World Economic Forum: siete sicuri di sapere cos’è? (parte 2)

(segue da https://ita.li.it/2023/02/15/world-economic-forum-siete-sicuri-di-sapere-cose-parte-1/ )

Adesione

La fondazione è finanziata dalle sue 1.000 aziende associate, in genere imprese globali con un fatturato superiore a cinque miliardi di dollari (a seconda del settore e della regione). Queste imprese si collocano tra le migliori aziende nel loro settore e/o paese e svolgono un ruolo di primo piano nel plasmare il futuro del loro settore e/o regione.

L’adesione è stratificata in base al livello di coinvolgimento nelle attività del forum, con il livello delle quote associative che aumenta con l’aumentare della partecipazione a riunioni, progetti e iniziative. Nel 2011, un abbonamento annuale costava $ 52.000 per un singolo membro, $ 263.000 per “Partner industriale” e $ 527.000 per “Partner strategico”. Una quota di ammissione costa $ 19.000 a persona. Nel 2014, WEF ha aumentato le quote annuali del 20%, portando il costo per “Partner strategico” da CHF 500.000 ($ 523.000) a CHF 600.000 ($ 628.000).

Attività

Incontro annuale a Davos

Un negozio di articoli sportivi si è trasformato in un luogo temporaneo di accoglienza informale “Settimana caspica”, WEF 2018.

L’evento di punta del World Economic Forum è l’incontro annuale su invito tenutosi alla fine di gennaio a Davos, in Svizzera, che ha coinvolto gli amministratori delegati delle sue 1.000 aziende associate, oltre a politici selezionati, rappresentanti del mondo accademico , ONG ,  leader religioso ei media in un ambiente alpino. Le discussioni invernali si concentrano apparentemente su questioni chiave di interesse globale (come la  globalizzazione , i mercati dei capitali, la gestione patrimoniale, i conflitti internazionali, i problemi ambientali e le loro possibili soluzioni). I partecipanti prendono anche parte a eventi di gioco di ruolo, come l’Investment Heat Map. Gli incontri invernali informali possono aver portato a tante idee e soluzioni quanto le sessioni ufficiali.

All’incontro annuale del 2018, più di 3.000 partecipanti provenienti da quasi 110 paesi hanno preso parte a oltre 400 sessioni. La partecipazione comprendeva più di 340 personaggi pubblici, tra cui più di 70 capi di Stato e di governo e 45 capi di organizzazioni internazionali; Erano rappresentati 230 rappresentanti dei media e quasi 40 leader culturali.

Vi abbiamo selezionato ben 500 giornalisti del web, della carta stampata, della radio e della televisione , con accesso a tutte le sessioni del programma ufficiale, alcune delle quali anche in webcast. Tuttavia, non tutti i giornalisti hanno accesso a tutte le aree. Questo è riservato ai possessori di badge bianchi. “Davos gestisce un sistema di badge quasi di casta”, secondo il giornalista della BBC Anthony Reuben. “Un badge bianco significa che sei uno dei delegati: potresti essere l’amministratore delegato di un’azienda o il leader di un paese (anche se questo ti darebbe anche un piccolo adesivo olografico da aggiungere al tuo badge), o un giornalista senior. Un tesserino arancione significa che sei solo un normale giornalista che lavora. Tutti i dibattiti dell’area plenariadell’incontro annuale sono disponibili anche su YouTube mentre le fotografie sono disponibili su Flickr.

