Salute mentale

È un dato certo il fatto che la “supposta” pandemia (che in realtà dovrebbe chiamarsi psico-pandemia) abbia avuto un impatto negativo anche sulla mente.

Forse anche tu, che stai leggendo questo articolo, hai avuto modo di notare un abbassamento delle capacità mentali, e quindi comportamentali, di qualche persona che conosci.

L’analisi compiuta in questo articolo ne spiega le ragioni.

Lo stato mentale del mondo nel 2023

Una prospettiva sulle popolazioni abilitate a Internet

Una pubblicazione del Global Mind Project

Caro lettore,

Questo è il nostro quarto rapporto annuale sullo stato mentale del mondo, fornisce una prospettiva sulla popolazione globale abilitata a Internet.

Quest’anno l’attenzione è focalizzata su una tendenza chiave: il drammatico declino del benessere mentale verificatosi tra il 2019 e il 2020 e continuato nel 2021 durante la pandemia di COVID-19, continua a persistere senza alcun segno di ripresa.

L’aspettativa potrebbe essere stata che, una volta allentati i lockdown e attenuata la minaccia del COVID-19, la nostra salute mentale collettiva avrebbe iniziato una ripresa verso i livelli pre-pandemia.

Tuttavia, i dati di 64 paesi sostengono il contrario: gli effetti della diminuzione del benessere mentale globale sono diventati una nuova normalità.

In effetti, molti dei cambiamenti provocati dalla pandemia persistono, dall’aumento del lavoro a distanza al maggiore utilizzo della plastica monouso, e potrebbero tutti avere un effetto collaterale che deve essere studiato e compreso.

Due risultati chiave pubblicati su Rapid Reports nel 2023 mostrano che l’età più giovane in cui si possiede il primo smartphone e il consumo di alimenti ultra-processati sono due dei principali fattori che contribuiscono alle nostre sfide di salute mentale.

Nei paesi più ricchi, l’età in cui si possiede il primo smartphone è molto più bassa e il consumo di alimenti ultra-processati è molto più elevato.

Altri fattori che contribuiscono sono i rapporti familiari relativamente ridotti nei paesi più ricchi, evidenziati nel nostro rapporto annuale 2022 .

Tara Thiagarajan, dottore di ricerca. Fondatore e scienziato capo
Jennifer Newson, dottore di ricerca. Scienziato capo, salute cognitiva e mentale

Sintesi

Questo rapporto sullo stato mentale del mondo è il rapporto annuale del Global Mind Project e fornisce tendenze e approfondimenti sul benessere mentale delle popolazioni abilitate a Internet in tutto il mondo.

Nel 2023, abbiamo raccolto dati da oltre 500.000 intervistati in 13 lingue in 71 paesi distribuiti in 9 regioni.

I dati vengono raccolti utilizzando la valutazione MHQ, un sondaggio online completo sulle capacità cognitive ed emotive che fornisce una metrica complessiva del benessere mentale (il punteggio MHQ) nonché viste multidimensionali relative alla capacità di affrontare i normali stress della vita e funzionare in modo produttivo.

Le informazioni chiave di quest’anno sono le seguenti:

  • Il benessere mentale è rimasto ai minimi post-pandemia, senza alcun segno di movimento verso i livelli pre-pandemia. 
    • Nel 2023, sia a livello globale che a livello dei singoli paesi, i punteggi MHQ sono rimasti sostanzialmente invariati rispetto al 2021 e al 2022, dopo un forte calo durante gli anni della pandemia.
    • Ciò solleva importanti domande sull’impatto duraturo della pandemia e su come i cambiamenti nel modo in cui viviamo e lavoriamo e l’amplificazione delle abitudini esistenti (ad esempio lavoro a distanza, comunicazione online, consumo di alimenti ultraprocessati, uso di plastica monouso) ci hanno spinto cumulativamente in uno spazio di benessere mentale più povero.
  • Le generazioni più giovani, in particolare quelle sotto i 35 anni, hanno visto i cali più marcati del benessere mentale durante la pandemia di Covid-19, mentre quelli sopra i 65 anni sono rimasti stabili. 
    • Con questi cali persistenti in tutte le fasce d’età, la pandemia ha amplificato una tendenza preesistente di peggioramento del benessere mentale per le generazioni più giovani, che ora è visibile in tutto il mondo.
  • Come negli anni precedenti , diversi paesi africani e dell’America Latina sono in cima alla classifica, mentre i paesi più ricchi dell’anglosfera centrale come il Regno Unito e l’Australia sono in fondo alla classifica. 
    • Questo modello suggerisce che una maggiore ricchezza e sviluppo economico non portano necessariamente a un maggiore benessere mentale.
    • Nel 2023, i dati del Global Mind Project hanno identificato i fattori chiave che spiegano questi modelli, come l’acquisto di uno smartphone in giovane età, il consumo frequente di cibo ultra-processato e lo sfilacciamento delle amicizie e dei rapporti familiari, che sono tipicamente più diffusi in Internet. popolazioni abilitate dei paesi più ricchi.

