Lesioni cerebrali dopo la vaccinazione COVID

Ci sono percorsi secondari verso il cervello. Gli sviluppatori di vaccini COVID hanno attraversato un percorso attraverso quelle porte. E sapevano di essere entrati nel cervello entro novembre 2020, prima del lancio del vaccino.

Abbiamo 86 miliardi di neuroni nel cervello umano e ognuno di questi si connette con altri 10.000 neuroni. Nessun’altra struttura nell’universo conosciuto può competere con la complessità del cervello.

Il cervello è anche il club più esclusivo, per così dire, del corpo. Il gatekeeper è la barriera emato-encefalica (BBB). Quella barriera, mostrata nella seconda illustrazione in basso, è composta principalmente da giunzioni strette tra le cellule endoteliali che rivestono, in un unico strato, i capillari (i nostri vasi sanguigni più piccoli) che nutrono il cervello. Quindi la BBB è in effetti le pareti dei capillari e le giunzioni strette tra le sue cellule.

Tuttavia, in una certa misura, c’è una componente liquida nella BBB, in quanto il fluido cerebrospinale incontaminato (CSF) che bagna il cervello e il midollo spinale è mantenuto puro dalla BBB. A rischio di semplificare eccessivamente, se il sistema nervoso centrale, che comprende il cervello e il midollo spinale, è la regalità del corpo, allora il cranio e le vertebre e la BBB sono le mura del castello, e il CSF è il fossato, ma un fossato pulito – a differenza di quelli medievali. Molecole e agenti patogeni intrusi dovrebbero attraversare barriere sia solide che liquide.

I capillari sono i vasi sanguigni più piccoli e sono ovunque nel corpo. Sono i punti di inversione a U in cui le arterie e poi le arteriole più piccole lasciano il posto ai capillari, poi alle venule e poi alle vene nel perpetuo viaggio di andata e ritorno del sangue dal cuore a qualsiasi altra parte e viceversa. Ovunque tu possa indicare sul tuo corpo c’è una fitta e intricata rete di capillari sotto la pelle.

Epoca Times foto
© Università del Minnesota. Atlante di anatomia cardiaca umana. http://www.vhlab.umn.edu/atlas/physiology-tutorial/blood-vessels.shtml

Il collo di bottiglia della BBB è costituito dalle giunzioni strette tra le cellule endoteliali della parete dei capillari, che vietano il passaggio della maggior parte delle sostanze, come descritto di seguito. Quei capillari onnipresenti attraversano tutto il corpo e nel cervello sono distanti 40 micrometri, che è uno spazio in cui possono stare due neuroni. [1] Quindi ogni neurone nel cervello è nutrito da un capillare adiacente.

Epoca Times foto
Illustrazione: © Diana Molleda. In L Tramoggia. I vasi sanguigni sani possono essere la risposta alla prevenzione dell’Alzheimer. 11 luglio 2019. Notizie USC. https://news.usc.edu/158925/alzheimers-prevention-healthy-blood-vessels-usc-research/

Il collo di bottiglia alla barriera ematoencefalica

Affinché una molecola che galleggia nel sangue viaggi dal sangue a un neurone, ha la sfida più serrata alle giunzioni strette tra le cellule endoteliali capillari, per uscire dal flusso sanguigno. Quindi, una volta all’interno del cervello, nello spazio che circonda i neuroni, se una molecola o un microbo deve arrivare nel cervello, deve attraversare la membrana della cellula cerebrale (neuronale) per entrare in quella cellula, e infine la membrana nucleare del neurone.

Il BBB rifiuta il 98 percento anche delle piccole molecole e più del 99 percento delle grandi molecole. [2] Le molecole e gli ioni carichi o polari non possono passare. Quelli grandi non possono passare direttamente, semplicemente per non aver superato la stretta filtrazione della BBB. Gli oli e le sostanze solubili negli oli, come la caffeina e la nicotina, hanno maggiori possibilità di attraversare la barriera ematoencefalica rispetto ai composti idrosolubili. Alcune piccole molecole possono entrare indisturbate, come l’ossigeno e il glucosio. I nutrienti come le vitamine del gruppo B entrano attraverso i sistemi di trasporto saturabili. [3]

Gli ioni e le molecole polari cariche non possono incrociarsi, perché rimangono bloccati nello strato lipidico idrofobo. Ciò significa semplicemente che, poiché i fluidi oleosi e acquosi non si mescolano bene, la membrana delle cellule adipose non consente il passaggio della maggior parte delle sostanze idrosolubili e le tiene fuori dalle cellule cerebrali, a meno che non vengano trasportate con altri mezzi.

“Ma ci sono percorsi secondari verso il cervello,
e sembra certo che gli sviluppatori del vaccino COVID
siano arrivati ​​lì inavvertitamente o abbiano determinato
un percorso attraverso quelle porte.”

E sapevano di essere entrati nel cervello entro novembre 2020, prima del lancio del vaccino al pubblico nel dicembre 2020.

Quindi diamo un’occhiata a cosa entra nel cervello e come succede.