panoramica degli incontri annuali passati 
Anno Data Tema
1988 Il nuovo stato dell’economia mondiale
1989 Principali sviluppi negli anni ’90: implicazioni per il business globale
1990 Cooperazione competitiva in un decennio di turbolenze
1991 La nuova direzione per la leadership globale
1992 Cooperazione globale e megacompetizione
1993 Radunare tutte le forze per la ripresa globale
1994 Ridefinire i presupposti di base dell’economia mondiale
1995 26–30 gennaio Leadership per le sfide oltre la crescita
1996 1-6 febbraio Sostenere la globalizzazione
1997 30 gennaio – 4 febbraio Costruire la società in rete
1998 29 gennaio – 3 febbraio Gestire la volatilità e le priorità per il 21° secolo
1999 28 gennaio – 2 febbraio Globalità responsabile: gestire l’impatto della globalizzazione
2000 26 gennaio – 2 febbraio Nuovi inizi: fare la differenza
2001 25–30 gennaio Sostenere la crescita e colmare le divisioni: un quadro per il nostro futuro globale
2002 31 gennaio – 4 febbraio Leadership in tempi fragili (tenutasi a New York invece che a Davos)
2003 21–25 gennaio Costruire la fiducia
2004 21–25 gennaio Partnership per la sicurezza e la prosperità
2005 26–30 gennaio Assumersi la responsabilità di scelte difficili
2006 25–29 gennaio L’imperativo creativo
2007 24–28 gennaio Plasmare l’agenda globale, l’equazione del potere mutevole
2008 23–27 gennaio Il potere dell’innovazione collaborativa
2009 28 gennaio – 1 febbraio Plasmare il mondo post-crisi
2010 27–30 gennaio Migliorare lo stato del mondo: ripensare, ridisegnare, ricostruire
2011 26–30 gennaio Norme condivise per la nuova realtà
2012 25–29 gennaio La grande trasformazione: dare forma a nuovi modelli
2013 23–27 gennaio Dinamismo resiliente
2014 22–25 gennaio Il rimodellamento del mondo: conseguenze per la società, la politica e gli affari
2015 21–24 gennaio Nuovo contesto globale
2016 20–23 gennaio Padroneggiare la quarta rivoluzione industriale
2017 17-20 gennaio Leadership reattiva e responsabile
2018 23–26 gennaio Creare un futuro condiviso in un mondo fratturato
2019 22–25 gennaio Globalizzazione 4.0: plasmare un’architettura globale nell’era della quarta rivoluzione industriale
2020 20–24 gennaio Stakeholder per un mondo coeso e sostenibile
2021 17–20 agosto annullato a causa della  pandemia di COVID-19
2022 22-26 maggio La storia a un punto di svolta: politiche di governo e strategie aziendali
2023 16-20 gennaio Cooperazione in un mondo frammentato

Partecipanti individuali

Juan Manuel Santospresidente della Colombia , al World Economic Forum 2010

Circa 3.000 singoli partecipanti si sono uniti all’incontro annuale del 2020 a Davos. I paesi con il maggior numero di partecipanti includono Stati Uniti (674 partecipanti), Regno Unito (270), Svizzera (159), Germania (137) e India (133). Tra i partecipanti c’erano capi di stato o di governo, ministeri di gabinetto, ambasciatori, capi o alti funzionari di organizzazioni internazionali) hanno partecipato alla riunione annuale, tra cui: Sanna Marin ( primo ministro  della  Finlandia  )  ,  Ursula von der Leyen  (  presidente della Commissione Europea  ),  Christine Lagarde  ( Presidente della BCE  ),  Greta Thunberg  (  attivista per il clima  ), Ren Zhengfei  (  fondatore di Huawei Technologies  ),  Kristalina Georgieva  (  amministratore delegato del FMI  ),  Deepika Padukone  (  attrice di Bollywood  ),  George Soros  (  investitore  ) e  Donald Trump  (  presidente degli Stati Uniti  ). [67]

Un’analisi di  The Economist del 2014 ha rilevato che la stragrande maggioranza dei partecipanti è di sesso maschile e ha più di 50 anni. Le carriere nel mondo degli affari rappresentano la maggior parte dei background dei partecipanti (1.595 partecipanti alla conferenza), con i restanti seggi suddivisi tra governo (364), ONG (246) e stampa (234). Il mondo accademico, che era stato la base della prima conferenza annuale nel 1971, era stato emarginato al gruppo di partecipanti più piccoli (183 partecipanti).