Nel complesso, gli approfondimenti contenuti in questo rapporto dipingono un quadro preoccupante delle nostre prospettive post-pandemia e abbiamo urgentemente bisogno di comprendere meglio i fattori che determinano il nostro benessere mentale collettivo in modo da poter allineare le nostre ambizioni e obiettivi con la genuina prosperità degli esseri umani.

Scarica il Rapporto (PDF)

Visualizza le tabelle dei dati

Visualizza la Galleria dati

Il nostro Benessere Mentale Collettivo nel 2023

Questo progetto Global Mind è in linea con la definizione di benessere mentale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che in generale è la capacità di un individuo di gestire lo stress e le avversità normali della vita e di contribuire in modo produttivo alla società.

Il progetto quindi non fornisce informazioni sulle visioni tradizionali della felicità o della soddisfazione della vita, ma piuttosto fornisce una prospettiva più completa ed economicamente rilevante attraverso l’ampiezza delle capacità emotive, sociali e cognitive.

A tal fine, il progetto utilizza il Quoziente di Salute Mentale, o MHQ, che cattura le percezioni di 47 aspetti della capacità e del funzionamento mentale su una scala di impatto sulla vita.

Il MHQ (Quoziente di Salute Mentale)

La valutazione MHQ viene offerta come sondaggio anonimo online che richiede circa 15 minuti per essere completato e fornisce agli intervistati un rapporto completo con consigli personalizzati sulla cura di sé e sulla ricerca di aiuto via e-mail.

Se vuoi analizzare in modo totalmente anonimo il tuo stato di benessere mentale clicca qui o vai su https://sapienlabs.org/mhq-it/

L’analisi fornisce un punteggio (il MHQ) che posiziona gli individui in uno spettro che va da Depresso a Prosperante.

È stato dimostrato che questo punteggio è correlato sistematicamente alla produttività nel lavoro e nella vita, nonché al carico clinico.

L’MHQ è una metrica funzionalmente rilevante che può aiutare a fornire informazioni sia sul benessere mentale che sulla capacità funzionale delle popolazioni.

Vengono inoltre calcolati punteggi a sei dimensioni di umore e prospettive, sé sociale, impulso e motivazione, adattabilità e resilienza, cognizione e connessione mente-corpo utilizzando sottoinsiemi dei 47 elementi valutati per fornire una visione più granulare.

Cosa c’è in questo rapporto

In questo rapporto evidenziamo le tendenze del benessere mentale nel tempo, nonché il relativo benessere mentale di 71 paesi.

L’analisi descrittiva contenuta in questo rapporto rappresenta la punta dell’iceberg. 

I dati del Global Mind Project sono liberamente disponibili per la ricerca accademica e speriamo che siano utili per i ricercatori interessati a comprendere le relazioni tra il cambiamento delle tendenze ambientali e socioculturali e i risultati mentali.

1. Tendenze globali nel benessere mentale: 2019-2023

Il punteggio MHQ medio nei 71 paesi misurati nel 2023 è stato di 65 sulla scala MHQ a 300 punti, con il 27% in difficoltà o in difficoltà e il 38% con successo o prosperità.

Di questi 71 paesi, 8 paesi di lingua inglese sono stati monitorati dal 2019 con altri 32 paesi monitorati dal 2021 e 64 dal 2022.

Negli 8 paesi di lingua inglese, il MHQ medio è diminuito dell’8% (24 punti MHQ) tra il 2019 e il 2020, in concomitanza con l’inizio e la diffusione globale della pandemia di Covid-19.

Nel 2021, il MHQ medio per questi paesi è diminuito di un ulteriore 3% (8 punti MHQ).

Dal 2021, il MHQ medio, così come la percentuale di intervistati Depressi o in difficoltà, ha mostrato pochi cambiamenti, indipendentemente dal fatto che guardiamo a questi 8 paesi di lingua inglese originali, ai 32 paesi monitorati dal 2021 o ai 64 paesi monitorati dall’anno scorso.

Ciò suggerisce che, sebbene il declino del benessere mentale osservato durante la pandemia di Covid-19 sia stato arrestato, da allora non vi è stato alcun recupero ai livelli pre-Covid-19.

