L’aglio australiano può eliminare il 99,9 percento del COVID-19

Gli scienziati in uno studio “primo al mondo” ora affermano che l’aglio australiano potrebbe essere la chiave per combattere le infezioni da COVID-19 e l’influenza.

In uno studio del Peter Doherty Institute di Melbourne, i ricercatori hanno estratto un ingrediente specifico, l’ingrediente proprietario SupaG, dalle varietà di aglio coltivate in Australia.

“I risultati sono arrivati ​​in anteprima mondiale, con i risultati di specifiche varietà di aglio che dimostrano di inibire i virus SARS-CoV-2 e dell’influenza di tipo A”, ha dichiarato la Camera di commercio di Victoria in una nota.

La dottoressa Julie McAuley, direttrice del laboratorio di ricerca COVID-19 della struttura ad alto contenimento presso il Doherty Institute, ha affermato che il team ha valutato una varietà di prodotti a base di aglio negli ultimi 18 mesi, scoprendo che un ceppo proveniente dall’Iraq era efficace contro il COVID-19.

“Abbiamo eseguito diversi esperimenti in cieco e abbiamo scoperto che uno dei prodotti [Australian Garlic Producers (AGP)] potrebbe ridurre il titolo infettivo di SARS-CoV-2 e influenza di 3 volte in base logaritmica (99,9%). Siamo riusciti a malapena a rilevare qualsiasi genoma virale rimanente, indicando un’attività virucida quasi completa”.

Chi lo venderà?

L’AGP, che ha commissionato lo studio, brevetterà e commercializzerà il processo di estrazione con piani per iniziare la vendita al dettaglio nei supermercati.

“Negli ultimi 25 anni, abbiamo raccolto oltre 309 cultivar di aglio da tutto il mondo”, ha affermato Nick Diamantopoulos, CEO di AGP.

“La nostra vasta ricerca e sviluppo nel corso di molti anni con le principali università e istituzioni australiane ha dimostrato che le varietà di aglio non solo variano nelle loro proprietà agronomiche e fisiologiche, ma anche nelle loro proprietà biochimiche”.

Diamantopoulos ha affermato che l’ampio lavoro di ricerca è ciò che ha portato all’identificazione di “proprietà superiori” nei tipi di aglio australiano.

L’AGP raccoglie il 100% del suo aglio dalle giurisdizioni australiane del Northern Territory, South Australia, New South Wales e Victoria. Il prossimo studio esaminerà i potenziali benefici dell’aglio nell’abbassare i livelli di colesterolo.

Paul Guerra, CEO della Camera di commercio del Victoria, ha affermato che la partnership tra Doherty e AGP è stata un perfetto esempio di come aziende e scienziati potrebbero lavorare insieme per fornire un “punto di svolta globale”.

 

 

Nel frattempo, l’ex deputato federale Craig Kelly ha accusato i governi di spendere miliardi in vaccini quando un ortaggio avrebbe potuto ottenere lo stesso effetto.

“Quanto deve sentirsi stupido il mondo oggi, dopo aver sprecato centinaia di miliardi di dollari in inutili farmaci e distrutto trilioni di dollari di ricchezza, quando ora si scopre che l’aglio uccide il COVID?” ha scritto su Twitter .

fonte: https://www.theepochtimes.com/australian-garlic-can-eliminate-99-9-percent-of-covid-19-flu-cells-scientists_5304884.html
tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA:li

Ah, pare che l’aglio scacci anche le streghe! [n.d.r.]

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?