Mercenari: lo stato di crisi americano diventa globale

Mercenari: siamo sicuri di sapere cosa significa oggi questa parola?

“I partiti politici esistono per garantire un governo responsabile e per eseguire la volontà del popolo. Da questi grandi stati maggiori entrambi i vecchi partiti si sono fatti da parte. Invece di strumenti per promuovere il benessere generale, sono diventati strumenti di interessi corrotti che li usano nella guerra [sic] per servire i loro scopi egoistici. Dietro il governo apparente siede sul trono un governo invisibile che non deve fedeltà e non riconosce alcuna responsabilità nei confronti del popolo. ” – Theodore Roosevelt

Dall’essere una nazione in permanente stato di emergenza, lo stato di crisi dell’America è diventato globale.

Il complesso industriale militare, che si è affermato come la “soluzione” a tutti i nostri problemi mondiali (a spese dei contribuenti, ovviamente), ha impantanato la nazione in infinite guerre all’estero intraprese da militari statunitensi che sono stati ridotti a poco più che armi a noleggio.

Tutti i presidenti successivi, a partire da Franklin D. Roosevelt, sono stati comprati e fatti ballare sulle note dello stato di polizia, alias Deep State, alias complesso industriale militare, alias complesso statale di sorveglianza.

Perfino Dwight D. Eisenhower, il generale dell’esercito a cinque stelle in pensione diventato presidente, che mise in guardia contro la disastrosa ascesa del potere fuori luogo da parte del complesso industriale militare, fu complice nel contribuire all’aumento del ruolo dell’esercito nel dettare la politica nazionale e internazionale. .

La risposta dell’amministrazione Biden all’ultima carneficina nella guerra in corso tra Israele e Hamas fa semplicemente il gioco di un complesso militare-industriale entusiasta per il quale la guerra è semplicemente un mezzo per ottenere un margine di profitto più ampio.

La guerra è diventata un’enorme impresa per fare soldi, e l’America, con il suo vasto impero militare e il suo rapporto incestuoso con una serie di appaltatori internazionali della difesa, è uno dei suoi migliori acquirenti e venditori .

Sotto la guida del presidente Trump, l’esercito americano ha sganciato una bomba ogni 12 minuti .

Il presidente Obama, il candidato pacifista e vincitore del Premio Nobel per la pace, ha condotto la guerra più a lungo di qualsiasi presidente americano . Gli omicidi mirati dei droni da parte della sua amministrazione hanno provocato la perdita di almeno 1,3 milioni di vite nella guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti .

L’America ha da tempo un debole per le guerre infinite che svuotano le nostre casse nazionali mentre ingrassano quelle del complesso industriale militare.

Gli Stati Uniti sono in guerra da quasi 15 anni nei loro 247 anni di storia.

Dall’11 settembre, abbiamo speso più di  8mila miliardi di dollari per condurre guerre all’estero , compreso  il prezzo dell’assistenza sanitaria per i veterani disabili e gli interessi sul debito nazionale .

L’americano medio paga oltre 2.300 dollari l’anno in tasse per sostenere l’esercito , la metà dei quali va agli appaltatori militari .

Anche se la potenza militare americana si sta riducendo, i tamburi di guerra continuano a suonare mentre il Pentagono controlla il resto del mondo con attività antiterrorismo in 85 paesi .

L’impero americano – con le sue infinite guerre intraprese da militari statunitensi ridotti a poco più che mercenari: esternalizzati, sfruttati troppo e dispiegati in luoghi remoti per sorvegliare il globo – si sta avvicinando a un punto di rottura.

Aiutato e incoraggiato dal governo degli Stati Uniti, il complesso militare-industriale americano ha eretto un impero insuperato nella storia per ampiezza e portata, dedicato a condurre una guerra perpetua in tutta la terra.

Sebbene gli Stati Uniti costituiscano appena il 5% della popolazione mondiale, l’America vanta quasi il 40% della spesa militare totale mondiale , spendendo per le forze armate più di tutte le altre 10 nazioni più grandi messe insieme.

Sfortunatamente, questo livello guerrafondaio non è economico per i contribuenti che sono costretti a pagare il conto.

Cooptato da avidi appaltatori della difesa, politici corrotti e funzionari governativi incompetenti, l’impero militare americano in espansione sta dissanguando il paese. Di fatto, il governo degli Stati Uniti sta spendendo i soldi che non ha per un impero militare che non può permettersi.

