FOIA DTR vs FDA: 1 a 0

FOIA esprime “Seri dubbi” sulla sicurezza del vaccino COVID-19 dopo il rilascio forzato di 15.000 pagine di dati di studi clinici: ONG legale

FOIA, ovvero Freedom of Information Act, diffuso in oltre 100 paesi al mondo,è la normativa che garantisce a chiunque il diritto di accesso alle informazioni detenute dalle pubbliche amministrazioni, salvo i limiti a tutela degli interessi pubblici e privati stabiliti dalla legge.

Defending the Republic (DTR), gruppo conservatore di difesa dell’interesse pubblico, ha ottenuto quasi 15.000 pagine di dati della sperimentazione clinica del vaccino COVID-19 di Moderna, ed ora sostiene che i dati mostrano una “totale mancanza di completezza” delle prove e pone “seri dubbi” sulla sicurezza del vaccino.

A seguito del successo del contenzioso del Freedom of Information Act (FOIA) contro la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, il gruppo ha recentemente annunciato di aver ottenuto – e sta rilasciando – quasi 15.000 pagine di documenti relativi a test ed eventi avversi associati a “Spikevax”, il vaccino COVID-19 di Moderna.

Dal 2022, il gruppo è stato coinvolto in un contenzioso contro la FDA relativo alla produzione di dati presentati da Moderna a sostegno della sua richiesta ai regolatori federali per l’approvazione del suo vaccino.

Di conseguenza, la FDA ha accettato di produrre circa 24.000 pagine dei record di Moderna entro la fine di quest’anno, con le 15.000 pagine come prima puntata.

I registri, alcuni dei quali riguardano eventi avversi correlati al vaccino, includono importanti informazioni relative al profilo di sicurezza di Spikevax, che è stato autorizzato per la prima volta per l’uso di emergenza negli Stati Uniti nel dicembre 2020 e nel gennaio 2022 ha ricevuto la piena approvazione per gli adulti.

La dott.ssa Janet Woodcock, commissario ad interim della FDA, ha dichiarato all’inizio di quest’anno che “Il pubblico può essere certo che Spikevax soddisfa gli elevati standard della FDA per la sicurezza, l’efficacia e la qualità di produzione richiesti per qualsiasi vaccino approvato per l’uso negli Stati Uniti”.

Ma i nuovi dati mettono in discussione questa visione. 

Il gruppo di difesa afferma che le decine di migliaia di pagine di dati sugli studi clinici rilasciati dalla FDA supportano la conclusione che esistono “seri dubbi” sia sulla sicurezza di Spikevax che sugli standard di approvazione della FDA.

Né Moderna né la FDA hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Più dettagli

DTR ha intentato una causa FOIA dopo che la FDA ha respinto le richieste di produrre i record di Moderna COVID-19, giustificando la sua decisione affermando che non vi era alcuna necessità urgente per il pubblico di vedere le informazioni.

I documenti ottenuti nell’ambito del contenzioso del gruppo contro la FDA sono il primo rilascio significativo di dati dagli studi clinici COVID-19 di Moderna.

Gli studi rivelano le cause di decessi, eventi avversi gravi e casi di disturbi neurologici potenzialmente associati a Spikevax.

Uno dei punti salienti dei documenti è che molti di coloro che sono morti dopo aver ricevuto il vaccino Moderna non sono stati sottoposti ad autopsia.

DTR in una nota ha dichiarato che “Secondo uno studio, 16 persone sono morte dopo aver ricevuto il vaccino Moderna.

Gli autori dello studio hanno indicato che di quei 16 decessi, sono state eseguite solo due autopsie, cinque dei morti non sono stati sottoposti ad autopsia e lo stato dell’autopsia di nove dei morti era ‘sconosciuto.

DTR ha aggiunto che “Tuttavia, ciò non ha impedito a coloro che conducono questi ‘studi’ di concludere, nonostante l’assenza di prove, che il vaccino Moderna non fosse correlato a questi decessi”.