Partecipanti aziendali

Accanto ai singoli partecipanti, il World Economic Forum mantiene una fitta rete di partner aziendali che possono richiedere diversi gradi di partnership all’interno del forum. Per il 2019, Bloomberg ha identificato un totale di 436 società quotate che hanno partecipato all’Annual Meeting, misurando una sottoperformance azionaria dei partecipanti di Davos di circa il -10% rispetto all’S&P 500 durante lo stesso anno. I driver sono tra l’altro una sovrarappresentazione delle società finanziarie e una sottorappresentazione delle aziende sanitarie e informatiche in rapida crescita alla conferenza.

The Economist aveva trovato risultati simili in uno studio precedente, che mostrava una sottoperformance dei partecipanti a Davos rispetto sia all’MSCI World Index che all’S&P 500 tra il 2009 e il 2014.

Riunione annuale estiva

Nel 2007, la fondazione ha istituito l’Annual Meeting of the New Champions (chiamato anche Summer Davos), che si tiene ogni anno in Cina, alternando Dalian e Tianjin , riunendo 1.500 partecipanti provenienti da quelle che la fondazione chiama Global Growth Companies , principalmente dai paesi emergenti in rapida crescita come Cina, India, Russia, Messico e Brasile, ma includendo anche aziende in rapida crescita provenienti da paesi sviluppati. L’incontro coinvolge anche la prossima generazione di leader globali provenienti da regioni in rapida crescita e città competitive, nonché pionieri della tecnologia di tutto il mondo. Il  Premier della Cina ha pronunciato un discorso in plenaria a ogni riunione annuale.

Incontri regionali

Prithviraj Chavan , primo ministro del Maharashtra, India; Sudha Pilay, membro-segretario, Commissione per la pianificazione, India; Ben Verwaayen , amministratore delegato di Alcatel-Lucent, Francia, sono stati copresidenti dell’India Economic Summit 2011 a Mumbai .

Felipe Calderón  ,  Presidente del Messico  , all’incontro annuale 2007 del World Economic Forum

Ogni anno si tengono incontri regionali, che consentono uno stretto contatto tra i leader aziendali, i leader del governo locale e le ONG. Gli incontri si tengono in Africa, Asia orientale, America Latina e Medio Oriente. Il mix di paesi ospitanti varia di anno in anno, ma Cina e India hanno costantemente ospitato per tutto il decennio dal 2000.

Giovani leader globali

Il gruppo dei  Giovani Leader Globali  è composto da 800 persone scelte dagli organizzatori del WEF come rappresentanti della leadership contemporanea. Dopo cinque anni di partecipazione sono considerati ex allievi. Il programma ha ricevuto polemiche quando Schwab, il fondatore, ha accolto di “penetrare” i governi con Young Global Leaders . Ha aggiunto che nel 2017 “più della metà” del  gabinetto  di Justin Trudeau era stato membro del programma.

Imprenditori sociali

Dal 2000, il WEF promuove modelli sviluppati da quelli in stretta collaborazione con la  Schwab Foundation for Social Entrepreneurship , evidenziando l’imprenditoria sociale come un elemento chiave per far progredire le società e affrontare i problemi sociali. Imprenditori sociali selezionati sono invitati a partecipare alle riunioni regionali della fondazione e alle riunioni annuali in cui possono incontrare dirigenti e alti funzionari governativi. All’Annual Meeting 2003, ad esempio,  Jeroo Billimoria ha incontrato Roberto Blois, vicesegretario generale dell’International Telecommunication Union , un incontro che ha prodotto una partnership chiave per la sua organizzazione assistenza internazionale infantile .

Rapporti di ricerca

Due volte premio Oscar, la giornalista pakistana  Sharmeen Obaid-Chinoy  al WEF nel 2013

La fondazione funge anche da  think tank , pubblicando un’ampia gamma di rapporti. In particolare, gli “Strategic Insight Teams” si concentrano sulla produzione di report rilevanti nei settori della competitività, dei rischi globali e  della pianificazione di scenari .

