BRICS – Il progetto del secolo

I media occidentali danno priorità al conflitto ucraino, alla rivoluzione verde e alla rivoluzione sveglia. All’ombra di questa copertura mediatica, i BRICS stanno cambiando il mondo.

Vi forniamo i dati più recenti e li collochiamo nell’attuale contesto geopolitico. – Un’analisi.

 

introduzione

Uno degli argomenti principali di questo blog sono i BRICS.

Abbiamo scritto numerosi articoli, seguito e analizzato lo sviluppo di questa organizzazione.

Significativamente, il primo post indipendente di questo blog è stato dedicato ai BRICS il 18 novembre 2022 “ L’inarrestabile ascesa dell’Oriente ”.

Il nostro ultimo articolo dedicato esclusivamente ai BRICS del 24 settembre 2023 “ I BRICS cambieranno il mondo – lentamente ” ha fornito una panoramica dello sviluppo e ha riassunto i risultati del vertice BRICS in Sud Africa nell’agosto 2023.

Questo articolo è stato pubblicato da ZeroHedge, il GloomBoomDoom rapporto del Dr. Marc Faber e Weltwoche (stampato e online).

Dalla densità della nostra copertura, è chiaro che attribuiamo un’importanza fondamentale ai BRICS per lo sviluppo geopolitico e geoeconomico del mondo.

Sulla base dei fatti, siamo giunti alla conclusione che i BRICS cambieranno il mondo più di tutti gli altri sviluppi degli ultimi 100 anni messi insieme.

Gli sviluppi attorno ai BRICS hanno già innescato uno spostamento tettonico nell’equilibrio geopolitico del potere; il conflitto in Ucraina e l’accelerazione della crisi in Medio Oriente sono solo pezzi del mosaico al confronto.

I media occidentali stanno fissando le loro priorità in modo diverso e concentrandosi su argomenti che riteniamo di minore importanza: il nemico mortale, la Russia, la lucidità e l’ideologia verde.

I resoconti sui BRICS in Occidente, se mai hanno luogo, si limitano a dipingere i BRICS come uno strumento della Cina per raggiungere il potere mondiale – come ha affermato il Financial Times,

«Come i paesi BRICS rischiano di diventare satelliti della Cina»

FINANCIAL TIMES – 26 LUGLIO 2023

o banalizzare il successo dei BRICS – secondo la NZZ,

“Spieghiamo nel video perché questa estensione promette solo un successo limitato.”

NZZ, 14 DICEMBRE 2023

Considerazioni preliminari sui dati

Procediamo come sempre e sviluppiamo una base di discussione basata sui fatti.

Dal 1° gennaio gli iscritti sono raddoppiati

Dal 1° gennaio, ai membri esistenti (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) si sono aggiunti come nuovi membri Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti, Egitto ed Etiopia.

L’Argentina non partecipa

Nell’agosto 2023, l’Argentina è stata invitata a diventare il sesto membro.

Tuttavia, il nuovo presidente dell’Argentina, Javier Milei, ha deciso di non accettare l’invito e di affidarsi agli Stati Uniti e a Donald Trump per salvare la sua economia.

Impossibile a questo punto giudicare se questa decisione si rivelerà quella giusta.

Per il secondo paese più grande del Sud America, che un tempo era uno dei paesi più ricchi del mondo, c’è da sperare che Milei riesca a tirare fuori il carro dal pantano profondo.

Milei lotta contro l’establishment argentino, che ha messo economicamente il paese con le spalle al muro.

Questi ex governanti sono seri avversari che combattono per le sinecure che Milei deve strappare loro se vuole salvare l’Argentina.

Ci auguriamo che Javier Milei possa prevalere e gli auguriamo ogni successo e buona fortuna.

Sembrano emergere i primi segnali di successo: il mese scorso il paese è riuscito per la prima volta a riportare un bilancio positivo.

Sembra che si stia andando nella giusta direzione.

