Pfizer e una corruzione troppo profonda per essere risolta

Corruzione: i vecchi film e quelli nuovi spesso affrontano questo tema.

Per generazioni, gli spettatori si sono divertiti a scoprire i dettagli di una banda di persone che non tramano nulla di buono, finanziariamente e in altro modo.

È sempre uno shock vedere il modo in cui gli addetti ai lavori si trattano a vicenda in modo così brutale e come mentono, imbrogliano e rubano per ottenere ciò che vogliono.

È particolarmente soddisfacente quando alla fine vengono scoperti.

Innumerevoli film ai vecchi tempi seguivano questa trama di base.

Uno dei miei preferiti è il classico americano “On the Waterfront” (1954) con Marlon Brando, Eva Marie Saint e Karl Malden.

È la storia di una dura banda di delinquenti che ha preso il controllo del sindacato di uno scaricatore di porto.

Saccheggiano i lavoratori per le quote e subordinano gli stipendi alla lealtà.

Per anni, a tutti nel sindacato è stato detto di essere sordomuti, senza mai dire una parola alle autorità per paura di risultati negativi.

Man mano che la corruzione peggiora, le tattiche di applicazione della legge diventano più violente.

Il New Jersey dà il via a una commissione anticrimine per esaminare il problema concentrandosi su un omicidio.

Un prete locale ha un ruolo nel convincere un lavoratore che è in stretto contatto con la banda a denunciare i cattivi.

Alla fine va tutto bene, anche se Brando viene picchiato duramente.

I cattivi vengono rovesciati e i lavoratori riacquistano il loro sindacato.

Il film riflette brillantemente la cultura dell’epoca: sì, ci sono imperfezioni, ma stiamo facendo grandi progressi per sradicare il male e sostituirlo con il bene, grazie alla leadership morale e al coraggio.

Ma notate come la trama dipenda assolutamente dall’esistenza di un potere superiore non corrotto.

Nei vecchi film è quasi sempre così.

Una volta che le autorità scoprono che sta succedendo qualcosa di brutto, si danno da fare per ripulirlo.

Il loro successo si basa sulla tenacia etica di un insider disposto a difendere ciò che è giusto.

Per rendere operativo questo coraggio, sono necessari mezzi di riparazione che non siano parte del problema.

È tutto fantastico, ma ai nostri tempi abbiamo un problema diverso.

I poteri superiori da cui dipendiamo per ottenere un risarcimento sono essi stessi parte della questione.

Questo mi è venuto davvero in mente ultimamente con l’udienza della Corte Suprema per Murthy v. Missouri, che ha documentato come dozzine di agenzie federali abbiano lavorato con società di social media, direttamente e indirettamente, per censurare la libertà di parola.

Sembra un caso banale.

Ma in base alle argomentazioni orali, un terzo dei giudici non è riuscito a vedere il problema.

Un terzo era confuso.

L’ultimo terzo ha capito che questo era un problema per il Primo Emendamento.

Questo è un resoconto allarmante ma realistico di dove siamo oggi negli Stati Uniti: divisi per terzi in chiari, confusi e corrotti.

In altre parole, non possiamo più contare sui massimi poteri e sulle istituzioni più autorevoli per salvarci dal male.

Citiamo un esempio sorprendente della scorsa settimana che avrebbe dovuto essere una notizia da prima pagina ma che era del tutto invisibile ai media legacy (parlando della corruzione ai vertici).

Il caso riguarda il farmaco COVID Paxlovid.

È stato approvato come “uso di emergenza” nel dicembre 2021 e strombazzato da Fauci, dal presidente Biden e dal resto della solita folla.

Hanno detto che era efficace al 90%!

La Casa Bianca ha autorizzato il pagamento di 11 miliardi di dollari e più, e ha inviato un intero esercito di esperti dei media per promuovere questa cosa.

La Casa Bianca poteva affermare che era gratuito, se avevi un’assicurazione, ma anche quella sarebbe durata solo per un certo periodo.

Alla fine, il consumatore dovette pagare e il prezzo ammontava a quasi 1.500 dollari per 20 pillole.

In molti luoghi, l’intera professione medica insisteva sul fatto che questo era il modo di trattare il COVID, anche se l’ivermectina e l’idrossiclorochina erano vietate o impossibili da ottenere.

Paxlovid è stato accolto con tutti i soliti osanna da parte dell’azienda farmaceutica, ripresi dai grandi media.

Il farmaco è efficace all’89%, continuavano a dire.

I governi di Canada, Stati Uniti e Regno Unito hanno festeggiato e inondato Pfizer con molteplici donazioni di miliardi di dollari.

Ma fin dall’inizio sembra che ci siano state molte segnalazioni di rimbalzi.

Il farmaco ridurrebbe i sintomi per qualche giorno fino al punto di generare un test negativo ma poi il Covid si ripresenterebbe.

Ciò è accaduto abbastanza spesso da far sì che gli scettici farmaceutici diventassero profondamente sospettosi, soprattutto a causa di una serie così lunga di fallimenti brevettati in questo ambito.

