Gli schermi hanno un impatto negativo sul cervello dei bambini ( ADHD)

Gli schermi hanno un impatto negativo sul cervello dei bambini, alimentando l’epidemia di ADHD

Una tempesta di salute mentale si sta preparando tra i giovani, con i disturbi dell’attenzione che raggiungono livelli di crisi.

Ma un crescente coro di esperti afferma che parte della soluzione potrebbe essere semplice: limitare il tempo trascorso davanti allo schermo.

Una nuova ricerca collega l’uso eccessivo della tecnologia all’aumento dei tassi di deficit di attenzione e iperattività.

Disconnettersi può offrire rifugio dalle nubi addensate del disturbo da deficit di attenzione/iperattività ( ADHD).

Un adolescente guarda lo schermo di un telefono cellulare a Londra il 17 gennaio 2023. (Leon Neal/Getty Images)

Schermo: “Principale colpevole” dietro l’ADHD

” La mente in via di sviluppo è progettata per attaccarsi agli stimoli più rilevanti “, ha detto a The Epoch Times Roger McFillin, uno psicologo clinico certificato in psicologia comportamentale e cognitiva.

Gli schermi stimolano eccessivamente i neurotrasmettitori come la serotonina e la dopamina, importanti per la salute mentale, ha aggiunto, sottolineando che la disregolazione di questi percorsi può portare a disturbi come l’ADHD e ritardi nello sviluppo.

In un nuovissimo studio del 2023, i ricercatori hanno avviato una delle indagini più complete sugli effetti del tempo trascorso davanti allo schermo sui bambini piccoli.

Lo studio ha coinvolto oltre 7.000 bambini di età compresa tra 2 e 4 anni.

Gli autori hanno notato che i risultati suggeriscono un’associazione dose-risposta tra un tempo trascorso davanti allo schermo più lungo all’età di 1 anno e ritardi nello sviluppo nella comunicazione e nella risoluzione dei problemi all’età di 2 e 4 anni.

Ciò illustra il ritardo ramificazioni dell’effetto degli schermi sullo sviluppo dei bambini.

Il tempo trascorso davanti allo schermo è “il principale colpevole” dietro i tassi alle stelle di ADHD, secondo la dottoressa Victoria Dunckley, psichiatra infantile ed esperta degli effetti del tempo trascorso davanti allo schermo sul sistema nervoso dei bambini.

Uno  studio del 2019 pubblicato su Trends in Neuroscience and Education ha testato l’ipotesi secondo cui il tempo trascorso davanti allo schermo riduce la capacità di attenzione dei bambini piccoli.

I ricercatori hanno separato 30 bambini in età prescolare in due gruppi: un gruppo ha guardato le storie svolgersi su uno schermo, mentre l’altro ha letto le stesse storie ad alta voce.

Dopo sei settimane, le scansioni dell’elettroencefalogramma (EEG) hanno mostrato che i bambini esposti allo schermo avevano schemi cerebrali simili a quelli con ADHD.

In uno studio pubblicato su Pediatrics, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione precoce allo schermo provoca problemi di attenzione in futuro.

Lo studio ha coinvolto 1.278 bambini di 1 anno e 1.345 bambini di 3 anni.

Seguendo i bambini di età superiore ai sei anni, i ricercatori hanno osservato che il 10% aveva problemi di attenzione all’età di 7 anni.

Le ore guardate ogni giorno davanti alla televisione all’età di 1 e 3 anni erano associate a problemi di attenzione all’età di 7 anni.

Inoltre, in una meta-analisi del 2023 che ha esaminato nove studi per un totale di oltre 81.000 bambini, i ricercatori hanno scoperto che un’eccessiva esposizione allo schermo può contribuire in modo significativo allo sviluppo dell’ADHD nei bambini.

“Pertanto”, hanno scritto gli autori, “è necessario ridurre il tempo trascorso davanti allo schermo ogni giorno nei bambini per prevenire l’insorgenza dell’ADHD”.