2. Tendenze globali tra i gruppi di età

Ora, nel quarto anno del Global Mind Project, la tendenza più importante e persistente che abbiamo visto nei dati e presentata nel nostro rapporto 2022, è la diminuzione dei punteggi MHQ in ciascuna fascia di età più giovane e un corrispondente aumento della percentuale di individui che stanno lottando con importanti problemi di salute mentale.

3. Tendenze del benessere mentale nelle 6 dimensioni

Il Global Mind Project fornisce inoltre indici di varie dimensioni del benessere mentale relativi ad aspetti specifici della funzione mentale.

Questi includono Sé Sociale, Umore e Prospettive, Adattabilità e Resilienza, Spinta e Motivazione, Cognizione e Connessione Mente-Corpo.

Questi indici o punteggi sono costruiti da sottoinsiemi di elementi all’interno del MHQ e sono riportati sulla stessa scala del MHQ.

Dimensioni MHQ

In tutte le dimensioni, Adattabilità e Resilienza e Spinta e Motivazione hanno ottenuto i punteggi più alti nella maggior parte dei paesi, mentre Umore e Prospettive e Sé Sociale hanno ottenuto i punteggi più bassi.

Sebbene i punteggi aggregati per ciascuna delle 6 dimensioni nei singoli paesi seguissero ampiamente la tendenza dei punteggi complessivi MHQ, si è riscontrata anche una certa eterogeneità nelle classifiche per le singole dimensioni, indicando che i paesi variano nei loro profili di benessere mentale.

Ad esempio, verso la cima della classifica dei paesi, Tanzania e Repubblica Dominicana hanno mostrato punteggi di Sé Sociale più alti , mentre anche Mozambico, Giordania, Yemen e Arabia Saudita hanno mostrato punteggi più alti per questa dimensione rispetto a paesi classificati in modo simile, e Singapore, Ecuador, Moldavia e Belgio hanno ottenuto punteggi più bassi per questa dimensione rispetto ai paesi classificati in modo simile.

Inoltre, Regno Unito, Irlanda e Australia si sono distinti per i punteggi più bassi di Spinta & Motivazione, mentre Bolivia, India, Pakistan e Kazakistan hanno ottenuto punteggi più alti rispetto ai paesi classificati in modo simile.

Allo stesso modo, i punteggi di Adattabilità e Resilienza per Canada, Germania, Irlanda, Australia, Sud Africa e Regno Unito erano inferiori rispetto ai paesi classificati in modo simile.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno ottenuto punteggi di connessione mente-corpo inferiori rispetto ai paesi classificati in modo simile, mentre India, Pakistan e Bolivia hanno mostrato punteggi più alti per questa dimensione.

Approfondimenti e interpretazioni

I dati qui presentati forniscono un barometro del benessere mentale della nostra società globale abilitata a Internet e della sua evoluzione nel tempo.

I giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni hanno visto il calo più marcato: 49 punti MHQ con il 31% in più di Depressi o In Difficoltà, mentre i giovani di età compresa tra i 25 e i 34 anni hanno perso 45 punti MHQ con il 31% in più di Depressi o In Difficoltà.

Al contrario, il benessere mentale delle persone di età pari o superiore a 65 anni è rimasto stabile durante la pandemia.

La mancanza di ripresa in tutte le fasce d’età solleva alcune importanti domande sull’impatto residuo della pandemia.

È forse perché i suoi impatti psicologici, causati in parte dal distanziamento sociale e dall’isolamento, sono permanenti?

Oppure i cambiamenti nel modo in cui viviamo e lavoriamo e l’amplificazione delle abitudini esistenti (ad esempio il lavoro a distanza, la comunicazione online, il consumo di alimenti ultra-processati, l’uso di plastica monouso) ci hanno spinto cumulativamente in uno spazio di povertà mentale?

È importante lavorare per capire perché non c’è ripresa.

Come umanità collettiva, altrimenti rischiamo di normalizzare uno stato di benessere mentale sostanzialmente ridotto che può avere conseguenze disastrose per le prospettive a lungo termine della società.

Spiegare la classifica dei paesi

Il primo dato riguarda l’età in cui un bambino riceve il primo smartphone.

Analizzando un campione di 27.969 intervistati, abbiamo scoperto che per i giovani di oggi tra i 18 e i 24 anni, che rappresentano la prima generazione nata in un mondo di smartphone e social media, più giovani erano quando hanno ricevuto il primo smartphone, peggiore è la loro salute mentale.