Arabia Saudita

Secondo quanto riportato dai media occidentali, l’Arabia Saudita non è ancora pienamente d’accordo.

Si dice che il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor abbia detto a Reuters che “l’Arabia Saudita non ha ancora risposto all’invito ad aderire ai BRICS. È ancora al vaglio”.

L’Arabia Saudita, o meglio la famiglia regnante Saud, è un alleato degli Stati Uniti dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, e questo rapporto si è ulteriormente rafforzato dopo l’accordo del “  Petrodollaro ” nel 1974.

Da quando il presidente Biden è al potere, le relazioni con gli Stati Uniti hanno sofferto enormemente, mentre allo stesso tempo la cooperazione con Cina e Russia si è rafforzata a un livello senza precedenti.

Il problema che ha ora l’Arabia Saudita sono i giganteschi investimenti che lo Stato e i privati ​​hanno fatto, in particolare negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Gli investimenti pubblici solo negli Stati Uniti ammontano a oltre  35 miliardi di dollari  , mentre nel Regno Unito si stima che ammontino a circa  75 miliardi di dollari .

A causa della situazione geopolitica mondiale e dell’aggressiva politica di sanzioni dell’Occidente, le preoccupazioni dell’Arabia Saudita che questi investimenti potrebbero essere confiscati in caso di adesione ai BRICS sono decisamente giustificate.

Dato che l’Arabia Saudita è importante per i BRICS e la Cina ha superato gli Stati Uniti come principale partner commerciale dell’Arabia Saudita, ci aspettiamo che l’Arabia Saudita aderisca ai BRICS non appena la Cina potrebbe assumere impegni nei confronti dei sauditi in caso di esproprio occidentale.

BRICS-10 in numeri

Carta geografica

BRICS verde scuro fino ad agosto 2023 – verde chiaro – i nuovi membri BRICS – Fonte: VoicefromRussia

Numeri

Nelle nostre cifre, confrontiamo i BRICS-10 con il G7 e il mondo nel suo insieme per darvi un’idea dei rapporti.

I parametri che utilizziamo sono la popolazione, il PIL (aggiustato per il potere d’acquisto), la produzione di petrolio, la produzione di gas e la produzione di oro.

Mostriamo il prodotto nazionale lordo corretto per il potere d’acquisto.

Se si utilizza il dollaro USA come misura del PIL, il potere economico di un Paese risulta distorto: se si vuole misurare realisticamente la forza finanziaria, fa una grande differenza se, ad esempio, un Big Mac in dollari USA costa il doppio in un posto come altrove.

Il cosiddetto  indice Big Mac  è una ragione sufficiente per utilizzare dati adeguati al potere d’acquisto quando si confrontano i dati del PIL.

Il motivo per cui i media occidentali utilizzano le cifre non corrette è puro marketing per mascherare la svalutazione del dollaro americano e farlo sembrare più forte di quello che è.

Grafici

Rappresentazione grafica delle figure – Fonte: VoicefromRussia.

Risultato provvisorio

Tutti i fattori mostrano che i BRICS 10 superano di gran lunga il G7 e sembra incomprensibile che l’Occidente stia semplicemente nascondendo questo fatto.

Uno sguardo sotto la superficie rivela fatti che rafforzano l’impressione delle figure nude.

Valutazione di queste cifre

Produzione di petrolio

I seguenti fatti aggiuntivi dovrebbero essere presi in considerazione quando si valutano i dati sulla produzione di petrolio:

In primo luogo, sebbene gli Stati Uniti siano ancora il più grande produttore di petrolio al mondo, rappresentando circa il 18% della produzione globale, sono anche quelli che consumano più petrolio, con una quota superiore al 20%.

Ciò significa che attualmente gli Stati Uniti non sono nemmeno in grado di coprire i propri consumi.

Questo fatto da solo è un motivo convincente per gli Stati Uniti per fare pressione sull’Arabia Saudita affinché non aderisca ai BRICS.

