WorldWar: chi prevarrà

Questo articolo è particolarmente analitico, quindi piuttosto lungo. Se preferite ascoltarlo qui sotto ho fatto la traccia audio.

WORLDWAR: Chi prevarrà nella terza guerra mondiale? Esploriamo i 7 campi di battaglia chiave

La guerra totale tra le maggiori potenze attuali – Russia, Cina e Stati Uniti – significa un Armageddon nucleare in cui non ci sono vincitori ma solo perdenti.

Ciò potrebbe ancora accadere nonostante nessuno lo voglia, ma non è il risultato più probabile.

È improbabile che la Terza Guerra Mondiale sia una guerra cinetica diretta tra Stati Uniti, Russia e Cina.

Invece, il conflitto si svolgerà su diversi livelli: guerre per procura, guerre economiche, guerre finanziarie, guerre informatiche, guerre biologiche, sabotaggi negabili e guerre dell’informazione.

In questo senso, la Terza Guerra Mondiale è già ben avviata, anche se la maggior parte non lo riconosce.

Di seguito, esaminerò i sette ambiti in cui si sta svolgendo la Terza Guerra Mondiale e analizzerò quale parte ha un vantaggio.

Dominio n. 1: Guerra finanziaria

La guerra finanziaria si riferisce all’uso di metodi finanziari come strategia per raggiungere obiettivi militari o politici.

Uno strumento comune di guerra finanziaria è l’imposizione di sanzioni o embarghi.

Ciò può comportare il congelamento dei beni, la limitazione del commercio o la limitazione dell’accesso ai sistemi finanziari internazionali.

L’obiettivo è danneggiare l’economia del bersaglio, indebolendo la sua capacità di perseguire determinate politiche o azioni.

Anche l’imposizione di controlli sulla circolazione dei capitali e sugli investimenti può fungere da arma nella guerra finanziaria.

Ciò potrebbe comportare la limitazione degli investimenti esteri in settori specifici o la limitazione della capacità degli investitori stranieri di ritirare i propri fondi.

Prendiamo, ad esempio, le azioni del governo degli Stati Uniti dopo l’invasione russa dell’Ucraina nel 2022.

Il governo degli Stati Uniti ha lanciato la campagna di guerra finanziaria più aggressiva di sempre.

Superando anche l’Iran e la Corea del Nord, la Russia è ora la nazione più sanzionata al mondo.

“Questa è una guerra nucleare finanziaria e il più grande evento sanzionatorio della storia”, ha detto un ex funzionario del Dipartimento del Tesoro.

Ha continuato dicendo: “La Russia è passata dall’essere parte dell’economia globale al principale obiettivo delle sanzioni globali e ad un paria finanziario in meno di due settimane”.

Ecco un breve riassunto di quanto accaduto.

I governi statunitense ed europeo hanno congelato le riserve russe in dollari e in euro – i risparmi accumulati dalla nazione – per un valore di circa 300 miliardi di dollari.

Hanno cacciato le banche russe da SWIFT, il sistema per l’invio di bonifici internazionali.

Una fuga precipitosa di aziende occidentali ha lasciato la Russia e ha vietato ai cittadini russi medi di utilizzare le loro piattaforme.

Il popolare exchange di criptovalute Coinbase ha bloccato oltre 25.000 conti collegati alla Russia.

Visa, MasterCard e American Express hanno rimosso la Russia dalle loro reti.

Questi sono solo alcuni esempi di come la NATO & Friends abbia tagliato fuori la Russia dal sistema finanziario globale dominato dagli Stati Uniti.

Sebbene i paesi BRICS+ stiano cercando di costruire un sistema finanziario internazionale parallelo, questo non è ancora pronto per il debutto.

Nella guerra finanziaria, la NATO & Friends ha oggi un chiaro vantaggio, anche se BRICS+ lo sta erodendo.

Risultato:  vantaggio NATO e amici

Dominio n. 2: Guerra economica

I paesi possono impegnarsi in una guerra economica controllando l’accesso a beni strategici come petrolio, gas, elementi delle terre rare (REE) e alle principali rotte commerciali.

Un paese può esercitare pressione economica sugli altri limitando l’accesso a queste risorse o influenzandone i prezzi.

BRICS+ domina le materie prime strategiche.

Prendiamo ad esempio la Russia.

I politici e i media negli Stati Uniti spesso ridicolizzano la Russia definendola niente più che “una stazione di servizio con armi nucleari”, una rappresentazione fumettistica imprecisa.

La Russia è il più grande esportatore mondiale di gas naturale, legname, grano, fertilizzanti e palladio (un componente cruciale dell’auto).

È il secondo maggiore esportatore di petrolio e alluminio e il terzo maggiore esportatore di nichel e carbone.

