Dall’estero: Il governo italiano vuole più forza nel mondo degli affari.

Una serie di crisi aziendali di lunga durata in Italia potrebbe offrire all’amministrazione di destra del primo ministro Giorgia Meloni un’opportunità per lasciare il segno nel mondo degli affari ed espandere l’influenza dello stato sull’economia.

Funzionari governativi affermano che Roma sta ora cercando un maggiore controllo su una serie di settori strategici, segnalando la disponibilità a impiegare miliardi di euro di denaro statale per sostenere le aziende in difficoltà in aree che vanno dalle telecomunicazioni, all’energia, all’aviazione. 

Mentre l’approccio si incastra con l’impegno della Meloni di proteggere la produzione nazionale e favorire le imprese nazionali, rischia anche di imporre un costo elevato a un paese che già soffre di un enorme carico di debito e di una crescita lenta.

Ecco le aziende da tenere d’occhio:

TelecomItalia

Roma sta lottando per trovare un modo per sostenere Telecom Italia SpA, piena di debiti , e ha definito la rete fissa multimiliardaria dell’ex monopolista telefonico un asset strategico. Il sottosegretario alle telecomunicazioni Alessio Butti afferma che il governo vuole “una rete nazionale controllata dallo stato”. Il progetto potrebbe includere un’eventuale fusione tra Telecom Italia e la più piccola rivale statale Open Fiber SpA , sebbene la valutazione della rete sia stata un punto critico, con i consulenti di Telecom Italia che la valutano a circa 20 miliardi di euro (21 miliardi di dollari) e il principale azionista Vivendi SE a circa 31 miliardi di euro, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione all’inizio di quest’anno.  Ciò ha costretto Roma a sospendere un’offerta da parte dell’istituto di credito statale Cassa Depositi e Prestiti SpA, il maggiore azionista del settore e il principale investitore in Open Fiber. KKR & Co. potrebbe anche fare un’offerta per la rete in collaborazione con il governo.

ITA Airways

Il governo Meloni sta cercando di mantenere un ruolo di supervisione presso ITA Airways , che sta vivendo una emorragia di liquidità e rischia di esaurire i fondi, come parte di un possibile accordo con Deutsche Lufthansa AGCiò segnerebbe un cambio di approccio rispetto alla volontà della precedente amministrazione di cedere il controllo del vettore. Un’opzione in esame è la ricerca di poteri speciali per influenzare o porre il veto alla governance o alla strategia di ITA – il successore dell’ammiraglia travagliata Alitalia – a seguito della vendita di una partecipazione a Lufthansa. 

Ilva

Le acciaierie Ilva sono state un grattacapo per una serie di governi da quando sono state poste in amministrazione controllata quasi un decennio fa. Ilva è ora gestita da una società di proprietà di maggioranza di ArcelorMittal , con un’azienda statale come azionista di minoranza.  Il governo Meloni non ha in programma una vera e propria nazionalizzazione dell’Ilva, ha detto la scorsa settimana il ministro dell’Industria Adolfo Urso, preferendo raccogliere nuovi fondi con l’aiuto di ArcelorMittal. L’Italia aveva precedentemente accettato di aumentare la propria partecipazione al 60% entro maggio 2024. L’Ilva, che quest’anno prevede di produrre circa 3 milioni di tonnellate di acciaio, solo circa la metà dell’obiettivo originario, impiega circa 10.000 persone. 

Raffineria ISAB Lukoil

Il governo ha aperto la strada all’amministrazione temporanea della raffineria ISAB, di proprietà della russa Lukoil PJSC , citando la sua importanza strategica per l’approvvigionamento di petrolio e gas. Il ministro delle Attività produttive Urso, però, nega che la raffineria sia destinata alla nazionalizzazione. La raffineria siciliana è uno dei più grandi complessi di lavorazione del petrolio in Europa, con una capacità combinata di oltre 300.000 barili al giorno, secondo i dati raccolti da Bloomberg. I colloqui per venderlo a investitori non russi sono in corso da mesi. I negoziati con la statunitense Crossbridge Energy Partners LLC potrebbero concludersi presto, secondo un rapporto Reuters, mentre un gruppo di investitori guidato dal qatarino Ghanim Bin Saad Al Saad potrebbe anche fare un’offerta, riporta il quotidiano la Repubblica. Il governo dice che fisserà le condizioni e potrebbe porre il veto a qualsiasi accordo perché la raffineria è ritenuta strategica. 

Monte dei Paschi 

Il ministro delle Finanze Giancarlo Giorgetti ha recentemente confermato ai legislatori che l’Italia è impegnata “a gestire l’uscita dello Stato” dalla banca Banca Monte dei Paschi di Siena SpA “in modo ordinato”. L’Italia ha ripetutamente salvato Paschi e lo stato ora possiede oltre il 64% del creditore. Fallito il tentativo dell’ultimo governo del Paese di vendere Paschi a UniCredit SpA. Il mese scorso lo stato ha iniettato circa 1,6 miliardi di euro di nuovi fondi nel creditore in difficoltà, parte di una vendita di azioni da 2,5 miliardi di euro necessaria per ricostituire le riserve di capitale e finanziare oltre 4.000 tagli di posti di lavoro.

Ansaldo Energia

Il governo ha definito il produttore di turbine per impianti energetici Ansaldo Energia SpA un “asset tecnologico estremamente importante”, segnalando il sostegno a un pacchetto di salvataggio guidato da Cassa Depositi dopo che la società ha avuto problemi a causa della recente recessione del mercato del gas. I lavoratori dell’azienda hanno fatto notizia all’inizio di questo autunno chiudendo il traffico a Genova, dove ha sede l’azienda, mentre la direzione lavorava a un piano di turnaround, il secondo in due anni. In base a tale proposta , ora all’esame dei creditori, Cassa Depositi dovrà cancellare prestiti per oltre 200 milioni di euro e iniettare 300 milioni di euro nell’impresa, mentre il debito bancario sarà ristrutturato. Cassa Depositi ha già guidato una ricapitalizzazione da 400 milioni di euro nel 2020.

Fonte: https://www.bloomberg.com/news/articles/2022-12-13/italy-wants-more-say-in-the-business-world-what-to-watch-next

Altre notizie
error: Content is protected !!
× How can I help you?