In secondo luogo, i principali paesi produttori di petrolio dei BRICS hanno una grande influenza o addirittura il controllo sull’OPEC.

Poiché i BRICS controllano quindi anche l’OPEC e quindi controllano il prezzo e la distribuzione di gran parte del petrolio, si può dire che i BRICS abbiano una posizione di monopolio (indiretta).

In terzo luogo, i costi di produzione del petrolio statunitense sono circa 2,5 volte superiori ai costi di produzione del petrolio saudita.

Questi fattori quindi rafforzano ulteriormente la posizione di potere dei BRICS per quanto riguarda il petrolio.

Gas naturale

Per quanto riguarda il gas naturale, va notato che con l’adesione dell’Iran ai BRICS, i due maggiori produttori di gas naturale al mondo sono membri congiunti dei BRICS: Russia e Iran.

Il più grande produttore di gas non-BRICS è il Qatar, che è (ancora) alleato degli Stati Uniti. I BRICS sono quindi un vero e proprio centro di potere anche per quanto riguarda il gas naturale.

Oro

Per quanto riguarda l’oro, va brevemente ricordato che Cina e Russia sono rispettivamente il numero 1 e 2 nella produzione mondiale di oro.

Cito l’oro qui perché ci sono buone probabilità che prima o poi l’oro giocherà nuovamente un ruolo importante nei futuri sistemi monetari – ne parleremo più avanti.

La Russia deterrà la presidenza dei BRICS nel 2024

Nel corso del 2024 si terranno in Russia oltre 220 conferenze BRICS.

I temi sono diversi: scienza, alta tecnologia, sanità, tutela dell’ambiente, cultura, sport, scambio giovanile e società civile.

Interessanti le dichiarazioni del presidente Putin all’inizio dell’anno in occasione dell’evento di apertura dei BRICS 2024 a Mosca.

Ha menzionato più volte la più stretta collaborazione tra i membri sulle questioni di sicurezza.

Sembra quindi che i BRICS non si concentreranno solo sugli aspetti economici, ma anche su quelli legati alla sicurezza.

L’apparente coordinamento degli Stati BRICS in relazione al conflitto in Medio Oriente presso l’ONU a New York indica chiaramente una stretta collaborazione su questioni non economiche.

Diverse fonti non ufficiali riferiscono che la SCO (Shanghai Cooperazione Organizzazione) si sta avvicinando ai BRICS e potrebbe addirittura fondersi con essi.

Oltre a Cina, India, Kazakistan, Kirghizistan, Pakistan, Russia, Tagikistan e Uzbekistan, dal luglio 2023 anche l’Iran è membro della SCO.

Ciò è estremamente importante a causa delle crescenti tensioni geopolitiche e dei due grandi conflitti in Ucraina e Medio Oriente.

Se queste due organizzazioni dovessero fondersi, ci sarebbe un nuovo contrappeso alla NATO.

Gli esperti definiscono già sempre più la NATO come un mero club di chiacchiere, soprattutto a causa della sua performance nel conflitto in Ucraina, che non è stata un successo.

Di conseguenza, la NATO ha quasi perso il suo potenziale minaccioso.

Se la fusione BRICS-SCO diventasse realtà, la NATO finirebbe per degenerare in un guscio vuoto.

Domande formali di ammissione – BRICS+

Candidati

Hanno presentato formalmente domanda di adesione Algeria, Bahrein, Bangladesh, Bolivia, Kazakistan, Cuba, Kuwait, Nigeria, Pakistan, Palestina, Senegal, Tailandia, Venezuela, Vietnam e Bielorussia.

Verde: BRICS 10 (verde chiaro Arabia Saudita) – Giallo: domande di adesione formali

Figure

Grafici

Valutazione

Va notato in questo elenco che probabilmente non tutti i candidati formali saranno ammessi nel 2024.

Questa illustrazione mostra il massimo e l’ampio interesse formale per questa organizzazione.

