Long COVID “domato” da popolare farmaco per il diabete

Un recente studio pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases rivela che l’uso di metformina, un farmaco per il diabete ampiamente disponibile e a basso costo, riduce il rischio di sviluppare Long COVID del 41%.

Nel frattempo, l’ivermectina, un altro farmaco che è stato oggetto di molti dibattiti e controlli, non ha mostrato alcun impatto significativo sull’incidenza del Kong COVID.

Approfondimento nello studio

L’Università del Minnesota ha guidato uno studio su larga scala controllato con placebo chiamato COVID-OUT.

Lo studio mirava a determinare se la somministrazione di metformina, ivermectina o fluvoxamina durante le prime fasi del trattamento ambulatoriale COVID-19 potesse ridurre la probabilità di sviluppare Long COVID.

Questo ampio studio di fase 3 ha interessato sei siti negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno lavorato con oltre 1.100 adulti in sovrappeso o obesi di età pari o superiore a 30 anni.

Nessuno di questi individui era stato precedentemente infettato da COVID-19 e circa la metà aveva ricevuto una vaccinazione COVID-19.

Tutti i partecipanti hanno manifestato sintomi di COVID-19 per meno di una settimana e sono risultati positivi al virus entro tre giorni prima dell’iscrizione allo studio.

Una volta diagnosticata, i partecipanti sono stati divisi casualmente in diverse combinazioni di trattamento.

Alcuni hanno ottenuto metformina combinata con ivermectina o fluvoxamina. Alcuni altri hanno ricevuto metformina in coppia con un placebo; al resto è stata somministrata ivermectina o fluvoxamina insieme a un placebo. Infine, a un gruppo sono stati somministrati due placebo.

Lo studio ha rilevato che il 6,3% dei partecipanti che hanno ricevuto metformina ha sviluppato long COVID entro il periodo di follow-up di dieci mesi, rispetto al 10,4% di coloro che hanno ricevuto un placebo.

In sostanza, un ciclo di due settimane di metformina ha ridotto l’incidenza del COVID lungo del 41%.

È interessante notare che l’inizio della metformina entro tre giorni dall’insorgenza dei sintomi ha portato a una riduzione ancora maggiore del rischio LongCOVID.

Svelare il potere della metformina

La metformina è un farmaco comune ed economico tradizionalmente prescritto per gestire la glicemia alta nelle persone con diabete di tipo 2.

Per quelli senza assicurazione, una pillola da 500 mg di metformina, lo stesso dosaggio utilizzato nello studio, può essere in genere acquistata per circa 33 centesimi.

John Buse, MD, Ph.D., coautore e decano associato senior per la ricerca clinica presso la UNC School of Medicine, in un comunicato stampa ha affermato “Non solo abbiamo dimostrato che la metformina, un trattamento economico e sicuro, può prevenire lo sviluppo di Long COVID in molte persone, ma abbiamo convalidato che il Long COVID è una vera malattia“.

L’impatto protettivo della metformina si è mantenuto su vari gruppi demografici e su più ceppi virali, inclusa la variante Omicron. I risultati fanno eco a precedenti scoperte secondo cui la metformina può ridurre la gravità di COVID-19 e migliorare i risultati come visite al pronto soccorso, ricoveri e decessi.

Gli autori dello studio riconoscono che i meccanismi con cui la metformina aiuta a prevenire il Long COVID non sono del tutto noti, sebbene pongano alcune teorie.

Studi precedenti mostrano che la metformina può inibire la replicazione del virus SARS-CoV-2 bloccando la produzione di proteine ​​virali.

Il farmaco aiuta anche a ridurre l’infiammazione dannosa e lo stress ossidativo, fattori che peggiorano i sintomi del COVID-19.

L’ivermectina non è all’altezza

In questo studio, i ricercatori hanno anche testato i potenziali impatti di altri due farmaci, ivermectina e fluvoxamina, sul Long COVID.

La fluvoxamina, un antidepressivo comunemente usato per gestire il disturbo ossessivo-compulsivo, aveva mostrato un certo potenziale per ridurre la gravità del COVID in studi precedenti .

L’ivermectina, d’altra parte, è un farmaco solitamente usato contro i parassiti e ha mostrato qualche promessa nelle prime fasi del COVID. Tuttavia, altre ricerche hanno indicato che potrebbe non essere altrettanto efficace per il trattamento del COVID.

Per coloro che hanno ricevuto ivermectina, il 7,7% ha sviluppato Long COVID rispetto all’8,1% che ha ricevuto un placebo abbinato.

