Il Grande Reset è morto!

Il Grande Reset è morto, lunga vita al Grande Reset

“Il Progetto Babylon è stata la nostra ultima, migliore speranza per la pace.

E ‘fallito.”

– Susan Ivanova,  sequenza di apertura della terza stagione, Babylon 5

Quando il World Economic Forum ha lanciato la campagna pubblicitaria per  The Great Reset  , avrebbe dovuto essere il giorno della vittoria del globalismo.

Insieme alla pandemia di COVID-19, la successiva crisi finanziaria globale ha scatenato un’ondata di denaro falso da parte dei governi che avrebbe dovuto comprare la strada verso la loro prosperità perpetua.

Il Grande Reset

Il Grande Reset

Il Grande Reset è fallito.

Non credermi sulla parola.

Prendi invece la parola di uno dei principali artefici del Grande Reset, il braccio destro di Klaus von Commie Schnitzel, come lo chiama Tom Luongo, Yuval Noah Harari.

Parlando da vero autoritario quale è, Harari può vedere solo violenza e caos.

Non ha torto.

La violenza e il caos in arrivo, tuttavia, hanno le loro radici nei suoi tentativi (o complicità) nel cercare di imporre, attraverso la violenza, un ordine globale sull’umanità che l’umanità non vuole.

Questa spinta alla violenza, tuttavia, può fermarsi domani.

Tutto ciò che deve accadere è che cretini come Harari, Soros, Schwab, Gates e tutte le persone dietro di loro accettino veramente il fatto di aver fallito e raggiungano un accordo con noi.

Se lo fanno possiamo ridurre al minimo la violenza all’orizzonte.

Ma questo non accadrà perché ci hanno già detto più e più volte che gli abusi continueranno finché il morale non migliorerà.

Il caos e la violenza imminenti stanno arrivando proprio  a causa della terza legge di Isaac Newton, popolarmente riassunta come “per ogni azione c’è una reazione uguale e contraria“.

Non arriverà non perché “non abbiamo risposte”.

Abbiamo un sacco di risposte, ad Harari e ai suoi simili semplicemente non piacciono.

Per decenni abbiamo affrontato la loro violenza con una sorta di silenziosa rassegnazione poiché il costo di sconvolgere questo sistema superava di gran lunga il beneficio di essere il primo sottotenente a uscire dalla trincea nella Terra di Nessuno.

Ma i costi che molti oggi devono sostenere per andare avanti superano di gran lunga i benefici che ne derivano.

Ed è per questo che le proteste in tutto l’Occidente si stanno intensificando.

Il progetto Great Reset è arrivato troppo in fretta e lo abbiamo visto subito per quello che era. 

Mentre veniva implementato attraverso COVID, la maggior parte di noi ha continuato a comportarsi come buoni vicini.

Come ho sostenuto in passato, l’acquiescenza alle folli regole del lockdown non è derivata dal fatto che la maggior parte delle persone sono state ammassate volontariamente come pecore in  campi.

Nasce dalla sensazione di voler essere visti come membri cauti di una comunità durante una crisi pubblica.

Naturalmente ci sono stati alcuni la cui psicosi latente è stata innescata (*tosse* Nassim Taleb *tosse*), ma la maggior parte delle persone aveva semplicemente la propria umanità di base armata contro di loro.

Una volta che la prima ondata di COVID ha fatto il suo corso e abbiamo visto quanto lontano hanno spostato cielo e terra per mettere a tacere le cure effettive per il virus, il  Grande Reset  ha iniziato a trasformarsi nel  Grande Risveglio.

E le prove di persone che si oppongono fermamente a qualsiasi ulteriore degrado della nostra società per queste sciocchezze crescono ogni giorno.

La Grande Diffusione?

Anni fa ho scritto della Teoria della diffusione  di Everett Rogers per quanto riguarda la politica in generale e l’ascesa del partito Alternativa per la Germania (AfD) in particolare.

La teoria della diffusione dell’innovazione di Everett Rogers è applicabile sia alla politica che ai prodotti.

L’idea è che ci vuole circa il 16% di adozione perché una nuova tecnologia, ideologia, ecc. abbia il potenziale per diventare qualcosa di più grande.

