EDIW EuroDigital Wallet: sicurezza o tirannia?

EDIW EuroDigital Identity Wallet

Mercoledì scorso, Thierry Breton, commissario per il mercato interno dell’UE,  ha annunciato con orgoglio su Twitter/X  di aver raggiunto un accordo con gli eurodeputati per creare un “portafoglio di identità digitale” europeo, che consentirebbe a tutti i cittadini dell’UE di avere “un’identità elettronica sicura per la loro vita.”

EDIW EuroDigital Identity Wallet sicurezza o tirannia?

Secondo il  sito web della Commissione europea , l’identità digitale europea può essere utilizzata per tutta una serie di transazioni, tra cui fornire l’identificazione personale online e offline, mostrare certificati di nascita e certificati medici, aprire un conto bancario, compilare dichiarazioni dei redditi, fare domanda per un’università , conservare una ricetta medica, noleggiare un’auto o fare il check-in in un hotel.

EDIW EuroDigital Identity Wallet sicurezza o tirannia?

Diverse persone, tra cui  l’eurodeputato olandese Rob Roos , hanno espresso preoccupazione sul fatto che un’identità digitale centralizzata potrebbe mettere a repentaglio la privacy e i diritti di mobilità degli europei.

Una  lettera  firmata da oltre 500 “esperti di sicurezza informatica, ricercatori e organizzazioni della società civile di tutto il mondo” avverte che le normative proposte sull’identità digitale ridurranno anziché migliorare la sicurezza digitale dei cittadini.

Ma uno dei suoi principali architetti, il commissario per il mercato interno Thierry Breton, sostiene che “il portafoglio ha il più alto livello sia di sicurezza che di privacy”, mentre il presidente dell’UE Ursula von der Leyen insiste sul fatto che si tratta di “una tecnologia in cui possiamo controllare noi stessi quali dati viene utilizzato e come.” Quindi, o i critici stanno esagerando con le preoccupazioni relative alla libertà civile e alla privacy, oppure i difensori della tecnologia le stanno minimizzando. Non possono avere ragione entrambi.

In teoria, un’identità digitale europea universale potrebbe essere programmata su base permanente in modo tale che il cittadino abbia il pieno controllo su quali parti del suo “portafoglio digitale” condivide in un dato momento e quali no. condividere. Potremmo avere poco di cui preoccuparci se un’identità digitale europea fosse programmata ora e per sempre da persone che prendono sul serio la privacy e non sono propense a sfruttare la tecnologia a loro disposizione per “spingere” – o addirittura “spingere” – i cittadini a rispettare le loro norme. politiche riguardanti il ​​controllo delle malattie, la non discriminazione, la propaganda di guerra o il cambiamento climatico.

Ma in  pratica , sarebbe altamente ingenuo presumere che un’identità digitale programmabile a livello europeo, controllata da una burocrazia centralizzata, non verrebbe, prima o poi, sfruttata per “spingere” (o spingere) le persone a conformarsi alle politiche che vengono  adottate . essere favorito dai “poteri costituiti”.

E non è necessario uno sforzo di immaginazione per immaginare i modi in cui un’identità digitale europea potrebbe essere sfruttata per erodere l’uguaglianza e la libertà degli europei, dal momento che proprio gli individui che sono il volto pubblico di  questa  iniziativa sull’identità digitale erano quelli che hanno messo in moto il sistema di biosorveglianza più pervasivo della storia d’Europa, ovvero i cosiddetti “certificati digitali Covid”.

EDIW EuroDigital Identity Wallet sicurezza o tirannia?

Il funzionamento dei certificati digitali Covid, approvato sia dalla Commissione Europea (la stessa che ora spinge per un sistema di identificazione digitale) che dal Parlamento Europeo, può darci un’idea abbastanza chiara degli usi che i tecnocrati europei potrebbero fare mettere un sistema di identificazione digitale, se ne viene data la possibilità.

Il certificato digitale Covid è stato utilizzato per obbligare i cittadini che non avevano ricevuto il vaccino anti Covid entro un certo periodo di tempo a sottoporsi a un test Covid costoso e scomodo ogni volta che attraversavano una frontiera europea, ed è stato utilizzato addirittura per negare l’ingresso ai cittadini non vaccinati nei luoghi di interesse culturale e culturale. luoghi ricreativi in ​​tutta Europa. In altre parole, il certificato digitale Covid è servito come meccanismo per costringere i cittadini a iniettarsi un determinato farmaco nel flusso sanguigno e ha creato una società a due livelli, in cui i non vaccinati venivano trattati come una nuova sottoclasse sociale e politica.

