Pfizer contesta i brevetti del vaccino COVID-19 di Moderna

Pfizer e il suo partner BioNTech hanno chiesto a un tribunale statunitense di revocare i brevetti di Moderna per la tecnologia del vaccino COVID-19.

Un pedone passa davanti alla sede centrale della Pfizer a New York City. (Jeenah Moon/Getty Images)

In nuovi documenti depositati al Patent Trial and Appeal Board dell’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti Pfizer e BioNTech hanno affermato che i brevetti di Moderna sono così ampi che essenzialmente “cooptano l’intero campo” della tecnologia dell’RNA messaggero, che viene utilizzata in alcuni vaccini COVID-19.

In un documento si legge che i brevetti, ottenuti durante la pandemia di COVID-19, sono “inimmaginabilmente ampi” e coprono una tecnologia conosciuta molto prima del 2015, mentre Moderna afferma di aver sviluppato lei stessa la tecnologia.

Moderna non ha risposto a una richiesta di commento.

Un brevetto di Moderna contestato copre i vaccini a RNA messaggero con la proteina Spike o la subunità della proteina Spike di qualsiasi betacoronavirus, come il COVID-19, somministrata nel corpo umano attraverso un sistema di rilascio dei lipidi.

Un altro riguarda una tecnologia simile.

Pfizer e BioNTech stanno cercando una revisione inter partes di un processo presso il consiglio di amministrazione che esaminerebbe se la tecnologia brevettata da Moderna fosse già descritta.

Pfizer e BioNTech hanno detto alla corte che gli scienziati hanno scoperto nel 1990 che l’RNA messaggero poteva essere utilizzato in modi che avrebbero migliorato i vaccini, e nel 1993 hanno scoperto che i vaccini con questa tecnologia producevano una risposta immunitaria.

Hanno fatto riferimento agli esperimenti che il dottor Robert Malone e altri hanno riportato nel 1990 sulla rivista Science e ai test descritti in un articolo del 1993 sull’European Journal of Immunology.

La legge federale che regola i brevetti afferma che una persona ha diritto a un brevetto a meno che l’invenzione rivendicata non sia stata “brevettata, descritta in una pubblicazione stampata, o di uso pubblico, in vendita o altrimenti disponibile al pubblico prima della data di deposito effettiva dell’invenzione rivendicata”.

Le revisioni inter partes giudicano le controversie su tale base, un’area del diritto dei brevetti nota come “arte anteriore”.

I documenti depositati affermano che successivi miglioramenti alla tecnologia, come l’utilizzo di nanoparticelle lipidiche per fornire l’RNA messaggero, sono stati descritti anche in materiali pubblici prima che Moderna richiedesse i brevetti, .

Ciò include un brevetto depositato nel 2013 che delineava il sistema di consegna.

Il brevetto “è arte nota” secondo la legge, hanno affermato Pfizer e BioNTech.

Il tribunale dei brevetti non si è ancora pronunciato sui documenti depositati.

Pfizer e BioNTech hanno utilizzato l’RNA messaggero anche nel loro vaccino contro il Covid-19, uno dei più utilizzati al mondo, ma affermano che l’iniezione era basata su una tecnologia proprietaria.

“Rimaniamo fiduciosi nella nostra proprietà intellettuale a sostegno del vaccino Pfizer/BioNTech e ci difenderemo vigorosamente dalle accuse della causa”, hanno affermato nel 2022, dopo essere stati citati in giudizio da Moderna per presunta violazione di brevetti.

I vaccini Moderna contro il COVID-19 vengono spacchettati a Boston il 24 dicembre 2020. (Joseph Prezioso/AFP tramite Getty Images)

Vi sono precedenti

Sebbene le aziende abbiano prodotto i primi vaccini contro il Covid-19 al mondo, da allora hanno iniziato a litigare, intentando azioni legali l’una contro l’altra.

Moderna ha citato in giudizio Pfizer e BioNTech nell’agosto 2022, affermando che l’iniezione Pfizer-BioNTech utilizzava funzionalità sviluppate dagli scienziati di Moderna.

“Nonostante riconoscano l’importanza dei brevetti, innovatori come Moderna, Pfizer e BioNTech hanno copiato la proprietà intellettuale di Moderna e hanno continuato a utilizzare le invenzioni di Moderna senza permesso.

Nella causa depositata presso il tribunale statunitense del Massachusetts, dove Moderna ha sede, si legge che “Moderna porta quindi questa causa per proteggere la piattaforma tecnologica mRNA in cui ha innovato, investito e brevettato, e per garantire che la proprietà intellettuale sia rispettata”.

L’amministratore delegato di Pfizer Albert Bourla ha dichiarato durante una conferenza nel 2020 che il vaccino mRNA dell’azienda utilizzava un antigene “che è, penso, lo stesso [quello] utilizzato da Moderna”.

Moderna ha affermato di essersi offerta di prendere in considerazione la vendita di licenze per la sua tecnologia, ma che né Pfizer né BioNTech si sono mai proposte per richiedere una licenza.

Moderna ha anche intentato una causa per violazione di brevetto in un tribunale in Germania, dove ha sede BioNTech.

Pfizer e BioNTech hanno ribattuto più tardi nel 2022, introducendo la tesi secondo cui i brevetti di Moderna non erano validi.

I brevetti “superano di gran lunga” i “contributi effettivi di Moderna al settore”, afferma la controquerela.

Pfizer e BioNTech hanno inoltre affermato nella documentazione di aver prodotto il loro vaccino indipendentemente dalla tecnologia di Moderna.

Altri contenziosi

Moderna è stata citata in giudizio anche da altre società, che affermano di aver violato il loro brevetto sul vaccino contro il COVID-19.

Arbutus Biopharma e Genevant Sciences hanno presentato ricorso al tribunale statunitense.

Il tentativo di Moderna di archiviare il caso, sostenuto dal governo degli Stati Uniti, è stato respinto da un giudice federale all’inizio di quest’anno.

Alnylam Pharmaceuticals, un’altra azienda, ha accusato sia Moderna che Pfizer di violare un brevetto correlato.

Pfizer e BioNTech sono stati citati in giudizio negli Stati Uniti anche da Arbutus e da una società separata, CureVac, che sostengono che le società abbiano violato la sua tecnologia nel loro vaccino.

“I nostri scienziati sono stati pionieri di scoperte fondamentali nella tecnologia dei vaccini mRNA negli ultimi due decenni”, ha affermato in una nota l’amministratore delegato di CureVac, il dottor Alexander Zehnder. “Questi contributi sono alla base del rapido sviluppo di vaccini mRNA SARS-CoV-2 come Comirnaty .”

Questo caso è destinato ad arrivare al processo nel 2024.

fonte: https://www.zerohedge.com/political/pfizer-asks-court-revoke-modernas-covid-19-vaccine-patents
Scritto da Zachary Stieber tramite The Epoch Times 
Pubblicato da Tyler Durden
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li

Ne abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2022/11/27/un-altro-studio-rileva-che-linfiammazione-cardiaca-e-piu-alta-dopo-la-vaccinazione-moderna-rispetto-a-pfizer/

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?