Striscia di Gaza: mappa esplicativa

Striscia di Gaza: i recenti attacchi contro Israele da parte di Hamas l’hanno posta saldamente sotto i riflettori del ciclo di notizie globale.

Mentre il conflitto in quella parte del mondo è ampiamente coperto dai titoli dei giornali e dalle notizie, i fatti più basilari su Gaza ricevono meno attenzione.

Con questa infografica, Nick Routley di Visual Capitalist colma alcune di queste lacune, tra cui dati demografici, infrastrutture e altro ancora.


Di seguito, descriviamo tre fatti chiave da sapere sulla Striscia di Gaza e sulle persone che vivono lì:

1. Gaza è giovane e sempre più affollata

Gaza ha un alto tasso di fertilità (3,9) e, di conseguenza, quasi la metà delle persone che vivono lì sono bambini. Gran parte di questa popolazione in rapida crescita vive in città e campi affollati che sono alcune delle aree più densamente popolate del mondo.

La maggior parte delle persone nella Striscia di Gaza sono ufficialmente considerate rifugiati dalle Nazioni Unite. Nel corso di molti decenni, i campi profughi sono diventati insediamenti permanenti, fondendosi con le aree urbane circostanti. Oltre l’80% della popolazione fa affidamento sugli aiuti internazionali per i servizi di base e il sostentamento.

In termini di religione, Gaza è molto uniforme. Il 99% della popolazione è musulmana sunnita. Questo è simile all’Egitto e ad altre nazioni del Nord Africa.

2. Il territorio è strettamente controllato

Israele ha imposto un blocco terrestre, aereo e marittimo dal 2007, quando Hamas prese il controllo della Striscia di Gaza e il Gabinetto di Sicurezza israeliano definì la regione una “entità ostile”. Il confine terrestre della Striscia di Gaza è fortemente fortificato, costituito da recinzioni a doppio filo e barriere di cemento. Questi confini seguono la “Linea Verde”, una demarcazione stabilita dopo la fine della guerra arabo-israeliana. All’interno del confine del territorio esiste anche una zona cuscinetto di 100-300 metri dove  l’accesso è limitato .

Ci sono due valichi di frontiera – uno verso l’Egitto a sud e uno verso Israele a nord – che un numero limitato di civili può attraversare. Nel corso degli anni i valichi di frontiera sul lato est del territorio sono stati chiusi. C’è un ulteriore passaggio su larga scala nell’angolo inferiore del territorio che funge da punto di controllo per le merci che entrano dall’Egitto.

Lo spazio aereo della regione è controllato da Israele. Anche il suo spazio elettromagnetico è limitato, il che significa che molti palestinesi fanno affidamento su 2G e 3G.

3. Le infrastrutture sono irregolari

Anni di conflitto e investimenti insufficienti hanno lasciato le infrastrutture nel caos in gran parte della Striscia di Gaza.

Ad esempio, esiste un’unica centrale elettrica diesel che serve l’intera regione. Le linee elettriche arrivano a Gaza dal vicino Israele, ma anche nei periodi non bellici la regione presenta un grande deficit di elettricità.

Gaza accede all’acqua dolce attraverso la falda acquifera costiera – una fornitura idrica sotterranea che sta diminuendo a causa dell’eccessiva estrazione – e dagli impianti di desalinizzazione. Gli aiuti internazionali stanno migliorando la situazione, ma le infrastrutture rimangono danneggiate dall’incuria e dagli attacchi aerei intermittenti.

Le infrastrutture per il trattamento delle acque stanno lentamente migliorando grazie agli aiuti esteri e ora nel Mar Mediterraneo entrano meno liquami grezzi. Questo sforzo di pulizia ha contribuito a creare maggiori  opportunità ricreative  lungo le spiagge del territorio.

Altre notizie
Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?