Le domande di ammissione provenienti da alcuni Paesi nascondono un grande potenziale di conflitto con gli USA.

A mio parere, il maggior potenziale di conflitto dal punto di vista americano è la possibile adesione di Messico, Cuba e Venezuela.

L’adesione del Messico sarebbe stata vista dagli Stati Uniti allo stesso modo dello stazionamento sovietico di missili nucleari a Cuba nel 1962 – “nemico alle porte degli Stati Uniti”.

Questo è probabilmente anche il motivo per cui il 3 marzo  è stato riferito  che il Messico non aveva presentato una domanda formale di adesione.

La paura grava sul collo dei messicani e gli Stati Uniti esercitano pressioni sullo sfondo.

In Venezuela, il paese con le maggiori riserve petrolifere del mondo, gli Stati Uniti cercano da anni di rovesciare il presidente Maduro e insediarvi un  burattino .

Lo scorso agosto non è  bastato ottenere l’ammissione  e gli Stati Uniti faranno tutto ciò che è in loro potere per impedire l’adesione di questo colosso petrolifero.

Tuttavia, gli Stati Uniti hanno una mano perdente nei confronti della popolazione venezuelana, poiché stanno imponendo sanzioni al paese assediato per provocarne il collasso e accettando che il popolo venezuelano soffra la  fame .

L’elenco delle domande formali di ammissione potrebbe quindi cambiare notevolmente da qui a ottobre, quando si deciderà chi sarà invitato a Kazan.

Ciò che è certo, però, è che il G7 – soprattutto gli Stati Uniti – sta dedicando enormi energie per rallentare lo sviluppo dei BRICS.

A mio parere, però, questa organizzazione è già troppo potente per essere indebolita dall’Occidente.

I BRICS voltano le spalle al dollaro USA

Il petrodollaro – dollaro USA come valuta di riserva

Il pericolo maggiore di questa comunità sempre più forte è per gli Stati Uniti. Abbiamo discusso molte volte che il vero fondamento della supremazia americana è il petrodollaro e non le forze armate americane.

Per gli Stati Uniti è di vitale importanza che il commercio internazionale, soprattutto quello delle materie prime, si svolga in dollari USA.

Spieghiamo perché.

Il dollaro americano come valuta commerciale globale significa che praticamente tutti i paesi devono tenere dollari americani di riserva per poter saldare le proprie fatture commerciali. Ciò rende il dollaro USA una valuta di riserva.

Tuttavia, le banche centrali non detengono il dollaro USA in contanti, ma in titoli di stato statunitensi per guadagnare interessi.

Ciò rende le banche centrali del mondo i maggiori acquirenti di titoli di stato statunitensi, indipendentemente dal fatto che li ritengano un buon investimento.

Di conseguenza, gli Stati Uniti possono rifinanziare il proprio debito a condizioni che non si basano sulla forza dell’economia americana, ma su questi acquisti sistemici.

Negli anni ’70 il presidente francese Giscard d’Estaing definì giustamente il petrodollaro un “privilegio esorbitante”, poiché porta al rifinanziamento automatico degli Stati Uniti.

Abuso di questo privilegio esorbitante

Tuttavia, gli Stati Uniti abusano di questo privilegio da decenni.

Ogni volta che un paese implementa qualcosa che non piace agli Stati Uniti, viene tagliato fuori dal dollaro statunitense.

Gli Stati Uniti possono attuarlo senza problemi, poiché tutte le transazioni in dollari statunitensi passano attraverso gli Stati Uniti.

Le conseguenze per il paese interessato sono catastrofiche, poiché gli viene effettivamente vietato il commercio delle materie prime.

Furto delle riserve della banca centrale russa

Tuttavia, bloccando le riserve valutarie della banca centrale russa nel marzo 2023, gli Stati Uniti hanno oltrepassato il limite, perché ora l’intero Sud del mondo ha paura di detenere dollari USA, poiché potrebbero subire la stessa sorte.

