5G: perché preoccupa gli scienziati?

Campi elettromagnetici: il pericolo invisibile

Da quando Motorola ha introdotto il primo telefono portatile cordless nei primi anni ’70, i cellulari e i dispositivi wireless sono diventati parte integrante delle nostre vite. Si sono evoluti dal consentire l’invio di messaggi di testo di base al consentirci di modificare video e utilizzare software aziendali.

Anche le reti di telecomunicazione, che utilizzano le radiazioni elettromagnetiche per trasmettere informazioni, sono passate dall’ormai defunto 1G, che supportava solo le chiamate vocali, al 5G e ai suoi trasferimenti di dati ad alta velocità.

Tuttavia, accanto a questi progressi, sono emerse preoccupazioni riguardo ai potenziali effetti sulla salute, con il 5G particolarmente controverso, in parte a causa della maggiore densità delle torri di trasmissione richieste per il suo funzionamento.

Mentre le società di telecomunicazioni e le agenzie di regolamentazione affermano  che nessuna prova scientifica collega le radiazioni dei cellulari a problemi di salute, gli esperti sottolineano la ricerca che rivela una serie di conseguenze fisiologiche dannose derivanti dall’esposizione.

Nel 2017, 180 scienziati e medici internazionali hanno presentato una petizione all’Unione Europea per condurre una valutazione indipendente dei potenziali rischi per la salute associati al 5G.

Ma quanto sono gravi questi rischi?

Studi condotti dagli anni ’70 hanno suggerito possibili collegamenti tra le radiazioni dei cellulari e problemi di salute come infertilità ( pdf ), problemi neuropsichiatrici , cancro e infiammazioni.

Domande sul finanziamento

Tuttavia, gli studi sugli effetti delle radiazioni dei cellulari hanno prodotto risultati incoerenti, con alcune variazioni a seconda delle fonti di finanziamento degli studi.

Il professore di ricerca Henry Lai dell’Università di Washington aveva precedentemente esaminato 200 studi sugli effetti biologici delle radiazioni legate ai cellulari. Ha scoperto che circa la metà degli studi non riportava alcun collegamento biologico, mentre l’altra metà indicava una possibile associazione.

“Quando guardi la ricerca non sponsorizzata dall’industria, è circa tre a uno: tre documenti su quattro mostrano un effetto”, ha detto Lai. “Quindi, se guardi alla ricerca finanziata dall’industria, è quasi l’opposto: solo un documento su quattro mostra un effetto”.

Gli studi sugli animali suggeriscono danni

Gli studi sugli animali hanno implicato potenziali rischi per la salute nelle tecnologie 2G, 3G e 4G.

Uno studio pubblicato nel 2018 dal National Institute of Environmental Health Sciences ha rilevato che alti livelli di radiazioni 2G e 3G erano associati a un aumento del rischio di cancro e di effetti avversi sul DNA nei ratti (pdf ) . Lo studio ha rilevato che ratti e topi esposti a quel tipo di radiazioni hanno mostrato danni al DNA nel cervello e nelle cellule del sangue, chiare prove di tumori cardiaci e pesi alla nascita inferiori in caso di esposizione prenatale.

Ma lo studio ha riconosciuto i limiti  dovuti all’uso di livelli di radiazioni anormalmente elevati che non riflettono scenari di esposizione nella vita reale.

“Le esposizioni utilizzate negli studi non possono essere confrontate direttamente con l’esposizione che gli esseri umani sperimentano quando si utilizza un cellulare”, ha affermato John Bucher, scienziato senior presso il National Toxicology Program e coautore dello studio.

Tuttavia, l’aumento dei livelli di esposizione in uno studio può accelerare la ricerca sui rischi a lungo termine senza richiedere studi per tutta la vita, ha detto a The Epoch Times Martin Pall, professore emerito di biochimica e scienze mediche alla Washington State University. In altre parole, dare agli animali una dose più alta per un periodo di tempo più breve può dare un’idea di ciò che l’uomo sperimenta con una dose più bassa per un periodo di tempo più lungo. Tuttavia, le prove conclusive che collegano le radiazioni dei cellulari agli effetti avversi sulla salute rimangono contrastanti.

Tumori cerebrali e problemi psichiatrici

Gli studi sulle radiazioni dei cellulari  pubblicati prima del lancio del 5G nel 2019 hanno dimostrato che posizionare i telefoni vicino all’orecchio ha comportato l’assorbimento delle radiazioni da parte dei tessuti cerebrali all’interno del cranio (pdf ) .

Alcune ricerche hanno suggerito una potenziale correlazione tra l’uso elevato del cellulare e il glioblastoma, un tipo di cancro al cervello.

Secondo  un’analisi svedese , gli utenti di cellulari a lungo termine, quelli che hanno avuto telefoni per più di 10 anni, corrono un rischio elevato di sviluppare tumori benigni. In particolare, il rischio è maggiore sul lato della testa che entra in contatto con il telefono.

