World Economic Forum: siete sicuri di sapere cos’è? (parte 1)

Il  World Economic Forum  (  WEF  ) è un’organizzazione  internazionale non governativa  e  di lobbying con sede a  Cologny  ,  nel cantone di Ginevra  , in Svizzera. È stata fondata il 24 gennaio 1971 dall’ingegnere ed economista tedesco  Klaus Schwab . La fondazione, che è finanziata principalmente dalle sue 1.000 aziende associate – in genere imprese globali con un fatturato superiore a 5 miliardi  di dollari – oltre che da sussidi pubblici, considera la propria missione quella di “migliorare lo stato del mondo coinvolgendo imprese, politiche, accademici e altri leader della società per plasmare le agende globali, regionali e industriali ”.

Ne avevamo già parlato con la Dott.ssa Ilaria Bifarini (https://ita.li.it/2023/01/25/intervista-con-la-dott-ssa-ilaria-bifarini-del-24-01-2023/) ma forse è giunto il momento di dedicare un intero spazio alla conoscenza di questa organizzazione che, al di sopra dei singoli governi, sta assumendo il controllo del mondo intero.

Il WEF è noto soprattutto per il suo incontro annuale alla fine di gennaio a  Davos , una località di montagna nella regione delle Alpi orientali della Svizzera. L’incontro ha unito circa 3.000 membri paganti e partecipanti selezionati – tra cui investitori, imprenditori, leader politici, economisti, celebrità e giornalisti – per un massimo di cinque giorni per discutere questioni globali  in  500 sessioni.

Oltre a Davos, l’organizzazione convoca conferenze regionali in località in Africa, Asia orientale, America Latina e India e tiene altri due incontri annuali in Cina e negli Emirati Arabi Uniti. Produce inoltre una serie di rapporti, coinvolge i suoi membri in iniziative settoriali specifiche e fornisce una piattaforma per i leader di gruppi di parti interessate selezionati per collaborare a progetti e iniziative.

Il Forum suggerisce che un mondo globalizzato è gestito al meglio da una coalizione autoselezionata di multinazionali, governi e  organizzazioni della società civile (OSC), che si esprime attraverso iniziative come il ”  Great Reset ” e la ” riprogettazione globale “.

Il World Economic Forum e il suo incontro annuale a Davos hanno ricevuto critiche nel corso degli anni, tra cui l’acquisizione da parte dell’organizzazione di istituzioni globali e democratiche, le sue iniziative di “whitewashing” (letteralmente “imbiancamento” ,è l’atto di sorvolare o coprire vizi, crimini o scandali o esonerare mediante un’indagine superficiale o una presentazione parziale di dati con l’intenzione di migliorare la propria reputazione, anche noto come “censura”) istituzionale, il costo pubblico della sicurezza , lo status di esenzione fiscale dell’organizzazione, processi decisionali poco chiari e criteri di adesione, una mancanza di trasparenza finanziaria e l’impronta ambientale delle sue riunioni annuali. In reazione alle critiche all’interno della società svizzera, nel febbraio 2021 la Confederazione ha deciso di ridurre i suoi contributi annuali al WEF. Il WEF è stato anche bersaglio di teorie del complotto.

Il costo che le aziende devono pagare per un delegato al WEF era di $ 70.000 nei primi anni 2000 e nel 2022 era di $ 120.000.

Klaus Schwab  , fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum

Storia

Il professor Klaus Schwab apre l’inaugurale European Management Forum a Davos nel 1971.

FW de Klerk  e  Nelson Mandela  si stringono la mano all’incontro annuale del World Economic Forum tenutosi a Davos nel gennaio 1992.

Henry Kissinger  con gli ex leader dell’URSS al WEF Annual Meeting 1992

Børge Brende , amministratore delegato e attuale presidente del World Economic Forum, alla conferenza stampa di apertura nel 2008 a Cape Town, Sud Africa

Il WEF è stato fondato nel 1971 da  Klaus Schwab  , professore di Economia all’Università di Ginevra. Denominato per la prima volta  European Management Forum , nel 1987 ha cambiato nome in World Economic Forum e ha cercato di ampliare la sua visione per includere la fornitura di una piattaforma per la risoluzione dei conflitti internazionali.

Nel febbraio 1971, Schwab invitò 450 dirigenti di aziende dell’Europa occidentale al primo European Management Symposium tenutosi al  Davos Congress Center  con il patrocinio della  Commissione europea e delle associazioni industriali europee, dove Schwab cercò di introdurre le aziende europee alle pratiche di gestione americane. Ha quindi fondato il WEF come organizzazione senza scopo di lucro con sede a Ginevra e ha attirato i leader aziendali europei a Davos per gli incontri annuali ogni gennaio.

Il secondo European Management Forum, nel 1972, è stato il primo incontro in cui uno dei relatori del forum era un capo di governo, il presidente  Pierre Werner  del Lussemburgo.