Questo è stato reso popolare da Malcolm Gladwell nel suo libro Tipping Point.

teoria della diffusione dell'innovazione di Everett Rogers

teoria della diffusione dell’innovazione di Everett Rogers

Questa è la curva che invocavo implicitamente nel mio recente articolo sul fatto che gli esseri umani sono più lupi che pecore.

Siamo passati da lupi comodi in un branco che pensavamo ci proteggesse dai pericoli del mondo, a lupi ansiosi e nervosi che si chiedevano chi di noi avrebbe resistito all’alfa psicotico che ci conduceva verso un abisso.

L’alfa continua verso quell’abisso pensando che sia un gigantesco gioco di galline e che rimarremo sotto il suo dominio per paura.

Molti di noi sono in uno stato di shock e/o negano ciò che sta accadendo.

Ma, come la storia ci ha mostrato, non abbiamo bisogno di una maggioranza di persone per cambiare radicalmente il corso della storia.

Ma al centro della mia osservazione c’è quanto segue: chi diventerai veramente quando non avrai più nulla da perdere?

O meglio ancora, dov’è la tua soglia di perdita prima che il vero te mostri i tuoi canini?

Perché è letteralmente tutto quello che stavo dicendo.

Tutti abbiamo un limite.

E l’idea che, poiché il tuo limite non è così basso come il mio,  ti  rende un peccatore è esattamente il tipo di senso di diritto condiscendente e immeritato che spinge gli stessi demoni che si stanno riunendo a  Davos  questa settimana per costringerci a ricostruire la nostra fiducia in loro.

Guardando i social media e i titoli dei giornali delle proteste in tutto il mondo da parte della classe operaia, che la classe dirigente degli  “ostetrici troppo istruiti”  disprezza nel profondo del loro essere, puoi vedere che siamo molto vicini se non oltre la soglia del 16%.

Questo è il motivo per cui  Davos  ha utilizzato tutta la stampa per accelerare il declino e la caduta della civiltà occidentale. 

Possiamo sentirlo tutti. 

Siamo a poco più di un mese dall’inizio del 2024 e in quel lasso di tempo si è verificato un anno di geopolitica.

Possono sentire che l’intero progetto sta scivolando via e questo deve essere stroncato sul nascere prima che si diffonda in quella che Rogers chiamava la ‘maggioranza iniziale’.

A tal fine, questo è il motivo per cui sono stati così duri nei confronti della “riluttanza ai vaccini” e hanno lanciato le guerre all’ivermectina e all’idrossiclorochina.

Ecco perché ora chiunque sia alla destra di Karl Marx stesso è un “fascista!”

Ed è un membro dell’“estrema destra”.

Questo per dissuadere le persone dall’identificarsi con gli outgroup e costringerle a qualificare tutto il loro dissenso dalla norma con “Non sono razzista ma…” o “Non sono d’accordo con tutto quello che dicono ma…”

Il divario nel conflitto

Ma in quell’articolo c’era anche il perfezionamento della Curva di Rogers da parte di Geoffrey Moore per includere la “Voragine”.

Arrivare al 16% di adozione non è sufficiente.

Il nuovo può arrivare facilmente al 16% semplicemente opponendosi a ciò che è dominante.

Questo è ciò che Harari stava insinuando, che stiamo semplicemente ab-reagendo al loro opposto, dicendo che rifiutiamo solo l’ordine liberale ma non abbiamo nulla con cui sostituirlo.

Questo è il motivo per cui la nuova idea o prodotto deve poi rinominarsi in qualcosa di più universale.

Non basta essere  contro il globalismo o il WEF , dobbiamo anche essere  a favore di qualcosa di meglio.

Questo diventa un punto decisionale per molte persone. 

È il momento in cui l’idea, il marchio, ecc. consolidati si rende conto della minaccia e reagisce.

Questo è ciò che rappresenta il divario del 16%, quell’abisso tra opposizione e affermazione.

Attraversare la voragine

Attraversare la voragine

Questo è anche ciò che  il Davos  e i suoi simili sono davvero eccezionali nel gestire. 

Mantengono la Finestra di Overton inquadrata su questioni secondarie irrilevanti per garantire che una nuova maggioranza non “attraversi il baratro del 16%,” unendosi su quella soluzione migliore che non li includa.

Chiamo questo gruppo di cui hanno paura “Il Centro Radicale”.