Gli autori dello studio hanno riferito che “né l’ivermectina né la fluvoxamina hanno avuto un effetto significativo sull’incidenza del Long COVID“.

Questa scoperta è degna di nota data l’attenzione globale che l’ivermectina ha ricevuto come possibile trattamento per COVID-19.

Mentre alcuni avevano sperato che l’ivermectina potesse offrire un duplice vantaggio trattando il COVID-19 acuto e prevenendo il Long COVID, i risultati di questo studio attuale suggeriscono il contrario.

La battaglia in continua evoluzione contro il Long COVID

Long COVID, o sequela post-acuta dell’infezione da SARS-CoV-2 (PASC), è un termine generico per un’ampia gamma di sintomi che continuano per settimane, mesi o addirittura anni dopo la guarigione iniziale dal virus.

Solo negli Stati Uniti, secondo dati recenti del CDC , circa il 15% delle persone che hanno contratto il COVID-19 riporta sintomi di Long COVID.

Inoltre, le donne sembrano essere colpite a un tasso quasi doppio rispetto agli uomini.

Centinaia di sintomi caratterizzano il Long COVID, inclusi (ma non limitati a) problemi cognitivi o “nebbia del cervello”, mancanza di respiro, fastidio al torace, disturbi del sonno, febbre, complicanze gastrointestinali, ansia e depressione.

Uno studio recentemente pubblicato ha rivelato che la stanchezza è uno dei sintomi più gravi vissuti dai pazienti, tanto da diminuire la loro qualità di vita a livelli paragonabili a quelli diagnosticati con cancro o ictus.

Long COVID è stato osservato in casi sia gravi che lievi di COVID-19, e può colpire individui indipendentemente dall’età, dalle condizioni di salute sottostanti o dalla gravità della loro infezione iniziale.

In particolare, il Long COVID pone anche impatti sociali ed economici significativi, poiché numerosi pazienti faticano a riprendere il lavoro e le attività quotidiane.

La domanda aggiuntiva di cure e supporto continui grava pesantemente sui sistemi sanitari, sottolineando le ripercussioni durature della malattia.

Limitazioni e implicazioni

La ricerca si è concentrata su individui di età superiore ai 30 anni in sovrappeso, lasciando domande senza risposta sugli effetti della metformina su popolazioni più giovani o meno in sovrappeso.

Inoltre il pool di partecipanti era in gran parte di tipo caucasico, offrendo una rappresentanza limitata di altre comunità razziali ed etniche.

La ricerca si è concentrata sulle prime infezioni da COVID-19, quindi non è chiaro se la metformina sarebbe altrettanto protettiva contro il Long COVID in individui che avevano precedentemente contratto il virus.

Lo studio non implicava che la metformina fosse un trattamento efficace per il Long COVID, ma ne sottolineava invece il potenziale come misura preventiva.

Nonostante questi vincoli, lo studio comporta implicazioni significative.

Se studi successivi potranno convalidare questi risultati, la metformina potrà rappresentare una strategia sicura, economica e ampiamente disponibile per contrastare gli effetti duraturi di COVID-19.

Tuttavia, la necessità di una ricerca più completa rimane fondamentale.

Sheramy Tsai

Sheramy Tsai
Sheramy Tsai, BSN, RN, è un’infermiera esperta con una carriera di scrittrice decennale. Ex alunna del Middlebury College e della Johns Hopkins, Sheramy combina la sua esperienza di scrittura e infermieristica per fornire contenuti di grande impatto. Vivendo nel Vermont, bilancia la sua vita professionale con una vita sostenibile e crescendo tre figli.

Fonte: theepochtimes.com/health/long-covid-tamed-by-popular-diabetes-drug_5340616.html
tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li

ndr: di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2022/11/22/la-verita-sullivermectina-miracolo-medico-o-famigerato-fulcro-della-disinformazione/
e qui:
https://ita.li.it/2022/11/23/provention-farmaco-per-il-diabete-13-850-fiala/

Altre notizie
Airpods e danni all’udito

Airpods e danni all’udito

Lunga tenuta, cancellazione del rumore e wireless: come gli auricolari danneggiano il nostro udito Gli auricolari...

Scienzah: potete fidarvi?

Scienzah: potete fidarvi?

Dimostrando che una revisione anonima non retribuita vale ogni centesimo, il 217enne editore scientifico Wiley ha...

Influenza aviaria e OMS

Influenza aviaria e OMS

Il trattato pandemico dell'OMS e la crisi dell'influenza aviaria stanno arrivando nello stesso momento I funzionari...

error: Content is protected !!
× How can I help you?