Ora, immaginiamo se un certificato digitale europeo controllato a livello centrale fosse offerto a tutti i cittadini europei come strumento per accedere a un’ampia gamma di servizi, dalle banche, ai viaggi aerei e ai soggiorni in hotel, al noleggio auto, all’accesso a luoghi ricreativi e all’accesso ai servizi digitali online. . Inizialmente, presumibilmente il certificato sarebbe facoltativo e i cittadini potrebbero utilizzare altri metodi per convalidare la propria identità. Allora, con il pretesto di aumentare la “sicurezza” dei cittadini, il certificato potrebbe benissimo diventare obbligatorio per un numero crescente di transazioni.

Il passo successivo sarebbe quello di espandere gradualmente le informazioni contenute nel certificato e utilizzare il certificato come un modo per negare o approvare l’accesso dei cittadini a determinati servizi in base alle loro abitudini di spesa, al loro stato di vaccinazione o al loro punteggio di “credito sociale”. Naturalmente, questo non è qualcosa di cui possiamo essere certi al 100% che accadrà. Ma la recente attuazione dell’apartheid vaccinale in Europa dovrebbe distoglierci da ogni illusione che la leadership politica europea sia impegnata a rispettare e difendere le nostre libertà civili o il nostro pari accesso alle strutture e ai servizi pubblici.

Politici come Thierry Breton e Ursula von der Leyen, così come gli eurodeputati e i governi degli Stati membri che li hanno acclamati durante la pandemia, erano pronti a trattare i cittadini come bovini o vettori di malattie da vaccinare e testare in massa, con scarso riguardo per le loro condizioni mediche personali. storia e fattori di rischio. È sicuramente solo questione di tempo prima che persone con questo tipo di disprezzo per la libertà individuale siano inclini a sfruttare una tecnologia come l’identità digitale universale come leva per controllare le scelte private delle persone con l’obiettivo di far avanzare le proprie carriere e politiche. obiettivi.

Molti cittadini hanno detto “no” a un vaccino sperimentale, e molti cittadini mettono ancora in dubbio la logica scientifica e politica per imporre gravose tasse sul carbonio, espropriare con la forza terreni agricoli sulla base delle direttive sul clima, vivere in “città a 15 minuti”, fare spazio per l’ideologia transgender nei loro ospedali e nelle loro aule, o astenendosi da qualunque cosa il potere consideri essere “incitamento all’odio”.

Quale metodo migliore per indurre il pubblico a conformarsi a politiche e leggi pubbliche impopolari o controverse se non quello di premiare il rispetto di una maggiore mobilità e un migliore accesso a strutture e servizi sociali e punire il mancato rispetto di mobilità ridotta e accesso ridotto a servizi e strutture? Non è proprio quello che ha fatto il certificato digitale Covid, frutto di un’idea della stessa Commissione?

Ovviamente, i sostenitori di un’identità digitale europea affermeranno pubblicamente di essere interessati solo a promuovere la sicurezza delle nostre transazioni e a proteggere la nostra privacy. Ma poiché queste sono le stesse persone che osano affermare che la segregazione medica e la coercizione attraverso i passaporti vaccinali  “ci rassicurano sullo spirito di un’Europa aperta, un’Europa senza barriere”,  le loro assicurazioni riguardo alla privacy e alle libertà dei cittadini non hanno credibilità. qualunque cosa.

Fonte: https://www.zerohedge.com/political/europes-new-digital-identity-wallet-security-or-tyranny
Scritto da David Thunder tramite The Brownstone Institute,
Ripubblicato dal Substack dell’autore 
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
Airpods e danni all’udito

Airpods e danni all’udito

Lunga tenuta, cancellazione del rumore e wireless: come gli auricolari danneggiano il nostro udito Gli auricolari...

Scienzah: potete fidarvi?

Scienzah: potete fidarvi?

Dimostrando che una revisione anonima non retribuita vale ogni centesimo, il 217enne editore scientifico Wiley ha...

Influenza aviaria e OMS

Influenza aviaria e OMS

Il trattato pandemico dell'OMS e la crisi dell'influenza aviaria stanno arrivando nello stesso momento I funzionari...

error: Content is protected !!
× How can I help you?