Ecco perché l’AfD è arrivato al 16% nel 2018 come partito anti-Merkel, ma è stato facilmente neutralizzato quando non è diventato il vero partito dell’“Alternativa per la Germania”.

Una volta che lo hanno fatto e l’attuale governo guidato da Scholz non è riuscito a proteggere la classe media tedesca durante e dopo il COVID, sono diventati una vera minaccia.

Un misto di questo rebranding e della radicata arroganza dell’establishment politico tedesco è ciò che ha portato l’AfD all’ascesa a metà degli anni ’20 nei sondaggi tedeschi.

Ed è per questo che, nonostante un attacco frettolosamente organizzato contro di loro in occasione di un incontro segreto non confermato a Postdam sulla deportazione, i loro sondaggi sono ancora sopra il 16%.

Ora rappresentano il tipo di minaccia che richiede un’azione più drastica, come vietarli come partito politico.

Il fatto che l’establishment politico tedesco stia anche solo prendendo in considerazione questo significa che stanno combattendo un’azione di retroguardia contro un movimento che è diventato molto più grande della stessa AfD.

La Germania ha attraversato la “Voragine” e si sta formando una sorta di  Centro Radicale  .

Le idee che questo incarna, una Germania per i tedeschi che rifiutano il globalismo, l’inflazione, la tassazione infinita e la guerra, a favore del localismo, della comunità e della coesione è molto più immune da attacchi grossolani.

Quindi, la risposta è quella di inviare il Cancelliere Scholz a Kiev  per firmare un patto di sicurezza reciproca con l’Ucraina  alla fine di questo mese per aggirare la rivoluzione politica in atto in patria.

Allo stesso modo ho esortato il movimento libertario negli Stati Uniti a diventare il movimento delle soluzioni; soluzioni pratiche e realizzabili che parlino alla vera maggioranza degli americani.

E da lì portarli nel tempo a soluzioni più localizzate.

Ma poiché si sono rifiutati di farlo, impantanandosi nell’essere anti-Fed, anti-questo e anti-quello, rimangono ancora un gruppo politico marginale, facilmente neutralizzabile da un semplice meme:

anti-Fed, anti-questo e anti-quello

anti-Fed, anti-questo e anti-quello

Il Grande Reset

Questo è il motivo per cui sono rimasto deluso da dove è finito il movimento libertario.

Questa è l’essenza di ciò di cui  io e Pete Quinones abbiamo discusso nel recente podcast che abbiamo realizzato.

Ciò non significa che rifiuto la filosofia o anche l’uso di molte critiche libertarie della pianificazione centrale come filtri utili, significa che la filosofia non è sufficiente per spostare la finestra di Overton in alcun senso politico pratico.

È per questo che ho votato per Trump due volte, nonostante i suoi numerosi limiti, e voterò ancora per lui se  Davos  non riuscirà a impedirgli di partecipare al ballottaggio della Florida. 

Anche allora, per ripicca, io, come molti, scriverò semplicemente il suo nome.

E indovina cosa? Batterà comunque il candidato dell’LP.

Decrepitezza accelerata

Quindi, il  Grande Risveglio  si è trasformato, dal  punto di vista di Davos, in una sorta di  Grande Accelerazione, in cui sentono la minaccia del nostro incontro attraverso la falsa diade della divisione Sinistra/Destra per respingerli completamente.

Questo è il motivo per cui accelereranno i loro piani per reprimere tutti coloro che sfuggono al loro controllo.

È per questo che odiano così profondamente Elon Musk per avergli portato via Twitter.

Ecco perché Bill Kristol ritiene giusto impedire a Tucker Carlson di tornare negli Stati Uniti dopo la sua visita in Russia.

Questo silenzio è stato fatto per farci arrabbiare e spingerci verso ghetti internet alternativi come  Gab,  Mastodon  e tutti gli altri.

È per questo che hanno intenzionalmente rovinato Twitter sotto la precedente gestione per allontanarci e togliere le nostre voci attraverso il de-platforming di Alex Jones e di tutti gli altri.

Quante persone si rifiutano ancora di tornare su Twitter a causa di quello che è successo nel 2017? 