Sebbene tutti gli esperti giuridici dichiarino che il congelamento è già stato effettuato senza una base giuridica internazionale, l’Occidente sta per fare un ulteriore passo avanti e preparare la confisca.

Questa è la dichiarazione inequivocabile fatta da Janet Yellen il 27 febbraio:

“Credo inoltre che sia necessario e urgente che la nostra coalizione trovi un modo per sbloccare il valore di questi beni immobilizzati per sostenere la continua resistenza dell’Ucraina e la ricostruzione a lungo termine”.

JANET YELLEN ALLA CONFERENZA STAMPA PRIMA DEL G20 DEL 27 FEBBRAIO 2024

 

L’UE guidata da von der Leyen e anche esponenti svizzeri si preparano a mettere in pratica questo raid pianificato e quindi non solo continuano a bloccare questi fondi, ma a rubarli.

La de-dollarizzazione è già qui

Fino al 2022, la Russia ha effettuato l’80% dei suoi scambi commerciali in USD ed EUR, il 50% in dollari USA. Oggi è solo il 13%.

Nello stesso periodo, l’attività commerciale della Russia in rubli e yuan è aumentata dal 3% al 34% per entrambe le valute.

Queste cifre sono chiaramente il risultato delle sanzioni contro la Russia.

Tuttavia, l’obiettivo dichiarato di tutti i paesi BRICS è quello di commerciare tra loro non più in dollari USA, ma nelle rispettive valute locali.

Se si guarda alla dimensione attuale dei BRICS – 36% del PIL globale – ciò preannuncia uno sviluppo tettonico lontano dal dollaro USA; se si aggiungono i richiedenti formali, questa cifra sale al 42% del PIL globale.

Secondo Bloomberg, l’uso del dollaro USA come valuta di riserva sta crollando.

Fonte:  Bloomberg

Conseguenze per gli Stati Uniti

La de-dollarizzazione rappresenta una minaccia esistenziale per gli Stati Uniti, poiché comporterà la perdita di acquirenti di titoli di stato statunitensi e quindi la capacità degli Stati Uniti di rifinanziare il proprio bilancio nazionale fortemente gravato di deficit.

Poiché i titoli di stato americani sono un prodotto come un altro, il cui prezzo è determinato dalla domanda e dall’offerta, un crollo della domanda porta anche ad un crollo del prezzo dei titoli di stato americani.

Poiché il tasso di interesse sulle obbligazioni si sposta in modo inverso rispetto al prezzo, il tasso di interesse sulle obbligazioni e quindi l’inflazione aumenterà.

Il debito negli Stati Uniti sta attualmente accelerando a un ritmo senza precedenti.

Il debito ammonta attualmente a oltre 34mila miliardi di dollari.

Presto ci vorrà solo un mese per accumulare i prossimi trilioni di debiti: un evento apocalittico.

Quando il presidente Reagan era al potere, il debito totale degli Stati Uniti ammontava a meno di mille miliardi.

Ci sono voluti quindi poco meno di 200 anni per accumulare i primi trilioni di debito; presto questo importo di debito diventerà realtà entro un mese.

Uno dei motivi è che già quest’anno gli Stati Uniti dovranno pagare un trilione di dollari (1.000.000.000.000) di interessi sul proprio debito.

Si tratta di più di quanto gli Stati Uniti spendono per l’intera spesa militare, che è di per sé gigantesca, poiché gli Stati Uniti spendono più denaro per le proprie forze armate rispetto ai successivi 13 paesi messi insieme.

Fonte:  Wikipedia

Se la disponibilità all’acquisto dei paesi del Sud del mondo, e in particolare dei paesi BRICS, diminuisce, gli Stati Uniti si troveranno prima o poi in una situazione esistenzialmente pericolosa.

La valuta propria dei BRICS

Valuta di scambio

Si parla molto di una nuova valuta che fungerebbe da strumento di pagamento e finanziamento per i BRICS.

