Intelligenza Artificiale: prigione di sorveglianza globale

Ogni centimetro del nostro pianeta viene osservato e le “soluzioni di intelligenza artificiale” incredibilmente sofisticate consentono a coloro che osservano il nostro pianeta di trovare ciò che desiderano in pochi minuti. 

Puoi provare a scappare e puoi provare a nasconderti, ma se vogliono davvero trovarti non sarà molto difficile. Intorno a noi si sta costruendo una prigione di sorveglianza globale. Anche se rimani completamente lontano da Internet ed eviti totalmente tutte le forme di tecnologia moderna, le telecamere e i satelliti ti guarderanno comunque all’infinito.  E una volta identificato il tuo volto, l’intelligenza artificiale può essere utilizzata per localizzarti ovunque appaia sull’intero pianeta.

Corey Jaskolski è l’amministratore delegato di una società di intelligenza artificiale nota come Synthetaic e il sistema sviluppato dalla sua azienda è estremamente impressionante.

Secondo  NPR , “puoi davvero trovare tutto quello che vuoi ovunque nel mondo”…

BRUMFIEL: L’intelligenza artificiale ha attirato l’attenzione per il suo potenziale di apportare enormi cambiamenti in molti campi diversi nel prossimo futuro, ma la rivoluzione dell’intelligenza artificiale nella sorveglianza sta avvenendo ora. Per decenni le telecamere hanno sorvegliato città, aziende e persino case. Ma quel filmato è stato archiviato principalmente localmente e per rivederlo ci sono voluti un paio di occhi umani. Non più. I sistemi di intelligenza artificiale ora possono cercare un furgone in una città, scansionare targhe e persino volti in tempo reale. Il sistema sviluppato da Synthetaic ha molti usi possibili. Un gruppo ambientalista, ad esempio, sta cercando di utilizzarlo per monitorare le grandi operazioni di allevamento di bestiame a livello globale per monitorare le emissioni di gas serra. Il sistema di Synthetaic può davvero trovare tutto ciò che desideri ovunque nel mondo.

JASKOLSKI: Ad esempio, abbiamo effettuato ricerche su tutta la costa orientale della Russia per cercare navi e siamo in grado di trovare ogni nave in pochi minuti. È davvero notevole.

BRUMFIEL: Essere in grado di scansionare la vasta costa di una nazione come la Russia è il motivo per cui questo tipo di tecnologia ha attirato l’attenzione delle grandi agenzie di intelligence governative. Guardare tutto ciò che deve essere guardato è sempre stato un compito ad alta intensità di manodopera. Anche nel famoso romanzo di George Orwell “1984”, la polizia del pensiero che tutto vede fatica a tenere il passo.

Nelle mani sbagliate, tale tecnologia potrebbe essere potenzialmente utilizzata per imporre la tirannia su una scala mai vista prima in tutta la storia umana.

Volevo saperne di più su Synthetaic, quindi sono andato sul loro sito ufficiale, e ho scoperto che hanno recentemente annunciato  “un accordo di partnership strategica quinquennale con Microsoft” …

Synthetaic, fornitore leader di soluzioni avanzate di intelligenza artificiale (AI), ha annunciato un accordo di partnership strategica quinquennale con Microsoft volto a rivoluzionare i dati AI e le soluzioni cloud. Nell’ambito di questo accordo, Microsoft fornisce accesso Synthetaic a quasi 1 milione di ore (circa 114 anni) di risorse di cloud computing. Questa collaborazione strategica sbloccherà una nuova era di possibilità nella visione artificiale e nell’analisi dei dati, con un’ampia gamma di vantaggi per le applicazioni di difesa e intelligence, commerciali e di agenzie non governative.

Questa partnership contribuirà ad accelerare in modo significativo l’innovazione con il prodotto chiave di Synthetaic, lo strumento RAIC (Rapid Automatic Image Categorization). RAIC, basato su Microsoft Azure, offre funzionalità di ricerca senza precedenti attraverso l’etichettatura automatizzata dei dati, consentendo l’esplorazione di enormi set di dati globali, senza la necessità di pre-addestramento o strutturazione. Il RAIC è stato determinante nel tracciare sospetti voli di mongolfiere cinesi attraverso 18 trilioni di pixel di immagini di osservazione della Terra senza un modello preaddestrato utilizzando uno schizzo approssimativo e dati senza etichetta.

La maggior parte delle persone non sa nemmeno che esiste questo tipo di tecnologia di sorveglianza.

E ora l’intelligenza artificiale ha reso possibile agli osservatori di  collegare perfettamente  tutto ciò che facciamo online a tutto ciò che facciamo offline…

Tuttavia, con l’avanzamento di Internet e la crescente dipendenza da esso per svolgere molte delle nostre attività quotidiane, i governi e altre società commerciali possono monitorare tutto ciò che facciamo online e collegarlo – in modi diversi – alla nostra reale identità, creando un profilo completo per ogni utente di Internet. Ad esempio, i nostri acquisti online, le query di ricerca che inviamo ai motori di ricerca, le connessioni sociali, le località geografiche che visitiamo e tutto ciò che facciamo online possono essere registrati e ricondotti alla nostra reale identità.