La Russia è un importante produttore e trasformatore di uranio per le centrali nucleari.

L’uranio arricchito proveniente dalla Russia e dai suoi alleati fornisce elettricità al 20% delle case negli Stati Uniti.

A parte la Cina, la Russia produce più oro di qualsiasi altro paese, rappresentando oltre il 10% della produzione globale.

Questi sono solo alcuni esempi.

Ci sono molti beni strategici dominati dalla Russia.

In breve, la Russia non è solo una potenza del petrolio e del gas, ma anche una potenza delle materie prime.

Poi ci sono i REE.

Molti non hanno familiarità con le REE, una raccolta di 17 elementi oscuri della tavola periodica, nonostante il loro ruolo indispensabile nella vita moderna.

In breve, l’esercito americano e i consumatori americani dipendono interamente da questi oscuri elementi.

La Cina controlla circa il 60% della produzione di REE e il 95% della lavorazione di REE. Pechino consuma inoltre circa il 67% della fornitura mondiale di terre rare.

Nessuno può sfidare seriamente il monopolio cinese dei REE, poiché può mantenere prezzi più bassi più a lungo di quanto qualsiasi concorrente possa rimanere solvente.

Poi c’è l’Iran, che domina lo Stretto di Hormuz, il corridoio energetico più cruciale del mondo.

Secondo l’Energy Information Administration statunitense, ogni giorno più del 40% delle esportazioni mondiali di petrolio (circa 21 milioni di barili) transita attraverso lo Stretto.

Grazie alla sua geografia dominante e alla sua esperienza nella guerra non convenzionale e asimmetrica, l’Iran può chiudere lo Stretto, e non c’è molto che nessuno possa fare al riguardo.

L’idea è quella di livellare il campo di gioco contro un nemico superiore con sciami di motoscafi suicidi carichi di esplosivo, aerei a bassa quota che trasportano missili antinave, mine navali e missili balistici antinave terrestri, tra l’altro a basso costo e misure altamente efficaci.

Gli analisti ritengono che ci vorranno settimane prima che le forze armate statunitensi riaprano la struttura, ma nessuno sa se ci riusciranno.

Gli strateghi militari conoscono questa situazione da decenni.

Ma nessuno ha trovato un modo realistico per neutralizzare il potere dell’Iran sullo Stretto.

È la carta vincente geopolitica dell’Iran.

Nel Mar Rosso, gli alleati dell’Iran nel movimento Houthi nello Yemen hanno recentemente interrotto la navigazione in questo vitale corridoio economico a tutte le navi israeliane, americane e britanniche.

Mettendo tutto insieme, i BRICS+ sono in vantaggio nella  guerra economica .

Risultato:  vantaggio BRICS+

Dominio n. 3: Guerra informatica

La guerra informatica si riferisce all’uso di attacchi digitali da parte di una nazione per distruggere i sistemi informatici di un’altra, spesso con l’obiettivo di causare danni, interruzioni o paura.

Questi attacchi possono colpire vari settori, tra cui reti governative, sistemi finanziari e servizi di pubblica utilità come la fornitura di elettricità e acqua.

Ad esempio, un attacco informatico riuscito a una rete elettrica potrebbe lasciare milioni di persone senza elettricità o acqua pulita.

Attaccare l’infrastruttura finanziaria di una nazione, come le banche o le borse, attraverso mezzi informatici è un’altra forma di guerra informatica.

Tali attacchi possono compromettere la stabilità economica, creare incertezza e potenzialmente portare a perdite finanziarie significative.

Gli obiettivi della guerra informatica possono variare dal furto di informazioni sensibili, al causare danni economici, all’interruzione dei servizi essenziali o alla creazione di caos e panico tra la popolazione.

La guerra informatica può essere altrettanto dannosa della guerra tradizionale, ma spesso è più economica, meno rischiosa e può essere condotta in modo anonimo e a distanza.

Ciò la rende un’opzione attraente per le nazioni che vogliono causare danni riducendo al minimo il rischio di scontro diretto.

Mi aspetto che la guerra informatica diventi prominente man mano che la Terza Guerra Mondiale si evolve.

NATO & Friends e BRICS+ sono esperti nella guerra informatica.

Tuttavia, non credo che nessuna delle due parti abbia un vantaggio decisivo.

Risultato:  incerto

Dominio n. 4: Guerra dell’informazione

La guerra dell’informazione comprende una serie di tattiche volte a influenzare, interrompere o corrompere il panorama dell’informazione per influenzare il processo decisionale di un avversario, minare la fiducia nelle istituzioni o influenzare l’opinione pubblica.

Mira a influenzare i risultati sia sul campo di battaglia che nell’opinione pubblica.

