Macron umiliato!

Macron, il presidente francese, umiliato dopo che la sua losca legge sull’immigrazione è stata bloccata

La situazione sembra andare contro le politiche di immigrazione alle frontiere aperte in Europa, con mezze misure e false soluzioni respinte apertamente, anche dai legislatori francesi.  

La Francia è ora in crisi politica e il presidente francese di estrema sinistra Emmanuel Macron è stato umiliato dopo che un accordo a lungo cercato sulla riforma dell’immigrazione è stato immediatamente abbattuto con una mossa a sorpresa dall’Assemblea nazionale senza nemmeno essere discusso.

Tradizionalmente, quando uno sforzo legislativo di questa portata fallisce in modo così assoluto, ci si aspetta che i membri del governo coinvolti nella sua stesura si dimettano. 

La sorprendente sconfitta del governo in parlamento ha spinto i politici dell’opposizione a chiederne lo scioglimento.

Jordan Bardella, il presidente del Rassemblement National di Marine Le Pen, ha detto martedì a BFMTV di essere “pronto a servire come primo ministro”.

Il disegno di legge sull’immigrazione è stato originariamente presentato da Macron come un modo per far deragliare l’ascesa espansiva dei movimenti di destra in Francia, che stanno guadagnando potere in tutta Europa con la promessa di fermare l’immigrazione di massa e le politiche di migrazione illegale messe in atto quasi dieci anni fa dai burocrati dell’UE.

I gruppi conservatori hanno guadagnato terreno negli ultimi anni poiché i crimini commessi dai migranti ricevono maggiore attenzione sulla scena nazionale e internazionale.

Mentre l’UE nega con veemenza che l’immigrazione di massa porti ad un aumento dei tassi di criminalità, in passato sono stati scoperti sforzi concertati per nascondere le statistiche.

Nello specifico, le autorità di diversi paesi hanno rimosso lo status di migrante dai rapporti di arresto o hanno reso facile per i criminali rifiutarsi di rivelare il proprio status di migrante al momento dell’arresto.

In alcuni casi, la criminalità tra gli immigrati è stata coperta dalla polizia e dai politici, comprese le bande organizzate di stupratori in nazioni come la Svezia.  

Le statistiche francesi non forniscono una ripartizione dei crimini in base alla razza o all’etnia, né rivelano il background di immigrazione.

Quindi, quando i funzionari dell’UE affermano che “non esiste alcun legame” tra i migranti e l’aumento della criminalità, questa è una bugia basata su un’omissione.

Spesso nascondono tali dati come mezzo per oscurare qualsiasi relazione.

Al contrario, i dati danesi includono tali informazioni e rivelano che i migranti di prima e di seconda generazione con cittadinanza danese in realtà hanno tassi di criminalità più elevati, compresi casi di omicidio e aggressione fisica, in base alla loro percentuale della popolazione.   

L’ufficio di polizia federale tedesco, il Bundeskriminalamt (BKA), ha recentemente rivelato che l’immigrazione di massa nel paese è un fattore significativo che contribuisce all’aumento della criminalità violenta.

Il numero di crimini che coinvolgono cittadini tedeschi, che includono cittadini con doppia cittadinanza che potrebbero essere nati altrove, è aumentato dell’8% nel 2023 rispetto ai sospetti non tedeschi che sono aumentati fino al 23%.

Inoltre, i casi che coinvolgono minori stranieri sono aumentati notevolmente del 37%.

Ironicamente, gli attivisti migranti sostengono che la pratica di oscurare lo status di migrante nei rapporti penali aiuta a nascondere la profilazione della polizia nei loro confronti; affermano di essere presi di mira e arrestati a un tasso molto più elevato rispetto agli europei bianchi.

In realtà, i migranti hanno semplicemente molte più probabilità di commettere crimini.

In una rara ammissione del Dipartimento ministeriale di statistica per la sicurezza interna (SSMSI), è stato riferito che 69% delle rapine violente e altri crimini violenti, tra cui violenze sessuali avvenute sui trasporti pubblici nella regione parigina dell’Île-de-France, sono state commesse da individui di nazionalità straniera.

È impossibile ottenere rapporti più completi come questo per l’intera Francia, ma ciò che accade a Parigi probabilmente riflette la maggior parte delle città della nazione.

I politici europei hanno cercato di illuminare l’opinione pubblica, dicendo loro che l’aumento della criminalità che vedono intorno a loro quotidianamente è nelle loro teste e che non esiste alcun problema migratorio.

Il gioco della truffa sta fallendo, con sempre più europei che si uniscono agli sforzi conservatori in risposta come unico movimento disposto a riconoscere il problema.  

Il disegno di legge sull’immigrazione di Macron avrebbe dovuto placare le preoccupazioni dei cittadini francesi, ma, proprio come i progetti di legge sull’immigrazione sponsorizzati dai democratici negli Stati Uniti, la legislazione finge di affrontare il problema delle frontiere aperte mentre in realtà rende più facile per gli stranieri entrare e operare illegalmente all’interno del paese.

Sia la sinistra che i conservatori rivendicano una “vittoria” sulla scia del fallimento della legge; la sinistra rivendica una vittoria perché il disegno di legge avrebbe reso più semplice la deportazione dei migranti che commettono crimini, cosa che secondo loro incoraggerebbe la “profilazione razziale”.

Inoltre, il disegno di legge avrebbe teoricamente aggiunto ostacoli al trasferimento dei familiari in Francia da parte dei migranti.

La sinistra ha applaudito il fallimento del disegno di legge, affermando che l’atto di discutere sull’immigrazione era di per sé una dimostrazione di razzismo.    

I conservatori rivendicano una vittoria perché il disegno di legge avrebbe reso più semplice per i migranti ottenere visti di lavoro, cosa che secondo loro non farebbe altro che incentivare una maggiore immigrazione clandestina.

E tutti i migranti che vengono espulsi dal paese attraverso la nuova legge potrebbero semplicemente rientrarvi entro pochi giorni.    

In definitiva, il disegno di legge non ha mai affrontato le questioni più importanti dei movimenti di migranti di massa o della sicurezza dei confini.

Inoltre, lo scopo principale della legislazione era quello di diluire la crescita dell’influenza conservatrice nella politica francese, quindi la sconfitta del disegno di legge è una vittoria molto più importante per la destra. L’establishment socialista francese è ora nel panico.  

Nel 2022, il partito francese di “estrema destra” Raggruppamento Nazionale ha ottenuto un successo storico nelle elezioni legislative, aumentando di quasi dieci volte il numero dei suoi parlamentari e consolidando l’ascesa del partito da status marginale a opposizione tradizionale.    

Fonte: https://www.zerohedge.com/geopolitical/french-president-macron-humiliated-after-shady-immigration-bill-stopped-cold
Scritto da: Foto di Tyler Durden TYLER DURDEN
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

 

Altre notizie
TikTok: come occupare le case

TikTok: come occupare le case

TikTok: migrante spiega ad altri illegali come "invadere" le case in America La distruzione marxista dei diritti di...

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: l’esito inatteso

Lockdown: il primo italiano è iniziato il 9 marzo 2020. All’epoca pensavo erroneamente che la società funzionasse...

error: Content is protected !!
× How can I help you?