Le proteste scoppiano in tutta la Cina in una sfida senza precedenti alla politica zero-Covid di Xi Jinping

Dall’ufficio di Pechino della CNN

Sabato sono scoppiate proteste in tutta la Cina, anche nelle università e a Shanghai, dove centinaia di persone hanno cantato “Dimettiti, Xi Jinping! Dimettiti, Partito Comunista!” in uno spettacolo di sfida senza precedenti contro la rigorosa e sempre più costosa politica zero-Covid del Paese.

Un incendio mortale in un condominio a Urumqi, la capitale della regione dell’estremo ovest dello Xinjiang, che ha ucciso 10 persone e ne ha ferite nove giovedì, ha agito da catalizzatore per la bruciante rabbia pubblica, poiché sono emersi video che sembravano suggerire misure di blocco che hanno ritardato i vigili del fuoco dal raggiungere le vittime.

In dozzine di campus universitari, gli studenti hanno tenuto raduni o affisso manifesti per piangere i morti dell’incendio dello Xinjiang e parlare contro zero-Covid. In diverse città, i residenti nei quartieri chiusi hanno abbattuto le barriere e sono scesi in piazza, a seguito delle proteste di massa contro il blocco che ha travolto Urumqi venerdì notte.

Tali scene diffuse di rabbia e sfida – alcune delle quali si sono protratte fino a domenica scorsa – sono eccezionalmente rare in Cina, dove il Partito Comunista al governo reprime spietatamente ogni espressione di dissenso. Ma a tre anni dall’inizio della pandemia, molte persone sono state spinte sull’orlo dall’uso incessante da parte del governo di blocchi, test Covid e quarantene.

L’aumento delle restrizioni negli ultimi mesi, insieme a una serie di morti strazianti attribuite a un’eccessiva sorveglianza dei controlli, ha portato la situazione al culmine.

Proteste a Shangai

La rabbia ha portato a notevoli atti di sfida nel centro finanziario di Shanghai, dove molti dei 25 milioni di residenti della città nutrono un profondo rancore contro zero-Covid dopo essere stati sottoposti a un blocco di due mesi in primavera.

Nella tarda notte di sabato, centinaia di residenti si sono riuniti per una veglia a lume di candela su Urumqi Road, che prende il nome dalla città, per piangere le vittime dell’incendio nello Xinjiang, secondo video ampiamente diffusi – e prontamente censurati – sui social media cinesi.

Intorno a un memoriale improvvisato di candele, fiori e cartelli, la folla ha sollevato fogli bianchi di carta bianca – in quella che è tradizionalmente una protesta simbolica contro la censura – e ha cantato: “Servono diritti umani, bisogno di libertà”.

I manifestanti stanno accanto ai cartelli di protesta a Shanghai, in Cina, sabato 26 novembre 2022.

Alcuni video mostrano persone che cantano l’inno nazionale cinese e The Internationale, uno standard del movimento socialista, mentre tengono striscioni che protestano contro le misure pandemiche eccezionalmente rigorose del Paese.

File di agenti di polizia, che inizialmente guardavano dall’esterno, hanno iniziato a muoversi per respingere e dividere la folla intorno alle 3 del mattino, scatenando tesi scontri con i manifestanti, secondo un testimone.

Il testimone ha detto alla CNN di aver visto diverse persone arrestate e portate in un veicolo della polizia vicino al memoriale improvvisato dopo le 4:30. Hanno anche visto diversi manifestanti afferrati dagli agenti dalla folla e portati dietro la linea di polizia. La protesta si è gradualmente dispersa prima dell’alba, ha detto il testimone.

Domenica pomeriggio, centinaia di residenti di Shanghai sono tornati sul posto per continuare a protestare nonostante una forte presenza della polizia e blocchi stradali.

I video mostravano centinaia di persone a un incrocio che gridavano “Liberate la gente!” in una richiesta alla polizia di liberare i manifestanti detenuti.

Folle che gridano "Liberate il popolo!"  a Shangai.

Questa volta, la polizia sembra aver adottato un approccio più duro, muovendosi più velocemente e in modo più aggressivo per effettuare arresti e disperdere la folla. In un video, un uomo con in mano un fascio di crisantemi ha tenuto un discorso mentre camminava su un passaggio pedonale, mentre un agente di polizia cercava di fermarlo. “Dobbiamo essere più coraggiosi! Sto infrangendo la legge tenendo dei fiori?” ha chiesto alla folla, che ha gridato “No!” in risposta. “Noi cinesi dobbiamo essere più coraggiosi!” disse tra gli applausi della folla. “Molti di noi sono stati arrestati ieri. Sono senza lavoro o senza famiglia? Non dobbiamo avere paura!” L’uomo ha lottato mentre più di una dozzina di agenti lo hanno costretto a salire su un’auto della polizia, mentre la folla inferocita gridava “Liberatelo!” e si precipitava verso il veicolo.