Questo tipo di guerra sfrutta la diffusione di narrazioni, propaganda e operazioni psicologiche false e fuorvianti per creare confusione, seminare discordia e manipolare le percezioni.

La guerra dell’informazione può influenzare le elezioni, modellare l’opinione pubblica su questioni critiche e persino incitare alla violenza o ai disordini sociali.

L’obiettivo è spesso quello di destabilizzare un avversario dall’interno.

Con la crescente dipendenza dai social media e da altre piattaforme digitali, è probabile che il ruolo della guerra dell’informazione diventi ancora più significativo nel plasmare il panorama sia militare che geopolitico.

Gli Stati Uniti hanno un’enorme influenza sui media mainstream globali, sull’industria dell’intrattenimento e sulle piattaforme Big Tech.

Ciò gli conferisce una portata mondiale diffusa in un modo che Russia e Cina non hanno.

Di conseguenza, NATO & Friends hanno il vantaggio nella guerra dell’informazione.

Risultato:  vantaggio NATO e amici

Dominio n. 5: Sabotaggio negabile

Il sabotaggio si riferisce al danneggiamento, alla distruzione o all’impedimento deliberato di proprietà vitali.

Il sabotaggio negabile è un’azione ostile eseguita in modo tale che l’autore non possa essere identificato in modo definitivo o collegato all’attacco.

L’identità dell’aggressore rimane nascosta o è plausibile negarla.

Ciò significa che, sebbene possano esserci sospetti o addirittura prove circostanziali su chi sia responsabile di un attacco, non esiste alcuna prova concreta.

Di conseguenza, il presunto autore può negare in modo credibile il coinvolgimento.

Gli obiettivi tipici del sabotaggio includono infrastrutture come ponti e ferrovie, sistemi di comunicazione, depositi di rifornimenti, depositi di munizioni e servizi essenziali come i sistemi di approvvigionamento energetico e idrico.

La distruzione del gasdotto russo Nord Stream 2 e il taglio dei cavi in ​​fibra ottica sottomarini attorno alla Norvegia sono probabili esempi di recente sabotaggio negabile.

NATO & Friends e BRICS+ sono abili nel sabotaggio negabile.

Tuttavia, non credo che nessuna delle due parti abbia un vantaggio decisivo.

Risultato:  incerto

Dominio n. 6: Guerra biologica

La guerra biologica è l’uso di tossine biologiche o agenti infettivi come batteri, virus e funghi per rendere inabili o uccidere esseri umani, animali o piante.

Gli agenti patogeni possono diffondersi attraverso l’aria, l’acqua o fonti alimentari e sono spesso difficili da rintracciare.

L’uso delle armi biologiche risale a secoli fa.

Nel medioevo, gli eserciti assedianti catapultavano cadaveri malati oltre le mura della città.

Oggi Stati Uniti, Cina e Russia hanno firmato la Convenzione sulle armi biologiche, che dovrebbe vietare la guerra biologica.

Tuttavia, non mi aspetto che ciò impedirà la guerra biologica mentre la Terza Guerra Mondiale si intensifica.

L’isteria Covid potrebbe essere dovuta a un atto di guerra biologica.

In ogni caso, Stati Uniti, Russia e Cina mantengono tutti programmi robusti e segreti sulle armi biologiche.

Tuttavia non vedo nessuna squadra in vantaggio decisivo.

Risultato:  incerto

Dominio n. 7: Guerra per procura

Le guerre per procura sono un metodo attraverso il quale le maggiori potenze combattono le loro battaglie indirettamente, utilizzando nazioni o gruppi più piccoli come controfigure invece di confrontarsi direttamente.

Le grandi potenze sostengono, equipaggiano e finanziano gruppi o nazioni più piccoli in una guerra per procura per combattere contro un avversario comune.

Questo supporto può includere addestramento militare, armi, finanziamenti e altre risorse.

Il punto critico è che le maggiori potenze non entrano direttamente in combattimento.

Mi aspetto che le guerre per procura saranno un fattore decisivo per decidere chi vincerà la Terza Guerra Mondiale.

Sono in corso numerose guerre per procura.

Tuttavia, ce ne sono tre che credo saranno fondamentali per determinare quale parte avrà il vantaggio complessivo.

Guerra per procura n. 1: Ucraina

L’Ucraina è stata l’arena scelta dalla NATO & Friends per affrontare la Russia.

Mentre scrivo, all’inizio del 2024, il conflitto in Ucraina sembra essere in fase di conclusione.

L’Ucraina ha subito gravi battute d’arresto sul campo di battaglia poiché la sua tanto pubblicizzata controffensiva del 2023 è completamente fallita.

Ulteriori spedizioni di armi dai paesi della NATO non porteranno la vittoria all’Ucraina.