Tuttavia, la relazione causale rimane incerta.

Gli studi sui residenti che vivono vicino alle torri dei cellulari e alle stazioni base hanno riportato lamentele di problemi neuropsichiatrici, tra cui mal di testa, problemi di memoria, vertigini, depressione e insonnia.

Il 5G è peggiore dei suoi predecessori?

Il 5G è peggiore dei suoi predecessori? La risposta breve è che gli scienziati non lo sanno.

Mentre 2G, 3G e 4G trasmettono radiofrequenze e radiazioni a microonde, 5G emette radiazioni a onde millimetriche.

La radiazione a onde millimetriche differisce dalla radiazione a microonde e a onde radio, operando a una frequenza più elevata e facilitando una trasmissione del segnale più rapida. Tuttavia, i potenziali effetti sulla salute delle radiazioni a onde millimetriche rimangono sconosciuti a causa della mancanza di studi finanziati dal governo.

Quello che gli scienziati sanno è che, a differenza delle radiazioni cellulari a microonde, le onde millimetriche non possono penetrare in profondità nel corpo.  Di conseguenza, molti scienziati ritengono che il 5G sia sicuro.

Sebbene le onde millimetriche offrano velocità più elevate, la loro alta frequenza le rende più deboli e quindi  suscettibili al blocco da parte di foglie, acqua piovana e muri. Per garantire una copertura completa, le società di telecomunicazioni devono implementare più antenne 5G. Tuttavia, poiché queste antenne trasmettono anche segnali 2G, 3G e 4G, l’ampia diffusione del 5G rappresenta un potenziale rischio per la salute.

Magda Havas, che ha un dottorato in tossicologia ambientale, è professore emerito specializzato negli effetti sulla salute delle radiazioni elettromagnetiche ed è firmataria di una moratoria dell’UE, ha espresso preoccupazione per le implementazioni del 5G.

“Quello che stanno facendo è installare antenne ogni 100 metri circa nelle aree urbane”, ha detto a The Epoch Times. “Le persone saranno esposte a livelli molto più alti delle normali frequenze [3G e 4G] rispetto a quelle a cui erano già esposte, oltre alle onde millimetriche aggiuntive che non sono state testate per alcun tipo di effetto sulla salute a lungo termine”.

Effetti sulla salute delle onde millimetriche 5G

Gli effetti sulla salute del 5G sono ancora oggetto di dibattito, ma Pall e Havas suggeriscono che la sua radiazione millimetrica potrebbe potenzialmente causare problemi di salute.

Sebbene le onde millimetriche del 5G possano non essere in grado di penetrare nel corpo, possono comunque essere assorbite dalla pelle. Havas ha affermato che le luci ultraviolette non penetrano nel corpo ma possono causare melanomi cutanei.

Uno studio condotto nel 2020 sulle radiazioni 5G ha dimostrato che le onde potrebbero penetrare nella pelle di circa 0,9 millimetri se trasmesse da 10 centimetri di distanza.

Sebbene questa profondità sia inferiore rispetto a 4G e 3G, l’intensità della radiazione era significativamente più alta. Inoltre, 0,9 millimetri potrebbero non essere nemmeno considerati poco profondi. Secondo  uno studio del 2008 sulle onde millimetriche, una profondità di penetrazione di 0,65 millimetri è sufficiente “per influenzare la maggior parte delle strutture cutanee situate nell’epidermide e nel derma”, hanno scritto gli autori.

” È stato dimostrato in una serie di studi diversi che se osservi diversi tipi di cellule, e noi abbiamo molti diversi tipi di cellule nel nostro corpo, scoprirai che alcuni tipi di cellule sono molto più sensibili ai campi elettromagnetici (radiazioni) rispetto ad altri”, ha detto Pall.

Ha inoltre sottolineato che l’eterogeneità biologica deve essere considerata e che la semplice fisica non può essere utilizzata per fare previsioni accurate sugli effetti biologici.

Mentre gli effetti sulla salute a lungo termine del 5G rimangono sconosciuti, Pall ha condotto una ricerca che dimostra che le onde millimetriche possono innescare risposte biologiche alterando le cariche elettriche delle cellule.

Man mano che le reti di telecomunicazioni si evolvono e il 5G promette velocità più elevate e una maggiore connettività, la necessità di comprendere gli effetti sulla salute umana diventa sempre più importante. Il dibattito sui potenziali effetti sulla salute della tecnologia 5G continua a essere oggetto di preoccupazione e controversia.

Alcuni esperti hanno osservato un aumento della sindrome da microonde negli ultimi decenni. È una malattia reale e si riferisce alle radiazioni del cellulare che ci circondano?

Fonte: https://www.theepochtimes.com/health/serious-health-concerns-over-cellphone-radiation-is-5g-worse-5338216
Autore: Marina Zhang Marina Zhang
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli per ITA.li

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?