Come afferma il giornalista investigativo Uri Friedman, ormai da più di 15 anni gli Stati Uniti combattono il terrorismo con la carta di credito , “sostanzialmente finanziando le guerre con il debito, sotto forma di acquisto di titoli del Tesoro americano da parte di entità con sede negli Stati Uniti come fondi pensione e governi statali e locali, e da paesi come Cina e Giappone”.

La guerra non è economica, ma diventa scandalosamente costosa se si tiene conto dell’incompetenza del governo, della frode e degli avidi appaltatori .

Ad esempio, un’importante società di contabilità ha concluso che una delle più grandi agenzie del Pentagono “ non può rendere conto di una spesa di centinaia di milioni di dollari ”.

Sfortunatamente, le prospettive non sono molto migliori per la spesa che può essere monitorata.

Si consideri che il governo ha perso più di 160 miliardi di dollari a causa degli sprechi e delle frodi da parte degli appaltatori militari e della difesa.

Con gli appaltatori pagati che spesso superano in numero le truppe da combattimento arruolate, lo sforzo bellico americano soprannominato la “coalizione dei volenterosi” si è rapidamente evoluto nella “coalizione della fatturazione”, con i contribuenti americani costretti a sborsare miliardi di dollari per tangenti in contanti, basi di lusso, un’autostrada verso il nulla, attrezzature difettose, stipendi per i cosiddetti “soldati fantasma”qualsiasi cosa troppo cara associata allo sforzo bellico, incluso un sedile del water da 640 dollari e una caffettiera da 7600 dollari .

Un audit governativo ha rilevato che l’appaltatore della difesa Boeing aveva fatto pagare in maniera massiccia i contribuenti per parti banali, con conseguente spesa eccessiva di decine di milioni di dollari. Come osservava il rapporto, il contribuente americano pagava :

$71 per una spilla di metallo che dovrebbe costare solo 4 centesimi; $ 644,75 per un piccolo ingranaggio più piccolo di un centesimo che viene venduto per $ 12,51: un aumento del prezzo di oltre il 5.100%. $ 1.678,61 per un’altra piccola parte, anch’essa più piccola di un centesimo, che avrebbe potuto essere acquistata all’interno del Dipartimento della Difesa per $ 7,71: un aumento del 21.000%. $ 71,01 per una spilla di metallo dritta e sottile che il Dipartimento della Difesa aveva a portata di mano, inutilizzata a decine di migliaia, per 4 centesimi: un aumento di oltre il 177.000%.

Il fatto che la truffa sui prezzi sia diventata una forma accettata di corruzione all’interno dell’impero militare americano è una triste affermazione di quanto poco controllo abbiamo “noi popolo” sul nostro governo in fuga.

Purtroppo non è solo l’economia americana ad essere colpita.

C’è una buona ragione per cui “gonfio”, “corrotto” e “inefficiente” sono tra le parole più comunemente applicate al governo , in particolare al Dipartimento della Difesa e ai suoi appaltatori.

Spinta da un avido settore della difesa, la patria americana è stata trasformata in un campo di battaglia con polizia militarizzata e armi più adatte a una zona di guerra.

Biden, non diversamente dai suoi predecessori, ha continuato ad espandere l’impero militare americano all’estero e a livello nazionale, chiedendo al Congresso di approvare miliardi che assecondino i potenti interessi finanziari (militari, aziendali e di sicurezza) che gestiscono il Deep State e tengono il governo nelle sue mani. frizioni.

Intendiamoci, questo non è solo un comportamento corrotto. È un comportamento mortale e decisamente immorale.

In sostanza, per finanziare questo fiorente impero militare che presidia il globo, il governo degli Stati Uniti è pronto a mandare in bancarotta la nazione, a mettere a repentaglio i nostri uomini e donne in servizio, ad aumentare le possibilità di terrorismo e di contraccolpi a livello nazionale, e a spingere la nazione molto più vicino al collasso finale. .

Chiaramente, le nostre priorità nazionali hanno un disperato bisogno di essere  riviste .

La fusione illecita tra l’industria globale degli armamenti e il Pentagono, contro la quale il presidente Dwight D. Eisenhower ci aveva messo in guardia più di 60 anni fa, è arrivata a rappresentare forse la più grande minaccia per le fragili infrastrutture della nazione oggi.

Il governo sta destabilizzando l’economia, distruggendo le infrastrutture nazionali a causa dell’incuria e della mancanza di risorse, e trasformando i dollari dei contribuenti in denaro insanguinato con le sue guerre infinite, gli attacchi dei droni e il crescente numero di morti.