Il “Competitiveness Team” produce una serie di rapporti economici annuali (prima pubblicati tra parentesi): il Global Competitiveness Report  (1979) misurava la competitività dei paesi e delle economie; Il  Global Information Technology Report  (2001) ha valutato la loro competitività in base alla loro preparazione IT; il  Global Gender Gap Report  ha esaminato le aree critiche di disuguaglianza tra uomini e donne; il  Global Risks Report  (2006) ha valutato i principali rischi globali; il  Global Travel and Tourism Report(2007) ha misurato la competitività dei viaggi e del turismo; la relazione sullo sviluppo finanziario (2008) mirava a fornire ai paesi un mezzo completo per stabilire parametri di riferimento per vari aspetti dei loro sistemi finanziari e stabilire priorità per il miglioramento; e il  Global Enabling Trade Report (2008) ha presentato un’analisi transnazionale del gran numero di misure che facilitano il commercio tra le nazioni.

Il “Risk Response Network” produce un rapporto annuale che valuta i rischi che si ritiene rientrino nell’ambito di questi team, abbiano rilevanza intersettoriale, siano incerti, abbiano il potenziale di causare danni economici superiori a 10 miliardi di dollari USA, abbiano il potenziale di causare gravi sofferenze umane e che richedano un approccio multilaterale per la mitigazione.

Nel 2020, il forum ha pubblicato un rapporto intitolato: ”  Nature Risk Rising “. In questo rapporto il forum ha stime che circa la metà del PIL globale dipende in misura elevata o moderata dalla natura e 1 dollaro speso per il ripristino della natura produce 9 dollari di profitto.

Iniziativa

Salute

La  Global Health Initiative  è stata lanciata da  Kofi Annan  in occasione della riunione annuale del 2002. La missione del GHI era coinvolgere le imprese in partenariati pubblico-privato per affrontare l’HIV/AIDS, la tubercolosi, la  malaria ei sistemi sanitari.

La  Global Education Initiative (GEI), lanciata durante l’incontro annuale del 2003, ha riunito aziende e governi IT internazionali in Giordania, Egitto e India che ha portato alla disponibilità di nuovo hardware per personal computer nelle loro classi e più insegnanti locali addestrati all ‘e-learning. Il modello GEI, che è scalabile e sostenibile, viene ora utilizzato come modello educativo in altri paesi, incluso il Ruanda.

Il 19 gennaio 2017 al WEF di Davos è stata lanciata la  Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), un’iniziativa globale per combattere le epidemie. L’iniziativa finanziata a livello internazionale mira a garantire la fornitura di vaccini per le emergenze e le pandemie globali ea ricercare nuovi vaccini per le malattie tropicali, che ora sono più minacciose. Il progetto è finanziato da donatori privati ​​​​e governativi , con un investimento iniziale di 460 milioni di dollari dai governi di Germania, Giappone e Norvegia, oltre alla Bill & Melinda Gates Foundation e al Wellcome Trust.

Incontri 2020

Tra il 21 e il 24 gennaio 2020, nelle prime fasi dell’epidemia di  COVID-19  ,  CEPI  ha incontrato i leader di  Moderna  per stabilire piani per un  vaccino COVID-19  al raduno di Davos, con un numero totale di casi globali di 274 e perdita totale di vite umane a 16.

L’  OMS ha dichiarato un’emergenza sanitaria globale 6 giorni dopo.

Società

La Water Initiative ha sviluppato diverse parti coinvolte come  Alcan Inc. , l’  Agenzia svizzera per lo sviluppo e la cooperazione  ,  USAID  India,  UNDP  India,  Confederation of Indian Industry  (CII), Government of  Rajasthan  e  NEPAD  Business Foundation per sviluppare partenariati pubblico-privati sulla gestione dell’acqua in Sudafrica e in India.