Nella migliore delle ipotesi, non farà altro che prolungare il conflitto senza cambiare il risultato finale esaurendo le scorte della NATO.

Anche i finanziamenti statunitensi si stanno prosciugando.

Gli elettori americani ed europei sono sempre più stanchi della guerra.

Mettendo tutto insieme, sospetto che quest’anno assisteremo a un serio movimento verso un accordo che sarà in gran parte favorevole alla Russia.

Risultato:  vantaggio BRICS+

Guerra per procura n. 2: il Medio Oriente

Il Medio Oriente è sull’orlo della più grande guerra regionale degli ultimi 50 anni.

La regione è grosso modo divisa in due diversi gruppi geopolitici.

Il primo sono gli Stati Uniti e i loro alleati: Israele, Turchia, Giordania, Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e altri.

Il secondo gruppo si descrive come l’Asse della Resistenza. È composto da Iran, Siria, Houthi nello Yemen, Hezbollah in Libano, diversi gruppi palestinesi, tra cui Hamas, e un assortimento di milizie in Iraq. Russia e Cina stanno dietro l’Asse della Resistenza.

Nel contesto della Terza Guerra Mondiale e della situazione geopolitica globale, gli Stati Uniti e i loro alleati rappresentano gli interessi della NATO & Friends, e l’Asse della Resistenza rappresenta BRICS+.

Se ci sarà una guerra regionale in Medio Oriente, sarà senza dubbio tra questi due gruppi.

A meno di una guerra regionale, probabilmente ci sarà una continua competizione geopolitica e un conflitto a bassa intensità in Medio Oriente.

Quando si fa un passo indietro e si mettono tutti insieme, sembra chiaro che lo slancio geopolitico è a favore dell’Asse della Resistenza in Medio Oriente.

Tuttavia, una grande guerra regionale potrebbe cambiare la situazione per gli Stati Uniti, Israele e i suoi alleati.

La NATO & Friends potrebbe tentare una guerra su vasta scala con l’Iran come ultimo tentativo di naufragare l’emergere di un ordine mondiale multipolare.

È anche più probabile, però, che una guerra su vasta scala con l’Iran e l’Asse della Resistenza finirebbe in un disastro per gli Stati Uniti e i suoi alleati.

Questa è probabilmente una delle ragioni principali per cui ciò non è ancora avvenuto, nonostante non manchino intenzioni ostili.

Nel frattempo il vantaggio in Medio Oriente va ai BRICS+.

Risultato:  vantaggio BRICS+

Guerra per procura n. 3: Taiwan

La Cina considera Taiwan una provincia separatista e ha promesso di riunificarla con la forza, se necessario.

Recentemente Xi ha avvertito in privato Biden che la Cina riunificherà Taiwan, ma che i tempi non sono ancora stati decisi.

Pur non impegnandosi esplicitamente nella difesa di Taiwan, gli Stati Uniti sono stati un importante fornitore di equipaggiamento militare per Taiwan.

Un’invasione cinese potrebbe innescare una risposta da parte degli Stati Uniti, sebbene la portata e la natura di questa risposta siano incerte.

La Cina ha uno degli eserciti più grandi e sempre più moderni del mondo.

Taiwan ha un esercito ben addestrato, anche se più piccolo e meno equipaggiato di quello cinese.

Mi sembra che il tempo sia dalla parte della Cina.

Tutto ciò che Pechino deve fare è aspettare; alla fine, sarà in grado di costringere Taiwan a riunificarsi pacificamente.

In caso di conflitto militare, mi sembra che la Cina sia in vantaggio.

L’unico modo in cui Taiwan potrebbe avere possibilità è se gli Stati Uniti si unissero direttamente al conflitto.

Tuttavia, è improbabile che gli Stati Uniti rischino una guerra su vasta scala con la Cina a causa del MAD.

Mettendo tutto insieme, sembra che la Cina sia in vantaggio.

Risultato:  vantaggio BRICS+

Probabilmente ci saranno altre guerre per procura man mano che la Terza Guerra Mondiale avanza, ma quelle che credo si riveleranno decisive saranno in Ucraina, Medio Oriente e Taiwan.

Le altre guerre per procura sono marginali in confronto.

Tutte e tre le guerre per procura decisive stanno tendendo verso una sconfitta per la NATO & Friends.

Pertanto, il vantaggio nel campo complessivo della guerra per procura – che credo sarà il campo più decisivo nella Terza Guerra Mondiale – è nei BRICS+.

Risultato:  vantaggio BRICS+

Fonte: https://internationalman.com/articles/who-will-prevail-in-world-war-3-exploring-the-7-key-battlefields/
Scritto da Nick Giambruno
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?