Una tipica strategia farmacologica per entrare nel cervello è l’accompagnamento, in cui le sostanze che identificano non attraversano la BBB sono combinate insieme a sostanze che si incrociano, che possono imitare le molecole endogene. Le nanoparticelle lipidiche (LNP) trasportano i farmaci all’interno delle cellule, ma raramente attraversano solo la BEE. Gli anticorpi monoclonali hanno guidato gli LNP attraverso la BBB. [4] Gli enzimi interagiscono con le membrane cellulari e possono essere utilizzati. [5]

Inoltre, se gli LNP precedentemente non attraversanti la BBB sono collegati a lipidi sintetici derivati ​​​​​​da neurotrasmettitori, allora possono attraversare la BBB e portare con sé farmaci o altre sostanze chimiche, e quindi quegli LNP possono entrare nei neuroni. [6] La ragione di ciò è che i neurotrasmettitori sono classificati nel cervello – e appartengono al cervello – e generalmente passano senza controllo.

In altre parole, quando una molecola “cavallo di Troia” come un LNP è rivestita da un neurotrasmettitore che normalmente apparterrebbe al cervello, inganna la barriera emato-encefalica per consentire il passaggio all’interno del cervello.

Quindi è arrivata l’iniezione del vaccino COVID

I vaccini COVID sono stati pubblicizzati per “rimanere nel braccio” dopo l’iniezione intramuscolare, sebbene la fisiologia della circolazione, come noto da secoli, prevenga qualsiasi tale localizzazione di un liquido nel corpo. [7]

Pfizer ha stipulato un contratto con Acuitas Therapeutics nel novembre 2020 per testare il vaccino Pfizer nei ratti Wistar. [8] Il loro rapporto di farmacocinetica mostra che gli LNP del vaccino COVID, così come l’RNA messaggero (mRNA) che trasportavano, sono stati trovati in brevissimo tempo nel cervello, negli occhi, nel cuore, nel fegato, nella milza, nelle ovaie e in altri organi del ratti, comprese le quantità di mRNA raccolte da ciascun animale sacrificato. [9]

La farmacocinetica studia la quantità e la velocità con cui le sostanze arrivano a destinazioni in tutto il corpo, dopo l’iniezione intramuscolare (o altra via).

L’intero rapporto Pfizer su questi risultati è stato presentato dalla FDA [US Food and Drug Administration] su ordine del tribunale. [10]

 

Epoca Times foto
Rilasciato dalla sanità pubblica e dai professionisti medici per trasparenza. Acuitas Therapeutics. [11] Rapporto finale: studio della struttura di prova n. 185350, rif. sponsor nm. ALC-NC-0552. 9 novembre 2020. pag. 25  https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M4_4223_185350.pdf

Il testo del rapporto disponibile è in giapponese, ma le tabelle alla fine sono tutte in inglese, come questa. [12]

Epoca Times foto
Rapporto Pfizer_Governo giapponese.pdf p16

Altri studi sugli animali hanno dimostrato che quando l’mRNA è confezionato in nanoparticelle lipidiche (LNP), questi pacchetti attraversano la barriera emato-encefalica. [13] [14] [15] Non solo l’mRNA è stato rilevato nel cervello, ma è anche altamente infiammatorio. [16]

I vaccini Pfizer e Moderna COVID utilizzano l’mRNA per istruire le cellule umane a produrre picchi proteici. L’RNA messaggero è un intermediario tra geni e proteine, in una relazione analoga a un modello e un prodotto funzionale finito, dove l’mRNA è il manuale di istruzioni. Nel caso dei vaccini mRNA, la proteina spike è il prodotto.

I vaccini Pfizer e Moderna contengono LNP di tipo liposoma pegilato, il che significa che sono attaccati al polietilenglicole come molecola chaperone. Gli LNP vengono rilasciati nella circolazione dopo l’iniezione del vaccino e alcuni di questi LNP si avvicinano alla barriera emato-encefalica. Una volta si pensava che gli LNP non potessero attraversare la BBB a meno che non fossero attaccati agli anticorpi, nel qual caso si accumulassero nel cervello entro 24 ore e rimanessero intrappolati lì. [17]

 

Epoca Times foto
Il tessuto cerebrale è stato analizzato a 1 ora, 6 ore o 24 ore dopo l’iniezione endovenosa di liposomi confezionati con daunomicina [3H]. Da J Huwyler, D Wu, et al. Consegna di farmaci cerebrali di piccole molecole…  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC19511/

Ed è ancora una sfida per i liposomi attraversare la BBB. [18] Ma l’mRNA dei vaccini COVID è stato rilevato lì, come mostrato sopra.

Ora l’mRNA è all’interno del cervello e oltre la BBB, quindi ha accesso ai neuroni

Ora che abbiamo gli LNP con il loro carico utile di mRNA consegnato oltre il BBB e nel cervello, cosa fanno una volta arrivati ​​al fluido che circonda i neuroni? Il resto è un viaggio facile per i LNP. I neuroni assorbono gli LNP e lo fanno in modo molto efficiente, al 100% di assorbimento, per mezzo dell’apolipoproteina E, e di solito senza reazione immunitaria a quel punto.

L’apolipoproteina E’ abbondante nel cervello ed è prodotta dagli astrociti. [19] [20] Il meccanismo di assorbimento è l’endocitosi, in cui la membrana del neurone fagocita o inghiotte l’LNP che vi si trova. Ciò è stato osservato almeno dal 2013. [21] In questo modo, il contenuto del cavallo di Troia dell’LNP viene consegnato, perché era contenuto in un pacchetto apparentemente benigno – per la membrana neuronale.

