Nanoplastiche: cause di Parkinson e demenza?

Micro e nanoplastiche collegate al morbo di Parkinson e alla demenza

Quella bottiglia d’acqua di plastica da cui bevi regolarmente potrebbe un giorno decomporsi in minuscole particelle che causano scompiglio nel tuo cervello.

nanoplastiche
(Andrzej Rostek/Shutterstock)

Una nuova ricerca mostra che le nanoplastiche, ovvero particelle microscopiche scomposte da oggetti di plastica di uso quotidiano, si legano alle proteine ​​associate al morbo di Parkinson e alla demenza a corpi di Lewy.

Queste nanoparticelle furtive si sono già infiltrate nel nostro suolo, nell’acqua e nelle riserve alimentari. Ora potrebbero rappresentare la prossima grande minaccia tossica, alimentando un’ondata di malattie neurodegenerative.

Bicchieri e utensili di plastica identificati come fattori di rischio

Le nanoparticelle di polistirene, comunemente presenti in bicchieri e utensili di plastica, si legano all’alfa-sinucleina, una proteina collegata al morbo di Parkinson e alla demenza da corpi di Lewy, secondo il nuovo studio< Trovato un i=2> dalla Nicholas School of the Environment della Duke University e dal Dipartimento di Chimica del Trinity College of Arts and Sciences. L’accumulo di proteine-plastiche è stato osservato in provette, colture di neuroni e modelli murini.

La scoperta più sorprendente sono stati gli stretti legami formati tra la plastica e le proteine ​​all’interno dei lisosomi dei neuroni, secondo Andrew West, il ricercatore principale dello studio. I lisosomi sono organelli digestivi all’interno delle cellule che utilizzano enzimi per scomporre i materiali di scarto e i detriti cellulari.

Il nostro studio suggerisce che l’emergere di micro e nanoplastiche nell’ambiente potrebbe rappresentare una nuova sfida alle tossine rispetto al rischio e alla progressione della malattia di Parkinson,” ha detto il signor West in un comunicato stampa. Ciò è particolarmente preoccupante dato il previsto aumento di questi contaminanti nella nostra acqua e nel cibo, ha aggiunto.

Prove sempre più evidenti indicano che le nanoplastiche circolano nell’aria, soprattutto negli ambienti chiusi. Se inalati, possono viaggiare dalle vie respiratorie direttamente al sangue e al cervello, aumentando il rischio di cancro.

Cambia ambiente adesso per prevenire le malattie più tardi: esperto

La nostra salute oggi dipende in gran parte dall’ambiente del passato, ha detto a The Epoch Times il dottor Ray Dorsey, professore di neurologia all’Università di Rochester a New York e autore di “Ending Parkinson’s Disease”.

“Ad esempio, il rischio di cancro ai polmoni è una funzione delle nostre passate abitudini di fumo”, ha affermato. “Se in futuro vogliamo vivere una vita libera dal morbo di Parkinson, dall’Alzheimer e dal cancro, dovremmo prestare attenzione al nostro ambiente oggi”.

Lo studio della Duke rafforza la prova che i comuni inquinanti tossici possono contribuire al morbo di Parkinson, ha affermato il dottor Dorsey. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma le prove provenienti da studi di laboratorio e epidemiologici suggeriscono i nostri ambienti stanno alimentando l’aumento dell’incidenza del Parkinson.

“Molti, se non la maggior parte” dei casi di Parkinson potrebbero essere prevenibili, ha aggiunto.

Oltre a ridurre l’uso della plastica, ci sono altre precauzioni efficaci che possiamo adottare per limitare la nostra esposizione a questa tossina ambientale, ha sottolineato il dottor Dorsey. Questi includono quanto segue:

  • Utilizzo di filtri al carbone per proteggerci dalle sostanze chimiche presenti nell’acqua.
  • Acquistare alimenti biologici.
  • Lavare accuratamente tutta la frutta e la verdura.
  • Utilizzare i purificatori d’aria se si vive in zone con elevato inquinamento atmosferico.

Inquinanti legati al Parkinson, pesticidi ancora legali nonostante i rischi

Oltre alle nanoplastiche, altre tossine come gli inquinanti organici noti come policlorobifenili (PCB), vietati dal 1979 ma ancora presenti nel 30% delle scuole statunitensi, sono stati collegati al Parkinson. I ricercatori hanno trovato alte concentrazioni di questo inquinante nel cervello di persone decedute affette da Parkinson.

Dobbiamo conoscere l’intera portata di questa minaccia tossica nelle nostre classi in modo da poter testare i PCB, porvi rimedio e informare famiglie che i loro studenti potrebbero essere a rischio di esposizione a queste sostanze chimiche pericolose”, ha affermato il senatore Edward J. Markey (D-Mass.) in un comunicato stampa.

Altre tossine legate al Parkinson nel nostro ambiente devono ancora essere rimosse dall’uso. L’Environmental Protection Agency (EPA) ha proposto di vietare l’uso di prodotti chimici e pesticidi per il lavaggio a secco associati a un aumento del rischio del morbo di Parkinson del 500%, ma non c’è stato alcun ancora azione.

I pesticidi tossici danneggiano la salute ma manca la “volontà politica”.

L’EPA ha vietato il pesticida clorpirifos (CPF) nel 2021, ma un tribunale ha annullato tale decisione nel novembre 2022. La ricerca identifica il CPF come un probabile fattore di rischio della malattia di Parkinson.

Un altro pesticida, il paraquat, sarebbe stato collegato al morbo di Parkinson dalla ricerca del suo produttore Syngenta, secondo il rapporto del Guardian. Secondo quanto riferito, Syngenta ha creato una “squadra SWAT paraquat” per criticare le prove e spostare l’attenzione su altri fattori ambientali.

“Sappiamo sempre più che le sostanze tossiche ambientali derivanti dalla plastica e dai pesticidi stanno danneggiando la nostra salute“, ha affermato il dottor Dorsey. “Quasi tutti questi sono risolvibili; l’unica domanda è se abbiamo la volontà politica di farlo.”

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?