Biden: ha fatto censurare le info sul vaccino Covid-19?

RFK Jr. ottiene una grande vittoria nella causa che accusa l’amministratore di Biden di censurare le informazioni sul vaccino COVID

Il candidato presidenziale Robert F. Kennedy Jr. ha ottenuto una vittoria nella sua battaglia legale contro la presunta censura da parte del governo delle dichiarazioni rilasciate sui social media che erano critiche nei confronti dei vaccini COVID-19.

Robert F. Kennedy Jr. partecipa alla premiere della dodicesima stagione di “Curb Your Enthusiasm” della HBO alla Director’s Guild Of America di Los Angeles il 30 gennaio 2024. (Frazer Harrison/Getty Images)

Un tribunale federale ha concesso un’ingiunzione preliminare contro la Casa Bianca e altri imputati federali in una causa intentata da Kennedy Jr. che accusa l’amministrazione Biden di orchestrare una campagna per fare pressione sulle piattaforme di social media per censurare le critiche ai vaccini.

Il giudice Terry A. Doughty della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale della Louisiana ha emesso la sentenza il 14 febbraio, affermando che il signor Kennedy Jr. ha dimostrato una forte probabilità di successo nel dimostrare la violazione da parte del governo del suo diritto alla libertà di parola.

L’ingiunzione impedisce agli imputati – tra cui la Casa Bianca, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e l’FBI – di intraprendere qualsiasi azione per costringere le società di social media a rimuovere o sopprimere contenuti contenenti libertà di parola protetta.

L’ingiunzione resta tuttavia in sospeso per il momento, poiché il procedimento nella causa del signor Kennedy Jr. è stato consolidato con il caso Missouri v. Biden, pendente davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Il congelamento resterà in vigore per 10 giorni dopo la sentenza della Corte Suprema nel caso Missouri contro Biden, che si basa sulle stesse prove.

Gli imputati, in precedenti dichiarazioni pubbliche, hanno negato di essersi appoggiati illegalmente alle società di social media per soffocare la libertà di parola protetta.

Piuttosto, hanno affermato di aver sempre e solo segnalato contenuti discutibili, ad esempio quelli che ritenevano fossero “disinformazione” e “disinformazione” e che violassero i termini di utilizzo delle società.

“Minacce distruttive e coercitive”

Il signor Kennedy Jr., insieme ai querelanti Children’s Health Defense e Connie Sampognaro, un professionista sanitario che afferma di essere stato danneggiato dalla campagna di censura del governo, hanno affermato nella loro denuncia collettiva che l’amministrazione Biden ha violato il loro diritto alla libertà di parola.

Accusano il presidente Joe Biden e altri imputati federali di usare sistematicamente e ripetutamente “minacce distruttive e coercitive” per costringere le piattaforme di social media a censurare i discorsi protetti.

L’amministrazione Biden è anche accusata di entrare in “partnership collusive” con le società di social media e di collaborare con loro per censurare l’espressione protetta costituzionalmente.

Il signor Kennedy ha sostenuto che gli imputati lo hanno danneggiato censurandolo sui social media – in alcuni casi deplatformandolo completamente – e impedendogli così di raccogliere notizie relative ai vaccini e di trasmetterle alle sue centinaia di migliaia di follower.

Anche Children’s Health Defense ha sostenuto la stessa argomentazione ma, in aggiunta, sostiene che i suoi numerosi membri sono stati privati ​​di informazioni e idee sulla sicurezza e l’efficacia dei trattamenti alternativi per il COVID-19.

La signora Sampognaro ha affermato che le azioni dell’amministrazione Biden l’hanno danneggiata come sostenitrice della politica sanitaria privandola di informazioni complete e accurate sul COVID-19 e sui possibili trattamenti.

La denuncia chiedeva inoltre alla corte di certificare il caso come un’azione collettiva per coprire tutte le persone che hanno consumato notizie relative al COVID-19 o alle elezioni statunitensi su Facebook, Twitter o YouTube, in qualsiasi momento da gennaio 2020 ad oggi, e quindi chi avrebbe sono stati danneggiati dalla censura governativa dei fatti correlati.

“Volontà di costringere”

La causa ha individuato molti degli “innumerevoli esempi” della presunta campagna di censura dell’amministrazione Biden.

Una è stata la soppressione della storia del laptop di Hunter Biden sui social media prima delle elezioni presidenziali del 2020, con la denuncia che lo definisce “un atto di censura che ha privato gli americani di informazioni di altissimo interesse pubblico” e che “potrebbe persino aver cambiato l’esito di quelle elezioni”.

I sondaggi hanno indicato che molti elettori avrebbero scelto un candidato diverso se fossero stati a conoscenza del contenuto del portatile, che includeva informazioni che suggerivano che il presidente Biden fosse coinvolto negli affari d’affari all’estero di suo figlio, contrariamente alle sue ripetute smentite.

Un’altra è stata la soppressione delle segnalazioni o dell’espressione di opinioni secondo cui il COVID-19 avrebbe avuto origine in un laboratorio del regime cinese a Wuhan.

Lavoratori accanto a una gabbia con topi (a destra) all’interno del laboratorio P4 a Wuhan, capitale della provincia cinese di Hubei, il 23 febbraio 2017. (Johannes Eisele/AFP tramite Getty Images)

Il terzo esempio è stata la soppressione online di fatti e opinioni sui vaccini contro il Covid-19 “che potrebbero portare le persone a diventare ‘titubanti’ riguardo alle prescrizioni sui vaccini contro il Covid, privando ancora una volta gli americani di informazioni e opinioni su questioni della massima importanza pubblica”.

Nella sua ordinanza, il giudice Doughty ha ritenuto che il signor Kennedy e gli altri querelanti probabilmente avranno successo in base al fatto che gli imputati hanno colluso per influenzare le azioni delle società private di social media “insinuandosi” negli affari privati ​​delle società di social media. e rendendo confuso il confine tra azione pubblica e privata”.

Si è inoltre schierato con la denuncia nel determinare che le azioni dell’amministrazione Biden rappresentavano un “rischio sostanziale di danno” per il signor Kennedy e gli altri querelanti.

“Ed è certamente probabile che gli imputati potrebbero usare il loro potere su milioni di persone per sopprimere opinioni alternative o contenuti moderati con cui non sono d’accordo nelle prossime elezioni nazionali del 2024”, ha scritto il giudice Doughty.

Ha affermato che Kennedy ha dimostrato che l’amministrazione Biden ha mostrato “disponibilità a costringere” o almeno a incoraggiare in modo significativo le società di social media a sopprimere la libertà di parola riguardo ai vaccini COVID-19, alle elezioni nazionali, ai prezzi del gas, al cambiamento climatico, genere e aborto.

Nel luglio 2023, il giudice Doughty ha anche concesso un’ingiunzione nel caso Missouri v. Biden, che ora è pendente davanti alla Corte Suprema.

Secondo i documenti pubblicati nel 2022, più di 50 funzionari dell’amministrazione Biden in una dozzina di agenzie sono stati coinvolti negli sforzi per fare pressione sulle grandi aziende tecnologiche affinché censurassero la presunta disinformazione.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/us/federal-judge-hands-rfk-jr-a-win-in-lawsuit-accusing-biden-admin-of-censoring-covid-19-vaccine-info-5588172
Scritto da Tom Ozimek tramite The Epoch Times
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2023/01/29/joe-biden-da-che-parte-sta/
https://ita.li.it/2022/12/03/covid-qual-e-la-verita/

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?