Una porta diversa per il cervello

Ora, allo stesso tempo, è in corso un processo diverso. Dopo l’iniezione con il vaccino a mRNA, gli LNP viaggiano in tutto il corpo, secondo principi di circolazione da lungo tempo compresi. Le cellule di tutto il corpo assorbono questi LNP negli endosomi e quindi gli LNP rilasciano il loro contenuto (il carico utile dell’mRNA) nel citosol delle cellule, [22] dove l’mRNA istruirà quindi il macchinario genetico della cellula a produrre proteine ​​​spyke.

Si sono accumulati, prova che i picchi proteici generati dall’mRNA vengono prodotti in vari organi corporei dopo l’iniezione del vaccino COVID. Quindi in tutto il sangue, e verso il cervello, ora ci sono proteine ​​​​spike che si muovono liberamente sul lato esterno della barriera emato-encefalica, nelle cioè pareti dei capillari. E si scopre che anche loro entrano nel cervello. Ecco come le proteine ​​​​​​spyke che si muovono liberamente senza chaperon attraversano il BBB:

Alcune di queste proteine ​​spike viaggiano nella circolazione e inevitabilmente arrivano alla barriera emato-encefalica. [23] Quindi, a differenza degli LNP che viaggiano attraverso le membrane dei neuroni, il picco si avvicina alla barriera emato-encefalica proprio come fa nel resto del corpo, attraverso i recettori ACE-2, che sono abbondanti a livello interfaccia cervello-sangue . [24] In questo modo, l’S-1 della proteina spike ha attraversato facilmente la BBB nei topi.”[25]

Tuttavia, la proteina spike è tossica in molti modi. Si è scoperto che ciascuna subunità della proteina spike causa una fuoriuscita disfunzionale della BBB. Entro 2 ore dall’esposizione alla proteina spike, è stata osservata la permeabilità della barriera. [26] È stato anche scoperto che la proteina spike è stata assorbita prontamente dalle cellule endoteliali capillari della BBB, che ha aperto quella barriera anche per stimolare l’ingresso della proteina nel cervello. [27]

Quindi c’è uno sfortunato ciclo di feedback di proteine ​​​​spike che arrivano prima che allargano le porte per i picchi che arrivano più tardi per entrare nel cervello. La molecola Rho-A sembra determinante in questo meccanismo di apertura delle giunzioni strette. [28]

Ancora un’altra via di accesso al cervello proposta è descritta da Seneff et al., Mediante la migrazione di LNP contenenti mRNA attraverso il nervo vago verso e nel cervello. [29]

Lesioni cerebrali osservate da Pfizer

Il seguente screenshot dalla documentazione di Pfizer alla FDA, rilasciato su ordine del tribunale, mostra una piccola parte, elencata in ordine alfabetico, delle lesioni osservate nella sperimentazione clinica di Pfizer. [30] Poiché il sistema nervoso centrale, cerebrale e cerebellare iniziano tutti con ce, possiamo vedere le lesioni che hanno trovato nei vasi sanguigni del cervello e del sistema nervoso centrale in questo screenshot.

Epoca Times foto
Pfizer sicurezza mondiale. 5.3.6 Analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione di PF-07302048 (BNT162B2) ricevuta fino al 28 febbraio 2021. P 31.  https://phmpt.org/wp-content/uploads/2021/11/5.3. 6 -esperienza-postmarketing.pdf

Si trattava di lesioni riscontrate da Pfizer nella loro sperimentazione clinica su 44mila persone alla fine del 2020. Molte di queste lesioni osservate da Pfizer e presentate alla FDA nella loro sperimentazione clinica sono pericolose per la vita.

Ad esempio, la trombosi del seno venoso cerebrale, che è tra gli eventi avversi elencati nella schermata sopra, è un evento di coagulazione del sangue altrimenti raro che blocchi una via essenziale per l’uscita del sangue dal cervello. Quando la pressione del sangue si accumula nel cervello, si verificano gonfiore, emorragia e conseguente danno alle strutture neurali.

Si può notare che queste lesioni da trombosi sono tecnicamente al di fuori del BBB perché si manifestano in un vaso sanguigno. Tuttavia, qualsiasi coagulo in un vaso sanguigno in qualsiasi parte del cervello ha l’effetto di quello che viene chiamato un infarto spartiacque. Questo è ciò che accade in un ictus, o in una lesione minore, un attacco ischemico transitorio.

Ciò significa che il vaso sanguigno bloccato da un coagulo ha vasi sanguigni più piccoli che emanano da esso a forma di cuneo o torta. Ora, da quando il coagulo si è bloccato lì, tutti i tessuti in quella fetta di torta – lo spartiacque – sono stati privati ​​dell’ossigeno e dei nutrienti che normalmente il sangue in movimento porterebbe attraverso quei vasi ora occlusi.

Di conseguenza, alcuni tessuti all’interno della barriera ematoencefalica vengono danneggiati a tal punto che qualsiasi delle seguenti funzioni (memoria, cognizione, parola, visione, altri sensi, mobilità e altro controllo muscolare volontario e/o altre abilità) può essere e viene lesa . – come mostrerò di seguito.

Tuttavia, le lesioni del tessuto cerebrale protetto dalla barriera emato-encefalica sono evidenti anche dopo la vaccinazione COVID, anche senza trombosi rilevata.