C’erano voci – tra cui  James Rickards  – lo scorso agosto che erano convinte che la moneta unica dei BRICS sarebbe stata creata già nel 2023.

Eravamo scettici su questa tempistica e pensavamo che ci sarebbe voluto più tempo, e avevamo ragione.

Tuttavia, questo non significa che James Rickards avesse torto, era solo un po’ in anticipo.

Abbiamo visto sopra che i paesi BRICS in realtà non utilizzano quasi più il dollaro USA tra di loro, ma utilizzano invece le loro valute locali.

Utilizzo delle valute locali

La conseguenza di ciò è che i membri del BRICS accumulano le valute dei loro partner commerciali nel corso di un anno commerciale se vendono più beni di quanti ne acquistano.

Esempio: Russia e India utilizzano rubli e rupie nei loro scambi commerciali.

Poiché la Russia vende all’India più di quanto l’India vende alla Russia (soprattutto materie prime), alla fine dell’anno i russi si ritrovano con grandi quantità di rupie.

Questo problema si pone regolarmente in tutta la regione BRICS tra i vari membri del commercio bilaterale quando si accumulano deficit o surplus.

Insediamento con oro

Credo che per il momento l’uso bilaterale delle valute nazionali continuerà, ma che il primo passo sarà cercare un meccanismo per bilanciare questi surplus o deficit alla fine di un anno commerciale.

L’oro è una scelta ovvia in questo caso, non l’oro calcolato in dollari statunitensi, rupie o rubli, ma l’oro in unità di peso.

Le differenze commerciali alla fine di un anno o di un mese verrebbero regolate in oro (kg o tonnellate).

Se in questo caso l’oro verrà effettivamente consegnato fisicamente o semplicemente registrato in un registro, dipende dalla fiducia tra le parti.

Presumo anche che in tal caso verrebbero aperti depositi di oro in varie località della regione BRICS, dove i paesi membri immagazzinerebbero il loro oro e le loro partecipazioni verrebbero confermate da una società di revisione dei BRICS.

Un’ultima questione sarebbe quindi quella di determinare il tasso di cambio delle valute locali. Questo sembra essere uno dei principali punti critici finora.

Indicazioni che la tendenza è verso l’oro

La prova arriva sempre dai fatti. Il mondo produce circa 3.000 tonnellate di oro all’anno.

Secondo il World Gold Council, le banche centrali sono acquirenti netti di oro dal 2010 e la tendenza degli acquisti di oro è aumentata costantemente negli ultimi anni.

I cinesi hanno acquistato la maggior parte dell’oro (225 tonnellate).

Si consiglia cautela per quanto riguarda le riserve auree riportate ufficialmente.

È molto possibile – e secondo me probabile – che le riserve auree di Cina e Russia siano molto più grandi di quanto riportato ufficialmente.

È chiaro che le banche centrali stanno acquistando più oro di quanto non abbiano fatto dagli anni ’60.

Ciò indica che non si stanno solo armando contro l’inflazione, ma anche per la liquidazione delle materie prime.

Sarà interessante vedere cosa accadrà esattamente quest’anno, ma presumo che al prossimo vertice dei BRICS, che si svolgerà a Kazan in ottobre, verranno fatti annunci che sorprenderanno l’Occidente.

Oltre ai nuovi membri, credo che un sistema di compensazione commerciale come descritto sopra o anche di più sia nell’ambito delle possibilità.

Il futuro dei BRICS: molti nuovi membri

Osservazioni preliminari

Guardando al futuro, i BRICS hanno il potenziale per unire molti paesi del Sud del mondo e eclissare completamente l’Occidente collettivo.

Abbiamo raccolto i dati dei paesi che sono interessati ad aderire.

Questo vale per il futuro, ma in tempi di tensioni geopolitiche e conflitti militari, la storia ci insegna che molto può accadere in breve tempo, soprattutto dopo decenni, senza grandi cambiamenti.