Nel tentativo di combattere la corruzione, la  Partnering Against Corruption Initiative  (PACI) è stata lanciata dagli amministratori delegati dei settori dell’ingegneria e delle costruzioni, dell’energia e dei  metalli e minerario in occasione della riunione annuale di Davos nel gennaio 2004. PACI è una piattaforma per lo scambio tra pari su esperienza pratica e situazioni di dilemma. All’iniziativa hanno aderito circa 140 aziende.

Ambiente

All’inizio del 21° secolo, il forum ha iniziato a occuparsi sempre più di questioni ambientali. Nel Manifesto di Davos 2020 si dice che un’azienda tra le altre:

  • “agisce come custode dell’universo ambientale e materiale per le generazioni future. Protegge consapevolmente la nostra biosfera e sostiene un’economia circolare, condivisa e rigenerativa”.
  • “gestisce responsabilmente la creazione di valore a breve, medio e lungo termine alla ricerca di rendimenti sostenibili per gli azionisti che non sacrifichino il futuro per il presente”.
  • “è più di un’unità economica che genera ricchezza. Soddisfa le aspirazioni umane e sociali come parte del sistema sociale più ampio. La performance deve essere misurata non solo sul ritorno per gli azionisti, ma anche su come raggiunge i suoi obiettivi ambientali, sociali e di buon governo.”

L’Iniziativa per l’ambiente riguarda i cambiamenti climatici e le questioni idriche. Nell’ambito del  Dialogo di Gleneagles sui cambiamenti climatici  , il governo del Regno Unito ha chiesto al World Economic Forum al  vertice del G8 di Gleneagles nel 2005  di facilitare un dialogo con la comunità imprenditoriale per sviluppare linee guida per la riduzione delle  emissioni di gas serra . Questa serie di indicazioni, approvate da un gruppo globale di amministratori delegati, è stata presentata ai leader prima del vertice del G8 a Toyako, Hokkaido, in Giappone, tenutasi nel luglio 2008.

Nel 2016 il WEF ha pubblicato un articolo in cui si dice che in alcuni casi ridurre i consumi può aumentare il benessere. Nell’articolo si dice che in Costa Rica il PIL è 4 volte inferiore a quello di molti paesi dell’Europa occidentale e del Nord America, ma le persone vivono più a lungo e meglio.  Uno studio americano mostra che chi ha un reddito superiore a 75.000 dollari, non ha necessariamente un aumento del benessere. Per misurare meglio il benessere, la New Economics Foundation ha lanciato l’ Happy Planet Index .

Nel gennaio 2017, il WEF ha lanciato la “Piattaforma per l’accelerazione dell’economia circolare” (PACE), un partenariato pubblico-privato globale che cerca di ridimensionare le innovazioni  dell’economia circolare . PACE è copresieduto da Frans van Houten  (CEO di  Philips ), Naoko Ishii (CEO della  Global Environment Facility  e capo del  Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP). The  Ellen MacArthur Foundation , l’  International Resource Panel , Circle Economy,  Chatham House , Istituto Nazionale per la Sanità Pubblica e l’Ambiente degli olandesi , il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente  e  Accenture fungono da partner di conoscenza e il programma è supportato dal Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali del Regno Unito, DSM . FrieslandCampinaGlobal Affairs Canada , il  Ministero olandese delle Infrastrutture e gestione idricaRabobankShellSITRA  e  Unilever .

Il Forum ha sottolineato la sua “Iniziativa per la sicurezza dell’ambiente e delle risorse naturali” per l’incontro del 2017 per raggiungere una crescita economica inclusiva e pratiche sostenibili per le industrie globali. Con le crescenti limitazioni al  commercio mondiale dovute agli interessi nazionali e alle barriere commerciali, il WEF si è spostato verso un approccio più sensibile e orientato al sociale per le imprese globali, con particolare attenzione alla riduzione delle emissioni di carbonio in Cina e in altre grandi nazioni industriali.