Ad esempio, il gruppo ha fornito il caso di una donna di 56 anni che ha subito una “morte improvvisa” 182 giorni dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Moderna.

“La causa della morte era sconosciuta e non è stata condotta alcuna autopsia. Sembra che abbiano deciso di proposito di non indagare sulle morti sospette nel caso in cui il vaccino Moderna potesse essere la causa “.

Ci sono stati anche numerosi esempi nei dati della sperimentazione clinica di partecipanti con diagnosi di paralisi di Bell e fuoco di Sant’Antonio post-vaccinazione, con numerosi vaccinati partecipanti alla sperimentazione che hanno visto l’insorgenza di fuoco di Sant’Antonio meno di 10 giorni dopo aver ricevuto l’iniezione.

Gli studi hanno anche dimostrato che nei gruppi vaccinati sono stati osservati numerosi eventi avversi gravi, con un numero di partecipanti che ha subito attacchi di cuore, embolie polmonari e aborti spontanei.

Nel complesso, il gruppo conclude che le 15.000 pagine di dati creano “seri dubbi sulla sicurezza del vaccino Moderna e sugli standard e sull’approvazione della FDA del vaccino Moderna”.

Le circa 15.000 pagine di dati rilasciati da DTR, che possono essere trovate tutte qui , si aggiungono al crescente numero di prove che suggeriscono che i vaccini COVID-19 potrebbero non essere sicuri come pubblicizzato.

La FDA ha ordinato di accelerare il rilascio dei dati COVID-19

Un giudice federale del Texas ha ordinato alla FDA di rendere pubblici i dati su cui si basava per autorizzare i vaccini COVID-19 a un ritmo accelerato, richiedendo che tutti i documenti fossero resi pubblici entro la metà del 2025 anziché, come voleva la FDA, nel corso di circa 23,5 anni.

In una decisione del 9 maggio, salutata come una vittoria per la trasparenza dall’avvocato che rappresenta i querelanti (i genitori di un bambino colpito da evento avverso da vaccino COVID-19), in una causa contro la FDA, all’agenzia FDA è stato ordinato di produrre i dati sul vaccino di Moderna per gli adulti e quello di Pfizer per i bambini circa 10 volte più velocemente di quanto l’agenzia volesse .

“La democrazia muore a porte chiuse”, così il giudice distrettuale americano Mark Pittman ha aperto il suo ordine ( pdf ), che richiede alla FDA di produrre i dati sui vaccini COVID-19 di Moderna e Pfizer a un ritmo medio di almeno 180.000 pagine al mese.

La FDA aveva sostenuto che sarebbe stato “impraticabile” rilasciare i 4,8 milioni di pagine stimate a più di un numero compreso tra 1.000 e 16.000 pagine al mese, il che avrebbe richiesto almeno 23,5 anni.

L’ordinanza del gennaio 2022 ( pdf ), anch’essa emessa da Pittman, ha costretto la FDA a produrre tutti i suoi dati sul vaccino COVID-19 di Pfizer per le persone di età pari o superiore a 16 anni a una velocità di 55.000 pagine al mese, o molto più velocemente dei 75 anni che l’agenzia aveva richiesto.

“Quella produzione dovrebbe essere completata tra qualche mese in più”, ha detto Siri in una nota, riferendosi ai precedenti dati Pfizer per le persone dai 16 anni in su.

L’ultimo ordine richiede alla FDA di produrre tutti i suoi dati sul vaccino COVID-19 di Pfizer per i bambini dai 12 ai 15 anni (e sul prodotto di Moderna per gli adulti) entro il 31 giugno 2025.

I funzionari della FDA non hanno risposto a una richiesta di commento sulla sentenza.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/article/serious-doubt-raised-about-covid-19-vaccine-safety-after-forced-release-of-15000-pages-of-clinical-trial-data-5414614
Autore:

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?