Per questo motivo, di seguito forniamo semplicemente un quadro e non facciamo alcuna previsione riguardo alla tempistica, ma lasciamo che le cifre parlino da sole e ci asteniamo dal commentare in questa fase.

Carta geografica

Verde: BRICS 10 – Giallo: richieste formali di adesione – Blu: paesi che mostrano interesse

Numeri

Grafici

Conclusione

Dopo che i BRICS sono diventati BRICS-10 lo scorso agosto raddoppiando il numero dei loro membri e superando di gran lunga il precedente colosso economico G7, l’anno in corso è destinato a continuare a passi da gigante.

Il divario con il G7 si allargherà sicuramente ulteriormente al vertice dei BRICS a Kazan.

Non è ancora chiaro quale dei candidati formali sarà effettivamente invitato e diventerà quindi un nuovo membro il 1° gennaio 2025.

Secondo me, però, una cosa è già un dato di fatto: con la de-dollarizzazione finirà l’egemonia degli Stati Uniti.

La combinazione di debiti astronomici, nuovi prestiti dilaganti e il fatto che sempre più paesi del Sud del mondo si stanno allontanando dal dollaro USA sta accelerando la fine dell’egemone salito al trono nel 1945 e sta sempre più danneggiandosi con la sua politica aggressiva. geopolitica.

Nessuna potenza mondiale se n’è mai andata volontariamente e pacificamente.

L’atteggiamento aggressivo degli Stati Uniti nei confronti della Russia e della Cina e la loro adesione all’alleanza con Israele sono di fatto la prova del comportamento aggressivo dell’egemone malato.

Questo atteggiamento potrebbe portare ad una guerra tra Russia e NATO in Ucraina, dove è ancora in corso un conflitto locale, tanto più che gli americani sono stati finora sul punto di incitare Francia, Gran Bretagna e Germania a dichiarare guerra ai impero gigantesco.

In Medio Oriente l’atteggiamento è decisamente perverso.

Per non alienarsi le lobby ebraiche statunitensi, che tradizionalmente hanno una grande influenza sulle elezioni presidenziali, gli Stati Uniti appoggiano un genocidio che è stato chiaramente designato come tale dalla  Corte internazionale di giustizia .

Oltre alle considerazioni puramente elettorali negli USA, gli USA sostengono anche Israele per non perdere la sua ultima base di potere in Medio Oriente.

Questi due fini ovviamente giustificano i mezzi – e il mezzo è il genocidio.

L’attacco israeliano contro Hezbollah in Libano è già iniziato e quindi ci sono sempre meno ostacoli verso un Medio Oriente in fiamme.

Infine, stanno anche cercando di provocare un conflitto su Taiwan – un conflitto che sarebbe combattuto tra cinesi e sarebbe quindi una guerra civile.

L’intenzione della Cina di raggiungere un accordo diplomatico con Taiwan nei prossimi 20-30 anni – questo era il piano – è in pericolo a causa dell’atteggiamento aggressivo di Washington.

Purtroppo il comportamento degli Stati Uniti è tipico: il crollo è predeterminato, i fatti e le cifre riportati in questo articolo lo dimostrano.

Non è ancora possibile prevedere se i fuochi covanti che già divampano nella società americana porteranno ad un cambiamento e se saranno aggressivi o più equilibrati.

Dovremo aspettare le elezioni presidenziali negli USA, ma da qui a novembre molto può ancora succedere.

Per un geopolitico il mondo difficilmente potrebbe essere più entusiasmante, ma per l’umanità un po’ meno di tensione e pressione sarebbe una benedizione.

Dopotutto, le persone sotto pressione, soprattutto i politici, hanno la tendenza a commettere grossi errori.

Fonte: https://voicefromrussia.ch/en/mandatory-reading-brics-the-project-of-the-century/
Scritto da Peter Hanseler
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?