Meccanismi di lesioni cerebrali

Peter McCullough, MD, è l’ultimo autore di Seneff, et al. articolo, “Un potenziale ruolo della proteina Spike nelle malattie neurodegenerative: una revisione narrativa”. [31] Egli  riassume le loro scoperte  :

“Seneff e colleghi descrivono la logica fisiopatologica dei vaccini COVID-19 nello sviluppo dei disturbi neurocognitivi. Le caratteristiche principali sono: 1) penetrazione dei vaccini nel SNC, 2) neuro infiammazione, 3) attivazione della proteina Spike del recettore toll-like-4, 4) ripiegamento della proteina Spike nelle placche amiloidi, 5) esposizione cumulativa con più colpi connota un rischio aumentato.
“Ora ci sono prove abbondanti che le nanoparticelle lipidiche sintetiche viaggiano nel cervello e installano il codice genetico (mRNA o DNA adenovirale) per la proteina Spike SARS-CoV-2. Poiché questa proteina viene prodotta e si accumula nel cervello, può causare infiammazione e ripiegarsi in una placca amiloide. Pertanto, vi è una forte motivazione per cui alcuni soggetti vaccinati sviluppano una lieve disfunzione cognitiva, l’Alzheimer come la demenza e altre forme di declino neurocognitivo. Poiché gli anziani sono stati pesantemente vaccinati, molte famiglie e medici attribuiranno i cambiamenti clinici all’età avanzata e non al vaccino. Dovrebbero capire in ogni singolo caso che la vaccinazione COVID-19 dovrebbe essere considerata un fattore determinante del declino cognitivo in una persona precedentemente sana.”

Un meccanismo di lesione al cervello ea tutti gli altri organi può essere il danno ai mitocondri osservato dopo la vaccinazione COVID. Abramczyk, et al. ha mostrato una riduzione in vitro del citocromo C nei mitocondri quando esposto al vaccino mRNA COVID. [32] Il citocromo C è essenziale per la fosforilazione ossidativa, che è una funzione essenziale dei mitocondri.

Di conseguenza, viene prodotto meno ATP [adenosina trifosfato]. L’ATP è una molecola che è l’unità monetaria dell’energia nel corpo. Viene utilizzato da tutte le cellule per produrre energia. Quando ce n’è meno, siamo esausti e più vulnerabili al cancro tra gli altri stati patologici.

Un meccanismo di lesione ai neuroni più noto, più facilmente immaginabile dalla risonanza magnetica, è la demielinizzazione. La mielina è la guaina grassa che circonda l’assone di ciascun neurone. Consente la comunicazione tra i neuroni, con segnali elettrici che saltano rapidamente lungo una guaina mielinica intatta, come quando il cervello dice alla mano di raccogliere un oggetto, ma verrebbe rallentato lungo la mielina danneggiata.

Ripartizione dei tipi di lesioni neurologiche a seguito dei vaccini COVID

Hosseini e Askari suddividono quattro categorie di complicanze neurologiche della vaccinazione COVID-19 nella figura seguente: [33]

Epoca Times foto
Da R Hosseini e N Askari. Una revisione degli effetti collaterali neurologici della vaccinazione COVID-19. 25 febbraio 2023. Eur J Med Res 28. 102.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9959958/

Diamo un’occhiata all’anatomia di un neurone, dove vediamo la lunga guaina mielinica che ricopre l’assone, che è il condotto di segnalazione da un neurone all’altro, e al muscolo, che consente l’attività, o nella direzione opposta dalla pelle e organi sensoriali, occhi, orecchie, ecc., che vengono registrati come sensazione percepita nel cervello.

Epoca Times foto
© Healthwise, Incorporated. Università del Vermont. https://www.uvmhealth.org/healthwise/topic/tp12596

La mielina è vulnerabile al degrado e alla vaiolatura da una varietà di cause ed è stata osservata dopo la vaccinazione COVID, [34] così come i vaccini precedenti, i cui effetti possono essere visti sulla risonanza magnetica. [35] Una manifestazione comune della demielinizzazione è la sclerosi multipla (SM). L’esacerbazione della sclerosi multipla esistente o non ancora diagnosticata è stata osservata dopo la vaccinazione COVID, [36] così come la SM di nuova insorgenza. [37] [38]

Dopo la vaccinazione COVID sono state osservate anche condizioni demielinizzanti come la sindrome di Guillain-Barré, [39] [40] [41] mielite trasversa, [42] e neuropatie simili. [43]

La sindrome di Guillain Barré (GBS) è una condizione autoimmune in cui il sistema immunitario attacca il sistema nervoso, sia i neuroni motori che quelli sensoriali, causando limitazioni che può portare alla paralisi, oltre a formicolio e altre sensazioni alterate. È stato a lungo osservato che GBS segue vaccinazioni precedenti, come i vaccini contro l’epatite B e l’influenza, probabilmente a causa dello sconvolgimento provocato nel sistema immunitario da un fa che trasporta materiale antigenico oltre le difese primarie del sistema immunitario nella pelle e nelle mucose. Dei 1.000 casi di GBS post-vaccino segnalati negli Stati Uniti dal 1990 al 2005, 774 si sono verificati entro 6 settimane dalla vaccinazione. [44]

Epoca Times foto
© Propel Fisioterapia. https://propelphysiotherapy.com/neurological/guillain-barre-syndrome-treatment/#

Uno studio di Lancet ha scoperto che la paralisi di Bell è stata osservata da 3,5 a 7 volte più alta nella popolazione vaccinata contro il COVID rispetto alla coorte non vaccinata. [45] La paralisi di Bell è una disfunzione del settimo nervo cranico, noto anche come nervo facciale, e provoca limite o paralisi dei muscoli facciali su un lato del viso, osservata come un sorriso unilaterale o un occhiolino invece di un battito di ciglia. La paralisi del nervo abducente (6o nervo cranico) è stata osservata anche dopo la vaccinazione con mRNA. [46] Questo limita il movimento degli occhi di lato, influenzando la visione periferica.