Questo è esattamente lo scenario da cui Eisenhower metteva in guardia quando metteva in guardia i cittadini a non lasciare che la macchina da guerra guidata dal profitto mettesse in pericolo le nostre libertà o i processi democratici:

“Ogni arma da fuoco costruita, ogni nave da guerra lanciata, ogni razzo lanciato significa, in definitiva, un furto nei confronti di coloro che hanno fame e non sono nutriti, di coloro che hanno freddo e non sono vestiti. Questo mondo in armi non sta spendendo soldi da solo. Sta spendendo il sudore dei suoi lavoratori, il genio dei suoi scienziati, le speranze dei suoi figli. Il costo di un moderno bombardiere pesante è questo: una moderna scuola in mattoni in più di 30 città. Si tratta di due centrali elettriche, ciascuna delle quali serve una città di 60.000 abitanti. Si tratta di due ospedali eccellenti e completamente attrezzati. Sono circa cinquanta miglia di pavimentazione in cemento. Paghiamo per un singolo aereo da caccia con mezzo milione di staia di grano. Paghiamo per un singolo cacciatorpediniere con nuove case che avrebbero potuto ospitare più di 8.000 persone.Questo è, lo ripeto, il miglior modo di vivere che si può trovare nel cammino che il mondo ha intrapreso. Questo non è affatto uno stile di vita, nel vero senso della parola. Sotto la nuvola della minaccia di guerra, c’è l’umanità appesa a una croce di ferro”.

Non abbiamo tenuto conto dell’avvertimento di Eisenhower.

Come ho chiarito nel mio libro Battlefield America: The War on the American People e nella sua controparte immaginaria The Erik Blair Diaries , la crescita e la dipendenza dal militarismo come soluzione ai nostri problemi sia a livello nazionale che internazionale sono di cattivo auspicio per i principi costituzionali che costituiscono la base dell’esperimento americano di libertà.

Come ha avvertito James Madison: “Tra tutti i nemici della libertà pubblica, la guerra è, forse, il più da temere perché comprende e sviluppa il germe di ogni altro. La guerra è la madre degli eserciti; da questi provengono debiti e tasse… strumenti conosciuti per portare i molti sotto il dominio dei pochi… Nessuna nazione potrebbe preservare la propria libertà nel mezzo di una guerra continua”.

All’apice del suo potere, perfino il potente Impero Romano non riusciva a tenere a bada un’economia al collasso e un esercito in espansione. Periodi prolungati di guerra e di falsa prosperità economica portarono in gran parte alla sua fine.

Come prevede lo storico Chalmers Johnson:

Il destino dei precedenti imperi democratici suggerisce che un simile conflitto è insostenibile e sarà risolto in due modi. Roma ha tentato di mantenere il suo impero e ha perso la sua democrazia.  La Gran Bretagna ha scelto di rimanere democratica e nel frattempo ha lasciato andare il suo impero. Intenzionalmente o no, il popolo degli Stati Uniti è già ben avviato nel percorso di un impero non democratico.

WC: 1659

Scritto da John e Nisha Whitehead tramite il Rutherford Institute
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

INFORMAZIONI SU JOHN W. WHITEHEAD

L’avvocato costituzionale e autore John W. Whitehead è fondatore e presidente del Rutherford Institute . I suoi libri più recenti sono il best-seller Battlefield America: The War on the American People , il pluripremiato A Government of Wolves: The Emerging American Police State e un romanzo di narrativa distopica d’esordio, The Erik Blair Diaries . Whitehead può essere contattato all’indirizzo staff@rutherford.org . Nisha Whitehead è il direttore esecutivo del Rutherford Institute. Informazioni sul Rutherford Institute sono disponibili su www.rutherford.org

Di questi temi abbiamo scritto anche qui:
– https://ita.li.it/2023/01/25/ucraina-scossa-dallo-scandalo-corruzione/
– https://ita.li.it/2023/03/18/lipocrisia-di-questi-politici-non-ha-limiti/
– https://ita.li.it/2022/12/16/la-fine-delleuropa-vista-dagli-usa-la-conclusione-di-un-lungo-ciclo-storico/

Altre notizie
Airpods e danni all’udito

Airpods e danni all’udito

Lunga tenuta, cancellazione del rumore e wireless: come gli auricolari danneggiano il nostro udito Gli auricolari...

Scienzah: potete fidarvi?

Scienzah: potete fidarvi?

Dimostrando che una revisione anonima non retribuita vale ogni centesimo, il 217enne editore scientifico Wiley ha...

Influenza aviaria e OMS

Influenza aviaria e OMS

Il trattato pandemico dell'OMS e la crisi dell'influenza aviaria stanno arrivando nello stesso momento I funzionari...

error: Content is protected !!
× How can I help you?