Quanti sostengono ancora la tesi “il perfetto è il nemico del bene” nei confronti del regno di Elon Musk su Twitter? *Tosse* David Icke *Tosse*

Certo, il set di Rachel Maddow è ancora incantato ogni sera, tutti e 200.000, ma ora sono loro che stringono le loro perle nei veri ghetti dei media.

È stato facile inseguire Jones nel 2017.

Ancora di più inseguire Gab in seguito.

Ed abbiamo visto piattaforme alternative come Rumble e Substack svilupparsi per cercare di diventare agli antipodi di YouTube e WordPress, Locals per Patreon… ecc.

Non ho nulla contro queste piattaforme, e ne ho anche provate alcune in passato, ma riconosco anche che è stato permesso loro di diventare reali per convogliare le persone in tribù più piccole e costruire camere di eco facilmente ignorabili.

Tutto per impedirci di oltrepassare insieme il baratro per formare il Centro Radicale.

E se una di queste piattaforme diventasse troppo potente?

Bene, spero che tutti abbiano un archivio dei propri Substack.

Spero anche che i miei timori al riguardo siano del tutto infondati.

Ma avevo già visto questo film e non mi era piaciuto la prima volta che l’ho visto.

Perché, quando le voci capaci di parlare al di là della falsa divisione politica tra Sinistra e Destra diventano abbastanza grandi, devono essere abbassate. 

Va bene che quelli di “destra” vengano liquidati come pazzi, vicoli ciechi, isolazionisti, teorici della cospirazione, MAGAtards, Nahtsees, ecc.

Il rebranding di Russell

Tutt’altra cosa è quando qualcuno della “sinistra” arriva alle stesse conclusioni.

Ecco perché l’anno scorso se la sono presa così duramente con Russell Brand.

Ed è stato inquietante la rapidità con cui si è svolta la campagna “Nuts and Sluts” contro Brand.

Perché Brand era privo di personalità prima che la macchina dell’indignazione entrasse in azione contro di lui. 

Lo hanno semplicemente accusato e portato fuori.

E giusto per ricordare a tutti di cosa sto parlando, ne ho scritto in relazione al  “processo” di conferma di Brett Kavanaugh nel 2018:

“Nuts and Sluts” è facile da capire: accusa semplicemente la persona che vuoi distruggere di essere pazza (la cui definizione cambia a seconda di qualunque sia la questione politica del momento) o di una deviante sessuale.

Questa tecnica funziona perché attiva il circuito del disgusto nella maggior parte delle persone…

… Anche il circuito del disgusto è facile da capire.

È il limite oltre il quale il comportamento degli altri innesca la nostra indignazione a livello viscerale e indietreggiamo con disgusto.

Il motivo per cui “Nuts and Sluts” funziona così bene sui candidati e sugli elettori conservatori è perché, in media, i conservatori hanno un circuito di disgusto molto più forte rispetto ai liberali e/o ai libertari.

Ciò di cui scrissi allora in quell’articolo si è avverato oggi.

Allora avevo previsto che, se  Davos  avesse incoraggiato la “sinistra” a normalizzare ulteriormente la devianza, “nuts and sluts” sarebbe diventato meno efficace.

Inoltre avremmo visto i rozzi tentativi di mantenere la Finestra di Overton aperta.

Ma ecco il problema.

Mentre i liberali e i marxisti culturali distruggono l’ordine sociale, mentre vincono scaramuccia dopo scaramuccia nella Guerra Culturale e ci desensibilizzano per normalizzare comportamenti sempre più devianti, le circostanze di un’accusa di “nuts and sluts (Matti e Troie)” devono aumentare di conseguenza.

È eroina comportamentale.

E maggiore è la nostra tolleranza, maggiore è la probabilità che le persone capiscano la menzogna.

È per questo che negli anni ’80 Gary Hart dovette semplicemente essere accusato di avere una relazione per far naufragare le sue aspirazioni presidenziali, mentre oggi Trump deve pagare una prostituta.

Per Russell Brand, tuttavia, dovevano arrivare fino alla fine del gioco: farlo diventare un predatore sessuale di donne più giovani. 

In mezzo a tutto il clamore sull’Isola di Epstein ecc., collegare Brand al discorso sulla pedofilia per deduzione doveva essere il colpo decisivo contro qualcuno che è diventato una delle voci dissidenti più efficaci e irrefrenabili nell’ambiente post-COVID.