Ad esempio, il 74% delle donne intervistate di età compresa tra 18 e 24 anni che hanno ricevuto il loro primo smartphone all’età di 6 anni avevano punteggi MHQ che rientravano nell’intervallo Depresso o In Difficoltà.

Questa percentuale è scesa al 61% per coloro che hanno acquistato il primo smartphone all’età di 10 anni, e al 52% per coloro che hanno acquistato il primo smartphone all’età di 15 anni.

Gli impatti del possesso di uno smartphone in giovane età sono stati particolarmente pronunciati per la dimensione del Sé Sociale e ha causato sintomi come pensieri suicidisensazione di distacco dalla realtà e sentimenti di aggressività verso gli altri.

Nei paesi che generalmente sono in cima alla lista di questo rapporto, e nei paesi meno sviluppati in generale, l’età media in cui i giovani possiedono per la prima volta uno smartphone è in genere più elevata (circa 14/15 in America Latina e 16 nell’Africa subsahariana), mentre è il più basso nell’Anglosfera (11 anni).

L’età in cui i bambini possiedono per la prima volta uno smartphone, e il modo in cui questo apre di conseguenza il loro mondo a Internet e ai social media, sembra quindi essere un fattore chiave nel declino delle tendenze del benessere mentale.

Un secondo dato riguarda il consumo di alimenti ultra-processati.

In questo Rapid Report pubblicato all’inizio di quest’anno, basato su un campione di 292.786 intervistati, abbiamo dimostrato che un consumo più frequente di alimenti ultra-processati si traduce in un benessere mentale sostanzialmente peggiore a tutte le età, con un ampio impatto sui sintomi della depressione e sui problemi emotivi e cognitivi.

Ad esempio, abbiamo scoperto che oltre la metà di coloro che mangiano quotidianamente alimenti ultra-processati sono in difficoltà o hanno difficoltà con il proprio benessere mentale, rispetto a solo il 18% di coloro che consumano raramente o mai alimenti ultra-processati, un aumento di quasi 3 volte.

Analogamente all’epoca in cui si possedevano gli smartphone, i paesi meno sviluppati tendono ad avere un consumo inferiore di alimenti ultra-processati, mentre il 60-70% del consumo alimentare nei paesi dell’anglosfera centrale come gli Stati Uniti e il Regno Unito è costituito da prodotti ultra-processati.

Un terzo fattore discusso nella nostra relazione annuale dello scorso anno è la diminuzione dei legami familiari.

Ad esempio, su un campione di 407.959 intervistati, abbiamo scoperto che il 10% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni non andava d’accordo con nessuno della propria famiglia e preferiva non vederli, rispetto solo al 3% della generazione più anziana.

Allo stesso tempo, il rischio di problemi di salute mentale in età adulta è quattro volte inferiore se si hanno rapporti familiari stretti.

Ancora una volta, sono stati i paesi più ricchi, come quelli dell’Anglosfera centrale, a segnalare il livello più basso di vicinanza a molti membri adulti della famiglia (23%) e le famiglie d’infanzia meno stabili e amorevoli (39%).

Nel complesso ciò suggerisce che una maggiore ricchezza e sviluppo economico non portano necessariamente a un maggiore benessere mentale, ma possono invece portare a modelli di consumo e allo sfilacciamento dei legami sociali che sono dannosi per la nostra capacità di prosperare.

Ciò mette fortemente in guardia dal concentrarsi esclusivamente sui parametri economici come misure del progresso e del benessere umano.

Occorre piuttosto prestare attenzione al modo in cui la ricchezza viene creata e utilizzata per promuovere un percorso di prosperità olistica in linea con il benessere umano.

Comprendere il MHQ (Mental Health Quotient)

Il MHQ è disponibile gratuitamente online, è anonimo e richiede circa 15 minuti per essere completato. È attualmente disponibile in inglese, spagnolo, francese, arabo, hindi, tedesco, portoghese (europeo e brasiliano), swahili, ebraico, russo, cinese (semplificato) e italiano con ulteriori traduzioni previste per il 2024.

Oltre alle 47 domande con punteggio, gli intervistati rispondono a domande relative ai loro dati demografici, alla loro esperienza di vita e al loro stile di vita.

Per incoraggiare risposte ponderate e oneste, gli intervistati ricevono un punteggio MHQ insieme a un feedback personalizzato a video al completamento del MHQ; volendo, possono scegliere di ricevere un rapporto più dettagliato con raccomandazioni per l’azione via e-mail.