La sorveglianza dell’intelligenza artificiale consentirà alle parti interessate di sfruttare il potere dell’intelligenza artificiale per raccogliere e analizzare l’enorme volume di dati disponibili online e collegarli a ciascuna persona.

Tuttavia, vale la pena notare che la sorveglianza non si limita alle attività online delle persone; intendiamo ciò che le persone fanno su Internet. Ad esempio, le telecamere di sorveglianza basate sulla tecnologia AI possono riconoscere rapidamente i volti delle persone e seguirli in tutta la città.

Come ho detto, non c’è nessun posto dove scappare e non c’è nessun posto dove nascondersi.

Naturalmente la maggior parte di noi consegna loro comunque volentieri vaste quantità di informazioni personali su noi stessi.

E le grandi aziende tecnologiche sono sempre alla ricerca di nuovi modi  per estrarre ancora di più …

Facebook ha recentemente lanciato una nuova impostazione “Cronologia collegamenti” che crea un archivio speciale di tutti i collegamenti su cui fai clic nell’app mobile di Facebook. Puoi disattivare se sei proattivo, ma l’azienda sta spingendo la cronologia dei collegamenti sugli utenti e i dati vengono utilizzati per annunci mirati. Mentre i legislatori introducono normative tecnologiche e Apple e Google rafforzano le restrizioni sulla privacy, Meta si sta raddoppiando e cercando nuovi modi per preservare il suo impero di raccolta dati.

L’azienda propone la Cronologia dei collegamenti come uno strumento utile per i consumatori “con la tua attività di navigazione salvata in un unico posto”, piuttosto che un altro modo per tenere sotto controllo il tuo comportamento. Con la nuova impostazione “non perderai mai più un collegamento”, afferma Facebook in un pop-up che incoraggia gli utenti ad acconsentire al nuovo metodo di tracciamento. La società prosegue affermando che “Quando consenti la cronologia dei collegamenti, potremmo utilizzare le tue informazioni per migliorare i tuoi annunci attraverso le tecnologie Meta”. L’app mantiene l’interruttore attivato nel pop-up, indirizzando gli utenti ad accettare la cronologia dei collegamenti a meno che non si prendano il tempo di guardare attentamente.

Inutile dire che questo non accade solo su Internet.

Al giorno d’oggi, la maggior parte dei nuovi veicoli  raccoglie sistematicamente informazioni  su di te…

Se possiedi un veicolo elettrico o una “macchina digitale”, faresti meglio a stare attento a quello che dici perché potresti essere sotto sorveglianza totale, e questo vale anche per i tuoi passeggeri. Che cosa? Anche i tuoi dati verranno venduti? Sì. Più volte a più aziende. Tuttavia, esiste una semplice soluzione per opt-out: “Non comprarli mai, guidarli, sederci dentro o stare per strada quando passano”.

Quando vai ad acquistare un nuovo veicolo, fai molta attenzione a leggere le clausole scritte in piccolo.

Ad esempio, basta controllare cosa  accetta chiunque acquisti una nuova Subaru …

Ecco qualcosa di cui potresti non renderti conto. Nel momento in cui ti siedi sul sedile del passeggero di una Subaru che utilizza servizi connessi, hai acconsentito a consentire loro di utilizzare – e forse anche vendere – le tue informazioni personali. Secondo la loro politica sulla privacy, ciò significa cose come il tuo nome, la posizione, le “registrazioni audio degli occupanti del veicolo” e le inferenze che possono trarre su cose come le tue “caratteristiche, predisposizioni, comportamenti o atteggiamenti”. Chiamateci pazzi, ma non pensiamo che semplicemente sedersi sul sedile del passeggero della Subaru di qualcuno debba significare che si acconsente all’utilizzo delle proprie informazioni personali per, beh, praticamente qualsiasi cosa. Per non parlare di quelli potenzialmente venduti a broker di dati o condivisi con operatori di marketing di terze parti in modo che possano indirizzarti con annunci su chissà cosa in base alle inferenze che traggono su di te perché eri seduto sul sedile posteriore di una Subaru tra le montagne del Colorado. Chiameremo davvero Subaru per questo, perché lo espongono così chiaramente nella loro politica sulla privacy, ma sappi che Subaru non è l’unica casa automobilistica a fare questo genere di cose disgustose.

Oh.

Abbiamo raggiunto uno stadio in cui praticamente tutto ciò che facciamo viene monitorato e inserito in un database da qualche parte.

E ogni giorno che passa, la prigione di sorveglianza che si sta costruendo intorno a noi diventa ancora più invadente.

Allora dove andrà a finire tutto questo?

Potremmo volerci pensare, perché stiamo entrando in  uno dei periodi più caotici di tutta la storia umana .

C’è così tanto potenziale di abuso degli strumenti di sorveglianza dell’intelligenza artificiale e la tirannia è in aumento in tutto il mondo.

Fonte: https://www.zerohedge.com/technology/artificial-intelligence-allowing-them-construct-global-surveillance-prison-which-no
Scritto da Michael Snyder tramite il blog The End of The American Dream
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

error: Content is protected !!
× How can I help you?