Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020.

All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse ancora, e che le nostre élite avrebbero reagito all’ovvio flop dell’intero schema.

Davo per scontato che le persone fossero più intelligenti di quanto abbiano dimostrato di essere.

Le forze che misero in moto quei giorni cupi erano molto più profonde di quanto pensassi in quel momento.

Hanno comportato una complicità volontaria da parte della tecnologia, dei media, del settore farmaceutico e dello stato amministrativo a tutti i livelli della società.

I nuovi poteri della classe dirigente non furono abbandonati così facilmente, e le persone impiegarono molto più tempo di quanto avevo previsto per scrollarsi di dosso l’egemonia di classe.

Con questo, intendo dire che stanno emergendo nuove voci tra le persone che rilevano un «cambiamento di atmosfera» nella popolazione.

In questo senso, un articolo illuminante è « Vibe Shift » di Santiago Pliego

«Il Cambiamento di Vibrazione di cui sto parlando è il parlare di verità precedentemente indicibili, il notare fatti precedentemente repressi.»

Quelli che un tempo erano luoghi politicamente partigiani con certi pregiudizi prevedibili, ora sono più facilmente descritti come portavoce della classe dirigente, che ti istruiscono sempre esattamente su come pensare mentre demonizzano il disaccordo.

Del resto tutte queste sedi, oltre al caso evidente delle riviste scientifiche, stanno ancora difendendo il lockdown e tutto ciò che ne è seguito.

Piuttosto che esprimere rammarico per i loro cattivi modelli e i mezzi immorali di controllo, hanno continuato a insistere di aver fatto la cosa giusta, indipendentemente dalla carneficina a livello di civiltà ovunque evidente, ignorando il rapporto tra le politiche che hanno sostenuto e i terribili risultati .

Sostenendo questo punto di vista, hanno forgiato una visione della politica che è imbarazzantemente acquiescente nei confronti dei potenti.

Il liberalismo che un tempo metteva in discussione l’autorità e richiedeva la libertà di parola sembra estinto.

Questo liberalismo trasmogrizzato e catturato ora richiede il rispetto dell’autorità e richiede ulteriori restrizioni alla libertà di parola.

Ora chiunque faccia una richiesta fondamentale per la normale libertà – parlare o scegliere le proprie cure mediche o rifiutarsi di indossare una maschera – può tranquillamente aspettarsi di essere denunciato come «di destra» anche quando ciò non ha assolutamente senso.

Le istituzioni e gli individui che si limitano a basarsi su bugie assurde che tutti sanno essere bugie finiscono solo per screditare se stessi.

Questo è un buon riassunto di dove siamo oggi, con vaste fasce della cultura d’élite che si trovano ad affrontare una perdita di fiducia senza precedenti.

Le élite hanno scelto la menzogna invece della verità e l’insabbiamento invece della trasparenza.

I social media che hanno collaborato strettamente con il governo durante il lockdown stanno perdendo influenza culturale, mentre quelli senza censura come X di Elon Musk stanno guadagnando attenzione.

La Disney si sta riprendendo dalla sua faziosità, mentre gli stati stanno approvando nuove leggi contro le politiche e gli interventi dell’OMS.

Quando il CDC o l’OMS pubblicano un aggiornamento su X, quando consentono commenti, sono seguiti da migliaia di commenti di lettori di denuncia e di presa in giro, con raffiche di commenti del tipo «Non mi adeguerò».

Il DEI (Diversità, Equità e Inclusione) viene sistematicamente definanziato dalle grandi aziende mentre le istituzioni finanziarie si ribellano.

La cultura in generale, infatti, è arrivata a considerare il DEI come un sicuro indizio di incompetenza.

Per quanto riguarda la politica, sì, sembra che la reazione negativa stia dando potere ai movimenti populisti in tutto il mondo.

Li vediamo nella rivolta dei contadini in Europa, nelle proteste di piazza in Brasile contro un’elezione incerta, nel diffuso malcontento in Canada per le politiche governative e persino nelle tendenze migratorie dagli stati blu degli Stati Uniti verso quelli rossi.

Per centinaia di anni, i nostri migliori filosofi politici hanno sostenuto che nessun sistema può funzionare in modo sostenibile in cui un’enorme maggioranza è governata coercitivamente da una piccola élite con un interesse di classe a servire se stessa con le spese pubbliche.

Sappiamo, o pensiamo di sapere, come tutto ciò si svolge in una dittatura insignificante o in una società socialista del vecchio blocco sovietico.

In realtà un regime ne sostituisce un altro.

È difficile sapere come questo si traduca in una società fortemente modernizzata e vista come non totalitaria e addirittura esistente sotto lo stato di diritto, più o meno.

Ciò che sta accadendo in Brasile con la piena criminalizzazione della libertà di parola può facilmente accadere negli Stati Uniti o in qualunque altro paese al mondo.

Nei social media, se non fosse per l’acquisizione di Twitter da parte di Elon, è difficile sapere dove saremmo.

Ciò è emblematico di uno sconvolgimento molto più forte in atto, che suggerisce che il cambiamento è in arrivo.

Ma quanto tempo richiede un simile cambiamento di paradigma? « La struttura delle rivoluzioni scientifiche » di Thomas Kuhn è un resoconto corroborante di come un’ortodossia migra verso un’altra non attraverso il flusso e riflusso di prove ed evidenze, ma attraverso drammatici cambiamenti di paradigma.

L’ego e l’inerzia istituzionale perpetuano il problema finché i suoi esponenti più importanti non vanno in pensione e muoiono e una nuova élite li sostituisce con idee diverse.

In questo modello, possiamo aspettarci che un’innovazione fallita nella scienza, nella politica o nella tecnologia possa durare fino a 70 anni prima di essere definitivamente sostituita, che è più o meno la durata dell’esperimento sovietico.

Se il nostro futuro di libertà è pronto, abbiamo bisogno di quel futuro qui il più presto possibile, prima che sia troppo tardi per fare qualcosa al riguardo.

Scritto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questo argomento abbiamo parlato anche qui:
https://ita.li.it/2024/04/10/ue/

Altre notizie
Venezia in-difesa

Venezia in-difesa

Dal 25 aprile Venezia ha introdotto un ticket d'accesso, un argomento estremamente complesso. Questo ticket, che...

PIL pro capite in Europa

PIL pro capite in Europa

Visualizzazione del PIL pro capite europeo per paese L’Europa ospita alcune delle  economie più grandi  e sofisticate...

error: Content is protected !!
× How can I help you?