Il signor Biden, ad esempio, sembra aver contratto il COVID quattro volte dopo essere stato trattato ripetutamente con Paxlovid.

Lo stesso vale per la moglie di Biden.

Lo stesso è successo con lo stesso Fauci.

Quasi tutte le persone di spicco hanno riferito qualcosa di simile.

Ma ciò non ha fermato la corsa del farmaco, con l’intero settore medico che gli si è radunato attorno.

Pillola per il trattamento del COVID-19 Paxlovid in una scatola all’ospedale Misericordia di Grosseto, Italia, l’8 febbraio 2022. (Jennifer Lorenzini/Reuters)

Fin dall’inizio, The Epoch Times ne ha parlato con scetticismo, essendo l’unico canale mediatico a farlo.

Sono emersi sempre più dubbi, non negli ambienti ufficiali ma online nei media alternativi.

Ora arriviamo al kicker.

La stessa Pfizer ha finalmente pubblicato il suo studio randomizzato e controllato con placebo su diverse centinaia di individui con la variante Delta, che sarebbe avvenuto due anni e mezzo fa.

Il titolo dei risultati pubblicati sul New England Journal of Medicine: “ Nirmatrelvir per pazienti ambulatoriali adulti vaccinati o non vaccinati con Covid-19 ”.

Notare l’assenza della parola Paxlovid, che rende ancora più difficile la sua ricerca per le persone normali.

Nirmatrelvir è il nome clinico.

E la conclusione: “Nirmatrelvir-ritonavir non è stato associato a un tempo significativamente più breve per l’attenuazione prolungata dei sintomi di Covid-19 rispetto al placebo, e l’utilità di nirmatrelvir-ritonavir in pazienti che non sono ad alto rischio di grave Covid-19 non è stata dimostrata”.

In altre parole: questo farmaco non funziona.

Affatto.

Non è meglio di niente.

Non è utile.

Innumerevoli miliardi dopo e questo è ciò che abbiamo, una cosa completamente inutile.

Nella migliore delle ipotesi.

Infatti, se la stessa Pfizer ammette che il proprio farmaco è inutile, viene da chiedersi quale sia la brutta notizia!

Il farmaco non è stato affatto un punto di svolta.

È stato un enorme spreco di denaro.

Tutta questa faccenda mi stupisce, anche adesso, anche dopo tutto quello che sappiamo dell’industria, del suo rapporto con il governo, del modo in cui i media accettano tutte queste sciocchezze, del modo in cui tutti gli alti funzionari accettano il racket.

Questo per me è per certi versi uno scandalo tanto quanto il vaccino.

Noterai che non hai visto questo riportato in nessun media mainstream, anche se appare nelle principali riviste di medicina negli Stati Uniti.

Questo perché i media mainstream sono interamente al soldo del settore farmaceutico.

La cospirazione è allo scoperto e tutti i canali ufficiali sono implicati.

Sembra che non vi sia alcuna responsabilità o appello.

Non c’è da stupirsi che RFK Jr. chieda che vengano effettuate indagini sul racket contro l’intero settore e i suoi partner industriali.

Questa è una rapina aggressiva e una frode.

Pochissime persone sanno che se ne preoccupa perché non vengono loro raccontati i fatti brutali del caso.

Ci si chiede anche come sia possibile che la Pfizer abbia trattenuto questo studio per due anni prima di pubblicarlo.

Perché Pfizer dovrebbe scegliere proprio ora di annunciare che il suo farmaco miracoloso è in realtà inutile?

La mia teoria è che i registri contabili mostrano che il periodo di alta redditività del farmaco è giunto al termine.

Non ci sono più profitti ad alto margine ad esso associati.

Potrebbe anche mandarlo in pensione.

Con i media legacy complici, non ha nulla in faccia.

Può semplicemente considerare la sua spinta selvaggia al Paxlovid come redditizia e fatta, come una birra stagionale o un latte speziato alla zucca.

Essenzialmente non vi è alcun aspetto negativo nel passare ad altri prodotti nel suo arsenale.

Ma pensate a cosa questo significa per questa azienda e per il sistema che la tutela.

Cosa dice questo sul vaccino?

Cosa significa per l’intera rete di protezione, dai regolatori alle riviste fino ai media?

Sono tutti coinvolti nel gioco.

E quanto è profondo e ampio questo gioco?

Ciò che abbiamo in atto qui è una forma di capitalismo vampirico, un’intera industria che ha colonizzato la nostra salute e i nostri corpi nell’interesse dell’estrazione di ricchezza anche se i suoi prodotti non funzionano e in realtà ci fanno più ammalare, offrendo maggiori opportunità di innovare prodotti che fare più o meno la stessa cosa.

E’ ora che questo sistema finisca, ma dov’è la commissione anticrimine per indagare e fermarlo?

Non esiste.

Questo è il grande dilemma del nostro tempo.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/opinion/pfizer-and-a-corruption-too-deep-to-fix-5624319?utm_source=partner&utm_campaign=ZeroHedge
Scritto da Jeffrey Tucker tramite The Epoch Times
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2024/02/22/biden-ha-fatto-censurare-le-info-sul-vaccino-covid-19/

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?