Sono state segnalate anche encefalopatie [47] ed encefalite [48] e convulsioni [49] ed esacerbazione di convulsioni negli epilettici [50] a seguito della vaccinazione con mRNA COVID.

Sono stati osservati anche danni funzionali a seguito della vaccinazione COVID, persino riconosciuti nella medicina convenzionale già nel 2021, l’anno del picco della vaccinazione COVID. [51] [52] Dopo la vaccinazione COVID sono stati osservati perdita di memoria, afasia, deficit dei nervi motori e sensoriali, debolezza muscolare e tremori. [53] [54] [55] [56] [57]

In altri casi, è stato osservato un peggioramento della patologia neurologica preesistente in seguito alla vaccinazione con mRNA COVID, come il peggioramento del morbo di Parkinson [58] [59] e del disturbo neurologico funzionale, anche nei giovani. [60]

Di 21 pazienti adulti in un ospedale di Toronto con disturbo del movimento motorio funzionale, il 58% ha sviluppato i propri sintomi neurologici dopo la vaccinazione COVID e il 22% ha sviluppato tali sintomi dopo l’infezione da COVID. [61]

Un disturbo comune riportato dai medici dopo la vaccinazione COVID è l’acufene, [62] ma questo non è ancora ben riportato nella letteratura medica ed è circolato in modo aneddotico.

OpenVAERS.com riassume le segnalazioni di eventi avversi a seguito della vaccinazione dal 1990 catalogate sul Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti. [63] A differenza di VAERS, Open VAERS.com riassume i dati VAERS per categoria di infortunio. [64] Per ciascuna categoria di lesioni e decessi segnalati al VAERS nei suoi 32 anni di storia, il 2021 e, in misura minore, il 2022 hanno mostrato un numero di segnalazioni molto più elevate rispetto al passato, come il lettore può vedere nella seconda tabella di seguito di OpenVAERS che mostra segnalazioni di lesioni neurologiche.

Dei 2,4 milioni di eventi avversi mai segnalati al VAERS nei suoi 32 anni di storia, 1,5 milioni di questi eventi sono stati segnalati a seguito dei vaccini COVID, nei loro brevi due anni di storia.

Epoca Times foto
OpenVAERS.com  https://www.openvaers.com/covid-data/bells-palsy

Il grafico seguente mostra le segnalazioni di Guillain Barré e mielite trasversa per anno. Possiamo vedere che il 2021, l’anno del picco di assorbimento del vaccino COVID, mostra un’incidenza molto più alta rispetto agli altri anni.

Epoca Times foto
OpenVAERS.com. https://www.openvaers.com/covid-data/paralysis

È importante che vengano conservate copie degli studi sulle lesioni cerebrali e sulle sequele neurologiche a seguito dei vaccini COVID. In un momento di censura dilagante nelle pubblicazioni mediche, molti degli studi citati dagli autori qui citati sono già stati rimossi dalla pubblicazione e non sono più accessibili al pubblico. Altri sono dietro paywall, come questa recensione di Alonso-Canovas [65] e molti altri.

Questa scomparsa degli eventi avversi documentati del vaccino arriva, sfortunatamente, in un momento cruciale, mentre il mondo inizia a considerare l’entità degli effetti causati dai vaccini COVID. Dovrebbero essere effettuate migliori analisi del rapporto rischio-beneficio prima che i futuri vaccini vengano utilizzati in modo rapido e diffuso.

Ripubblicato da   Substack  di Colleen Huber.

Riferimenti

[1] H Duvernoy, S Delon, et al. La vascolarizzazione della corteccia cerebellare umana. Ottobre 1983. Bollettino Brain Res. 11 (4) 419-480.  https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/0361923083901168

[2] W Parridge. Una revisione storica della somministrazione di farmaci al cervello. 2022. Prodotti farmaceutici. 14 (6).  https://www.mdpi.com/1999-4923/14/6/1283

[3] Banche W. Caratteristiche dei composti che attraversano la barriera emato-encefalica. 12 giugno 2009. BMC Neurologia 9 (S3).  https://bmcneurol.biomedcentral.com/articles/10.1186/1471-2377-9-S1-S3#ref-CR17

[4] W Parridge. Gene targeting in vivo con immunoliposomi pegilati. Metodi. Enzimolo. 373. 507-528. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0076687903730328

[5] Banche W. Caratteristiche dei composti che attraversano la barriera emato-encefalica. 12 giugno 2009. Neurologia BMC. 9 (1).  https://bmcneurol.biomedcentral.com/articles/10.1186/1471-2377-9-S1-S3

[6] F Ma, L Yang, et al. Lipidoidi derivati ​​​​​​​​da neurotrasmettitori (lipidoidi NT) per una migliore somministrazione cerebrale attraverso l’iniezione endovenosa. Lug 2020. I progressi della scienza. 6 (30). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7439549/

[7] C Huber.  Qualche vaccino rimane nel braccio? N.   7 marzo 2023. La sconfitta del COVID, Substack.