Altri video mostrano scene caotiche di polizia che spinge, trascina e picchia i manifestanti.

Gli agenti di polizia hanno bloccato domenica Urumqi Road a Shanghai.

Campus universitari

Molte delle proteste sono scoppiate nei campus universitari, che sono politicamente particolarmente sensibili al Partito Comunista, data la storia delle proteste di Piazza Tiananmen guidate dagli studenti nel 1989. Nelle prime ore di domenica mattina, circa 100 studenti si sono riuniti attorno a uno slogan di protesta dipinto su un muro della prestigiosa Peking University di Pechino. Uno studente ha detto alla CNN che quando è arrivato sulla scena intorno all’una di notte, le guardie di sicurezza stavano usando giacche per coprire il cartello di protesta.

Una guardia di sicurezza cerca di coprire uno slogan di protesta contro zero-Covid nel campus dell'Università di Pechino a Pechino.

“Dite no al lockdown, sì alla libertà. No al test Covid, sì al cibo”, si legge nel messaggio scritto con la vernice rossa, riecheggiando lo slogan di una protesta avvenuta a ottobre su un cavalcavia di Pechino, pochi giorni prima di una riunione chiave del Partito comunista in cui Xi si è assicurato un terzo mandato. “Apri gli occhi e guarda il mondo, la dinamica zero-Covid è una bugia”, recitava lo slogan di protesta all’Università di Pechino. Lo studente ha detto che le guardie di sicurezza in seguito hanno coperto lo slogan con vernice nera. Successivamente gli studenti si sono riuniti per cantare The Internationale prima di essere dispersi dagli insegnanti e dalle guardie di sicurezza.

Le proteste nel campus sono continuate domenica. Alla Tsinghua University, un’altra importante università di Pechino, centinaia di studenti si sono riuniti in una piazza per protestare contro zero-Covid e censura.

Centinaia di studenti della Tsinghua University di Pechino si sono riuniti domenica per protestare contro zero-Covid e censura.

I video e le immagini che circolano sui social media mostrano studenti che sollevano fogli di carta bianca e gridano: “Democrazia e stato di diritto! Libertà di espressione!” 

Fine dei blocchi

In altre parti del paese, i residenti hanno manifestato contro i blocchi dei loro quartieri, a seguito delle proteste di vasta portata a Urumqi che hanno costretto le autorità ad annunciare un graduale allentamento di un blocco che è durato per più di 100 giorni. Venerdì sera, centinaia di residenti di Urumqi hanno marciato verso un edificio governativo cantando “fine ai blocchi”, alcuni con in mano la bandiera cinese, secondo i video che circolano sui social media cinesi e un residente di Urumqi. Proteste minori sono scoppiate anche nelle comunità residenziali in tutta la città, che hanno visto i residenti abbattere le barriere di blocco e litigare con i funzionari.

I residenti di Urumqi hanno manifestato venerdì sera contro un blocco Covid di mesi fuori da un edificio governativo.

Per tutto il fine settimana, le proteste contro il blocco hanno scosso i quartieri di città da Pechino, Guangzhou e Wuhan a Lanzhou. Secondo i video sui social media, i residenti di diverse comunità residenziali a Pechino hanno sfidato gli ordini di blocco. In un complesso, i residenti hanno marciato e cantato: “Dì no ai test Covid, sì alla libertà!” Sabato, nella città nordoccidentale di Lanzhou, i residenti si sono precipitati fuori dai complessi chiusi per vagare liberi per le strade. I video inviati alla CNN da un residente mostrano alcuni che sollevano una tenda dei lavoratori Covid e distruggono una cabina di test.

All’inizio di questo mese, i residenti nello stesso quartiere erano scesi in piazza per chiedere una risposta alle autorità sulla morte di un bambino di 3 anni. Era morto per avvelenamento da gas dopo che a suo padre era stato impedito di portarlo prontamente in ospedale.

Quell’area e altre parti di Lanzhou sono state bloccate dal 1° ottobre.

Fonte: https://edition.cnn.com/2022/11/26/china/china-protests-xinjiang-fire-shanghai-intl-hnk/index.html

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?