Sempre nel 2017, WEF ha lanciato la  Fourth Industrial Revolution  (4IR) per la Earth Initiative, una collaborazione tra WEF,  Stanford University  e  PwC , e finanziata attraverso la Mava Foundation. Nel 2018, il WEF ha annunciato che un progetto all’interno di questa iniziativa doveva essere l’  Earth BioGenome Project , il cui scopo è quello di sequenziare i genomi di ogni organismo sulla Terra.

Il World Economic Forum sta lavorando per eliminare  l’inquinamento da plastica , affermando che entro il 2050 consumerà il 15% del  bilancio globale del carbonio  e supererà per il suo peso i pesci negli oceani del mondo. Uno dei metodi è raggiungere  l’economia circolare .

Il tema dell’incontro annuale del World Economic Forum 2020 era “Stakeholders for a Cohesive and Sustainable World”. Il cambiamento climatico e la sostenibilità sono stati i temi centrali della discussione. Molti hanno sostenuto che il PIL non è riuscito a rappresentare correttamente il benessere e che  i sussidi ai combustibili fossili  dovrebbero essere fermati. Molti dei partecipanti hanno affermato che è necessario un capitalismo migliore. Al Gore ha riassunto le idee della conferenza come: “La versione del capitalismo che abbiamo oggi nel nostro mondo deve essere riformata”.

In questo incontro il World Economic Forum:

  • Ha lanciato la  Trillion Tree Campaign,  un’iniziativa che mira a “far crescere, ripristinare e conservare 1 trilione di alberi nei prossimi 10 anni in tutto il mondo, nel tentativo di ripristinare  la biodiversità  e aiutare a combattere  il cambiamento climatico “. Donald Trump ha aderito all’iniziativa. Il forum ha affermato che: “Soluzioni basate sulla natura – bloccare il carbonio nelle foreste, nelle praterie e nelle zone umide del mondo – possono fornire fino a un terzo delle riduzioni delle emissioni richieste entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi “, aggiungendo che il resto dovrebbe provenire dai settori dell’industria pesante, della finanza e dei trasporti. Uno degli obiettivi è quello di unificare i progetti  di rimboschimento esistenti.
  • Discute il tema del cambiamento climatico e chiamato a espandere  le energie rinnovabilil’efficienza energetica  cambiando i modelli di  consumo  e rimuovere il carbonio dall’atmosfera. Il forum ha affermato che la crisi climatica diventerà un’apocalisse climatica se la temperatura aumenterà di 2 gradi. Il forum chiamato ad adempiere agli impegni  dell’Accordo di ParigiJennifer Morgan , direttrice esecutiva di  Greenpeace , ha affermato che all’inizio del forum, i combustibili fossili troveranno ancora tre volte più soldi delle soluzioni climatiche.

In occasione della riunione annuale del 2021,  l’UNFCCC ha lanciato la “Corsa a zero emissioni delle Nazioni Unite”. L’obiettivo della campagna è trasformare 20 settori dell’economia per raggiungere zero emissioni di gas serra. Almeno il 20% di ciascun settore dovrebbe adottare misure specifiche e 10 settori dovrebbero essere trasformati prima della COP 26 di Glasgow. Secondo gli organizzatori, il 20% è un punto di non ritorno, dopo il quale l’intero settore inizia a cambiare irreversibilmente.

Coronavirus e ripresa verde

Nell’aprile 2020, il forum ha pubblicato un articolo che postula che la pandemia di COVID-19 sia collegata alla distruzione della natura. Il numero di malattie emergenti è in aumento e questo aumento è legato alla  deforestazione  e  alla perdita di specie . Nell’articolo ci sono molteplici esempi del degrado dei sistemi ecologici causato dall’uomo. Si dice anche che la metà del  PIL globale dipende moderatamente o in gran parte dalla natura. L’articolo conclude che la ripresa dalla pandemia dovrebbe essere collegata alla ripresa della natura.

Il forum ha proposto un pianoforte per una  ripresa verde . Il piano include l’avanzamento  dell’economia circolare . Tra i metodi citati, c’è  la bioediliziai trasporti sostenibilil’agricoltura biologicagli spazi aperti urbanile energie rinnovabili  e  i veicoli elettrici .