[8] I dati positivi sul vaccino COVID-19 di fase 3 di BioNTech e Pfizer hanno un’importante connessione con il Canada. 9 novembre 2020.    https://acuitastx.com/wp-content/uploads/2020/11/BioNTech-Trial-Results-Release.pdf

[9] Acuitas Therapeutics. Rapporto finale: studio della struttura di prova n. 185350, rif. sponsor nm. ALC-NC-0552. 9 novembre 2020.

Appendice 2.    https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M4_4223_185350.pdf

[10] Ibid. Acuitas Therapeutics. P.25

[11] Salute pubblica e professionista medico per la trasparenza. Documenti.  https://phmpt.org/pfizers-documents/

[12] Pfizer. Vaccino SARS-CoV-2 mRNA (BNT162, PF-07302048) 2.6.4 p 16.    https://www.docdroid.net/xq0Z8B0/pfizer-report-japanese-government-pdf

[13] I Trougakos, E Terpos, et al. Effetti avversi dei vaccini mRNA COVID-19: l’ipotesi del picco. Lug 2022. Tendenze Mol med. 28 (7). 542-554. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9021367/

[14] Agenzia europea per i medicinali. Rapporto di valutazione Moderna 2021. Rapporto di valutazione Moderna COVID-19 Vaccine Moderna. EMA/15689/2021. Corr.1*1.

[15] E Rhea, A Logsdon, et al. La proteina S1 di SARS-CoV-2 attraversa la barriera emato-encefalica nei topi. Mar 2021. Nat Neurosci. 24 (3) 368-378.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8793077/

[16] S Ndeupen, Z Qin, et al. Il componente delle nanoparticelle lipidiche della piattaforma mRNA-LNP utilizzato negli studi preclinici sui vaccini è altamente infiammatorio. 17 dicembre 2021. iScienza. 24 (12).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8604799/

[17] J Huwyler, D Wu, et al. Rilascio cerebrale di piccole molecole mediante immunoliposomi. 26 novembre 1996. PNAS.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC19511/

[18] W Pardridge. Terapia genica cerebrale con nanoparticelle lipidiche di cavalli di Troia. Prestampa. 2023. Tendenze in Mol Med.  https://www.cell.com/trends/molecular-medicine/pdf/S1471-4914(23)00036-9.pdf

[19] Sol Bu. Apolipoproteina E e suoi recettori nella malattia di Alzheimer: percorsi, patogenesi e terapia. Maggio 2009. Nat Rev Neurosci. 10 (5).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2908393/

[20] R Mahley. Apolipopriteina E: proteina di trasporto del colesterolo con ruolo esplicativo nella biologia cellulare. 29 aprile 1988. Scienza. 240 (4852). 622-630.   https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/3283935/

[21] R Rungta, H Choi, et al. Fornitura di nanoparticelle lipidiche di siRNA per silenziare l’espressione genica neuronale nel cervello. Dicembre 2013. Acidi nucleici Mol Ther. 2 (12). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3889191/

[22] X Hou, T Zaks, et al. Nanoparticelle lipidiche per la consegna dell’mRNA. 10 agosto 2021. Natura Rev. 6. 1078-1094. https://www.nature.com/articles/s41578-021-00358-0

[23] G Nuovo, C Magro, et al. Il danno delle cellule endoteliali è la parte centrale di COVID-19 e un modello murino indotto dall’iniezione della subunità S1 della proteina spike. Apr 2021. Ann Diagn Pathol.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7758180/

[24] R Chen, K Wang, et al. La distribuzione spaziale e di tipo cellulare del recettore SARS-CoV-2 ACE2 nel cervello umano e del topo. 2020. Neurolo anteriore. 11 (573095).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7855591/

[25] E Rhea, A Logsdon, et al. La proteina S1 di SARS-CoV-2 attraversa la barriera emato-encefalica nei topi. Mar 2021. Nat Neurosci. 24 (3) 368-378.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8793077/

[26] T Buzhdygan, B De Ore, et al. La proteina della punta SARS-CoV-2 altera la funzione della barriera nei modelli in-vitro microfluidici statici 2D e 3D della barriera ematomeningea umana. Dicembre 2020. Neurobiol Dis. 146 (105131).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7547916/

[27] E Kim, M Jeon, et al. Le proteine ​​della punta di SARS-CoV-2 inducono cambiamenti patologici nella consegna molecolare e nella funzione metabolica nelle celle endoteliali del cervello. Ott 2021. Virus. 13 (10).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8538996/

[28] B De Ore, K Tran, et al. La proteina della punta SARS-CoV-2 interrompe l’integrità della barriera ematomeningea tramite l’attivazione di Rho-A. Ott 2021. J Neuroimmune Pharmacol. 16 (4). 722-728.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8536479/

[29] S Seneff S, A Kyriakopoulos, G Nigh, P McCullough. Un potenziale ruolo della proteina Spike nelle malattie neurodegenerative: una revisione narrativa. Febbraio 2023. Cureus. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9922164/