Gli eventi del 1973, tra cui il crollo del meccanismo dei tassi di cambio fissi di  Bretton Woods e la  guerra dello Yom Kippur , videro l’incontro annuale espandere la sua attenzione dalla gestione alle questioni economiche e sociali e, per la prima volta, i leader politici furono invitati alla riunione annuale nel gennaio 1974.

Durante il primo decennio del forum, ha mantenuto un’atmosfera giocosa, con molti dei suoi membri che sciano e visto a eventi serali. Valutando l’evento del 1981, un partecipante ha osservato che “il forum offre una vacanza deliziosa sul conto spese”.

I leader politici iniziarono presto a utilizzare l’incontro annuale come sede per promuovere i propri interessi. La  Dichiarazione di Davos  è stata firmata nel 1988 da Grecia e Turchia, aiutandole a tornare indietro dall’orlo della guerra. Nel 1992, il presidente sudafricano  FW de Klerk  ha incontrato  Nelson Mandela  e  il capo Mangosuthu Buthelezi  all’incontro annuale, la loro prima apparizione congiunta fuori dal Sudafrica. All’incontro annuale del 1994, il ministro degli Esteri israeliano  Shimon Peres  e  il presidente dell’OLP  Yasser Arafat  hanno raggiunto un progetto di accordo su  Gaza  e  Gerico .

Nell’ottobre 2004, il World Economic Forum ha attirato l’attenzione attraverso le dimissioni del suo amministratore delegato e direttore esecutivo  José María Figueres per la ricevuta non dichiarata di oltre 900.000 dollari in spese di consulenza dalla società di telecomunicazioni francese Alcatel. Transparency International  ha evidenziato questo incidente nel suo  Global Corruption Report dovuto anni dopo, nel 2006.

Nel gennaio 2006, il WEF ha pubblicato un articolo nella sua rivista  Global Agenda intitolato “Boycott Israel”, che è stato distribuito a tutti i 2.340 partecipanti all’incontro annuale. In seguito alla pubblicazione,  Klaus Schwab ha descritto la pubblicazione come “un fallimento inaccettabile nel processo editoriale”.

Alla fine del 2015, l’invito è stato incluso per includere una delegazione nordcoreana per il WEF 2016, “visti i segnali positivi provenienti dal Paese”, hanno osservato gli organizzatori del WEF. La Corea del Nord non partecipa al WEF dal 1998. L’invito è stato accettato. Tuttavia, il WEF ha revocato l’invito il 13 gennaio 2016, dopo il test nucleare nordcoreano del 6 gennaio 2016, e la partecipazione del paese è stata soggetta a “sanzioni esistenti e possibili imminenti”. Nonostante le proteste della Corea del Nord che definissero la decisione del consiglio di amministrazione del WEF una mossa “improvvisa e irresponsabile”, il comitato del WEF ha mantenuto l’esclusione perché “in queste circostanze non ci sarebbe alcuna possibilità di dialogo internazionale”.

Nel 2017, il WEF di Davos ha attirato molta attenzione quando, per la prima volta, un capo di stato della Repubblica popolare cinese era presente nella località alpina. Con lo sfondo della Brexit , un’amministrazione statunitense protezionista in arrivo e pressioni significative sulle  zone di libero scambio  e  sugli accordi commerciali  , il leader Supremo Xi Jinping ha difeso lo schema economico globale e ha ritratto la Cina come una nazione responsabile e leader per le causa ambientale. Ha rimproverato aspramente gli attuali movimenti populisti che introdurranno tariffe e ostacolerebbero il commercio globale, avvertendo che tale protezionismo potrebbe favorire l’isolamento e ridurre le opportunità economiche.

Nel 2018, il primo ministro indiano  Narendra Modi  ha tenuto il discorso in plenaria, diventando il primo capo del governo indiano a tenere il discorso inaugurale per l’incontro annuale a Davos. Modi ha evidenziato  il riscaldamento globale (cambiamento climatico), il terrorismo e il protezionismo come le tre principali sfide globali e ha espresso fiducia che possono essere affrontate con uno sforzo collettivo.

Nel 2019, il presidente brasiliano  Jair Bolsonaro  ha tenuto il discorso programmatico durante la sessione plenaria della conferenza. Durante il suo primo viaggio internazionale a Davos, ha sottolineato le politiche economiche liberali nonostante il suo programma populista e ha tentato di rassicurare il mondo che il Brasile è un protettore della foresta pluviale mentre utilizza le sue risorse per la produzione e l’esportazione  di cibo . Ha affermato che “il suo governo cercherà di integrare meglio il Brasile nel mondo integrando le migliori pratiche internazionali, come quelle utilizzate e promosse dall’OCSE .Preoccupazioni ambientali come eventi meteorologici estremi e il fallimento della mitigazione e dell’adattamento ai cambiamenti climatici erano tra i principali rischi globali espressi dai partecipanti al WEF.

Il World Economic Forum 2021 si sarebbe dovuto tenere dal 17 al 20 agosto a Singapore. Tuttavia, il 17 maggio il Forum è stato cancellato; con un nuovo incontro che si terrà nella prima metà del 2022 invece con una sede e una data definitive da determinare successivamente nel 2021.