Gli schermi mettono il cervello in “cortocircuito”

Il tempo trascorso davanti allo schermo può avere un impatto negativo sullo sviluppo del linguaggio , sull’elaborazione visiva , sulla memoria e sulla cognizione sociale.

Il tempo trascorso davanti allo schermo interattivo, che include social media e giochi su tablet o telefono, è particolarmente stimolante per il cervello, ha detto il dottor Dunckley a The Epoch Times.

” Mette ripetutamente il sistema nervoso in uno stato di lotta o fuga senza il beneficio di scaricare quell’energia “.

Quando l’ipereccitazione si verifica regolarmente, il lobo frontale del cervello viene effettivamente “cortocircuitato”.

Quando ciò accade al lobo frontale, che controlla le emozioni, la motivazione e l’attenzione, i bambini possono diventare impulsivi, irrequieti, aggressivi o addirittura depressi.

La ricerca sugli effetti degli schermi interattivi sul cervello dei bambini piccoli è limitata.

Tuttavia, alcuni sostengono che la forma del contenuto conta più del tempo trascorso sullo schermo stesso.

“Una narrazione debole, un ritmo e un editing rapidi, stimoli complessi o troppo diversi dalla realtà possono rendere difficile per il bambino estrarre o generalizzare le informazioni”, osserva una recensione .

Troppo veloce per medicare?

Il legame tra schermi e cattiva salute mentale è diventato sempre più evidente negli ultimi dieci anni.

La maggior parte del trattamento si concentra sui prodotti farmaceutici.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), nel 2021, all’8% dei bambini statunitensi di età compresa tra 5 e 17 anni sono stati prescritti farmaci per problemi di salute mentale.

Dopo la pandemia di COVID-19, si è verificato un ulteriore aumento di “quasi tutti i disturbi psichiatrici in generale, incluso l’ADHD ” , ha affermato il dottor Stephen Farone , professore presso i Dipartimenti di Psichiatria, Neuroscienze e Fisiologia e vicepresidente per la ricerca. presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali della SUNY Upstate Medical University.

Le formulazioni di anfetamine sono gli stimolanti dell’ADHD più comunemente prescritti in Nord America. In particolare, secondo un rapporto di Molecular Psychiatry, le anfetamine sono anche tra i farmaci da prescrizione più abusati.

Il trattamento precoce con anfetamine, il farmaco spesso prescritto ai bambini con ADHD, è stato collegato al ritardo della crescita in altezza e peso in alcuni bambini.

Tuttavia, gli esperti di salute mentale dei bambini ritengono che i benefici di questi farmaci superino il potenziale rischio di problemi di crescita.

Per molte condizioni, i cambiamenti nello stile di vita, come la riduzione del tempo trascorso davanti allo schermo, potrebbero portare a miglioramenti, ha affermato McFillin.

“Mi vengono spesso indirizzati bambini che hanno storie complesse e/o resistenti ai trattamenti, e la prima cosa con cui inizio è uno screening veloce”, ha detto il dottor Dunckley.

Questo primo passo fondamentale porta spesso a un miglioramento del rendimento scolastico, dell’umore, del sonno e della socialità, anche se non risolve del tutto il problema.

Ad esempio, evita il tempo trascorso davanti allo schermo della “baby-sitter” per i bambini piccoli.

Un recente  studio pubblicato su BMC Public Health ha analizzato il tempo trascorso davanti allo schermo dai bambini.

I bambini avevano quasi nove volte più probabilità di abusare degli schermi quando guardavano da soli rispetto a un genitore o altri bambini, e quattro volte più probabilità di un uso eccessivo se i genitori guardavano eccessivamente.

“Nonostante siamo immersi in una cultura digitale, dobbiamo lavorare con la fisiologia del cervello e le esigenze di sviluppo, non contro di essa”, ha aggiunto il dottor Dunckley.

fonte: https://www.zerohedge.com/medical/screens-negatively-impacting-kids-brains-fueling-adhd-epidemic-experts
Scritto da Vance Voetberg tramite The Epoch Times
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li.it

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:

I cervelli degli adolescenti post-pandemici mostrano segni di invecchiamento più rapido

 

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?