[30] Sicurezza mondiale Pfizer. 5.3.6 Analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione di PF-07302048 (BNT162B2) ricevuta fino al 28 febbraio 2021. P 31.     https://phmpt.org/wp-content/uploads/2021/11/5.3. 6-esperienza-post-marketing.pdf

[31] S Seneff S, A Kyriakopoulos, G Nigh, P McCullough. Un potenziale ruolo della proteina Spike nelle malattie neurodegenerative: una revisione narrativa. Febbraio 2023. Cureus. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9922164/

[32] H Abramczyk, B Brozek-Pluska, et al. Decodifica dell’immunometabolismo del vaccino mRNA COVID-19 nel sistema nervoso centrale: cellule gliali e glioma normali del cervello umano mediante Raman Imaging. 2 marzo 2022. BioRxiv.  https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2022.03.02.482639v1.full

[33] R Hosseini e N Askari. Una revisione degli effetti collaterali neurologici della vaccinazione COVID-19. 25 febbraio 2023. Eur J Med Res 28. 102.    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9959958/

[34] Un Chatterjee, un Chakravarty. Complicanze neurologiche dopo la vaccinazione contro il COVID-19. 16 novembre 2022. Corrente Neurol e Neurosci Rep. 23. 1-14.  https://link.springer.com/content/pdf/10.1007/s11910-022-01247-x.pdf

[35] M Malin, J Lin, et al. Due casi di complicanze neurologiche dopo la vaccinazione mRNA per COVID-19 (P1-1.Virtual). 3 maggio 2022. Neurobiologia. 98 (Supplemento 18).  https://n.neurology.org/content/98/18_Supplement/1603

[36] C Quintanilla-Bordás, F Gascón-Gimenez, et al. Caso clinico: esacerbazione delle recidive dopo la vaccinazione mRNA COVID-19 nella sclerosi multipla: una serie di casi. 27 aprile 2022. Front Neurol. 13 (2022).  https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fneur.2022.897275/full

[37] A Watad, G DeMarco, et al. Riacutizzazioni della malattia immuno-mediata o malattia di nuova insorgenza in 27 soggetti dopo la vaccinazione mRNA/DNA SARS-CoV-2. Maggio 2021. Vaccini (Basilea). 9 (5). 435.    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8146571/

[38] J Havla, Y Schultz, et al. Prima manifestazione di sclerosi multipla dopo immunizzazione con vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19. 11 giugno 2021. J Neurol. 269(1). 55-58. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8193159/

[39] J Chalela, C Andrews, et al. Rapporti sulla sindrome di Guillain-Barré a seguito della vaccinazione COVID-19 negli Stati Uniti: un’analisi del database VAERS. Mar 2023. J Clin Neurol.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9982177/

[40] J Ha, S Park, et al. Dati reali sull’incidenza e il rischio di Guillain-BarrS Park et al. Dati del mondo reale sull’incidenza e sul rischio della sindrome di Guillain-Barré dopo la vaccinazione SARS-CoV-2: uno studio prospettico di sorveglianza. 7 marzo 2023. Sci Rep. 13. 3773.    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9989583/

[41] S Waheed, A Bayas, et al. Complicanze neurologiche di COVID-19: sindrome di Guillain-Barré a seguito del vaccino Pfizer COVID-19. Febbraio 2021. Cureo. 13 (2). E 13426.    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7978140/

[42] P McLean, L Trefts. Mielite trasversa 48 ore dopo la somministrazione di un vaccino mRNA COVID-19. 2021. Neuroimmunol Rep.    https://scholar.google.com/scholar_lookup?journal=Neuroimmunology+Reports&title=Transverse+myelitis+48+hours+after+the+administration+of+an+mRNA+COVID+19+vaccine&author=P +McLean&author=L+Trefts&volume=1&publication_year=2021&pages=100019&doi=10.1016/j.nerep.2021.100019&

[43] E Sukockiené, G Breville, et al. Le serie di casi di neuropatie hanno origine in individui che hanno ricevuto la vaccinazione COVID-19. Mar 2023. Medicina Kaunas.59 (3). 501.   https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10054424/#

[44] N Souayah, A Nasar, et al. Sindrome di Guillain-Barré dopo la vaccinazione negli Stati Uniti: dati del Centers for Disease Control and Prevention / Food and Drug Administration Vaccine Adverse Event Reporting System (1990-2005). Set 2009. Clin Neuromusc Dis. 11 (1). 1-6.  https://journals.lww.com/jcnmd/Abstract/2009/09000/Guillain_Barr__Syndrome_after_Vaccination_in.1.aspx

[45] A Ozonoff, E Nanishi, et al. Paralisi di Bell e vaccini SARS-CoV-2. Apr 2021. The Lancet Inf Dis. 21 (4) pp 450-452.  https://www.thelancet.com/journals/laninf/article/PIIS1473-3099(21)00076-1/fulltext

[46] D Reyes-Capo, S Stevens, et al. Paralisi acuta del nervo abducente dopo la vaccinazione contro il COVID-19. 24 maggio 2021. JAAPOS. 25 (5). pp 302-303.  https://www.jaapos.org/article/S1091-8531(21)00109-9/fulltext

[47] B Liu, C Ugolini, et al. Due casi di encefalopatia vaccinale post-Moderna COVID-19 associata a stato epilettico non convulsivo. 4 luglio 2021. Cureo.  https://www.cureus.com/articles/56583-two-cases-of-post-moderna-covid-19-vaccine-encephalopathy-associated-with-nonconvulsive-status-epilepticus#!/