Implicazioni funzionali del MHQ

È stato dimostrato che il punteggio MHQ è correlato sistematicamente alla funzione produttiva di un individuo nel lavoro e nella vita.

Ad esempio, abbiamo dimostrato che il numero medio di giorni di lavoro persi nell’ultimo mese diminuisce sistematicamente all’aumentare dei punteggi MHQ.

Cumulativamente, quando si considera la perdita totale di produttività della vita in funzione del punteggio MHQ (tenendo conto sia dei giorni di lavoro persi che dei giorni meno produttivi e ipotizzando una perdita di produttività compresa tra il 20% e il 50% nei giorni meno produttivi), quelli con i punteggi MHQ più bassi (tra -75 e -100) hanno avuto una riduzione complessiva della produttività della vita in media di 18-23 giorni al mese, mentre quelli con i punteggi MHQ più alti non perdevano spesso un giorno di lavoro.

Pertanto, il punteggio MHQ è una buona rappresentazione della perdita comportamentale della funzione e supporta l’uso del MHQ come valutazione della capacità produttiva di una popolazione, indipendentemente da qualsiasi classificazione del disturbo.

Riferimenti

  1. Taylor J, Sukhoi O, Newson J, Thiagarajan T. Rappresentatività dei dati del progetto Global Mind per gli Stati Uniti.Pubblicato online il 22 dicembre 2023. Accesso il 22 dicembre 2023. https://osf.io/p9ur6
  2. Organizzazione Mondiale della Sanità.Rapporto mondiale sulla salute mentale: trasformare la salute mentale per tutti.; 2022.
  3. Newson JJ, Pastukh V, Thiagarajan TC.Valutazione del benessere della popolazione con il quoziente di salute mentale: studio di convalida.JMIR Salute Mentale . 2022;9(4):e34105. doi:10.2196/34105
  4. Newson JJ, Thiagarajan TC.Valutazione del benessere della popolazione con il quoziente di salute mentale (MHQ): studio di sviluppo e usabilità.JMIR Salute Mentale . 2020;7(7):e17935. doi:10.2196/17935
  5. Newson JJ, Sukhoi O, Thiagarajan T. MHQ: Costruzione di una metrica aggregata del benessere mentale.Pubblicato online nel 2023. Accesso il 18 dicembre 2023. https://osf.io/preprints/osf/d47qj
  6. Laboratori Sapiens.Mental State of the World 2022. Pubblicato online a marzo 2022. https://mentalstateoftheworld.report/
  7. Stone AA, Schwartz JE, Broderick JE, Deaton A. Un’istantanea della distribuzione per età del benessere psicologico negli Stati Uniti.Proc Natl Acad Sci USA. 2010;107(22):9985-9990. doi:10.1073/pnas.1003744107
  8. CDC.Sondaggio sui comportamenti a rischio dei giovani: sintesi dei dati e rapporto sulle tendenze.; 2023. https://www.cdc.gov/media/releases/2023/p0213-yrbs.html
  9. Juul F, Parekh N, Martinez-Steele E, Monteiro CA, Chang VW.Consumo di alimenti ultraprocessati tra gli adulti statunitensi dal 2001 al 2018.Am J Clin Nutr . 2022;115(1):211-221. doi:10.1093/ajcn/nqab305
  10. Rauber F, Louzada ML da C, Steele EM, et al.Alimenti ultra-processati e assunzione eccessiva di zucchero libero nel Regno Unito: uno studio trasversale rappresentativo a livello nazionale.BMJ Aperto . 2019;9(10):e027546. doi:10.1136/bmjopen-2018-027546
  11. Newson JJ, Hunter D, Thiagarajan TC.L’eterogeneità della valutazione della salute mentale.Psichiatria del fronte . 2020;11:76. doi:10.3389/fpsyt.2020.00076
  12. Newson JJ, Pastukh V, Thiagarajan TC.Scarsa separazione dei profili dei sintomi clinici in base ai criteri del disturbo DSM-5.Psichiatria del fronte . 2021;12:775762. doi:10.3389/fpsyt.2021.775762
  13. Nazioni Unite.Prospettive sulla popolazione mondiale 2022. Pubblicato nel 2022. https://population.un.org/wpp/default.aspx
  14. Rapporto sui dati.Digitale in tutto il mondo.Pubblicato nel 2023. https://datareportal.com/global-digital-overview

Per concludere voglio citare ciò il poeta romano Decimo Giunio Giovenale che scriveva: “Orandum est ut sit mens sana in corpore sano” ovvero “Preghiamo gli dèi affinché possiamo avere una mente sana in un corpo sano”.

È vero anche il contrario.

Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?