Un altro studio rileva che l’infiammazione cardiaca è più alta dopo la vaccinazione Moderna rispetto a Pfizer

I casi di infiammazione cardiaca dopo la vaccinazione COVID-19 sono più comuni tra i destinatari di Moderna rispetto a quelli che hanno ricevuto l’iniezione di Pfizer, secondo un nuovo studio.

Ricercatori canadesi hanno analizzato un database e identificato 141 casi di miocardite, una forma di infiammazione del cuore, entro 21 giorni da una dose del vaccino Pfizer o Moderna, che utilizzano entrambi la tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA). Ciò è stato confrontato con un numero previsto di soli 20 casi. I casi erano molto più alti per i giovani maschi, come avevano rilevato studi precedenti, ma erano ancora più elevati dopo aver ricevuto una seconda dose del vaccino Moderna rispetto a una seconda dose del vaccino Pfizer. L’incidenza, tuttavia, era più alta dopo aver ricevuto una terza dose del vaccino Pfizer.

“In questo studio di coorte basato sulla popolazione, i tassi osservati di ricoveri ospedalieri o visite al pronto soccorso per miocardite dopo la vaccinazione mRNA per SARS-CoV-2 erano più alti del previsto sulla base dei tassi storici di riferimento, in particolare dopo la seconda dose, tra coloro che hanno ricevuto il Vaccino mRNA-1273 (Moderna), tra i maschi e tra i pazienti più giovani (18-29 anni)”, hanno scritto il dott. Zaeema Naveed e altri ricercatori dell’Università della British Columbia e del British Columbia Center for Disease Control.

Il documento è stato pubblicato sul Canadian Medical Association Journal il 21 novembre.

Moderna e Pfizer non hanno risposto alle richieste di commento.

Una ricerca risalente alla metà del 2021 mostra che l’incidenza dell’infiammazione cardiaca è più alta dopo una seconda dose di Moderna per i giovani maschi rispetto a una seconda dose di Pfizer. Entrambi i vaccini sono raccomandati come serie primaria a due dosi.

Il dottor Anish Koka, un cardiologo con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato  su Twitter che il nuovo studio evidenzia la mancanza di azione da parte dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), che continuano a raccomandare che i giovani maschi ricevano entrambi i vaccini.

“I tassi di Moderna sono davvero molto più alti per la dose 2 nei giovani uomini”, ha detto il dottor Walid Gellad, professore di medicina all’Università di Pittsburgh . “Rimango perplesso sul perché gli Stati Uniti non abbiano mai agito in base a queste informazioni, che erano note da un anno”.

Alcuni altri paesi hanno sospeso la somministrazione del vaccino di Moderna, o di entrambi i vaccini, per i giovani sulla base degli effetti collaterali del vaccino e del fatto che i giovani sani corrono pochi rischi a causa del COVID-19.

Il CDC ha anche rilevato più casi di miocardite ( pdf ) dopo aver ricevuto una seconda dose di Moderna nelle popolazioni ad alto rischio, utilizzando i dati di sorveglianza.

Le autorità statunitensi hanno aggiunto la miocardite come possibile effetto collaterale per entrambi i vaccini nel 2021, ma non hanno modificato le loro raccomandazioni, che richiedono che praticamente tutte le persone ricevano non solo una serie primaria, ma almeno un richiamo.

Le autorità statunitensi hanno affermato che i benefici dei vaccini, in primo luogo la protezione contro malattie gravi, superano i rischi.

Lo hanno detto i ricercatori canadesi, sebbene la loro unica citazione fosse per un documento del CDC non sottoposto a revisione paritaria del giugno 2021.

Da allora altri studi hanno concluso che i rischi superano i benefici per una o più popolazioni, in particolare i giovani maschi. Il calcolo si è inclinato a causa della crescente evidenza di effetti collaterali come la miocardite e della peggiore performance dei vaccini contro la variante del virus Omicron e le sue sottovarianti, affermano alcuni esperti.

Maggiori informazioni su New Paper

I ricercatori canadesi hanno analizzato le informazioni da una piattaforma di sorveglianza della Columbia Britannica che dispone di dati come test di laboratorio e ricoveri ospedalieri. Hanno esaminato i dati dal 15 dicembre 2020 al 10 marzo 2022.

Hanno scoperto che 105 maschi e 36 femmine hanno avuto miocardite e sono andati in ospedale o al pronto soccorso entro 21 giorni dall’iniezione.

Circa il 60 percento dei casi si è verificato dopo una dose Pfizer, ma il set di dati complessivo includeva un livello più elevato di somministrazione Pfizer rispetto alla somministrazione Moderna.

I ricercatori hanno calcolato un tasso complessivo di 1,37 casi di miocardite per 100.000 dosi di vaccino mRNA, al di sopra del tasso previsto di 0,39 casi per 100.000 abitanti. Il tasso atteso è stato ricavato dall’incidenza della miocardite nella popolazione generale prima della pandemia.

I tassi erano molto più alti dopo una seconda dose e tra i giovani maschi.

Per i maschi di età compresa tra 18 e 29 anni dopo una seconda dose, il tasso era di 23 per 100.000 dopo un’iniezione di Moderna e di 5,8 per 100.000 dopo un’iniezione di Pfizer.

Per i maschi di età compresa tra 30 e 39 anni dopo una seconda dose, il tasso era di 7 su 100.000 dopo un’iniezione di Moderna e di 1,3 su 100.000 dopo un’iniezione di Pfizer.

Per i maschi di età compresa tra 40 e 49 anni dopo una seconda dose, il tasso era di 1,3 per 100.000 dopo un’iniezione di Moderna e di 1,1 per 100.000 dopo un’iniezione di Pfizer.

I ricercatori hanno calcolato il tasso entro 21 giorni come 6,7 per 100.000 seconde dosi del vaccino Pfizer per i maschi di età compresa tra 12 e 17 anni, ma non sono stati in grado di calcolare la cifra per quella fascia di età per il vaccino di Moderna perché il vaccino non era disponibile in Canada per quel gruppo durante il periodo di tempo in cui è stato analizzato.

A seconda della dose, i tassi erano più alti per il vaccino Pfizer.

Mentre i tassi erano più alti dopo la seconda dose di Moderna sia per i maschi che per le femmine di età compresa tra 18 e 39 anni, ad esempio, i tassi erano più alti dopo la prima dose di Pfizer per maschi e femmine di età compresa tra 29 e 40 anni.

I tassi erano anche più alti dopo aver ricevuto una terza dose di Pfizer rispetto a una terza dose di Moderna per alcuni gruppi di età, compresi i maschi di età compresa tra 18 e 29 anni. Questo era anche il caso dei dati di sorveglianza del CDC. Una terza dose, o un richiamo, è stata ampiamente accettata perché i vaccini hanno prestazioni peggiori rispetto alle varianti più recenti e la protezione che conferiscono diminuisce rapidamente.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/another-study-finds-heart-inflammation-higher-after-moderna-vaccination-versus-pfizer_4883651.html

Altre notizie
Airpods e danni all’udito

Airpods e danni all’udito

Lunga tenuta, cancellazione del rumore e wireless: come gli auricolari danneggiano il nostro udito Gli auricolari...

Scienzah: potete fidarvi?

Scienzah: potete fidarvi?

Dimostrando che una revisione anonima non retribuita vale ogni centesimo, il 217enne editore scientifico Wiley ha...

Influenza aviaria e OMS

Influenza aviaria e OMS

Il trattato pandemico dell'OMS e la crisi dell'influenza aviaria stanno arrivando nello stesso momento I funzionari...

error: Content is protected !!
× How can I help you?