[48] ​​​​​​Y Kobayashi, S Karasawa, et al. Un caso di encefalite in seguito al vaccino COVID-19. Lug 2022. J Infezione e chemio. 28 (7). pp 975-977.  https://www.jiac-j.com/article/S1341-321X(22)00049-6/fulltext

[49] A Makhlouf, M Van Alphen, et al. Un sequestro dopo la vaccinazione COVID-19 in un paziente in Clozapina. 6 aprile 2021. J Clin Psicofarmaco.  https://journals.lww.com/psychopharmacology/Citation/2021/11000/A_Seizure_After_COVID_19_Vaccination_in_a_Patient.16.aspx

[50] R von Wrede, J Pukropski, et al. Vaccinazione COVID-19 in pazienti con epilessia: prime esperienze in un centro di epilessia teritario tedesco. 21 giugno 2021. Epilessia e comportamento.  https://www.epilepsybehavior.com/article/S1525-5050(21)00420-0/fulltext

[51] S Assiri, R Althaqafi, et al. Complicanze neurologiche associate alla vaccinazione post COVID-19. Neuropsichiatria Dis Trat. 2 febbraio 2022. 18. 137-154.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8818972/

[52] J Giorgio. Effetto vaccino o disturbo neurologico funzionale? 23 ago 2021. MedPage oggi.  https://www.medpagetoday.com/neurology/generalneurology/94151

[53] M Khayat-Khoei, S Bhattacharyya, et al. Vaccinazione mRNA COVID-19 che porta all’infiammazione del SNC: una serie di casi. 4 settembre 2021. J Neurol. 269 ​​(3). 1093-1106.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8417681/

[54] M Butler, J Coebergh, et al. Disturbo neurologico funzionale dopo i vaccini SARS-CoV-2: due casi clinici e discussione delle potenziali implicazioni per la salute pubblica. 15 luglio 2021. J Neuropsych.  https://neuro.psychiatryonline.org/doi/10.1176/appi.neuropsych.21050116

[55] T Ercoli, L Lutzoni, et al. Disturbo neurologico funzionale dopo la vaccinazione COVID-19. 29 luglio 2021. Neurolo Sci. 42: 3989-3990.  https://link.springer.com/article/10.1007/s10072-021-05504-8

[56] W Waheed, M Carey, et al. Neuropatia delle piccole fibre post vaccino COVID-19. 13 aprile 2021. Muscoli e nervi.    https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/mus.27251

[57] S Assiri, R Althaqafi, et al. Complicanze neurologiche associate alla vaccinazione post COVID-19. Neuropsichiatria Dis Trat. 2 febbraio 2022. 18. 137-154.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8818972/

[58] G Imbalzano, C Ledda, et al. Vaccinazione SARS-CoV-2, morbo di Parkinson e altri disturbi del movimento: serie di casi e breve revisione della letteratura. 6 giugno 2022. Neurol Sci. 43.5165-5168.  https://link.springer.com/article/10.1007/s10072-022-06182-w

[59] R Erro, A Buonomo, et al. Grave discinesia dopo la somministrazione del vaccino mRNA SARS-CoV-2 nella malattia di Parkinson. 19 ago 2021. Disturbi del movimento. 36 (10)    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8441657/

[60] N Lim, N Wood, et al. Vaccinazione COVID-19 nei giovani con disturbo neurologico funzionale: uno studio caso-controllo. Dicembre 2022. Vaccini. 10 (12) 2031.    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9782633/

[61] W Fung, Q Sa’di, et al. Disturbi funzionali come manifestazione motoria comune dell’infezione da COVID-19 o della vaccinazione 8 dicembre 2022 Eur J Neurol. 30 (3). 678-691. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9878181/

[62] D Parrino, A Frosolini, et al. Tinnito dopo rapporto di vaccinazione COVID-19 di tre casi. 13 giu 2021. Int J Audiol. 61 (6). 526-529.  https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34120553/

[63] Sistema di segnalazione degli eventi avversi sui vaccini.  https://vaers.hhs.gov/

[64] OpenVAERS.com. Aggiornato il 31 marzo 2023.   https://OpenVAERS.com

[65] A Alonso-Canovas, M Kurtis, et al. Disturbi neurologici funzionali dopo i vaccini COVID-19 e SARS-CoV-2: uno studio osservazionale multicentrico nazionale. [Lettera a; studio su 27 pazienti vaccinati]. 7 aprile 2023. J Neurol Neurochirurgia Psichiatria.  https://jnnp.bmj.com/content/early/2023/03/07/jnnp-2022-330885

Fonte: https://www.theepochtimes.com/health/brain-injuries-after-covid-vaccination_5188400.html

Dei problemi postpandemici al cervello ne avevamo già parlato qui:
https://ita.li.it/2022/12/14/i-cervelli-degli-adolescenti-post-pandemici-mostrano-segni-di-invecchiamento-piu-rapido /
Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li

Altre notizie
Ukraine: chi dà più soldi?

Ukraine: chi dà più soldi?

Secondo voi, chi sta dando più soldi all'UKraine? Come mostra Martin Armstrong di Statista nel grafico qui...

error: Content is protected !!
× How can I help you?