Consigli del futuro globale

Il Network of Global Future Councils si trova ogni anno negli  Emirati Arabi Uniti e praticamente diverse volte all’anno. La seconda riunione annuale del WEF si è tenuta a Dubai nel novembre 2017, quando c’erano 35 consigli distinti focalizzati su una questione specifica, industria o tecnologia. Nel 2017 i membri hanno incontrato rappresentanti e partner del nuovo Centro per la quarta rivoluzione industriale del WEF. Idee e proposte vengono portate avanti per ulteriori discussioni in occasione della riunione annuale del Forum economico mondiale a Davos-Klosters in gennaio.

Comunità globale di Shapers

La Global Shapers Community, un’iniziativa del World Economic Forum, seleziona giovani leader di età inferiore ai 30 anni in base ai loro risultati e al loro potenziale per essere agenti di cambiamento nel mondo. I Global Shapers sviluppano e guidano i loro hub cittadini per implementare progetti di giustizia sociale che promuovono la missione del World Economic Forum. Alcuni critici vedono la crescente attenzione del WEF su aree attiviste come  la protezione ambientale  e  l’imprenditoria sociale  come una strategia per mascherare i veri obiettivi  plutocratici dell’organizzazione.

Divisioni del progetto

I progetti sono suddivisi in 17 aree di impatto: arte e cultura, rivoluzione città e urbanizzazione, partecipazione civica, cambiamento climatico, risposta al Covid-19, istruzione, imprenditorialità, quarta industriale, uguaglianza di genere, salute globale, migrazione, plasmare il futuro , sviluppo sostenibile , Valori, Acqua, #WeSeeEqual e Forza lavoro e occupazione.

In Sustainable Development, la community ha lanciato la Shaping Fashion Initiative coinvolgendo gli hub di Dusseldorf, Corrientes, Lahore, Davao, Milano, Lione, Quito, Taipei e altri.

In Entrepreneurship, Bucarest ha ospitato il Social Impact Award dal 2009. Gestisce programmi di istruzione e incubazione in più di 20 paesi in Europa, Africa e Asia e ha avuto un impatto su oltre 1000 giovani imprenditori sociali di età compresa tra 14 e 30 anni. In Nord America, New York ospita l’acceleratore di startup OneRise dal 2021 .

Futuro del lavoro

Per quanto riguarda il futuro del lavoro, il WEF 2020 ha fissato l’obiettivo di fornire posti di lavoro migliori, accedere a un’istruzione e competenze di qualità superiore a 1 miliardo di persone entro il 2030.

Il grande ripristino

Nel maggio 2020, il WEF e la Sustainable Markets Initiative del  Principe di Galles hanno lanciato il progetto “The Great Reset”, un piano in cinque punti per migliorare la crescita economica sostenibile dopo la recessione globale causata dai blocchi della pandemia di COVID- 19 . “The Great Reset” doveva essere il tema dell’incontro annuale del WEF nell’agosto 2021.

Secondo il fondatore del forum Schwab, l’intenzione del progetto è quella di riconsiderare il significato del  capitalismo  e del capitale. Pur non abbandonando il capitalismo, propone di cambiare e possibilmente passare da alcuni suoi aspetti, tra cui  il neoliberismo  e  il fondamentalismo del libero mercato . Il ruolo delle società, della tassazione e altro dovrebbe essere riconsiderato. La cooperazione internazionale e il commercio vanno difesi e anche la  Quarta Rivoluzione Industriale .

Il forum definisce il sistema che vuole creare come “Stakeholder Capitalism”. Il World Economic Forum sostiene  i sindacati .

fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/World_Economic_Forum

Altre notizie
Ukraine: chi dà più soldi?

Ukraine: chi dà più soldi?

Secondo voi, chi sta dando più soldi all'UKraine? Come mostra Martin Armstrong di Statista nel grafico qui...

error: Content is protected !!
× How can I help you?