Ci sono poche persone nell’attuale zeitgeist che stavano diventando più capaci (di radicalizzare il lato sinistro del centro) di Russell Brand.

Ma, soprattutto, queste manovre avevano lo scopo di demoralizzarci, di non farci riporre fiducia in nessun altro, non avere fonti di conforto o persone di cui fidarsi.

La demonetizzazione improvvisa di Brand fu l’inizio di quella che ora chiamo la   campagna della Grande Demoralizzazione .

L’obiettivo di quella campagna è fermare l’emergere di quel Centro Radicale; una coalizione libera di persone normali disposte a mettere da parte ciò su cui non sono d’accordo al servizio di ciò su cui sono d’accordo. 

E mangiare insetti, vivere in spazi ristretti sotto costante sorveglianza e la minaccia di essere privi di personalità è qualcosa su cui siamo tutti d’accordo che fa schifo.

A suo merito, Brand ha reagito subito all’accusa assumendosi la completa responsabilità del suo comportamento passato e gettandosi, giustamente, sull’altare dell’opinione pubblica.

Ci ha mostrato il suo  circuito di disgusto  per la persona che era, non per la persona che aspira ad essere.

Ed è per questo che la sua recente intervista con Tucker Carlson è stata così galvanizzante.

Carlson, in modo intelligente, ha messo in pratica esattamente ciò che predica… un po’ di carità cristiana.

Dando a Brand la piattaforma per raccontare la sua storia, gli ha trovato un altro compagno di viaggio sulla strada per rompere questa illusione di controllo che  Davos  e i suoi media mantenuti ci hanno imposto.

Questi due ragazzi non dovrebbero essere d’accordo su queste cose. 

Tucker è un fascista di destra.

Brand è un pazzo di sinistra.

Eppure condividono qualcosa di molto potente in comune: entrambi sono stati cacciati dal tempio per aver detto la verità al potere.

E Brand non delude la sua prestazione.

È una delle sue migliori, e ho visto  Forgetting Sarah Marshall.

Ha ragione, notando a un certo punto che l’obiettivo di tutto ciò che vediamo nei media era la “demoralizzazione”.

In effetti, l’intero post è stato originariamente ispirato da quell’unica dichiarazione durante i 45 minuti in cui ha parlato con Tucker.

Questo è stato il “money shot”, per così dire, di questa intervista.

Mi ha detto che non solo Russell Brand capisce, ma sa esattamente qual è il suo ruolo ora.

Adesso Tucker ha incontrato il diffamato Vladdie Putler. 

Se c’è un evento nel 2024 al di fuori del  controllo di Davos, è questo.

Perché cosa succede quando Carlson e Putin discutono delle bugie della politica estera, della natura del conflitto in Ucraina, delle lamentele tra Russia e Occidente e scoprono che hanno più in comune di quanto dovrebbero?

Carlson non ha fatto irruzione in Internet con la sua intervista a Russell Brand, né ad Alex Jones, ma sta prendendo ciò che resta della comoda menzogna secondo cui i media non sono altro che stenografi del tribunale.

È passato così tanto tempo dall’ultima volta che abbiamo visto qualcuno fare giornalismo che a malapena capiamo come sia quando lo vediamo.

Carlson, come Brand, Elon Musk, Donald Trump, Jerome Powell, Jamie Dimon o tutti gli altri a cui do credito in questo blog, non sono uomini perfetti.

Abbiamo ucciso quell’uomo più di duemila anni fa.

Non abbiamo bisogno che siano uomini perfetti.

Se ne hai bisogno, ti suggerisco di cercare un aiuto professionale.

Ciò di cui abbiamo bisogno è che guidino dove possono, quando possono.

Devono solo darci gli strumenti necessari per attraversare il baratro e trovare un terreno comune.

Costruiamo allora una piazza che non assomigli per niente a quella dove finora ci è stato permesso di protestare.

QUESTO  è un  grande ripristino  che non vedo l’ora di fare.

Fonte: https://www.zerohedge.com/geopolitical/great-reset-dead-long-live-great-reset
Scritto da Tom Luongo tramite il blog Gold, Goats, ‘n Guns
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2024/02/01/agricoltori-perche-gli-sparano/

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?