Pasqua e il cambiamento climatico

Pasqua: secondo alcuni ricercatori, il cambiamento climatico è una delle ragioni principali per cui il tuo uovo di Pasqua di cioccolato potrebbe costare di più quest’anno.

Giuro, non ho mai sentito tante belinate in vita mia! Andiamo a leggere l’articolo della prestigiosa BBC.

La maggior parte del cioccolato è prodotto con cacao coltivato nell’Africa occidentale, ma un’ondata di caldo umido ha ridotto massicciamente i raccolti.

Gli esperti affermano che il cambiamento climatico indotto dall’uomo ha reso il caldo estremo 10 volte più probabile.

La carenza di cacao derivante dall’ondata di caldo ha visto i prezzi salire a quasi 8.500 dollari (6.700 sterline) la tonnellata questa settimana.

Gli alberi di cacao sono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici.

Crescono solo in una stretta fascia di circa 20 gradi di latitudine attorno all’Equatore.

La maggior parte della produzione globale è concentrata nell’Africa occidentale.

Nel 2023, 58 milioni di chilogrammi di fave di cacao per un valore di 127 milioni di sterline sono stati importati nel Regno Unito dalla Costa d’Avorio e dal Ghana, con l’85% delle fave di cacao del Regno Unito provenienti dalla Costa d’Avorio.

Tuttavia, gravi condizioni di siccità hanno colpito la regione dell’Africa occidentale a partire dal febbraio di quest’anno.

Ciò è stato causato da temperature che hanno superato i 40°C, battendo record in paesi tra cui la Costa d’Avorio e il Ghana.

Getty Images Uovo di Pasqua
Immagini Getty
Un produttore di cioccolato lavora su un uovo di Pasqua

Pasqua: casualmente sono queste temperature eccezionalmente elevate che il gruppo World Weather Attribution, con sede presso l’Imperial College di Londra, ha scoperto essere 10 volte più probabili a causa delle emissioni di gas serra causate dall’uomo.

Il loro studio ha scoperto che, a meno che il mondo non riduca rapidamente l’uso di combustibili fossili, l’Africa occidentale sperimenterà ondate di caldo simili circa ogni due anni.

Secondo uno degli autori dello studio, Izadine Pinto, dell’Università di Città del Capo, “Ci sono stati rapporti da parte di agricoltori della Costa d’Avorio secondo cui il caldo ha indebolito il raccolto di cacao”.

Ha detto che le alte temperature hanno aumentato il tasso di evaporazione, lasciando i raccolti senza umidità sufficiente.

Un altro fattore che ha influito sui raccolti è stato El Niño.

Si tratta di una fluttuazione naturale e ricorrente dei modelli meteorologici nel Pacifico tropicale che fa aumentare le temperature globali, e può portare a condizioni meteorologiche estreme in alcuni luoghi.

Dallo scorso giugno è attivo un forte El Niño.

Ben Clarke, esperto di condizioni meteorologiche estreme presso il Grantham Institute dell’Imperial College, afferma che gli anni di El Niño spesso rappresentano sfide per gli agricoltori, ma il riscaldamento globale sta esacerbando questi cambiamenti.

Clarke ha inoltre affermato che “Il cambiamento climatico guidato dall’uso di combustibili fossili sta moltiplicando sempre più questa sfida naturale in molte regioni. Alimenta condizioni più estreme, devasta i raccolti e fa aumentare i costi del cibo per tutti”.

La siccità non è l’unico fattore che colpisce i coltivatori di cacao.

Sia la Costa d’Avorio che il Ghana sono stati colpiti da un doppio disastro meteorologico estremo.

SIA KAMBOU donne che selezionano il cacao
SIA KAMBOU
Donne che smistano le fave di cacao in Costa d’Avorio

Nel dicembre dello scorso anno entrambi i paesi hanno sperimentato piogge intense. 

Le precipitazioni totali nell’Africa occidentale sono state più del doppio della media trentennale per quel periodo dell’anno.

Le condizioni umide hanno permesso a un’infezione fungina chiamata malattia del baccello nero di prosperare, facendo marcire le fave di cacao sugli alberi.

Il risultato di questi diversi eventi estremi è stato lo stesso: il prezzo del cacao è più che triplicato rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso ed è raddoppiato solo negli ultimi tre mesi.

I produttori di cioccolato in genere acquistano i chicchi con mesi di anticipo, ma l’impennata dei prezzi sta ora iniziando a influenzare i prezzi nei negozi.

Martin Hug, del produttore di cioccolato Lindt & Spruengli, agli analisti della città all’inizio di questo mese ha detto “Molti operatori hanno già annunciato aumenti di prezzo. Anche noi facciamo parte di quel gruppo”.

Getty Images Uova di PasquaImmagini Getty

A febbraio Mondelez, la società proprietaria del marchio Cadbury, e il produttore americano di cioccolato Hershey avevano già avvertito che l’aumento dei prezzi del cacao avrebbe potuto far salire il prezzo del cioccolato.

A sentire il peso di queste fluttuazioni dei prezzi sono gli agricoltori che coltivano i raccolti di cacao.

Si stima che nella zona del cacao dell’Africa occidentale vi siano circa due milioni di piccoli coltivatori che fanno affidamento su questa coltura ad alta intensità di manodopera per la maggior parte del loro reddito.

Amber Sawyer, analista del think tank sul clima Energy and Climate Intelligence Unit, ha affermato che i paesi ricchi come il Regno Unito possono fornire supporto finanziario e tecnico ai paesi in via di sviluppo per aiutare i loro agricoltori ad affrontare meglio le condizioni meteorologiche estreme.

Ma ha avvertito che, “con l’aggravarsi del cambiamento climatico, sarà senza dubbio necessario un maggiore sostegno per proteggere i loro mezzi di sussistenza e mantenere il flusso di semi di cacao in arrivo nel Regno Unito”.

(n.d.r. Ovviamente tutto questo in prossimità dell’arrivo della Pasqua!)

fonte: https://www.bbc.com/news/science-environment-68619912
Scritto da Justin Rowlatt ,Redattore sul clima, BBC News
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?