di Moijang, e che la ricerca militare segreta, inclusi esperimenti eseguiti su soggetti di test sugli animali, era stata condotta proprio prima della pandemia.

“Stavano lavorando con le nove diverse varianti di Covid”, ha detto uno degli investigatori, aggiungendo che pensavano che un virus al WIV fosse una corrispondenza ancora più vicina al Covid-19 rispetto al RaTG13.

“Siamo fiduciosi che stessero lavorando a una variante inedita più vicina, forse raccolta a Mojiang”.

E, naturalmente, altri credono che il Covid-19 sia stato in gran parte una produzione statunitense…

fonte: https://www.zerohedge.com/covid-19/covid-19-created-wuhan-lab-through-classified-chinese-bioweapons-program-us-investigators
tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li
Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?