Alla fine di dicembre 2021, il World Economic Forum ha affermato in un comunicato che le condizioni della pandemia erano estremamente difficili per organizzare un incontro globale di persona il mese successivo; la trasmissibilità della variante SARS-CoV-2 Omicron e il suo impatto sui viaggi e sulla mobilità avevano reso necessario il rinvio.

All’inizio del 2022, l’incontro annuale a Davos è stato riprogrammato dal 22 al 26 maggio 2022. I suoi temi includono la  guerra russo-ucraina , il cambiamento climatico, l’insicurezza energetica e  l’inflazione. Il presidente ucraino  Volodymyr Zelenskyy ha tenuto un discorso speciale durante l’incontro, ringraziando la comunità globale per i suoi sforzi ma chiedendo anche maggiore sostegno. Il Forum del 2022 è stato caratterizzato dall’assenza di una delegazione russa per la prima volta dal 1991, che  il Wall Street Journal ha descritto come un segnale del “disfacimento della globalizzazione”. L’ex Russia House è stata utilizzata per presentare i crimini di guerra della Russia.

L’incontro annuale del 2023 del World Economic Forum si è svolto a Davos, in Svizzera, dal 16 al 20 gennaio, all’insegna del motto “Cooperazione in un mondo frammentato”.

Organizzazione

Con sede a Colonia, il WEF ha uffici anche a New York, Pechino e Tokyo. Nel gennaio 2015 è stata designata dal governo federale svizzero come ONG con lo status di “altro organismo internazionale” ai sensi della legge sullo Stato ospitante svizzero.

Il 10 ottobre 2016, il WEF ha annunciato l’apertura del suo nuovo  Centro per la Quarta Rivoluzione Industriale a San Francisco. Secondo il WEF, il centro “funzionerà da piattaforma per l’interazione, la comprensione e l’impatto sui cambiamenti scientifici e tecnologici che stanno cambiando il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci relazioniamo gli uni con gli altri”.

Il World Economic Forum afferma di essere imparziale e di non essere legato ad alcun interesse politico, di parte o nazionale. Fino al 2012 aveva lo status di osservatore presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, quando è stato revocato; è sotto la supervisione del Consiglio Federale Svizzero. Il più alto organo di governo della fondazione è il consiglio di fondazione.

Il consiglio di amministrazione è presieduto dal presidente del WEF,  Børge Brende , e funge da organo amministrativo del World Economic Forum. I membri del consiglio di amministrazione sono Børge Brende, Julien Gattoni, Jeremy Jurgens,  Adrian Monck  , Sarita Nayyar, Olivier M. Schwab,  Saadia Zahidi e Alois Zwinggi.

Consiglio di amministrazione

Il WEF è presieduto dal fondatore e presidente esecutivo, il professor  Klaus Schwab  , ed è guidato da un consiglio di amministrazione composto da leader del mondo degli affari, della politica, del mondo accademico e della società civile. Nel 2010 il consiglio era composto da:  Josef Ackermann  ,  Peter Brabeck-Letmathe  ,  Kofi Annan  , Victor LL Chu,  Tony Blair  ,  Michael S. Dell  ,  Niall FitzGerald  ,  Susan Hockfield  ,  Orit Gadiesh  ,  Christine Lagarde  ,  Carlos Ghosn  ,  Maurice Lévy  ,  Rajat Gupta  ,  Indra Nooyi , Peter D. Sutherland, Ivan Pictet,  Heizo Takenaka  ,  Ernesto Zedillo Ponce de Leon  , Joseph P. Schoendorf,  Sua Maestà la Regina Rania Al Abdullah .

I membri del consiglio di amministrazione (passati o presenti) includono:  Mukesh Ambani  ,  Marc Benioff  ,  Peter Brabeck-Letmathe  ,  Mark Carney  ,  Laurence D. Fink  ,  Chrystia Freeland  ,  Orit Gadiesh  ,  Fabiola Gianotti  ,  Al Gore  ,  Herman Gref  ,  José Ángel Gurría  ,  André Hoffmann  ,  Christine LagardeUrsula von der Leyen  ,  Jack Ma  ,  Yo-Yo Ma  ,  Peter Maurer  ,  Luis Alberto Moreno  ,  Muriel Pénicaud  ,  Sua Maestà la Regina Rania Al Abdullah del Regno Hascemita di Giordania  ,  L. Rafael Reif  ,  David M. Rubenstein  ,  Mark Schneider  ,  Klaus Schwab  ,  Tharman Shanmugaratnam  ,  Jim Hagemann Snabe  ,  Feike Sijbesma  ,  Heizo Takenaka  ,  Zhu Min .

fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/World_Economic_Forum

Altre notizie
Stellantis, e non solo

Stellantis, e non solo

In un contesto sempre più precario per i lavoratori del settore automobilistico in Italia, prevalentemente affiliati...

Immigrazione in aumento

Immigrazione in aumento

L’immigrazione illegale aumenta del 541% lungo la rotta dell’Africa occidentale verso l’UE La crisi dell’immigrazione...

error: Content is protected !!
× How can I help you?